Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2007/2553(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

B6-0176/2007

Discussioni :

PV 26/04/2007 - 14.3
CRE 26/04/2007 - 14.3

Votazioni :

PV 26/04/2007 - 15.3

Testi approvati :

P6_TA(2007)0171

Discussioni
Giovedì 26 aprile 2007 - Strasburgo Edizione GU

14.3. Situazione dei diritti umani nelle Filippine
PV
MPphoto
 
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca la discussione su sei proposte di risoluzione(1) concernenti le Filippine.

 
  
MPphoto
 
 

  Karin Scheele (PSE), autore. – (DE) Signora Presidente, con questa risoluzione esprimiamo la nostra profonda preoccupazione per il crescente numero di assassini politici commessi negli anni scorsi nelle Filippine. L’organizzazione per i diritti umani Karapatan ha registrato 839 casi di esecuzioni sommarie dal 2001. Tutte le vittime erano cittadini che avevano protestato contro i problemi che affliggono il popolo filippino: contadini che rivendicano loro terre, lavoratori e sindacalisti che rivendicano salari e condizioni di lavoro migliori, sacerdoti impegnati.

Esecuzioni arbitrarie, una repressione politica onnipresente, una militarizzazione crescente, l’immunità e le protezioni di cui godono gli appartenenti ai corpi militari e paramilitari sono diventati purtroppo il marchio caratteristico del governo filippino. Per molto tempo la comunità internazionale ha fatto finta di non vedere. Secondo la Corte di giustizia internazionale dell’Aia, l’ignoranza e un’errata interpretazione della situazione sono altrettanto responsabili dell’annosa indifferenza della comunità internazionale quanto lo è l’appoggio degli Stati Uniti, su cui il governo di Manila poteva e può continuare a contare.

Condanniamo le brutali e sistematiche violazioni dei diritti dei cittadini, i rapimenti, le scomparse e gli assassini politici. Sollecitiamo fermamente le autorità statali filippine a compiere le necessarie inchieste e a processare i responsabili, nonché a ratificare la Convenzione dell’ONU sui trasferimenti forzati e a darle attuazione. Le autorità filippine devono adottare questi provvedimenti come primo passo per interrompere la spirale di violenza, al fine di garantire che le elezioni che si terranno tra qualche settimana siano almeno parzialmente democratiche.

 
  
MPphoto
 
 

  Marios Matsakis (ALDE), autore. – (EN) Signora Presidente, la situazione dei diritti umani nelle Filippine è grave e peggiora ogni giorno. Sempre più spesso alle organizzazioni per i diritti umani giungono notizie di esecuzioni extragiudiziali, detenzioni illegali, torture, minacce e violenze ai danni di politici, sindacalisti, studenti, sacerdoti e attivisti dei diritti umani.

Il governo filippino sembra non avere la capacità, e spesso neppure la volontà, di agire con la necessaria determinazione sia per indagare sulle violazioni dei diritti umani sia per processare con vigore ed efficacia i responsabili. In questa proposta di risoluzione vogliamo esprimere alle autorità filippine la nostra grave preoccupazione per la penosa e allarmante situazione in cui versa il loro paese. Nel contempo, vogliamo inviare un segnale forte che l’Unione europea non resterà inerte a guardare il continuo peggiorare della condizione dei diritti umani nelle Filippine, bensì prenderà le misure necessarie se la situazione non inizierà quanto prima a dare segni di miglioramento.

 
  
MPphoto
 
 

  Tobias Pflüger (GUE/NGL), autore. – (DE) Signora Presidente, nel suo rapporto del 22 marzo al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, il relatore speciale dell’ONU Philip Alston illustrava in termini inequivocabili come avvengono le esecuzioni sommarie nelle Filippine. Come si afferma nella risoluzione comune, tra le vittime di quelle esecuzioni vi sono esponenti dei partiti di opposizione, del clero, sindacalisti, contadini, giornalisti, avvocati, attivisti dei diritti umani, e così via, nonché testimoni di altri assassini sommari accusati da membri del governo di fungere da copertura per gruppi armati illegali.

