Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

O-0152/2009 (B7-0238/2009)

Discussioni :

PV 15/12/2009 - 20
CRE 15/12/2009 - 20

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Martedì 15 dicembre 2009 - Strasburgo Edizione GU

20. Difesa del principio di sussidiarietà – Esposizione di simboli religiosi e culturali in luoghi pubblici (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Presidente. – L'ordine del giorno reca la discussione su:

- l'interrogazione orale alla Commissione (B7-0238/2009), presentata dall'onorevole Borghezio a nome del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia sulla difesa del principio di sussidiarietà (O-0152/2009);

- l'interrogazione orale alla Commissione (B7-0239/2009) presentata dagli onorevoli Cancian, Mauro, Provera, Gardini, Iacolino, Rivellini, Frances Silvestris, Patriciello, Bartolozzi, Muscardini, Bizzotto, Matera, Comi, Antinoro, Fontana, Angelilli, Sartori, Zanicchi, Ronzulli, Collino, Scurria, Scotta’, Salatto, Arias Echeverría, Baldassarre, Ayuso, de Grandes Pascual, del Castillo Vera, Fisas Ayxela, Fraga Estévez, Garriga Polledo, Gutiérrez-Cortines, Herranz García, José Iturgaiz Angulo, Lope Fontagné, López-Istúriz White, Mato Adrover, Mayor Oreja, Zalba Bidegain, Tatarella, Allam, Piotrowski e Szymański sull'esposizione di simboli religiosi e culturali in luoghi pubblici (O-0158/2009).

 
  
MPphoto
 

  Mario Borghezio, autore. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, la posizione del gruppo che rappresento, EFD, è molto chiara: si chiede con questa interrogazione orale alla Commissione di impugnare l'attuazione della sentenza della Corte di Strasburgo che, voglio sottolineare, non è un'istituzione dell'Unione europea, contro la presenza del crocifisso nelle aule scolastiche.

Questa decisione, voglio dirlo con estrema chiarezza, per noi costituisce una violazione inaccettabile del principio di sussidiarietà, che è fondamento dell'Unione europea, anche garanzia dei diritti dei popoli e degli Stati membri. Non sarebbe immaginabile un'Unione europea così come noi la concepiamo e sosteniamo senza il sostegno e il fondamento del principio di sussidiarietà.

Vorrei partire intanto da una considerazione di carattere generale: è evidente che togliere – partiamo dal merito di questa sentenza – qualcuno e qualcosa che c'era già non può essere considerato da nessuno un atto di democrazia e di libertà, come qualcuno ha sostenuto, ma piuttosto un atto di polizia del pensiero, un atto antidemocratico. Se su una parete scolastica c'è un crocifisso e questo viene strappato, quella non è una parete laica, ma una parete vuota, dove il vuoto viene scelto come simbolo confessionale, un'operazione educativa in senso negativo, la peggiore immaginabile e può essere considerato uno dei tanti segni del suicidio culturale e spirituale dell'Occidente.

La sentenza della Corte di Strasburgo presuppone un concetto di libertà religiosa che, se portato alle sue ultime conseguenze, arriverebbe a garantire, a dover obbligare un senso di predominio per ogni cittadino a vivere in un ambiente conforme al suo credo. Io credo che non sia questa la libertà religiosa: in questo modo si travisa il vero contenuto della libertà religiosa, siamo di fronte a un diritto negativo, il diritto piuttosto di essere immuni dall'obbligo di comportamenti di tipo religioso. Bisogna capirsi bene quando si parla di libertà religiosa, non si parla mica di qualcosa di non preciso.

Qui siamo su un piano completamente diverso: l'esposizione del crocifisso non è nella nostra cultura solo un fatto fideistico, è qualcosa di molto più importante, di universalistico. Il simbolo della croce, il simbolismo della croce ha una portata di messaggio universale, tra l'altro è un messaggio di pace, di fratellanza, come ci ha insegnato, per fare un solo nome, un grande metafisico come René Guénon. Dal punto di vista tradizionale di questi grandi maestri della cultura tradizionale è chiarissimo questo valore, ma in corrispondenza è altrettanto chiaro che siamo di fronte, con questa sentenza, all'estrinsecarsi di concezioni antitradizionali che spingono a una uniformità di pensiero, c'è qualcosa che contraddice lo spirito vero dell'Unione europea, e questa è la cosa incredibile.

