Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 14 giugno 2017 - Strasburgo Edizione rivista

15. La rifondazione di un'Europa basata su valori, ancorata a istituzioni democratiche efficaci e che promuove un'economia prospera in una società equa e coesa (discussione di attualità)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io sono convinta che per pensare al futuro dell'Europa bisogna avere ben chiaro quali sono le fondamenta della nostra costruzione. Tanto più vacilla questa costruzione, tanto più devono essere solidi i riferimenti alle nostre radici, che sono i valori di democrazia, di pace e di giustizia. Non si pensi che sono valori archiviati o inutili, perché la democrazia in Europa è tanto più necessaria quando abbiamo derive autoritarie in alcuni Stati membri. La pace è necessaria quando vediamo il conflitto all'esterno dell'Unione, con punte anche di conflittualità all'interno. E la giustizia sociale è tanto più necessaria quando vediamo che, in questi ultimi anni soprattutto, sono aumentate le diseguaglianze e le difficoltà di molte parti della popolazione.

Allora sono fondamenta che, se hanno garantito un successo di integrazione, devono essere rafforzate di fronte a una situazione di crisi come quella che abbiamo. Nel Libro bianco Juncker ci mette davanti ad alcune ipotesi, ma io penso che noi non possiamo scegliere quale Europa, magari in uno Stato membro un tipo di Europa e in un altro un'altra Europa. Non abbiamo cinque alternative, ne abbiamo due: o vincere insieme o perdere separati.

 
Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2017Avviso legale