Il governo Arroyo è in gran parte responsabile degli oltre 800 assassini politici compiuti dopo la presa di potere nel 2001. Nel quadro della cosiddetta politica antisommossa, anche l’esercito e la polizia filippini si sono resi colpevoli di assassini politici. In un capitolo della relazione intitolata Orders of Battle, alla luce dei documenti in possesso delle forze armate filippine si dimostra chiaramente che il ricorso a esecuzioni sommarie rientra nella strategia adottata dalla polizia e dall’esercito. La relazione, che è il documento in base al quale agiscono le forze armate, spesso applicato anche dalla polizia, prevede l’uso della lotta armata come mezzo di contrasto degli oppositori politici.

Come c’era da aspettarsi, i conservatori vogliono ora depennare dalla risoluzione comune qualsiasi riferimento al ruolo avuto dalle forze armate negli assassini. Dire che tale richiesta è scandalosa è dire poco. Accogliendola, daremmo uno schiaffo non solo alle Nazioni Unite e al suo relatore speciale, ma anche alle vittime, ai loro amici e alle loro famiglie. Nel rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite va sottolineato il passo in cui si afferma che i giornali pubblicano quasi quotidianamente articoli che riportano sia le richieste di militari di alto grado affinché i gruppi siano neutralizzati sia i loro appelli alla popolazione affinché riconosca che sostenere i candidati di quei gruppi alle prossime elezioni significherebbe appoggiare il nemico. Si tratta di affermazioni che non si prestano a equivoci. Chiedo che il riferimento che ho citato poc’anzi non sia tolto dalla risoluzione, affinché l’Assemblea possa inviare un segnale chiaro.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), autore. – (ES) Signora Presidente, alla vigilia di elezioni importanti – le elezioni amministrative e legislative nelle Filippine – è opportuno e tempestivo che il Parlamento europeo discuta alcuni dei problemi principali di quel paese, in particolare l’allarmante escalation di crimini ed esecuzioni extragiudiziali compiuti da quando la Presidente Arroyo ha preso il potere nel 2001, il cui numero ha ormai superato quota 800 e che per la stragrande maggioranza sono rimasti impuniti.

Dall’attuale situazione filippina emerge chiaramente l’esistenza di una strategia fondata sugli assassini politici. Dobbiamo pertanto sollecitare il governo di Manila a prendere le misure adeguate per porre fine alle minacce e alle violenze contro esponenti dell’opposizione, giornalisti, braccianti agricoli che chiedono il rispetto dei loro diritti nel quadro della riforma agraria attualmente in corso, attivisti dei diritti umani e persino testimoni in processi contro i responsabili di questi reati.

Numerose organizzazioni dei diritti umani – come Food First Information and Action Network – hanno da lungo tempo richiamato l’attenzione, per esempio, sulla mancata attuazione dei programmi nazionali di riforma agraria, con la conseguenza che molti proprietari terrieri si rifiutano di consegnare le terre ai contadini. Il clima di violenza conseguente a questa situazione ha causato l’uccisione di almeno 38 leader dei campesino.

Dovremmo essere soddisfatti per la volontà espressa dalla Presidente di attenersi al principio della “tolleranza zero” nei confronti delle violazioni dei diritti umani; la gravità del fenomeno, tuttavia, richiede azioni molto più ambiziose, soprattutto perché, stando a numerosi rapporti nazionali e internazionali, alcuni ambienti dell’esercito e della polizia sarebbero implicati direttamente in tali violazioni. Particolarmente interessanti, tra questi rapporti, sono quello del relatore speciale del Consiglio sui diritti umani delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie Philip Alston e quello dalla Commissione Melo.

La situazione è particolarmente allarmante nella penisola di Bontoc, dove centinaia di contadini subiscono vessazioni e violenze fisiche da parte di gruppi armati privati.

Reputo, infine, importante prendere atto del lavoro compiuto dal comitato di negoziazione del processo di pace e dell’annuncio del governo secondo cui agli abitanti di Mindanao sarà garantita la completa autodeterminazione.

Devo inoltre esprimere nuovamente le riserve di molti di noi sull’inserimento di determinati gruppi, tra cui l’Ejercito del Nuevo Pueblo, nell’elenco UE dei gruppi terroristici, perché tale decisione non favorisce i futuri negoziati di pace, anzi li ostacola.