C'è quasi l'intenzione di distogliere i nostri popoli da ogni richiamo ai valori e ai simboli che esprimono verticalità, spiritualità, al di là del fatto storico, del collegamento a una precisa confessione religiosa, si tratta di un simbolo universale, ripeto. L'Unione europea, al contrario, deve salvaguardare il diritto dei popoli a perseverare nell'uso dei simboli, a cominciare da quello della croce.

L'Europa deve avere il coraggio di assumere, su questi temi di fondo, una prospettiva metastorica, recuperare il proprio ruolo di culla e di centro, anche spirituale. Restituisca ai popoli europei la libertà di conservare e venerare i simboli della propria identità conformemente a un principio cardine dell'architettura giuridico-politica dell'Unione europea, il principio di sussidiarietà. Tutta la questione verte proprio su questo aspetto, sul carattere fondamentale del principio di sussidiarietà.

Vado a concludere: questa questione ci permette di riflettere e di dibattere su una questione centrale: che cos'è per questa Europa la libertà religiosa? Ebbene, io sento di affermare che è proprio la pronuncia della Corte di Strasburgo a calpestare il diritto fondamentale alla libertà religiosa, si vuole impedire a un popolo come il nostro di conservare e mantenere il simbolo della croce nelle aule scolastiche come richiamo irrinunciabile alle proprie radici cristiane.

 
  
MPphoto
 

  Antonio Cancian, autore. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, il 3 novembre scorso la Corte europea dei diritti dell'uomo ha accolto il ricorso di una cittadina italo-finlandese volto a far rimuovere il crocifisso dalle aule scolastiche. Analoghi episodi erano avvenuti in passato in Spagna, in Germania, in Francia e anche in Italia, dove nel 1988 il Consiglio di Stato rilevò che il crocifisso non è solo il simbolo della religione cristiana, ma ha una valenza di carattere indipendente dalla specifica confessione. Il Consiglio di Stato italiano, pronunciatosi nuovamente nel 2006, ha precisato che il principio di laicità dello Stato non può non tener conto dell'identità culturale e della civiltà di un popolo.

Con la nostra interrogazione abbiamo voluto evidenziare proprio l'aspetto più laico della vicenda, anche ricorrendo a una provocazione sul fatto che il prossimo passo potrebbe essere quello di portare dinanzi alla Corte di Strasburgo finanche i simboli di ispirazione cattolica che fanno parte delle tradizioni comuni agli Stati membri, nonché le rappresentazioni artistiche e culturali diffuse nelle nostre città. Persino la bandiera dell'Unione europea, nata per il Consiglio d'Europa, nelle parole del suo autore si rifà all'iconografia mariana.

La decisione della Corte dei diritti umani cerca di imporre dall'alto un modello di laicità che non può essere sentito come proprio – altro che sussidiarietà – da molti Stati membri, o peggio ancora, portarci al nichilismo, ecco la parete vuota citata prima dal collega. La sentenza mette in discussione la nostra stessa identità, i nostri valori europei di pace, amore e convivenza civile, di uguaglianza e di libertà, per questo la sentenza è un attentato alla libertà e alla parità dei diritti.

Le istituzioni comunitarie sono difensori delle prerogative di libertà. L'esposizione dei simboli religiosi e culturali in cui un popolo si riconosce è una manifestazione della libertà di pensiero – e proprio qui domani si assegna il premio Sacharov – e va tutelato in quanto tale dalle stesse istituzioni comunitarie e dalle organizzazioni internazionali fondate sui principi democratici.

 
  
MPphoto
 

  Jacques Barrot, vicepresidente della Commissione.(FR) Signora Presidente, avrei ascoltato molto volentieri l'onorevole Mauro, ma purtroppo prenderà la parola dopo di me.

