Procedura : 2016/0159(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0324/2016

Testi presentati :

A8-0324/2016

Discussioni :

Votazioni :

PV 14/12/2016 - 9.1

Testi approvati :

P8_TA(2016)0488

RELAZIONE     ***I
PDF 356kWORD 67k
23 novembre 2016
PE 587.472v03-00 A8-0324/2016

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che sostituisce gli elenchi delle procedure di insolvenza e degli amministratori delle procedure di insolvenza negli allegati A e B del regolamento (UE) 2015/848 relativo alle procedure di insolvenza

(COM(2016)0317 – C8-0196/2016 – 2016/0159(COD))

Commissione giuridica

Relatore: Tadeusz Zwiefka

EMENDAMENTI
PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO
 MOTIVAZIONE
 PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

PROGETTO DI RISOLUZIONE LEGISLATIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che sostituisce gli elenchi delle procedure di insolvenza e degli amministratori delle procedure di insolvenza negli allegati A e B del regolamento (UE) 2015/848 relativo alle procedure di insolvenza

(COM(2016)0317 – C8-0196/2016 – 2016/0159(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: prima lettura)

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2016)0317),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 2, e l'articolo 81 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, a norma dei quali la proposta gli è stata presentata dalla Commissione (C8-0196/2016),

–  visto l'articolo 294, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto l'articolo 59 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione giuridica (A8-0324/2016),

1.  adotta la posizione in prima lettura figurante in appresso;

2.  chiede alla Commissione di presentargli nuovamente la proposta qualora intenda modificarla sostanzialmente o sostituirla con un nuovo testo;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

Emendamento    1

Proposta di regolamento

Considerando 3

 

Testo della Commissione

Emendamento

(3)  Il Regno Unito e l'Irlanda sono vincolati dal regolamento (UE) 2015/848 e partecipano quindi all'adozione e all'applicazione del presente regolamento.

(3)  A norma dell'articolo 3, paragrafo 1, del protocollo sulla posizione del Regno Unito e dell'Irlanda rispetto allo spazio di libertà, sicurezza e giustizia allegato al trattato sull'Unione europea e al trattato sul funzionamento dell'Unione europea, il Regno Unito ha notificato che desidera partecipare all'adozione e all'applicazione del presente regolamento a partire dal 1° settembre 2016.

Motivazione

L'emendamento rispecchia la posizione del Regno Unito in merito alla proposta della Commissione a norma del protocollo (n. 21) sulla posizione del Regno Unito e dell'Irlanda rispetto allo spazio di libertà, sicurezza e giustizia. Il Regno Unito ha partecipato all'adozione e all'applicazione del regolamento (UE) 2015/848 relativo alle procedure di insolvenza.

Emendamento    2

Proposta di regolamento

Considerando 3 bis (nuovo)

 

Testo della Commissione

Emendamento

 

(3 bis)  A norma degli articoli 1 e 2 del protocollo sulla posizione del Regno Unito e dell'Irlanda rispetto allo spazio di libertà, sicurezza e giustizia allegato al trattato sull'Unione europea e al trattato sul funzionamento dell'Unione europea, fatto salvo l'articolo 4 di tale protocollo, l'Irlanda non partecipa all'adozione del presente regolamento, non è da esso vincolata né è soggetta alla sua applicazione.

Motivazione

L'emendamento rispecchia la posizione dell'Irlanda in merito alla proposta della Commissione a norma del protocollo (n. 21) sulla posizione del Regno Unito e dell'Irlanda rispetto allo spazio di libertà, sicurezza e giustizia. L'Irlanda ha partecipato all'adozione e all'applicazione del regolamento (UE) 2015/848 relativo alle procedure di insolvenza. Per l'Irlanda resta così aperta la possibilità di approvare questo nuovo regolamento recante modifica agli Allegati A e B del regolamento (UE) 2015/848 dopo che sarà adottato a norma dell'articolo 4 del suddetto protocollo.

Emendamento    3

Proposta di regolamento

Articolo 2 – paragrafo 1 bis (nuovo)

 

Testo della Commissione

Emendamento

 

Il presente regolamento entra in vigore il 26 giugno 2017.

Motivazione

Emendamento di natura tecnica che allinea l'entrata in vigore del regolamento recante modifica a quella del regolamento (UE) 2015/848 relativo alle procedure di insolvenza, che il primo intende modificare. L'emendamento contribuisce alla certezza del diritto.