Come richiesto da molte organizzazioni e istituzioni internazionali che tutelano e promuovono il rispetto dei diritti umani, ci auguriamo che questa risoluzione urgente possa contribuire a indurre il governo filippino ad adottare una posizione molto più risoluta nella lotta contro gli assassini politici e a garantire la sicurezza delle persone minacciate, soprattutto dei contadini e degli attivisti politici e dei diritti umani.

 
  
MPphoto
 
 

  Thomas Mann (PPE-DE), autore. – (DE) Signora Presidente, tra due settimane nelle Filippine si terrà una consultazione elettorale, e questo appuntamento acuisce il rischio di un’escalation degli scontri politici interni. Dal 2006, come hanno ricordato i colleghi, sono stati assassinati giornalisti, attivisti dei diritti umani, avvocati, contadini e sacerdoti. Ciò che rimane oscuro è chi siano i responsabili di tali crimini. E’ invece chiaro che gli assassini sono stati compiuti tutti secondo lo stesso copione. Le autorità non sono in grado di svolgere indagini con sufficiente accuratezza. Il sistema giudiziario è oberato di lavoro, privo di fondi adeguati e inefficiente. Il numero di condanne è talmente basso che verrebbe quasi da dire che esiste un clima di impunità.

La Presidente Arroyo e il suo governo sono consapevoli della gravità della situazione. Sono stati istituiti uno speciale corpo di polizia e la Commissione indipendente Melo; sulla base delle loro raccomandazioni la Presidente ha ordinato un potenziamento delle indagini e delle procedure di accusa, la costituzione di tribunali speciali e, finalmente, anche l’attuazione di uno speciale programma di protezione dei testimoni. In febbraio, il relatore speciale delle Nazioni Unite Philip Alston ha potuto interrogare ampiamente i responsabili e le vittime dei crimini. Mi associo alla sua richiesta affinché siano vagliate le accuse di coinvolgimento di elementi militari o di singoli esponenti dell’esercito. L’Unione europea dovrebbe fornire assistenza sia dal punto di vista tecnico sia in termini di personale perché si possa far luce su questi crimini e migliorare in modo sostenibile il sistema giudiziario.

 
  
MPphoto
 
 

  Michał Tomasz Kamiński (UEN), autore. – (PL) Signora Presidente, la situazione nelle Filippine è motivo di grave allarme. Tra due settimane si terranno le elezioni, che riguarderanno in parte il rinnovo del senato. Purtroppo, la situazione nel paese è ancora una volta così preoccupante che la stampa filippina parla soltanto dei morti che ci saranno e delle violenze che la tornata elettorale porterà con sé, mentre in altri paesi le elezioni sono di solito un’occasione per celebrare la democrazia e portare un’ondata di rinnovamento, anche quando non sono assenti le tensioni. Questo stato di cose esiste ormai da oltre sei mesi. Personalmente me ne sono occupato da vicino e ritengo che i segnali siano di cattivo auspicio per le Filippine.

Sono stato nelle Filippine lo scorso anno e ho cercato di capire la situazione. Vorrei dire che in quel paese la voce dell’Unione europea è ascoltata con grande attenzione, ed è positivo che il Parlamento europeo critichi molto severamente qualsiasi violenza accompagni il processo politico. Dobbiamo chiedere apertamente al governo filippino di intensificare i propri sforzi affinché gli assassini politici non siano più un elemento costante della campagna elettorale nelle Filippine. Purtroppo, essi sono un esempio estremo del panorama politico di quel bellissimo paese, che merita di vivere in democrazia, al pari di noi. Mi fa piacere che così tanti colleghi in quest’Aula condividano tale opinione e appoggino la risoluzione congiunta.

 
  
MPphoto
 
 

  Charles Tannock, a nome del gruppo PPE-DE. – (EN) Signora Presidente, la nomina di Gloria Arroyo a Presidente delle Filippine dopo la messa in stato d’accusa e il processo contro il suo predecessore Estrada, accusato di corruzione, e la successiva elezione nel maggio 2004 hanno portato qualche miglioramento nel paese, soprattutto sotto il profilo della sicurezza. Il governo filippino ha umiliato l’efficienza militare dei terroristi islamici nel sudest del paese e negoziato un accordo di pace con un gruppo e un cessato il fuoco, tuttora in corso, con un altro. Però, per un certo periodo di tempo sono state purtroppo compiute diverse esecuzioni extragiudiziali di cui sarebbero responsabili le forze di sicurezza del paese. Il governo ha giustamente ammesso che si tratta di una vicenda molto grave e ha disposto adeguate indagini.