Mi corre l'obbligo di osservare una serie di norme giuridiche. La Commissione si impegna a rispettare la libertà di pensiero, di coscienza e di religione, sanciti dall'articolo 9 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e dall'articolo 10 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. E' pur vero che la Commissione deve limitarsi ad agire nell'ambito della legislazione comunitaria e che, all'interno dell'UE, le norme nazionali sull'esposizione di simboli religiosi in luoghi pubblici sono regolamentate dai sistemi giuridici nazionali dei singoli Stati membri.

Il principio di sussidiarietà va applicato nell'ambito comunitario e non riguarda l'attuazione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell'uomo, il foro internazionale cui compete l'applicazione della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. L'applicazione delle sentenze emesse da tale Corte spetta al Consiglio d'Europa ed è obbligatoria per tutti gli Stati che hanno sottoscritto la Convenzione europea dei diritti dell'uomo; l'Italia, come qualunque altro paese coinvolto in questo caso, ha il diritto – sancito dall'articolo 43 della Convenzione – di chiedere, entro tre mesi a decorrere dalla data della sentenza, il deferimento della causa alla sezione allargata. Secondo quanto pubblicato, lo Stato italiano si sta avvalendo di questo diritto per appellarsi alla sezione allargata.

Erano questi i punti che mi premeva chiarire. In questo caso si tratta dei sistemi giuridici nazionali degli Stati membri; non posso quindi rispondere per il Consiglio d'Europea né per la Corte europea dei diritti dell'uomo, i quali hanno emesso una sentenza che, comprensibilmente, può sollevare dubbi in questo Parlamento.

Questo era quanto potevo dire, in tutta onestà, ma sono ansioso di sentire gli interventi che seguiranno.

 
  
MPphoto
 

  Mario Mauro, a nome del gruppo PPE. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio anche il Commissario per la chiarezza del giudizio che rimanda effettivamente questa disciplina alla competenza degli Stati membri.

Devo dire che chi vi parla è convinto come pochi altri della necessità della laicità delle nostre istituzioni ed è convinto altresì che la religione non è la soluzione di nessun problema politico, ma che allo stesso tempo non si può trovare la soluzione di problemi politici facendo la guerra alle religioni.

Proprio per questo esprimerò il mio pensiero attraverso un paradosso: che cosa accadrebbe se applicassimo la sentenza di Strasburgo, se applicassimo cioè quella ragione che impone di togliere il crocifisso dalle aule italiane, in parallelo a tutti i luoghi dove è esposta per ragioni pubbliche una croce? Cosa dovremmo fare di questa bandiera, la bandiera della Svezia, cosa dovremmo fare di questa bandiera, la bandiera della Finlandia, e della bandiera della Slovacchia, e della bandiera di Malta, e della bandiera della Danimarca, e della bandiera della Grecia, e della bandiera del Regno Unito che di croci ne ha addirittura tre?

Perché, cari amici, la ragione per cui queste croci sono su queste bandiere non è diversa dalla ragione per cui il crocifisso è esposto nelle aule italiane e non è una ragione religiosa, è una ragione di cultura e di tradizione. Lasciamo quindi che siano gli Stati membri a valutare, caso per caso, l'adeguatezza delle soluzioni consone alla sensibilità dei propri popoli, nel rispetto dell'esperienza della libertà religiosa e nel rispetto della laicità delle istituzioni.

Questo è tutto ciò che chiediamo e questo chiediamo perché va rispettata, prima di ogni altra cosa, non l'astrazione della giurisprudenza, ma la verità di ogni uomo e il suo desiderio di infinito.

 
  
MPphoto
 

  Juan Fernando López Aguilar, a nome del gruppo S&D.(ES) Signora Presidente, in qualità di avvocato ed eurodeputato sono certo che, come me, molti cittadini che seguono l'odierna discussione non comprendono appieno l’oggetto del contendere. Occorre quindi fare chiarezza su una serie di punti.

Primo, stiamo parlando di una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, che non è un'istituzione europea, bensì un tribunale a sé stante, seppure rientra in uno dei cerchi concentrici – per così dire – dell'Unione europea, che rispetta lo stato di diritto, la democrazia rappresentativa e i diritti umani.