MOTIVAZIONE

Il regolamento (UE) 2015/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2015, relativo alle procedure di insolvenza (rifusione)(1), è entrato in vigore il 26 giugno 2015. Il regolamento sarà applicato a decorrere dal 26 giugno 2017, fatta eccezione per la parte relativa al sistema di interconnessione dei registri fallimentari nazionali, che sarà applicata a decorrere dal 26 giugno 2019.

Il regolamento comprende allegati che riportano elenchi di procedure di insolvenza e di amministratori di procedure di insolvenza pertinenti alla sua applicazione. L'allegato A del regolamento (UE) 2015/848 elenca le procedure di insolvenza di cui all'articolo 2, punto 4, del medesimo regolamento. L'allegato B elenca gli amministratori delle procedure di insolvenza di cui all'articolo 2, punto 5.

Nel dicembre 2015 la Polonia ha notificato alla Commissione una riforma sostanziale del proprio diritto nazionale in materia di ristrutturazioni, che avrebbe preso effetto dal 1º gennaio 2016, e ha richiesto di modificare di conseguenza gli elenchi di cui agli allegati A e B del regolamento. A norma dell'articolo 1, paragrafo 1, del punto (4) dell'articolo 2 e del considerando 9 del regolamento, le procedure nazionali rientrano nella definizione di "procedure d'insolvenza" nel contesto del regolamento solo se elencate nell'allegato A del medesimo.

Gli allegati del regolamento possono essere modificati solo con un regolamento da adottarsi secondo la procedura legislativa ordinaria, in virtù della base giuridica su cui è stato adottato il regolamento originario, ossia l'articolo 81 del TUE.

La Commissione ha esaminato se la domanda presentata dalla Polonia fosse conforme ai requisiti del regolamento e ha presentato una proposta al Parlamento europeo e al Consiglio al fine di garantire che il campo di applicazione del regolamento di rifusione sarà adeguato al quadro giuridico attuale della normativa polacca in materia di insolvenza, dal momento della sua entrata in vigore. In tale contesto, la proposta della Commissione è di natura puramente tecnica. Essa non comporta alcuna modifica sostanziale del regolamento.

Il relatore condivide l'obiettivo della proposta e il suo contenuto, in termini generali. Ritiene tuttavia che essa necessiti di tre emendamenti di natura tecnica. I primi due emendamenti rispecchiano la posizione del Regno Unito e dell'Irlanda in merito alla proposta della Commissione a norma del protocollo (n. 21) sulla posizione del Regno Unito e dell'Irlanda rispetto allo spazio di libertà, sicurezza e giustizia. Il terzo emendamento allinea la data di entrata in vigore del regolamento recante modifica a quella del regolamento (UE) 2015/848.

(1)

GU L 141 del 5.6.2015, pag. 19


PROCEDURA DELLA COMMISSIONE COMPETENTE PER IL MERITO

Titolo

Procedure di insolvenza e amministratori delle procedure di insolvenza

Riferimenti

COM(2016)0317 – C8-0196/2016 – 2016/0159(COD)

Presentazione della proposta al PE

30.5.2016

 

 

 

Commissione competente per il merito

       Annuncio in Aula

JURI

6.6.2016

 

 

 

Commissioni competenti per parere

       Annuncio in Aula

ECON

6.6.2016

LIBE

6.6.2016

 

 

Pareri non espressi

       Decisione

ECON

15.9.2016

LIBE

11.7.2016

 

 

Relatori

       Nomina

Tadeusz Zwiefka

14.6.2016

 

 

 

Esame in commissione

12.7.2016

5.9.2016

 

 

Approvazione

8.11.2016

 

 

 

Esito della votazione finale

+:

–:

0:

19

0

2

Membri titolari presenti al momento della votazione finale

Joëlle Bergeron, Marie-Christine Boutonnet, Jean-Marie Cavada, Kostas Chrysogonos, Therese Comodini Cachia, Mady Delvaux, Rosa Estaràs Ferragut, Enrico Gasbarra, Mary Honeyball, Gilles Lebreton, António Marinho e Pinto, Julia Reda, Evelyn Regner, Pavel Svoboda, Axel Voss, Tadeusz Zwiefka

Supplenti presenti al momento della votazione finale

Daniel Buda, Pascal Durand, Angel Dzhambazki, Stefano Maullu, Virginie Rozière

Deposito

23.11.2016

Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2016Avviso legale