Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
12 aprile 2017
E-002683-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 130 del regolamento
Pina Picierno (S&D) , Daniele Viotti (S&D) , Isabella De Monte (S&D) , Brando Benifei (S&D) , Patrizia Toia (S&D) , Luigi Morgano (S&D)

 Oggetto:  VP/HR — Persecuzioni di persone omosessuali in Cecenia
 Risposta(e) 

Da alcuni giorni circola sui media la notizia terrificante secondo la quale in Cecenia sarebbero stati istituiti dei campi di concentramento dove vengono rinchiuse persone omosessuali. Si parla di torture, umiliazioni, uccisioni di persone innocenti, motivate esclusivamente dall'orientamento sessuale. Novaya Gazeta, unico giornale indipendente russo, riferisce che più di 100 uomini presunti gay siano stati rinchiusi e almeno tre uccisi. Si parla di una vera e propria caccia alle streghe, portata avanti apparentemente dalla stessa polizia cecena, i cui agenti, fingendosi gay su siti per incontri o sui social media, procedono ad arresti e utilizzano le liste dei contatti telefonici per scovare altre persone gay non dichiarate. Una volta in carcere, i presunti omosessuali sono costretti in minuscole celle buie, gli uomini sono picchiati e torturati senza pietà in vari modi, e chi sopravvive viene restituito alla famiglia, il che spesso equivale a una condanna a morte.

Si chiede pertanto alla AR/VP se è a conoscenza di tali atrocità e quali azioni può l'UE mettere in campo per fermarle o per assicurare sicurezza a chi da queste atrocità sta fuggendo.

Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2017Avviso legale