Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
20 luglio 2017
E-005025-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Patrizia Toia (S&D)

 Oggetto:  Aumento delle tariffe telefoniche nazionali
 Risposta(e) 

Dal 15 giugno 2017, quando utilizza il cellulare in un altro paese dell'Unione europea per telefonare, inviare un messaggio o collegarsi a Internet, l'utente può usufruire della stessa tariffa nazionale dentro e fuori il proprio paese.

Molti consumatori denunciano il fatto che alcune compagnie telefoniche hanno attivato automaticamente piani tariffari flat per i servizi in roaming con un costo che varia tra i 2 e i 6 euro. Tali piani sono attivati automaticamente in occasione del primo utilizzo del telefono all'estero e non è consentita la disattivazione.

Si segnala inoltre che a partire dal mese di maggio alcuni operatori hanno aumentato il canone mensile di 1,5 euro (fino a 3 euro) per telefonate, messaggi e Internet, giustificando tale aumento per mutato contesto di mercato.

È la Commissione a conoscenza di questi rincari?

Ritiene che tale condotta sia in linea con le norme stabilite dal regolamento (UE) n. 531/2012 riguardante le norme sui mercati del roaming all'ingrosso e relativo al roaming sulle reti pubbliche di comunicazioni mobili all'interno dell'Unione e successive modifiche?

Come intende vigilare per evitare abusi e pratiche contrarie al regolamento e con quali specifiche misure intende monitorare la situazione?

Ultimo aggiornamento: 9 agosto 2017Avviso legale