Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2007/2633(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

B6-0368/2007

Discussioni :

PV 26/09/2007 - 12
CRE 26/09/2007 - 12

Votazioni :

PV 27/09/2007 - 9.5
CRE 27/09/2007 - 9.5

Testi approvati :

P6_TA(2007)0420

Discussioni
Giovedì 27 settembre 2007 - Strasburgo Edizione GU

9.5. Situazione in Birmania (votazione)
PV
  

– Proposta di risoluzione: RC-B6-0363/2007

Prima della votazione sul paragrafo 1

 
  
MPphoto
 
 

  Geoffrey Van Orden (PPE-DE). – (EN) Signor Presidente, colgo l’occasione della presenza della delegazione del Congresso nazionale del popolo nella tribuna del pubblico per dire che spero che Wang Ying-Fan raccolga il forte messaggio inviato da quest’Aula affinché la Cina si attivi per risolvere i problemi in Birmania.

(Prolungati applausi)

Signor Presidente, ne abbiamo già parlato ieri e sono certo che egli tenga conto del nostro punto di vista.

Per guadagnare tempo, posso proporre due emendamenti orali? Attualmente la situazione in Birmania si sta evolvendo velocemente. Primo, propongo di aggiungere alla fine del paragrafo 1 la frase: “e condanna apertamente la risposta brutale da parte delle autorità birmane”.

 
  
  

(L’emendamento orale è accolto)

Prima della votazione sul paragrafo 3

 
  
MPphoto
 
 

  Geoffrey Van Orden (PPE-DE). – (EN) Signor Presidente, il paragrafo 3 adesso recita: “Esprime orrore di fronte all’uccisione di manifestanti pacifici, insiste affinché le forze di sicurezza rientrino alle loro baracche e chiede il riconoscimento della legittimità delle richieste che vengono avanzate, un’assistenza medica internazionale per i feriti e il rilascio dei manifestanti arrestati ed altri prigionieri politici”.

(Prolungati applausi)

 
  
  

(L’emendamento orale è accolto)

Prima della votazione sul paragrafo 5

 
  
MPphoto
 
 

  Martin Schulz (PSE).(DE) Signor Presidente, concordo con l’onorevole Van Orden e con gli altri parlamentari – anche in merito alla presenza di Wang Yingfan e della sua delegazione – che questo Parlamento debba inviare un segnale energico. Tuttavia, in merito al paragrafo 5, richiediamo che il testo sia modificato come segue poiché, in considerazione di quanto accaduto in passato in seno al Consiglio di sicurezza, non siamo certi che il testo sia stato formulato con sufficiente accuratezza. Per avere la certezza della precisione, chiediamo che il paragrafo 5 sia riformulato come segue:

(EN) “chiede alla Cina di sostenere in pieno una chiara dichiarazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che condanni l’uso brutale della forza”.

(DE) Resta da vedere se sia già stato applicato il veto, ma chiediamo al Parlamento di convenire che occorre una chiara condanna da parte del Consiglio di sicurezza e che la Cina debba sostenerla.

 
  
MPphoto
 
 

  Elmar Brok (PPE-DE).(DE) Signor Presidente, anche il nostro gruppo avrebbe voluto presentare un emendamento, ma in questo caso credo che possiamo concordare una posizione congiunta. Stando alle mie informazioni, la Cina ha già votato contro – e con lei anche un altro membro permanente del Consiglio di sicurezza, la Russia. E’ per questo che propongo di adottare l’emendamento come formulato dall’onorevole Martin Schulz, in modo da riferirlo sia alla Cina che alla Russia.

 
  
  

(Gli emendamenti orali sono accolti)

(Applausi)

 
Ultimo aggiornamento: 7 ottobre 2008Avviso legale