Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
20 marzo 2015
E-004526-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Sergio Gaetano Cofferati (S&D)

 Oggetto:  Applicazione della direttiva RAEE 2012/19 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche
 Risposta(e) 

Considerando che:

il costante e crescente ricambio delle apparecchiature elettriche ed elettroniche richiede un'attenzione maggiore al recupero e al trattamento del materiale dismesso;

gran parte di questo materiale rischia di essere smaltito in diversi paesi terzi, presumibilmente in condizioni di scarso livello di protezione dell'ambiente e del lavoro, anche minorile;

probabilmente solo il 40 % di quanto immesso nel mercato viene recuperato e trattato nell'UE come richiesto dalla direttiva RAEE 2012/19, mentre il restante rischia di scomparire illegalmente alimentando mercati di paesi terzi;

chiede alla Commissione di relazionare circa la quantità di materiale elettrico ed elettronico immesso sul mercato europeo che ricade sotto la direttiva RAEE 2012/19 e di quella recuperata e trattata secondo le disposizioni della stessa direttiva.

Ultimo aggiornamento: 15 aprile 2015Avviso legale