Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
17 novembre 2014
E-009361-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Brando Benifei (S&D) , Renata Briano (S&D) , Sergio Gaetano Cofferati (S&D)

 Oggetto:  Strumenti europei per la prevenzione dei rischi legati al cambiamento climatico e per la lotta al dissesto idrogeologico
 Risposta(e) 

Calamità naturali, derivanti anche dal cambiamento climatico, stanno sconvolgendo l'Europa e causando vittime e danni per centinaia di milioni di euro; proprio in questi giorni assistiamo a tragici eventi alluvionali in Liguria e nel resto dell'Italia centro-settentrionale.

Le istituzioni europee hanno definito il proposito di destinare almeno il 20 % del bilancio dell'UE a obiettivi relativi al cambiamento climatico.

Gli obiettivi tematici per i fondi strutturali, definiti nel regolamento (UE) n. 1303/2013, comprendono la promozione dell'adattamento al cambiamento climatico e la prevenzione e la gestione dei rischi, compresa la capacità di reagire alle catastrofi e lo sviluppo di sistemi per la loro gestione.

Alla luce di tutto ciò, si chiede alla Commissione di divulgare i dati circa l'impegno economico degli Stati membri e delle singole regioni a sostegno degli obiettivi sopracitati, e più nello specifico per la lotta contro il dissesto idrogeologico, precisando:
1. se considera tale impegno adeguato;
2. se ha provveduto ad individuare, vista l'assoluta priorità del tema, progetti specifici e best practice, in particolare per quanto riguarda il dissesto idrogeologico, sviluppati utilizzando fondi strutturali e altri strumenti europei, per favorire la loro diffusione;
3. come valuterebbe un cambiamento dei programmi operativi, sia di livello regionale che nazionale, per orientare maggiori risorse dei fondi strutturali, con procedure semplificate e sburocratizzate, alla battaglia contro il dissesto idrogeologico.
Ultimo aggiornamento: 2 dicembre 2014Avviso legale