Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/2354(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0171/2016

Testi presentati :

A8-0171/2016

Discussioni :

PV 26/05/2016 - 4
CRE 26/05/2016 - 4

Votazioni :

PV 26/05/2016 - 6.10

Testi approvati :

P8_TA(2016)0237

Discussioni
Giovedì 26 maggio 2016 - Bruxelles Edizione rivista

4. Strategia per il mercato unico (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la relazione della quale stiamo discutendo è molto importante, la strategia del mercato unico è davvero un riferimento necessario per milioni di cittadini europei.

La relatrice e gli shadow hanno lavorato con competenza e con passione intorno a questo tema e ci hanno consegnato quello che a me pare un importante arricchimento della proposta iniziale della Commissione, che non aveva l'ambizione sufficiente.

Vorrei sottolineare il fatto che ha un ruolo decisivo, come già è stato detto peraltro, il contenuto sociale del mercato interno. I cittadini europei devono riconoscersi in queste strategie, devono considerarle come efficaci, perché migliorano la loro condizione di vita, la loro condizione di cittadini quando lavorano oppure semplicemente quando vivono nella loro comunità.

Allora dobbiamo sottolineare e poi rendere praticabili l'avanzamento dei loro diritti e delle loro condizioni materiali. Per questo motivo è molto importante, ad esempio, riconoscere che, a parità di lavoro, la paga sia la stessa. È un diritto fondamentale, è il riconoscimento di una condizione di uniformità, che non capisco per quale ragione debba essere messo in discussione.

Poi quei cittadini vanno garantiti come consumatori. I loro diritti fondamentali sono quelli della consapevolezza attraverso la conoscenza. Il made in a questo serve, a garantire alle imprese una concorrenza leale, non fatta di attività frammiste tra di loro, realizzate in luoghi lontani e spacciate per attività invece del territorio vicino, e a chi compra e a chi consuma è molto importante far sapere che cosa comprano e cosa consumano.

Infine, credo che proprio nel vantaggio dell'impresa e, contemporaneamente, di chi lavora, sia molto importante che in un'economia ci siano procedure decisive per la lealtà nei comportamenti fiscali, come quelle che vengono sollecitate. La trasparenza ha un valore in sé ed ha una ricaduta di grande efficacia sulle condizioni economiche generali.

 
Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2016Avviso legale