Attualità
 

Ucraina: un futuro europeo?

Ucraina

Elezioni 2014 - Delegazioni / Relazioni esterne - 16-03-2016 - 15:42 / Aggiornato il: 06-04-2017 - 14:19
Condividi

TIMELINE: il sostegno del Parlamento all'Ucraina - compreso il libero movimento

European Union and Ukraine flag ©AP Images/European Union-EP

Negli ultimi tre anni, il Parlamento Europeo ha sempre dimostrato solidarietà nei confronti dell'Ucraina sostenendo le varie richieste per modifiche ed intensificazione dei rapporti con l'Europa, condannando il coinvolgimento militare della Russia, l’annessione illegale della Crimea, promuovendone le riforme politiche ed economiche e sostenendo la creazione di un regime senza visti per i cittadini ucraini che viaggiano verso l’UE. Scopri di più nella nostra timeline. (Seguito...)

Pat Cox: "C'è ancora una profonda volontà di cambiamento in Ucraina"

Intervista con Pat Cox.

L'Ucraina ha ancora bisogno dell'UE, ma l'urgenza e l'importanza di altri eventi hanno spostato l'attenzione del pubblico. Così si è espresso l'ex presidente del Parlamento europeo Pat Cox. La "Settimana Ucraina" fa seguito alla firma di un memorandum d'intesa tra il PE e il parlamento dell'Ucraina lo scorso luglio. Una delegazione di 40 di parlamentari ucraini era presente alla presentazione di apertura di Cox sul rafforzamento delle relazioni. (Seguito...)

Il Parlamento europeo approva un finanziamento di 1,8 miliardi di euro in favore dell'Ucraina

L'Ucraina sta vivendo una crisi economica acuta, aggravata dal conflitto armato nella parte orientale © BELGAIMAGE/AFP/DIMITAR DILKOFF

Il prestito UE di 1,8 miliardi di euro all'Ucraina per aiutare il paese a colmare il buco nella bilancia dei pagamenti è stato approvato mercoledì dal Parlamento. L'UE prenderà in prestito il denaro dall'esterno e lo presterà all'Ucraina con lo stesso tasso d’interesse. L'erogazione sarà legata all'impegno dell'Ucraina ad attuare riforme strutturali che affrontino i problemi che hanno contribuito all'attuale crisi. (Seguito...)

Il Parlamento europeo ratifica l'accordo di associazione UE-Ucraina

Subito dopo la votazione, il Presidente Martin Schulz ha ratificato l'accordo di associazione UE-Ucraina in nome del PE a Strasburgo © European Union 2014 - European Parliament

Il Parlamento europeo martedì a Strasburgo ha dato il suo consenso all'accordo di associazione UE-Ucraina, che include una zona di libero scambio globale e approfondita (DCFTA). Tale accordo è stato inoltre ratificato in contemporanea dal Parlamento ucraino a Kiev. L'accordo sancirà un'associazione politica profonda e l'integrazione economica tra l'UE e l'Ucraina e fornirà l'accesso libero e reciproco al mercato. (Seguito...)

Schulz a Kiev: "Quello che succede in Ucraina riguarda tutti gli europei"

"L'UE deve sostenere l'Ucraina sul lungo periodo" ha dichiarato il presidente del PE Martin Schulz.

"Non possiamo stare a guardare mentre vengono violati i principi fondamentali della comunità internazionale", ha detto il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, durante una visita venerdì a Kiev. "Abbiamo concordato le regole che i membri devono seguire quando trattano tra loro. Queste regole valgono per tutti". Durante la sua visita di due giorni, Schulz ha incontrato il primo ministro Arseniy Yatsenyuk Petrovych e il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko. (Seguito...)

I deputati tagliano i dazi doganali per le importazioni dall’Ucraina

I deputati hanno deciso di tagliare i dazi doganali UE sulle importazioni dall'Ucraina per rilanciare l'economia in difficoltà del paese - ©BELGAIMAGE/AFP/S.SUPINSKY

Circa il 98% dei dazi doganali esistenti sulle importazioni dall’Ucraina di ferro, acciaio, prodotti e macchinari agricoli saranno rimossi grazie a una proposta approvata dal Parlamento giovedì. Questa misura unilaterale dovrebbe aiutare l’economia, oggi in difficoltà, dell'Ucraina facendo risparmiare ai suoi esportatori €487 milioni l'anno. (Seguito...)

