Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
26 aprile 2018
P-002335-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Silvia Costa (S&D) , Patrizia Toia (S&D)

 Oggetto:  Alfie Evans — libera circolazione dei pazienti nell'UE
 Risposta(e) 

Ad Alfie Evans, bambino inglese e dal 25 aprile 2018 cittadino italiano, affetto da patologia neurodegenerativa e ricoverato presso l'Alder Hey di Liverpool, l'Alta corte britannica ha negato il diritto di ricevere cure e prestazioni sanitarie in un altro Stato membro dell'UE, come richiesto dai suoi genitori

Nonostante la sospensione della respirazione artificiale disposta dalla stessa corte, il bambino è ancora in vita e due ospedali italiani si sono offerti di trasportare, curare e assistere lui e i suoi genitori.

Può dire la Commissione se:
1. non ritiene che questo provvedimento giudiziario britannico violi i diritti fondamentali dell'UE e, in particolare, l'articolo 3, paragrafi 2 e 3, del TFUE laddove l'UE offre ai suoi cittadini «uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia senza frontiere interne» e si impegna a proteggere i diritti dei minori, l'articolo 24 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE, laddove è stabilita la protezione dei diritti dei minori, l'articolo 20 del TFUE, sulla cittadinanza e libera circolazione, reso effettivo dalla direttiva 2011/24/UE sull'applicazione dei diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera?
2. intende sottoporre con urgenza questo provvedimento alla Corte di Giustizia dell'UE?
Ultimo aggiornamento: 8 maggio 2018Avviso legale