Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 12 giugno 2018 - Strasburgo Edizione rivista

2. Preparazione del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno 2018 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, dico al Consiglio, con modo molto accorato: se non siete completamente incoscienti – e lo dico anche alla Commissione – voi avete il dovere, al vertice di giugno, di dare qualche risposta concreta per quanto riguarda almeno l'immigrazione, prendete una decisione.

Volete dare risposte – e il Parlamento in questo senso ha posto un punto fermo con la riforma del vertice di Dublino – o volete aspettare che tutti i governi populisti come in Italia reggano i loro conti, facciano campagna elettorale permanente, senza badare a un minimo di civiltà, a un minimo di valori, e prendendo in ostaggio la vita delle persone nel Mediterraneo, come stanno facendo, o portando persone a 1 400 chilometri di distanza? Guardate la cartina geografica: dove dista la località della nave al porto di Valencia?

È possibile questo? E di chi è anche la responsabilità? Loro, di quelli che fanno questa finta politica, queste vittorie di Pirro, ma è anche vostra. Se continuerete a non guardare la realtà, se non avete dato risposta agli appelli che abbiamo fatto, alle azioni parlamentari, alle azioni politiche che il precedente governo e noi parlamentari italiani abbiamo fatto, voi soccomberete sotto questa durezza, sotto chi usa gli esseri umani come pressione, vorrei dire come pallottole umane, con una pistola puntata contro l'Europa, quell'Europa in cui crediamo.

Noi non soccomberemo a questa deriva culturale e sociale. Però bisogna che questa Europa si metta in moto e che il Consiglio faccia la sua parte adesso, a giugno, e nella giusta direzione.

 
Ultimo aggiornamento: 8 settembre 2018Avviso legale