Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
17 settembre 2013
E-010598-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Roberta Angelilli (PPE)

 Oggetto:  Sottrazione internazionale di minori — Applicazione della normativa europea ed internazionale in Slovacchia
 Risposta(e) 

L'Ufficio del Mediatore del Parlamento europeo per i casi di sottrazione internazionale di minori riceve sempre più spesso richieste da parte di genitori, appartenenti a diverse nazionalità, relative a casi di sottrazione o trattenimento di minori in Slovacchia.

I genitori non slovacchi lamentano numerose difficoltà nell'ottenere, da parte delle autorità slovacche competenti, la corretta applicazione del regolamento (CE) n. 2201/2003 — Brussels II ed il trascorrere di tempi lunghissimi per il riconoscimento e l'esecuzione in Slovacchia di sentenze giudiziarie di altri Stati membri relative a minori di coppie bi-nazionali.

Spesso l'esecuzione in Slovacchia delle sentenze giudiziarie che prevedono il rimpatrio di minori in altri Stati membri, incontrano difficoltà di ordine pratico, che di fatto ne impediscono l'esecuzione rendendo così vano l'intero procedimento espletato ai sensi del regolamento (CE) n. 2201/2003 — Brussels II.

Allo stesso modo alcuni genitori lamentano la non corretta applicazione da parte delle autorità slovacche competenti della convenzione dell'Aia del 25 ottobre 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale dei minori, specificatamente in relazione alla richiesta di condizioni «speciali» non previste dalla convenzione stessa per ordinare il rimpatrio del minore nella sua residenza abituale in un altro Stato membro.

Può la Commissione precisare quanto segue:
1. viene svolto a livello dell'UE un monitoraggio relativo alla corretta applicazione del regolamento (CE) n. 2201/2003 — Brussels II da parte della Slovacchia, ivi compresi i tempi impiegati per il ritorno di minori?
2. È in possesso di statistiche recenti in relazione all'applicazione del regolamento (CE) n. 2201/2003 — Brussels II da parte della Slovacchia, riguardante il ritorno di minori?
3. Quali azioni intende, se del caso, intraprendere al fine di richiamare le autorità slovacche ad applicare correttamente la normativa comunitaria in vigore e velocizzare i tempi relativi al ritorno di minori da quel paese?
 GU C 206 del 02/07/2014
Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2013Avviso legale