Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2006/0083(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0009/2007

Testi presentati :

A6-0009/2007

Discussioni :

PV 13/02/2007 - 12
CRE 13/02/2007 - 12

Votazioni :

PV 14/02/2007 - 5.5
CRE 14/02/2007 - 5.5
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2007)0036

Discussioni
Mercoledì 14 febbraio 2007 - Strasburgo Edizione GU

5.5. Modulazione facoltativa dei pagamenti diretti nell’ambito della PAC (votazione)
PV
  

Dopo la votazione sulla proposta della Commissione

 
  
MPphoto
 
 

  Neil Parish (PPE-DE), presidente della commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. (EN) Signor Presidente, vorrei chiedere al Commissario se la Commissione intende ritirare la proposta.

 
  
MPphoto
 
 

  Franco Frattini, Vicepresidente della Commissione. – Riferirò naturalmente al Collegio sull’esito della votazione di oggi.

 
  
MPphoto
 
 

  Neil Parish (PPE-DE), presidente della commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. (EN) Signor Presidente, non credo che la Commissione abbia illustrato molto bene la questione, ma penso che non ritirerà la proposta, per cui dobbiamo mettere in chiaro la situazione giuridica. La commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale ha presentato la seconda relazione sulla modulazione volontaria dei pagamenti diretti, dopo il rinvio della relazione alla commissione competente nel novembre 2006, ai sensi dell’articolo 52, paragrafo 3, del Regolamento. Poiché non è stato possibile raggiungere alcun accordo, la commissione parlamentare ha dovuto ribadire la propria posizione, cosicché quella di cui ci stiamo occupando non è una nuova relazione, alla quale potrebbe nuovamente applicarsi l’articolo 52, paragrafo 3, bensì una conferma della prima relazione.

I servizi giuridici del Parlamento europeo, con cui mi sono consultato al riguardo, mi hanno informato che, nel caso specifico, si dovrebbe applicare, mutatis mutandis, l’ultima frase dell’articolo 52, paragrafo 4, il che significa che dovremo votare la risoluzione legislativa e che un secondo rinvio in commissione ai sensi dell’articolo 52, paragrafo 3, non è appropriato. Per questo motivo non rinvieremo la relazione alla commissione parlamentare.

Propongo pertanto che l’Assemblea voti a favore della risoluzione legislativa del Parlamento visto che ha già respinto la proposta legislativa della Commissione. Pertanto ora la palla è senz’ombra di dubbio nel campo della Commissione e del Consiglio. Attendiamo con grande interesse una nuova proposta.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – Cercherò di riassumere chiaramente. La commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale propone che, anziché rinviare la relazione alla commissione competente, si segua in via eccezionale l’iter di procedere direttamente a una votazione per appello nominale sulla proposta di risoluzione legislativa, in conformità del Regolamento.

 
Ultimo aggiornamento: 18 aprile 2007Avviso legale