Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
7 aprile 2016
E-002803-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Sergio Gaetano Cofferati (S&D)

 Oggetto:  Norme antincendio per le strutture turistico-alberghiere in Italia
 Risposta(e) 

Con il decreto ministeriale del 9 aprile 1994 l'Italia aveva definito diverse norme di prevenzione degli incendi per le attività turistico-alberghiere, secondo una distinzione basata sul numero dei posti letto.

Tale decreto dava cinque anni circa (fino al 31/12/1999) alle attività esistenti con più di 25 posti letto per adeguarsi a importanti prescrizioni in esso contenute. Tale termine è stato tuttavia prorogato diverse volte e di recente portato al 31/12/2016, vale a dire oltre i 22 anni dalla definizione del decreto ministeriale del 1994.

Stante che la direttiva 89/391/CEE stabilisce prescrizioni minime in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro, ritiene la Commissione che l'ennesima proroga per l'applicazione di alcune delle misure contenute nel decreto del 1994 sia in linea con tale direttiva e garantisca la sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro?

Stante inoltre la raccomandazione del Consiglio 86/666/CE sulla protezione antincendio degli alberghi, intende la Commissione intraprendere azioni per favorire il miglioramento delle misure di protezione contro gli incendi nelle strutture turistico-alberghiere nell'Unione europea e la loro progressiva standardizzazione?

Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2016Avviso legale