Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 1 marzo 2018 - Bruxelles Edizione rivista

6. Ripresa della seduta
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, sappiamo e apprezziamo quello che Lei ha fatto ieri e farà per questa situazione molto incresciosa sulla quale, come Lei sa, gli sforzi del governo italiano convergono nella stessa direzione: chiedere alle imprese multinazionali che abbiano un senso di responsabilità sociale. Quando vanno in un paese investono, lavorano, e non possono chiudere per motivi puramente finanziari, perché ne va della loro reputation e quindi diventa anche un danno per loro.

Le chiedo solo che nel corso di questa valutazione, che farà anche la commissione per il controllo dei bilanci con tutti gli strumenti che avremo, noi si valuti anche se i fondi regionali, i fondi europei che vanno alle regioni meno sviluppate per crescere, vengono invece utilizzati per fare questo da dumping del lavoro, sociale e fiscale. Penso che, accanto a tutte le azioni che faremo per quest'impresa, per i lavoratori che abbiamo ricevuto tutti insieme, ci sia anche questo aspetto dell'utilizzo dei fondi europei.

 
Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2018Avviso legale