Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 3 luglio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

2. Commemorazione
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, pochissimi minuti per dire a quest'Aula, che molte volte si è dimostrata solidale e attenta alle difficoltà che alcuni Stati membri stanno vivendo sul tema dell'immigrazione, qual è la situazione che noi stiamo vivendo. Nella scorsa settimana, in due giorni sono arrivate in Italia 12 000 persone. Nei giorni successivi, in un solo giorno, 5 000 persone ancora. È questo il ritmo d'arrivo.

Ora, noi abbiamo scelto la strada dell'accoglienza, ma siamo a un punto di grande difficoltà. Chiediamo perciò a tutti i colleghi, ai loro paesi e ai loro governi e al Consiglio che davvero si esprima la voce dell'Europa, in termini di solidarietà e di unità, per un paese come il mio che continua nella via della solidarietà, dell'accoglienza, della salvezza delle vite umane, ma si trova in una situazione di grande disagio e difficoltà.

Penso che questa sia una voce, come quella della Grecia, che non può rimanere inascoltata, in un Parlamento come questo che rappresenta davvero la volontà dei popoli in nome di quella solidarietà che ci fa essere europei. Abbiamo parlato di Simon Veil, di quei valori, di quel progetto. Questa è una delle situazioni in cui quel progetto è messo alla prova: resisterà o sarà invece schiacciato?

 
Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2017Avviso legale