Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2013/0119(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0156/2016

Testi presentati :

A8-0156/2016

Discussioni :

PV 08/06/2016 - 19
CRE 08/06/2016 - 19

Votazioni :

PV 09/06/2016 - 4.4

Testi approvati :

P8_TA(2016)0277

Discussioni
Mercoledì 8 giugno 2016 - Strasburgo Edizione rivista

19. Promuovere la libera circolazione semplificando i requisiti per la presentazione di alcuni documenti pubblici (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario, il lavoro svolto dalla collega Delvaux e dai suoi collaboratori, gli shadow che hanno operato con lei, è un ottimo lavoro. Il regolamento è un passo avanti, sia pure modesto, nella direzione giusta. Il fondamento dell'Unione europea e della sua coesione è la libera circolazione. Senza questa l'Unione europea non avrebbe le possibilità che oggettivamente ha ancora davanti a sé. Dunque era importante semplificare, dare la possibilità ai singoli cittadini di muoversi senza gli ostacoli che incontrano oggi.

Ci sono due cose però che devono essere fatte altrettanto rapidamente. Una è quella che già lei richiamava: è molto importante che gli Stati membri lavorino per dare conoscenza di questo provvedimento. Non c'è niente di peggio che fare una cosa giusta e poi non saperla presentare e non farla conoscere, perché a quel punto perde valore, mentre invece noi abbiamo bisogno che questo regolamento venga attuato applicato rapidamente.

Il secondo tema è quello che è stato ricordato già da qualche mio collega, da ultimo l'onorevole Zwiefka. Ci sono ulteriori elementi che devono essere aggiunti al regolamento, informazioni che oggi non ci sono, ma che sono molto delicate perché danno un'idea forte della cittadinanza, da quelle che riguardano le imprese, e che hanno un valore sul piano economico, a quelle che riguardano i singoli, penso ai diplomi, ai certificati di formazione, ai certificati di disabilità, cioè tutto ciò che rende la vita quotidiana come vita che vale la pena di essere vissuta. I regolamenti e le leggi a questo servono.

 
Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2016Avviso legale