Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 22 novembre 2016 - Strasburgo Edizione provvisoria

11. La situazione in Cisgiordania, inclusi gli insediamenti (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, signora Alto rappresentante, io condivido con Lei l'idea che soltanto l'Unione europea abbia in sé la forza politica e la credibilità per dare compiutezza all'idea di un'unità internazionale che porti al riconoscimento dei due Stati e, dunque, alla pace in quei territori.

Al di là di quella che sarà la politica estera del nuovo Presidente degli Stati Uniti, però, perché questo processo si avvii e perché il vostro lavoro abbia un ritorno positivo, credo sia indispensabile, nel brevissimo periodo, realizzare degli obiettivi: il primo è quello di fermare l'espansione delle demolizioni e delle colonie che sono state fatte. Il secondo è quello di chiedere un risarcimento, soprattutto dove sono coinvolti i progetti dell'Unione europea, utilizzando tutti gli strumenti che sono a disposizione dell'Unione europea stessa.

Senza un risultato concreto ravvicinato nel tempo, anche il tentativo nobilissimo di creare questa unità internazionale rischia di essere una buona intenzione che si infrange contro il muro eretto, questa volta politicamente, da parte di Israele.

 
Ultimo aggiornamento: 13 dicembre 2016Avviso legale