Si è giunti così, lo scorso febbraio, alla formulazione di alcune raccomandazioni da parte della Commissione indipendente del giudice Melo, istituita appositamente per affrontare tale questione, e poi alla redazione di un piano in sei punti approvato dal governo per porre fine alle violazioni dei diritti umani e al clima di impunità. Apprezzo molto questo tipo di approccio, in particolare l’istituzione di un corpo di polizia ad hoc, l’USIG, incaricato di portare infine davanti alla giustizia le autorità che hanno ordinato violazioni dei diritti umani.

 
  
MPphoto
 
 

  Günter Nooke, Presidente in carica del Consiglio. – (DE) Signora Presidente, le Filippine hanno ratificato i principali accordi e convenzioni internazionali sui diritti umani. Il governo di quel paese rispetta in linea di principio i diritti umani dei suoi cittadini. Un altro dato positivo è l’abolizione della pena di morte nel giugno 2006, un risultato per il quale l’Unione europea si è battuta strenuamente.

Cionondimeno, vi è motivo di allarme. Nel 2006 gli assassini e i rapimenti di giornalisti, attivisti politici di sinistra, attivisti dei diritti umani ed esponenti del clero sono enormemente aumentati in tutto il paese. L’opposizione ha dato notizia di esecuzioni extragiudiziali, attribuendone la responsabilità al governo e al suo apparato di sicurezza. Come minimo, il governo è accusato di incapacità di contrastare il crimine con il dovuto rigore. Da parte sua, il governo respinge simili accuse e ipotizza, almeno in parte, che siano in atto epurazioni nel campo della sinistra militante.

La più illustre tra le vittime recenti è stato il vescovo Alberto Ramento, che aveva criticato duramente il governo. Dell’assassinio si è detto che era stata fatta luce lo stesso giorno in era stato commesso. Si sarebbe trattato di una rapina con omicidio a opera di un giovane, ma in proposito sono stati espressi pesanti dubbi dai collaboratori di Ramento ed è stata denunciata la conservazione inadeguata e non professionale delle prove.

Poco prima di partire per il suo viaggio in Europa nell’estate del 2006, la Presidente Arroyo aveva insediato una commissione sotto la presidenza dell’ex giudice della Corte suprema José Melo, perché indagasse sugli omicidi di oppositori politici del governo. Il rapporto della Commissione Melo, pubblicato nel febbraio 2007 a fronte di una massiccia pressione dell’opinione pubblica, ha confermato le accuse di indisponibilità a fornire elementi di prova utili a chiarire le vicende esaminate, e ha attribuito la responsabilità principale alle forze armate. Un’inchiesta del relatore speciale delle Nazioni Unite Alston è giunta alle stesse conclusioni.

L’Unione europea ha ripetutamente sollecitato alle Filippine una risposta inequivocabile su questo problema per il tramite delle sue rappresentanze diplomatiche nel paese e durante incontri politici nel contesto del dialogo sui diritti umani. Per effetto di questi interventi nonché delle pressioni esercitate dalla società civile filippina, il governo ha presentato pubblicamente le misure adottate finora, ha riconosciuto le proprie manchevolezze e ha chiesto aiuto all’Unione per istituire tribunali speciali e uffici speciali di pubblici ministeri, consolidare il programma di protezione dei testimoni, migliorare le capacità tecniche e forensi delle forze di sicurezza e sensibilizzare queste ultime sul rispetto dei diritti umani.

Su invito del governo filippino, una missione dell’UE sta compiendo una visita nel paese al fine di accertare le condizioni di tale richiesta. Inoltre, si dovrebbero rafforzare la Commissione nazionale per i diritti umani e la società civile affinché possano monitorare la situazione. Oltre agli assassini e ai rapimenti degli oppositori del regime e del governo, vengono ora sollevate pesanti accuse di torture, scomparse di persone, detenzioni illegali, tratta di esseri umani e abusi contro donne e bambini. Ancora più gravi sono le violazioni dei diritti umani che vengono commesse regolarmente dalla polizia e dai militari e gli atti di violenza compiuti anche da esponenti di gruppi estremisti nel contesto dello scontro militare con vari gruppi comunisti e ribelli separatisti e della lotta contro il terrorismo.