Ucraina: è necessario sostenere la democrazia

Da sinistra a destra, dall'alto in basso: Commissario Štefan Füle, Salafranca, Swoboda, Verhofstadt,Harms, Czarnecki, Scholz,Kurski e Severin. ©European Union 2014 - EP

Oltre ottanta morti dopo i drammatici eventi accaduti in Ucraina e la destituzione del Presidente Yanukovych, il paese è cambiato e secondo i deputati l'UE deve intervenire per sostenere la democrazia. Gli interventi del 26 febbraio nell'emiciclo hanno reso onore al coraggio dei cittadini ucraini ricordando che dovrebbero avere il diritto di stabilire liberamente il futuro del paese. (Seguito...)

Per un'Ucraina europea !

Dibattito sull'Ucraina da sinistra a destra: Štefan Füle, José Ignacio Salafranca- Sanchez-Neyra, Libor Roucek (S&D), Graham Watson, Rebecca Harms, Ryszard Legutko, Helmut Scholz, Zbigniew Ziobro, Adrian Severin.

L'Unione europea non deve abbandonare i cittadini ucraini che protestano contro la decisione del governo di non firmare l'accordo con l'UE. Durante il dibattito di martedì in sessione plenaria, i deputati hanno ricordato che la decisione dell'Ucraina è stata un fallimento della politica estera europea e una vittoria della Russia. (Seguito...)

L'UE e la Politica europea di vicinato

EU neighbourhood policy

Avere buoni rapporti con i paesi vicini sulla base di un reciproco interesse e di valori condivisi è importante. L'Unione europea offre ai paesi vicini relazioni privilegiate in cambio di riforme economiche e politiche, tra cui il consolidamento della democrazia e dei diritti umani. (Seguito...)

Summit di Vilnius: l'UE guarda a Est

Guardare ad Est.

Giovedì e venerdì i leader dell'UE incontrano i loro omologhi del Partenariato orientale. Nonostante la decisione dell'Ucraina di rinviare la firma per l'accordo di associazione con l'UE, altri due paesi orientali dell'UE, Georgia e e Moldavia, firmeranno degli accordi importanti che permetteranno di abbattere le barriere commerciali e li avvicineranno all'UE. Controlla l'infografica per capire quali sono i vantaggi dell'accordo. (Seguito...)

Ucraina: da Euromaidan ad oggi

Europe Ukraine Time line cover pic

A due anni dalle proteste di Euromaidan, che hanno portato alla destituzione del presidente Viktor Yanukovich, l'Ucraina resta una regione di contrasto, tra pace e guerre, corruzione e riforme. Il 1° gennaio è intrato in vigore la zona di libero scambio UE-Ucraina. La nostra timeline traccia i principali eventi degli ultimi due anni, da l'annessione della Crimea all'abbattimento del volo MH17, fino all'accordo di pace di Minsk II. (Seguito...)

Settimana Ucraina: "Una stretta collaborazione e approfondita riflessione comune"

Solutions for Ukraine

"Il nostro Parlamento dovrebbe diventare un'istituzione democratica, legislativa ed europea in Ucraina", ha detto Volodymyr Groysman, presidente del parlamento ucraino, durante la Settimana Ucraina del PE a Bruxelles. Le conclusioni della conferenza indicano suggerimenti per migliorare la qualità del processo legislativo del parlamento ucraino, la sua efficienza e la trasparenza nella gestione degli affari europei. Guarda il nostro video di riepilogo. (Seguito...)

Gabrielius Landsbergis: "Le sanzioni contro la Russia danno già i loro frutti"

Il deputato lituano del PPE Gabrielius Landsbergis.

I deputati discutono oggi e voteranno domani un rapporto sulle relazioni tra UE e Russia durante la plenaria di Strasburgo. Abbiamo incontrato il deputato lituano del PPE Gabrielius Landsbergis, che ha scritto la risoluzione sul recente divieto d'ingresso in Russia per alcuni deputati e funzionari UE, e sull'impatto delle sanzioni contro la Russia. (Seguito...)

Karas sull'Ucraina: "Se i colloqui non funzionano, il rischio di un'escalation militare aumenterà"

Il deputato Othmar Karas.

