Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2014/0121(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0158/2015

Testi presentati :

A8-0158/2015

Discussioni :

PV 07/07/2015 - 10
CRE 07/07/2015 - 10
PV 13/03/2017 - 12
CRE 13/03/2017 - 12

Votazioni :

PV 08/07/2015 - 4.6
CRE 08/07/2015 - 4.6
PV 14/03/2017 - 6.3

Testi approvati :

P8_TA(2015)0257
P8_TA(2017)0067

Discussioni
Lunedì 13 marzo 2017 - Strasburgo Edizione provvisoria

12. Impegno a lungo termine degli azionisti e relazione sul governo societario (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati, relatore . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio i colleghi e la signora Commissaria per le osservazioni formulate e per questa larghissima condivisione della proposta che abbiamo costruito insieme. I tempi sono stati lunghi ma questo perché il merito era complesso: abbiamo dovuto discutere con la Presidenza lussemburghese, poi quella olandese, poi quella slovacca per arrivare a concludere con quella maltese. Questo la dice lunga quanto fosse complesso l'insieme dei temi che abbiamo dovuto dipanare.

Vorrei sottolineare soltanto alcune cose rapidamente. Io penso che il sistema politico e istituzionale non debba lavorare per porre vincoli restrittivi alle imprese. Qualche volta servono ma il nostro comportamento prevalente deve essere quello di dare stimoli e incentivi e credo che nel testo che domani approveremo, così spero, tutto ciò è molto chiaro, così come credo che i manager devono essere aiutati ad assumere nelle loro aziende comportamenti positivi, non a dedicarsi alla speculazione finanziaria, come tante volte è capitato, a discapito del capitale investito e delle persone che in quelle imprese lavorano.

Ancora, vorrei tranquillizzare il collega che teme che la politica possa decidere anche sulla retribuzione degli attori e dei cantanti. Non è così, men che meno in questo testo: la politica non decide; saranno gli azionisti a decidere, cosa che purtroppo non sempre capita, con grave danno per l'insieme della struttura che genera ricchezza, per forme e per canali che non sono quelli migliori e auspicabili. Dunque, la funzione della politica è una funzione precisa ma ha anch'essa un carattere positivo se le conclusioni sono quelle che stanno nel testo scritto.

L'ultimo punto riguarda la rendicontazione paese per paese: io penso che sia giusto non avere la soluzione sulla rendicontazione in questo testo e che la sua collocazione nel testo della nuova direttiva sia la cosa migliore. Però, diciamo con tutta franchezza, quando abbiamo cominciato la discussione, quel testo della Commissione non c'era e se non avessimo discusso tra di noi, anche animatamente, non sarebbe nata la nuova proposta della Commissione.

Abbiamo ottenuto un risultato grazie anche al senso di equilibrio, che non ha comportato rotture ma un po' di coraggio e un po' di determinazione, che non sono mancati nel rapporto tra tutti i relatori, a cominciare dai relatori ombra.

 
Ultimo aggiornamento: 27 marzo 2017Avviso legale