 
  
MPphoto
 
 

  Joaquín Almunia, Membro della Commissione. – (EN) Signora Presidente, la Commissione europea segue con grande attenzione gli eventi nelle Filippine. Nel corso di recenti contatti ad alto livello – compresi l’incontro tra il Presidente Barroso e la Presidente Arroyo lo scorso settembre e quello tra il Commissario Ferrero-Waldner e il ministro degli Esteri Romulo in marzo – abbiamo incoraggiato le autorità filippine a portare avanti le loro riforme economiche e sociali; abbiamo però espresso anche il nostro allarme per il forte aumento delle esecuzioni extragiudiziali e manifestato apertamente il nostro appoggio al processo di pace a Mindanao.

Il nostro scopo principale è porre fine alle esecuzioni extragiudiziali, avviare indagini adeguate sui crimini commessi e sottoporre a debito processo i responsabili, partendo dalle conclusioni cui sono giunti il giudice Melo e il professor Alston nei loro rapporti.

La Commissione, insieme con gli Stati membri, sta quindi rispondendo positivamente alla richiesta da parte del governo filippino di aiuto tecnico per le indagini. Poiché i settori per cui è stato chiesto aiuto sono molto diversi tra loro, stiamo preparando una missione per valutare le necessità, cui parteciperanno gli Stati membri e la Commissione. La missione si recherà nelle Filippine in maggio e avrà contatti diretti con le autorità e altri soggetti interessati, tra cui esponenti della società civile. La Commissione sta finanziando la maggior parte dei costi della missione e ha svolto un ruolo guida nella sua preparazione.

I risultati che la missione otterrà dovrebbero costituire la base che permetterà all’Unione di mobilitare efficacemente gli aiuti per le indagini. Cercheremo ovviamente di agire in stretto coordinamento con il professor Alston, relatore delle Nazioni Unite per le esecuzioni extragiudiziali. Sono molto lieto che il Parlamento abbia ricordato il suo sostegno. Dobbiamo continuare a incoraggiare le autorità affinché assicurino che le indagini siano condotte in modo adeguato e i responsabili siano assicurati alla giustizia in tempi congrui.

La Commissione è del parere che si stiano facendo passi avanti nel processo di pace a Mindanao. La firma di un accordo di pace formale dovrebbe ormai essere imminente. Attualmente forniamo un notevole sostegno indiretto per mezzo degli aiuti allo sviluppo rurale, alla sanità e al miglioramento delle condizioni di vita. Abbiamo comunicato la nostra disponibilità a dare importanti aiuti diretti quando le parti saranno prossime a concludere un accordo di pace formale.

Per quanto riguarda i disordini causati dall’NPA, continueremo a incoraggiare le autorità filippine a riavviare colloqui di pace e a permettere a coloro che intendono lasciare la via delle armi per quella della politica di farlo, garantendo che le nuove norme in materia di sicurezza siano attuate nel pieno rispetto dei diritti umani.

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – La discussione è chiusa.

La votazione si svolgerà tra breve.

 
  
MPphoto
 
 

  Simon Coveney (PPE-DE).(EN) Signora Presidente, prima di passare alla votazione vorrei intervenire brevemente per una mozione di procedura. A nome del mio gruppo, prendo atto con piacere del fatto che, per la prima volta, durante una discussione su questioni urgenti abbiamo visto la partecipazione e il contributo del Consiglio.

(Applausi)

Mi auguro che questo positivo precedente abbia un seguito. Lo abbiamo apprezzato tantissimo. So che è merito in particolare della delegazione tedesca, che si è impegnata molto in tal senso, se ciò è potuto avvenire. Ringrazio il Consiglio per la sua presenza e spero che continui su questa strada.

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – La ringrazio, e ringrazio anche il Presidente Nooke.

 
  

(1) Cfr. Processo verbale.

Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2007Avviso legale