Secondo, nessuna risoluzione del Parlamento ha il potere di revocare o modificare una sentenza emessa da una corte di giustizia.

Terzo, la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo rispetta pienamente il principio della libertà religiosa e il suo corollario, ossia il pluralismo religioso. La libertà di religione fa parte delle nostre tradizioni comuni e della legge costituzionale degli Stati membri; rappresenta inoltre un diritto fondamentale tutelato dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

La sentenza fornisce pertanto motivazioni con un solido fondamento giuridico per la protezione della libertà religiosa e non la nega affatto. Per di più è stata emessa all'unanimità da parte di un tribunale prestigioso che da quasi sessant'anni influisce sulla cultura dei diritti umani.

Infine – e questo è un aspetto importante – occorre ricordare che nessuna sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo implica la modifica della legislazione degli Stati membri che hanno sottoscritto la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo, dal momento che tale sentenza riconosce un diritto in risposta a una violazione verificatasi in un caso specifico.

In considerazione di queste premesse, spetta quindi agli Stati membri decidere di modificare eventualmente le norme giuridiche o le politiche, ispirandosi alla dottrina della Corte europea dei diritti dell'uomo, ma in nessun caso sono obbligati o tenuti ad agire in questo senso.

Non sussiste quindi alcun motivo di preoccupazione per nessuno Stato membro, dal momento che non vi è alcun obbligo a modificare la propria legislazione o le politiche pubbliche in seguito ad alcuna sentenza specifica della Corte europea dei diritti dell'uomo. Né l'Italia né alcun altro paese hanno quindi motivo di adottare norme di carattere generale in seguito a questa sentenza.

Si è fatto appello alla sussidiarietà, un principio del diritto comunitario che però non trova applicazione in questo caso, dal momento che questo concetto e le relative applicazioni non hanno nulla a che vedere con la situazione oggetto della discussione.

Credo si possa invocare una norma del diritto europeo che consente di posticipare una votazione qualora sussistano dubbi sulla rilevanza di un voto che non ha nulla a che vedere con questioni che riguardano il Parlamento europeo: personalmente, penso che il caso attuale rientri in questa fattispecie.

Ritengo pertanto che, seppure legittima, questa discussione non abbia uno scopo chiaro e non richieda una pronuncia con natura di urgenza, tantomeno una protesta o la revoca di una sentenza emessa da una corte di giustizia che non ha status di istituzione dell'Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  Sophia in 't Veld, a nome del gruppo ALDE.(EN) Signora Presidente, il titolo dell'odierna discussione è vagamente fuorviante, dal momento che contiene il termine "sussidiarietà". La sussidiarietà – per quanto ne so – significa prendere decisioni al livello più vicino al cittadino, ossia al livello del singolo cittadino. Le vostre risoluzioni sostengono invece che i diritti dello Stato nazionale prevalgono su quelli dei singoli cittadini. Il compito di quest'Assemblea è tutelare i diritti dei singoli cittadini, non quelli degli Stati.

Se inoltre – com'è stato detto – non è una questione di competenza dell'Unione europea, vorrei capire come mai rientra tra i criteri di Copenhagen e perché si richieda ai paesi candidati di rispettare la separazione tra Chiesa e Stato quando invece non si può pretendere che gli Stati membri facciano lo stesso.

Onorevoli colleghi, se si nega che il Parlamento europeo abbia la competenza per discutere questi probelmi, mi chiedo come mai abbiamo facoltà di disquisire sulla forma dei cetrioli, ma non dei diritti fondamentali dei nostri cittadini.

Quanto alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e la sentenza della Corte: sono passate due settimane dall'entrata in vigore del trattato di Lisbona, che prevede l'adesione dell'UE alla Convenzione dei diritti dell'uomo; non sarebbe assurdo se, al contempo, ci rifiutassimo di riconoscere l'autorità della Corte di Strasburgo? Come lo spiegheremmo ai cittadini?

