Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/2326(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0262/2016

Testi presentati :

A8-0262/2016

Discussioni :

OJ 06/10/2016 - 40
CRE 06/10/2016 - 2

Votazioni :

PV 06/10/2016 - 5.8

Testi approvati :

P8_TA(2016)0385

Discussioni
Giovedì 6 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

2. Relazione annuale 2014 sul controllo dell'applicazione del diritto dell'Unione europea (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario, la relazione evidenza l'esistenza di due problemi seri che dovrebbero essere, a mio parere, risolti rapidamente.

Il primo è relativo agli indicatori. La relazione si basa su indicatori puramente quantitativi, mentre a noi servono anche elementi di valutazione qualitativi per comprendere quali sono le ragioni e le caratteristiche della non applicazione in alcuni Stati delle norme europee. Abbiamo bisogno di esprimere un giudizio politico che si può dare soltanto se si hanno tutti gli elementi di valutazione che oggi purtroppo mancano. L'integrazione europea non la possiamo misurare solo con parametri asettici come sono quelli quantitativi.

La seconda questione è relativa alla trasparenza. Il Parlamento, come lei sa, ha un accesso difficile sia alla conoscenza del sistema pilota sia a quella relativa sui casi pendenti. Noi non siamo in grado di valutare se la riduzione del numero di procedure formali rispecchi realmente la maggiore attuazione del diritto dell'Unione europea, oppure se non sia il compromesso tra la Commissione e gli Stati membri. Allora, avere anche qui elementi di trasparenza renderebbe il suo lavoro, ma soprattutto il nostro intervento, molto più efficace e preciso.

 
Ultimo aggiornamento: 30 gennaio 2017Avviso legale