Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 8 giugno 2016 - Strasburgo Edizione rivista

21. Migliorare la condivisione dei dati e l'uso di sistemi di informazione e banche dati nella lotta ai reati gravi di natura transnazionale e al terrorismo (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, come lei ci ha ricordato, l'uso di un sistema di informazioni e di banche dati comune è fondamentale per contrastare il crimine, tutto il crimine però. Si parla molto, come lei ha sentito, di terrorismo, ed è comprensibile. Però non vorrei che questo portasse a un accantonamento, a un ridimensionamento del fenomeno diffusissimo di reati gravi che riguardano la dimensione economica. Allora, bisogna uniformare i dati per renderli confrontabili, bisogna coordinare tutto ciò che si mette a disposizione. Ogni e qualsiasi informazione deve essere misurata e deve essere costruita in un sistema che permette appunto di verificare le condizioni diverse, Stato per Stato. Ci vuole riservatezza, ma vorrei aggiungere che ci vuole anche tempestività. Il tempo è una variabile importantissima: un'azione tempestiva è efficace per più ragioni, compresa quella che ha un effetto di deterrenza nei confronti dei criminali. Ecco perché dobbiamo fare in fretta.

 
Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2016Avviso legale