Credo inoltre – come ha detto l'onorevole López – che i politici non abbiano alcun diritto di interferire con le sentenze della Corte. Lasciamo che i giudici facciano il loro lavoro; possiamo condividere o meno le sentenze, ma non dobbiamo in nessun caso interferire con il loro lavoro. L'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa sostiene l'idea di un'Europa per tutti i cittadini, crede nell'Europa della diversità, in cui tutti hanno diritto alla propria coscienza, alla propria fede e finanche alla libertà dalla religione.

Concludo dicendo che spetta agli Stati, non ai tribunali, garantire un clima in cui tutti i cittadini possano vivere liberi, nel rispetto della propria coscienza. Spetta agli Stati proteggere i cittadini: la situazione si fa estremamente seria quando i cittadini sentono di doversi rivolgere a un tribunale per difendersi dagli Stati. Onorevoli colleghi, vi invito a respingere le risoluzioni di gruppi EPP ed ECR.

 
  
MPphoto
 

  Mirosław Piotrowski, a nome del gruppo ECR. (PL) Signora Presidente, alla luce del fatto storico che i padri fondatori dell'Unione europea – Konrad Adenauer, Alcide De Gasperi, Robert Schuman e Jean Monnet – erano democratico cristiani e basarono la loro idea di Europa sui valori e i simboli cristiani, vorrei ricordare che la bandiera dell'UE alle sue spalle, signora Presidente, raffigura un cerchio formato da 12 stelle dorate su fondo blu e riprende la raffigurazione delle 12 stelle sul capo della Vergine Maria nel capitolo dodicesimo del libro dell’Apocalisse.

A oltre cinquant'anni di distanza dobbiamo chiederci se la filosofia dei padri fondatori conti ancora qualcosa. Alla luce della scandalosa sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, che ha ordinato di rimuovere i crocifissi da una scuola italiana, dovremmo affermare con forza che nessun gruppo di giudici nominati da politici, neppure quelli del Consiglio d'Europa, può imporre di togliere la croce, un simbolo dal significato religioso e universale. Questa sentenza calpesta la libertà di religione e il patrimonio culturale dell'Europa.

A questo proposito vorrei chiedere al commissario: non ritiene che attaccare i simboli cristiani equivalga a distruggere le basi stesse dell'Unione europea? A nome della Commissione, non potrebbe avviare una discussione sul ruolo e il significato dei simboli cristiani nell'UE?

 
  
MPphoto
 

  Manfred Weber (PPE).(DE) Signora Presidente, sono lieto che si tenga questa discussione. L'onorevole López Aguilar ritiene, in quanto avvocato, che non abbiamo alcuna responsabilità. Io non parlo da avvocato, ma da politico. La sentenza della Corte di Strasburgo riguarda milioni di cittadini europei, pertanto trovo positivo che se ne discuta in questa sede.

In Europa, il rapporto tra Chiesa e Stato è sempre stato controverso e ha portato a sanguinosi conflitti. E' giusto che l'Unione europea distingua lo Stato dalla religione, benché in Europa esista una serie di modelli diversi: la Francia è chiaramente uno Stato non religioso, mentre nel Regno Unito la regina è al tempo stesso Capo dello Stato e della Chiesa. Dal momento che il rapporto tra Chiesa e Stato si è evoluto secondo modelli diversi, trovo positivo il riferimento al principio di sussidiarietà in quest'ambito e la libertà accordata a ciascun paese di regolarsi come meglio crede.

Vorrei fare un ulteriore passo avanti: non intendo parlare della sussidiarietà, ma della questione a mio avviso centrale per cui i valori europei di solidarietà, sussidiarietà e libertà sono impensabili senza la radice comune della cristianità e della visione giudaico-cristiana della religione. Perché non ritroviamo questi valori in Cina o in Medio Oriente? Perché si basano sulla nostra cultura e sulle nostre religioni. Questo non segnifica che dobbiamo tutti abbracciare la stessa fede: siamo orgogliosi della nostra libertà di religione.