Gli Stati membri dell'UE hanno rilanciato i colloqui di pace con la Russia e l'Ucraina per evitare un deterioramento ulteriore. Lunedì, la commissione per gli Affari esteri del Parlamento europeo ha discusso la situazione con Alexey Pushkov, il presidente della commissione Affari internazionali della Duma. Dopo la riunione, abbiamo incontrato Othmar Karas, deputato austriaco del PPE e presidente della delegazione UE-Russia. (Seguito...)

PE accoglie con favore i segnali di speranza in Ucraina ed esorta l'UE a tenere testa alla Russia

I deputati plaudono alla firma del cessate il fuoco tra Russia e Ucraina ma temono che le truppe russe si raggruppino per continuare la loro offensiva. ©Belga/AFP/F.Monteforte

Il Parlamento europeo accoglie con favore i segnali di speranza per la pace in Ucraina e l'accordo di associazione UE-Ucraina appena ratificato, ma si dichiara preoccupato dalle reali intenzioni della Russia nella "guerra ibrida" non dichiarata contro l'Ucraina. In una risoluzione votata giovedì, si esorta l'UE a tenere testa alla Russia e a intensificare il sostegno agli agricoltori europei colpiti dal divieto di commercio. (Seguito...)

Voto storico UE-Ucraina: un accordo votato contemporaneamente a Strasburgo e Kiev

L'emiciclo di Strasburgo segue in diretta quello ucraino.

Martedì 16 settembre, attraverso un voto simultaneo a Strasburgo e Kiev, i deputati europei e ucraini hanno approvato l'accordo di associazione UE-Ucraina. L'obiettivo: rafforzare ulteriormente i legami bilaterali. Per la prima volta il Parlamento europeo ha votato simultaneamente. L'accordo è stato approvato durante il conflitto tra l'Ucraina e la Russia, in un momento di sanzioni commerciali reciproche tra la Russia e l'UE. (Seguito...)

Paweł Kowal: se la reazione dell'UE è debole, Putin farà un altro passo avanti

In chat con Pawel Kowal

Negli ultimi quattro mesi l'Ucraina è stata sulla prima pagina di tutti i giornali. Quello che era iniziata come una manifestazione di massa è diventata un guerriglia violenta sfociata con l'annessione della Crimea da parte della Russia. In chat il 9 aprile, il presidente della delegazione del PE in Ucraina, Paweł Kowal (ECR, Polonia) ha ricordato che l'UE "avrebbe dovuto reagire con più anticipo". (Seguito...)

Il Parlamento invita la Russia a ritirare le forze militari dall'Ucraina

Uomini armati filo-russi e soldati russi hanno occupato edifici chiave a Sinferopoli, capitale della Crimea   ©Belga/AFP/V.Drachev

La Russia deve ritirare immediatamente tutte le sue forze militari dal territorio ucraino, dicono i deputati in una risoluzione approvata giovedì, che definisce "l'atto di aggressione commesso con l'invasione della Crimea" una violazione del diritto internazionale. Il Parlamento ha dichiarato che i piani della Crimea di indire un referendum riguardo all'adesione alla Russia sono illegali e avvertito che le azioni della Russia rappresentano una minaccia per la sicurezza dell'UE. (Seguito...)

Ucraina: come uscire dalla crisi

©BELGAIMAGE/AFP/G.Savilov

Cosa fare per risolvere la situazione in Ucraina? I leader politici di tutta Europa e del mondo si sono incontrati per discutere della crisi e di come rispondere alla Russia per evitare la separazione del paese. Abbiamo discusso della situazione con Knut Fleckenstein, deputato di centro sinistra e presidente della commissione parlamentare di cooperazione (CPC) UE-Russia e Paweł Kowal, deputato polacco dell'ECR e presidente della commissione parlamentare di cooperazione UE-Ucraina. (Seguito...)

Kowal: l'accordo di associazione con l'Ucraina è pronto per essere firmato

Pawel Kowal

Il vertice di Vilnius per il Partenariato orientale potrebbe essere una pietra miliare per le relazioni tra l'UE e l'Ucraina. Entrambe le parti sono pronte a firmare l'accordo di associazione. "L'UE si sta presentando al vertice con un nuovo budget e delle proposte giuridiche concrete. Ci sono le condizioni per un buon accordo" - ha detto Paweł Kowal, membro polacco dei Conservatori europei e presidente della Delegazione del Parlamento europeo per i rapporti con l'Ucraina. (Seguito...)

 
RIF.: 20140304TST37506