Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/2274(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0286/2016

Testi presentati :

A8-0286/2016

Discussioni :

PV 24/10/2016 - 15
CRE 24/10/2016 - 15

Votazioni :

PV 25/10/2016 - 7.2
CRE 25/10/2016 - 7.2

Testi approvati :

P8_TA(2016)0402

Discussioni
Lunedì 24 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

15. Strategia dell'UE nei confronti dell'Iran dopo l'accordo nucleare (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, come è stato ricordato da molti colleghi, l'accordo firmato nel luglio del 2015 rappresenta un'opportunità unica per provare ad inserire l'Iran in un contesto internazionale. Non possiamo perdere questa occasione, perché senza l'Iran non ci sarebbe la possibilità concreta di creare una struttura di sicurezza in quella parte del mondo. Non sarà facile. I temi da affrontare sono quelli che sono stati ricordati, alcuni dei quali sono già stati positivamente risolti almeno nel primo impatto, e altri, invece, dovranno essere nuovamente ripercorsi per arrivare a delle soluzioni definitive.

Personalmente credo che per quanto concerne il tema dei diritti umani, questo sia oggettivamente la priorità del nostro lavoro futuro. Ciò che riguarda la pena capitale, la condizione dei minori e delle donne, la libertà di espressione e di religione, sono la chiave di volta di un assetto futuro che sia non soltanto condivisibile, ma che abbia i tratti e le caratteristiche di una civiltà che aiuta a garantire la sicurezza non soltanto a casa sua, ma per l'intero mondo. Dunque, su questo bisognerà lavorare. Bisogna però apprezzare i passi in avanti che anche su questi aspetti delicati sono stati fatti. La relazione ha per questo un tratto positivo che va riconosciuto e dovrà essere approvata con convinzione.

Vorrei aggiungere, da ultimo, che bisognerà poi che ci concentiamo nel futuro sul rapporto tra i parlamenti degli Stati europei e quello iraniano: non basta soltanto la relazione che si è già creata, bisogna consolidare anche altre ipotetiche relazioni che saranno utili per il nostro futuro.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2017Avviso legale