Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 11 maggio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

16. Progressi compiuti dalla Turchia per soddisfare i requisiti della tabella di marcia per la liberalizzazione dei visti (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, liberalizzare i visti per i cittadini turchi rappresenterebbe un grave errore, secondo me, che consoliderebbe questo stato di difficoltà e soprattutto di debolezza dell'Unione europea verso la Turchia. È fuori discussione che un rapporto positivo con la Turchia sarebbe per noi molto importante, sia nelle prospettive future sia nella gestione dell'emergenza e dell'oggi.

Il problema però è che siamo davanti ad un paese che non soltanto si sottrae alle verifiche che l'Unione gli chiede, ma che nel frattempo peggiora oggettivamente le condizioni in essere. La Turchia si è distinta negli ultimi mesi per una recrudescenza nei confronti dei curdi, per la messa in discussione degli accordi e del rispetto delle relazioni con Cipro; mette in discussione i diritti fondamentali delle persone che vivono lì, toglie la libertà di stampa, le libertà individuali si sono ridotte al lumicino.

È possibile ignorare tutto ciò e procedere per segmenti separati, come se nulla fosse? Io penso che questo rappresenterebbe un grave errore, anche e nello specifico nel caso della liberalizzazione dei visti.

 
Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2016Avviso legale