Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
29 agosto 2017
E-005320-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Pina Picierno (S&D) , Patrizia Toia (S&D)

 Oggetto:  Aumento occulto delle bollette di compagnie telefoniche e di servizi informatici in Italia
 Risposta(e) 

Recentemente alcune compagnie telefoniche e di servizi informatici in Italia hanno cambiato unilateralmente alcuni termini nei loro contratti con i consumatori, stabilendo che le bollette saranno emesse ogni 28 giorni, anziché mensilmente. Grazie a questo escamotage le bollette per i consumatori diventano 13 e non più 12 ogni anno, facendo così de facto aumentare considerevolmente le tariffe, circa dell'8,6 %, senza che ve ne sia data comunicazione chiara ed esplicita. La pratica, oltre ad essere estremamente scorretta e dannosa per i consumatori, crea naturalmente anche danni alla sana concorrenza tra compagnie, venendosi ad instaurare una situazione che impedisce una chiara comparazione dei costi tra una compagnia e l'altra.

Considerando gli articoli 101, 114 e 169 TFUE e 38 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE, si chiede alla Commissione quali azioni intenda e possa intraprendere per impedire tale pratica dannosa per i consumatori e la leale concorrenza?

Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2017Avviso legale