Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
18 novembre 2013
E-013083-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Lara Comi (PPE) , Clemente Mastella (PPE) , Magdi Cristiano Allam (EFD) , Aldo Patriciello (PPE) , Luigi Ciriaco De Mita (PPE) , Susy De Martini (ECR) , Mara Bizzotto (EFD) , Erminia Mazzoni (PPE) , Sergio Paolo Francesco Silvestris (PPE) , Alfredo Antoniozzi (PPE) , Paolo Bartolozzi (PPE) , Alfredo Pallone (PPE) , Cristiana Muscardini (ECR)

 Oggetto:  Riconoscimento di alcuni prodotti agricoli
 Risposta(e) 

Al regno dei funghi (fungi nella classificazione di Linneo) appartengono molti organismi, solo alcuni dei quali sono commestibili. La comunicazione della Commissione europea pubblicata, ai sensi dell'articolo 9, paragrafo 1, del regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio, del 23 luglio 1987, relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica e alla tariffa doganale comune, rinvenibile sulla G.U. L 256 del 7 settembre 1987, ne cita solo cinque specie (Cantharellus cibarius Fries, Cantharellus friesii Quélet, Clitocybe aurantiaca, Craterellus cornucopioides e Boletus edulis).

Considerando che già al momento della pubblicazione di questo elenco la legislazione di alcuni paesi membri, tra cui l'Italia, riconosceva la possibilità che altre specie fungine potessero essere coltivate benché in forma sperimentale, e considerando che la Commissione, in altri contesti, tende a promuovere l'innovazione scientifica e tecnologica, si chiede quanto segue:
1. ritiene la Commissione che tale elenco debba essere aggiornato, in particolare per prendere in considerazione quelle colture sperimentali che hanno preso piede negli ultimi trenta anni circa?
2. poiché tale elenco è alla base dell'ambito di applicazione della politica agricola comune, non ritiene la Commissione che tale limite possa essere discriminante, ad esempio nei confronti dei coltivatori di tartufi?
3. ritiene la Commissione che si debbano individuare delle misure per stimolare e proteggere l'innovazione e la ricerca in agricoltura come in tutti gli altri comparti? In caso affermativo, quali?
 GU C 231 del 17/07/2014
Ultimo aggiornamento: 4 dicembre 2013Avviso legale