Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
28 aprile 2004
E-1426/04
INTERROGAZIONE SCRITTA di Paolo Bartolozzi (PPE-DE) alla Commissione

Questione decaduta in applicazione dell'articolo 185 del regolamento del Parlamento europeo.

 Oggetto: Operazioni commerciali fraudolente negli scambi tra l'Italia e la Bulgaria

1. È al corrente la Commissione europea che frodi e truffe, consistenti il più delle volte nella sparizione di merci o in ben orchestrate insolvenze finanziarie, vengono perpetrate a danno non solo di imprenditori italiani, ma anche comunitari, nello svolgimento di azioni commerciali con Paesi quali la Bulgaria?

2. Non ritiene la Commissione che queste azioni fraudolente pregiudichino gravemente l'immagine di un Paese che è candidato ad entrare nell'Unione Europea nel 2007 rischiando di ritardarne l'adesione?

3. Sa la Commissione che le ordinarie azioni legali promosse da aziende italiane per rivalersi dei danni subiti si risolvono nella quasi totalità in un nulla di fatto, tenuto conto che le autorità giudiziarie di quel Paese finiscono col non perseguire i truffatori?

4. Non ritiene la Commissione che, in vista dell'adesione di quel paese, si debba rafforzare la cooperazione giudiziaria e creare nel frattempo un Fondo comunitario provvisorio di risarcimento dei danneggiati?

5. Conviene, infine, la Commissione che per rendere trasparenti le operazioni commerciali infracomunitarie fra l'UE e il detto Paese nonché altri che dovessero far registrare frodi, truffe e inadempienze varie si rende necessaria la creazione di una banca dati?

Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2004Avviso legale