Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
17 marzo 2014
E-003089-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 117 del regolamento
Carlo Fidanza (PPE) , Marco Scurria (PPE) , Magdi Cristiano Allam (EFD)

 Oggetto:  VP/HR — Tutela della comunità italofona in Crimea
 Risposta(e) 

In questi giorni di alta tensione nella penisola di Crimea emergono tutte le preoccupazioni della piccola comunità italiana in Crimea, tra le 300 e le 500 persone discendenti di quelle famiglie italiane che, dopo la Rivoluzione d'Ottobre e in particolar modo nel 1942, hanno subito la persecuzione etnica e la deportazione nei gulag sovietici dell'Asia centrale.

Si tratta di una piccola comunità consolidatasi a partire dal XIX secolo durante l'epoca zarista, vittima di un martirio dimenticato, che ora teme di cadere vittima delle tensioni e della possibile guerra civile in Crimea.

Si interroga quindi l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza per sapere:
1. se è al corrente della situazione;
2. se intende, in accordo con le autorità italiane, farsi carico presso le autorità della Repubblica autonoma di Crimea, la Russia e il nuovo governo ucraino della tutela di questa minoranza italofona.
 GU C 416 del 20/11/2014
Ultimo aggiornamento: 7 aprile 2014Avviso legale