Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2017/2013(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0357/2017

Testi presentati :

A8-0357/2017

Discussioni :

PV 12/12/2017 - 2
CRE 12/12/2017 - 2

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Martedì 12 dicembre 2017 - Strasburgo Edizione rivista

2. Relazione sull'inchiesta sul riciclaggio di denaro, l'elusione fiscale e l'evasione fiscale (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, come Lei sa bene, i temi della politica fiscale sono diventati centrali nella discussione del Parlamento e delle istituzioni europee, soprattutto per gli scandali, purtroppo – prima "LuxLeaks" e adesso "Panama Papers" – per questa ragione abbiamo bisogno di azioni ambiziose ed efficaci per contrastare il fenomeno dell'evasione come quello dell'elusione.

Allora bisogna introdurre meccanismi che proteggano in maniera efficace gli informatori che ci hanno permesso di conoscere lo stato delle cose, bisogna proibire la creazione di società di facciata, bisogna introdurre criteri più stretti e sanzioni efficaci nella definizione delle liste europee, e bisogna definire una quota di tassazione minima nell'Unione europea per tutte le imprese.

Credo però che le cose più importanti siano, da un lato, indicare esplicitamente quali sono i paesi europei da mettere nella black list , quelli cioè che praticano e favoriscono processi di evasione e di elusione delle imprese lì residenti. Ma ancor di più, bisogna superare le conseguenze negative della regola dell'unanimità attraverso l'utilizzo dell'articolo 116: non è possibile lasciare ad un paese il diritto di veto sulle politiche fiscali.

 
Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2018Avviso legale