Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2008/2248(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0082/2009

Testi presentati :

A6-0082/2009

Discussioni :

Votazioni :

PV 26/03/2009 - 4.6
CRE 26/03/2009 - 4.6
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2009)0192

Discussioni
Giovedì 26 marzo 2009 - Strasburgo Edizione GU

4.6. Impatto dell’urbanizzazione estensiva in Spagna sui diritti individuali dei cittadini europei, sull’ambiente e sull’applicazione del diritto comunitario (A6-0082/2009, Margrete Auken) (votazione)
PV
  

- Prima della votazione:

 
  
MPphoto
 

  Michael Cashman (PSE).(EN) Signor Presidente, volevo informare la Camera che, in linea di principio, intendo ritirare il mio nome dalla proposta di risoluzione alternativa del gruppo socialista in merito alla relazione Auken. Inoltre, dopo aver dedicato cinque anni al tema in esame, desidero segnalare ai colleghi che voterò contro ambedue le proposte di risoluzione alternative, mentre voterò a favore della relazione Auken.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Margrete Auken, relatore. − (DA) Signor Presidente, onorevoli colleghi, cittadini dell’Unione, la presente relazione è frutto di un approfondito lavoro svolto dalla commissione per le petizioni con la partecipazione di membri provenienti da tutti i gruppi politici. Vorrei ringraziare sia il presidente sia i relatori ombra per il loro eccellente operato. In veste di relatrice per parere della commissione, mi sono personalmente dedicata anima e corpo alla questione. Il fenomeno ha prodotto ovviamente un notevole impatto sulle vite di decine di migliaia di cittadini comunitari in Spagna e ha modificato sia la campagna sia l’economia del paese. Ora la relazione è stata approvata dalla commissione dopo essere stata accolta da una maggioranza di due terzi. Si tratta di un testo completo che opera una distinzione tra i tanti aspetti diversi dell’urbanizzazione spagnola.

Sussiste il problema dei diritti fondamentali dei cittadini europei che include il diritto a una proprietà legittimamente acquisita. Il Parlamento europeo si è già impegnato a rispettare tali diritti e tutti gli Stati membri ne sono vincolati. Vi è poi il problema delle ripercussioni disastrose della massiccia urbanizzazione sull’ambiente, soprattutto nelle zone costiere e nelle isole spagnole, ma anche in altre aree come quella attorno a Madrid. Permane inoltre la questione della riemersa legge costiera spagnola del 1988, adesso improvvisamente in grado di negare a tante persone il diritto di vivere nella propria abitazione e spintasi in taluni casi persino alla loro demolizione. Sussiste altresì la questione delle conseguenze di migliaia di presunte costruzioni abusive edificate con l’approvazione dei comuni, ma successivamente dichiarate illegali, per cui l’ignaro acquirente si è ritrovato vittima di pratiche urbanistiche corrotte. Vi è infine il problema della mancanza di certezza giuridica, nonché di un adeguato risarcimento delle vittime degli scandali immobiliari.

Non ho dubbi in merito alle responsabilità di queste massicce violazioni e mi rammarico per il fatto che tali trasgressioni da parte di autorità comunali e regionali abbiano compromesso i tentativi di molte altre di creare uno sviluppo sostenibile nel cui ambito un’economia sana vada di pari passo con il rispetto per l’ambiente e il patrimonio culturale. La relazione merita un dibattito adeguato nel corso del quale si possano udire tutti i pareri. E’ inaccettabile che il nostro nuovo regolamento ci precluda tale possibilità. Queste norme vanno modificate il prima possibile, soprattutto per quanto concerne relazioni che affrontano reclami di cittadini europei. Vi chiedo di respingere le due risoluzioni alternative. Sebbene si basino sulla mia relazione, non sono imparziali e non rispecchiano le valutazioni fattuali e dettagliata in merito alle quali la commissione ha votato.

 
Ultimo aggiornamento: 12 agosto 2010Avviso legale