Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
6 dicembre 2002
E-3480/02
INTERROGAZIONE SCRITTA di Francesco Fiori (PPE-DE) e Paolo Bartolozzi (PPE-DE) alla Commissione

 Oggetto:  Olio d'oliva
 Risposta(e) 

Il 13 giungo 2002 é stato approvato il regolamento (CE) n. 1019/2002(1) in materia di nuove norme per la commercializzazione dell'olio d'oliva, entrato in vigore il 1 novembre 2002 in cui si prevede la vendita di contenitori che non superino i 5 litri di capacità, con chiusura a perdere ed etichettati. Con il regolamento (CE) n. 1964/2002(2) la data di applicazione della norma è stata prorogata al 1o novembre 2003.

Il sistema delle vendite dirette in azienda in Italia interessa circa 300 000 produttori e circa 200 000 tonnellate di olio di oliva, quasi tutto extra vergine. Le vendite dirette fanno parte di una tradizione culturale, che unisce l'acquisto di un prodotto "alla fonte" a un momento di conoscenza o di riscoperta di piccoli centri e quindi di paesaggi, territori e memorie rurali molto importanti nel vissuto collettivo italiano.

Questa pratica è abbastanza radicata in contenitori di capacità superiore a 5 litri, pertanto si chiede alla Commissione se ritiene possibile prevedere l'adeguamento di tali contenitori a quelli previsti dallo stesso regolamento, art. 2 paragrafo 2o per le destinazioni al consumo di ristoranti, ospedali, mense e altre collettività. In tale paragrafo viene infatti demandato agli Stati membri il compito di fissare una capacità massima degli imballaggi superiore a cinque litri.

(1)GU L 155 del 14.6.2002, pag. 27.
(2)GU L 300 del 5.11.2002, pag. 3.

 GU C 161 E del 10/07/2003 (pag. 94)
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2003Avviso legale