Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

O-000079/2016 (B8-0705/2016)

Discussioni :

PV 08/06/2016 - 26
CRE 08/06/2016 - 26

Votazioni :

PV 09/06/2016 - 4.6

Testi approvati :


Discussioni
Mercoledì 8 giugno 2016 - Strasburgo Edizione rivista

26. Un regolamento per un'amministrazione dell'Unione europea aperta, efficace e indipendente (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, come ha sentito ripetere dai miei colleghi – ed è molto importante che questa considerazione venga da famiglie politiche tra di loro diverse e addirittura molto distanti – le nostre intenzioni sono intenzioni positive. In attesa di avere una proposta formale da parte della Commissione, abbiamo cercato di lavorare intorno a questo regolamento non per sostituire la legislatura vigente, ma per integrarla, per riempire gli spazi vuoti, per dare soprattutto maggior certezza chi poi utilizza questi strumenti. La certezza è molto importante per dare credibilità alle istituzioni.

Ci sono due cose sulle quali bisogna concentrare i nostri sforzi, e non casualmente sono state ricordate qui più volte. In primo luogo, la certezza in diritto è fondamentale: avere delle regole facili da interpretare ed efficaci nella fase della loro attuazione. Dall'altra parte c'è la trasparenza. Tutto quello che noi facciamo è, inevitabilmente ma vorrei dire giustamente, osservato dei cittadini europei, in qualche circostanza addirittura con molta diffidenza. Soprattutto le persone che sono in maggior difficoltà guardano alle istituzioni con lo spirito di chi ha bisogno dell'intervento delle istituzioni e con il dubbio di chi ritiene che una parte delle difficoltà della loro vita derivino dall'incertezza oppure dall'incapacità delle istituzioni.

Allora questo lavoro è un lavoro di grandissima utilità, che vorremmo fare insieme. Noi possiamo, nello stato attuale, integrare le norme che sono a disposizione. Voi dovete però rapidamente aiutarci a dare compiutezza al lavoro che stiamo facendo. Se riusciremo ad avere, da un lato, la certezza del diritto garantita e, dall'altra parte, la trasparenza dei comportamenti delle istituzioni, sconfiggeremo tutti coloro che pensano che l'Europa sia un luogo istituzionale e sostanzialmente inutile.

 
Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2017Avviso legale