Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
8 dicembre 2017
E-007594-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Paolo De Castro (S&D) , Patrizia Toia (S&D) , Elisabetta Gardini (PPE) , Brando Benifei (S&D) , Simona Bonafè (S&D) , Mercedes Bresso (S&D) , Renata Briano (S&D) , Caterina Chinnici (S&D) , Salvatore Cicu (PPE) , Lara Comi (PPE) , Silvia Costa (S&D) , Andrea Cozzolino (S&D) , Nicola Danti (S&D) , Isabella De Monte (S&D) , Herbert Dorfmann (PPE) , Raffaele Fitto (ECR) , Enrico Gasbarra (S&D) , Elena Gentile (S&D) , Michela Giuffrida (S&D) , Cécile Kashetu Kyenge (S&D) , Giovanni La Via (PPE) , Barbara Matera (PPE) , Stefano Maullu (PPE) , Luigi Morgano (S&D) , Alessia Maria Mosca (S&D) , Alessandra Mussolini (PPE) , Aldo Patriciello (PPE) , Pina Picierno (S&D) , Salvatore Domenico Pogliese (PPE) , Massimiliano Salini (PPE) , David-Maria Sassoli (S&D) , Remo Sernagiotto (ECR) , Renato Soru (S&D) , Daniele Viotti (S&D) , Damiano Zoffoli (S&D) , Lorenzo Cesa (PPE) , Alberto Cirio (PPE)

 Oggetto:  Ammissibilità dei programmi di promozione dei prodotti agroalimentari
 Risposta(e) 

I programmi di promozione dei prodotti agroalimentari dell'Unione europea consistono in sovvenzioni provenienti dai fondi della PAC volte a rafforzare la competitività del settore agricolo dell'UE e a migliorare il grado di conoscenza degli elevati standard produttivi e dei meriti dei prodotti agricoli europei, ottimizzandone l'immagine sia sul mercato interno che sui mercati terzi.

L'analisi dei risultati dei programmi valutati ammissibili dalla Commissione per il 2017 mostra come paesi leader nell'applicazione dei regimi di qualità, e con un trend storico sempre ampiamente positivo, abbiano subito una significativa riduzione del numero di programmi beneficiari del supporto, facendo registrare significativi divari geografici, come risulta da un confronto tra Francia, Spagna e Italia.

Alla luce delle precedenti considerazioni, può la Commissione:
giustificare una tale evidente assenza di bilanciamento, chiarendo le modalità di applicazione dei criteri seguiti in fase di valutazione;
prendere in considerazione, in un'ottica di maggiore trasparenza verso i cittadini, la possibilità di pubblicare i parametri valutativi riguardanti i programmi vincitori, così che possano essere virtuosamente sfruttati anche dagli altri?
Ultimo aggiornamento: 4 gennaio 2018Avviso legale