Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
6 giugno 2017
E-003723-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Giulia Moi (EFDD)

 Oggetto:  Effetti nocivi del composto clorpirifos
 Risposta(e) 

Il clorpirifos è un insetticida appartenente alla categoria degli organofosforati e numerosi studi hanno confermato che i residui nelle acque di falda e nei terreni sono associabili a disturbi neurologici, in particolar modo nei bambini.

Nel 2000 gli Stati Uniti ne hanno vietato l'uso domestico senza, tuttavia, vietarne o limitarne l'uso agricolo e, nel 2007, diversi gruppi ambientalisti hanno chiesto una revisione dei dati in seguito alla quale la EPA americana ha inizialmente consigliato l'imposizione del divieto di utilizzo del clorpirifos.

In Europa la sostanza è legale e l'EFSA ha recentemente rivisto al ribasso i valori massimi consigliati.

Dato che il mondo scientifico deve ancora determinare con precisione i rischi connessi all'utilizzo di questo composto, quali iniziative ha intenzione di adottare la Commissione al fine di tutelare in via precauzionale la salute dei consumatori europei?

A fronte della decisione del nuovo direttore della EPA di non vietare l'uso del clorpirifos, intende intensificare i controlli sui prodotti provenienti dagli Stati Uniti?

Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2017Avviso legale