Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
31 marzo 2014
E-003954-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Paolo Bartolozzi (PPE)

 Oggetto:  Etichettatura di autenticità dei prodotti in pelle
 Risposta(e) 

Nell'ottobre del 2013 la Commissione ha lanciato una consultazione pubblica — conclusasi lo scorso 31 gennaio 2014 — su un sistema di etichettatura di autenticità del cuoio a livello di UE; l'obiettivo era raccogliere opinioni sulla dimensione della questione dell'etichettatura per i prodotti in oggetto e sull'impatto delle eventuali misure proponibili in merito.

Dai risultati preliminari degli studi di indagine sembrano emergere chiaramente — da parte di imprese e consumatori — richieste di maggiore trasparenza nonché una preferenza per la presenza di un sistema di etichettatura obbligatorio per i manufatti in pelle.

Tuttavia, nonostante i primi favorevoli esiti citati, il continuo registrarsi di problemi relativi a situazioni di etichettatura fraudolenta o a forme di contraffazione, e i comprovati danni che l'assenza di un sistema come quello in esame provoca ai consumatori europei, non sembrano ancora chiare le intenzioni della Commissione in merito alla possibilità di una misura giuridica in materia.

Considerando che la trasparenza sull'origine dei beni di consumo dovrebbe essere una priorità delle politiche europee in quanto strumento di tutela della salute dei consumatori e di contrasto delle forme di concorrenza sleale, l'interrogante chiede alla Commissione di rispondere ai quesiti di seguito elencati.

1. Quali sono gli ulteriori passi che intende intraprendere in materia di etichettatura di autenticità dei prodotti in pelle?

2. In che misura intende prendere in considerazione le richieste espresse più volte in tal senso da consumatori, lavoratori e imprese europee?

 GU C 357 del 09/10/2014
Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2014Avviso legale