Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
15 dicembre 2017
E-007796-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Patrizia Toia (S&D)

 Oggetto:  Neutralità della rete
 Risposta(e) 

Premesso che il regolamento (UE) 2015/2120 che stabilisce misure riguardanti l'accesso a un'Internet aperta sancisce norme vincolanti sulla neutralità della rete nella legislazione dell'UE e stabilisce per la prima volta nell'UE il principio di una gestione del traffico non discriminatoria.

Considerato che l'Unione europea tutela il diritto degli utenti finali di accedere e distribuire informazioni e contenuti, utilizzare e fornire applicazioni e servizi e utilizzare le apparecchiature terminali di loro scelta, indipendentemente dalla posizione dell'utente finale o dal luogo, dall'origine o dalla destinazione dell'informazione, del contenuto, dell'applicazione del servizio, tramite il loro servizio di accesso a Internet.

Considerata la recente decisione che la Commissione Federale delle Comunicazioni guidata dai repubblicani ha votato giovedì per approvare un controverso piano volto ad abrogare le protezioni di neutralità della rete.

Considerato che Internet può essere considerato un servizio pubblico e un diritto per i cittadini.

Come valuta la Commissione la decisione della Commissione Federale statunitense?

Cosa intende fare per difendere i diritti dei cittadini e delle imprese europee di fronte alla posizione degli Stati Uniti?

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2018Avviso legale