Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
31 maggio 2017
E-003611-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mario Borghezio (ENF)

 Oggetto:  Migranti e petrolio: scambio tra l'Italia e Malta
 Risposta(e) 

Dopo le indiscrezioni apparse sulla stampa maltese e italiana, si rafforzano i sospetti su una tacita intesa raggiunta lo scorso anno dall'ex-presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi e dall'attuale premier maltese Joseph Muscat, indagato nell'ambito dell'inchiesta sui Panama Papers.

L'accordo prevederebbe la fine della contesa italo-maltese sui diritti di sfruttamento petroliferi nel tratto di mare a sud-est della Sicilia, con il sostanziale via libera alle prospezioni geologiche e alle trivellazioni da parte dell'Italia. In cambio ci sarebbe stato il formale impegno, confermato dall'enorme sproporzione esistente tra i due paesi nei dati sugli arrivi, a non coinvolgere Malta nelle operazioni di recupero del grande flusso di migranti che partono dalle coste della Libia verso l'Europa.

Se tale intesa è stata realmente conclusa, come i fatti dimostrerebbero, si configura una grave violazione degli accordi sul tema degli sbarchi degli immigrati, che vincolano tutti gli Stati membri.

Intende la Commissione verificare se tale accordo esista e, in tal caso, quali iniziative pensa di adottare per impedire questa palese violazione delle norme europee?

Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2017Avviso legale