Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2016/2248(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

A8-0016/2017

Discussioni :

PV 14/02/2017 - 18
CRE 14/02/2017 - 17

Votazioni :

PV 15/02/2017 - 7.13

Testi approvati :

P8_TA(2017)0040

Discussioni
Martedì 14 febbraio 2017 - Strasburgo Edizione provvisoria

17. Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: aspetti occupazionali e sociali nell'analisi annuale della crescita 2017 - Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: analisi annuale della crescita 2017 - Governance del mercato unico nell'ambito del Semestre europeo 2017 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, come ha sentito, le relazioni che sono state presentate relative al Semestre mettono in evidenza problemi che hanno tra di loro dimensione e carattere diversi, ma che hanno bisogno anche di essere messi in una giusta e logica sequenza data dalle loro dimensioni.

Il primo riguarda la crescita complessiva che è largamente insufficiente. Per farla crescere bisogna avere a disposizione un piano di investimenti pubblici e privati che ancora non c'è. Il piano Juncker ha mostrato tutti i suoi limiti e la sua inefficacia. Dentro questa crescita poi ci sono zone grigie, ma anche uniformità, ci sono territori nei quali bisogna puntare ad interventi mirati, a cominciare da quelli infrastrutturali per dare a quei territori la capacità di attrarre investimenti e capitali.

Poi c'è l'occupazione, l'occupazione difforme, anch’essa largamente insufficiente, con un problema evidente che riguarda da un lato le donne e dall'altro i giovani. Il programma Garanzia per i giovani non funziona, non è uno strumento per far crescere l'occupazione giovanile, è semplicemente una forma di protezione di chi non ha un lavoro e, attraverso la formazione, viene almeno protetto dai disagi che incontra.

Da ultimo vorrei dire che la governance del mercato interno ha mostrato nel corso di questi ultimi mesi tutte le sue crepe. Abbiamo bisogno di una migliore applicazione della normativa dell'Unione europea per far sì che i territori rappresentino davvero nel loro insieme un mercato unico e che come tale siano in grado di dare una prospettiva alle persone che vivono in quelle terre.

 
Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2017Avviso legale