Esiste la libertà di religione per cui si può decidere di essere atei; è una posizione accettabile e legittima per cui abbiamo lottato. Esiste tuttavia anche il diritto di osservare la propria fede. Nella regione da cui provengo, che conta oltre un milione di abitanti, oltre l'80 per cento della popolazione è di fede cattolica. Come gli atei chiedono agli altri di mostrarsi tolleranti, i cattolici che costituiscono oltre l'80 per cento della popolazione chiedono ai non credenti di tollerare la loro fede. Chiedono di poterla praticare in pubblico, di rappresentarla e di vedere accettati dalla minoranza i simboli cristiani di una società a maggioranza cattolica. In termini di libertà di religione, è una posizione legittima.

Chiunque invoca tolleranza, deve anche dimostrarla a sua volta verso chi pratica la fede cristiana.

 
  
MPphoto
 

  Joanna Senyszyn (S&D).(PL) Signora Presidente, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha giustamente deciso che l'esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola la libertà religiosa degli alunni e il diritto dei genitori a educare i figli secondo le proprie convinzioni. I giudici hanno deciso all'unanimità che la presenza della croce nelle scuole viola la Convenzione europea sui diritti dell'uomo.

La sentenza è semplice, chiara e universalmente comprensibile: ecco perché ha suscitato tanta rabbia e aggressività tra il clero e i politici di destra, che fingono di non capire, chiedono spiegazioni alla Commissione e pretendono che il Parlamento assuma una posizione ufficiale. Sono pretese illegittime, dal momento che le istituzioni europee non hanno facoltà di giudicare né questa sentenza né altre. Non dimentichiamo che esiste una divisione tripartita dei poteri e che la Corte è un organo del Consiglio d'Europa, non dell'Unione europea.

Vorrei chiarire questi dubbi: la sentenza sul crocifisso non viola il principio di sussidiarietà, anzi, aiuta a ritrovare il rispetto della legge per quegli Stati europei che hanno dimenticato che la propria costituzione prevede, se non la divisione tra Chiesa e Stato, quantomeno una visione neutrale del mondo. La sentenza serve a quelle autorità e tribunali nazionali che sono soggetti alla Chiesa per comprendere che la clericalizzazione della vita sociale viola i diritti fondamentali dei cittadini, che non hanno la possibilità di difendere i propri diritti davanti ai tribunali nazionali. Fortunatamente, per ottenere giustizia possono adire alla Corte per i diritti dell'uomo.

La sentenza rispetta l'identità nazionale degli Stati membri ed è giusto attuarla. Non impone infatti alcun divieto all'esposizione dei simboli religiosi in pubblico, ma soltanto in un ambito circoscritto, ossia le scuole pubbliche. Nessuno pretende che i crocifissi siano rimossi dalle chiese, dalle piazze o dalle bandiere, come paventava prima un onorevole collega.

Non si tratta di interferenza nelle relazioni tra Chiesa e Stato, ma semplicemente della difesa dei cittadini che vedono violati i propri diritti. Anche nel mio paese, la crescente clericalizzazione erode i diritti fondamentali dei cittadini. Fatico a immaginare che il Parlamento e la Commissione possano impedire ai miei concittadini polacchi di perseguire il riconoscimento dei propri giusti diritti dinnanzi alla Corte di Strasburgo. Vi devo avvisare: una posizione critica delle due istituzioni europee su questa sentenza non solo costituirebbe un'indebita interferenza, ma ci esporrebbe al ridicolo.

 
  
MPphoto
 

  Carlo Casini (PPE). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, la decisione della Corte europea ha turbato non solo i credenti, ma anche tutti coloro che nel crocifisso da secoli hanno visto un segno di speranza, di solidarietà, un conforto, contro la paura e il dolore.

Noi speriamo che quella decisione sia modificata dalla grande Camera, perché la sua irragionevolezza è evidente. Dovremo eliminare il nome stesso della croce rossa? Rimuovere i grandi crocifissi che dall'alto dei monti dominano città e vallate? Sarà proibito, come è stato già osservato, alla Regina d'Inghilterra di essere il capo della Chiesa anglicana?

Tuttavia, il caso suscita una riflessione di estrema importanza dal punto di vista civile e politico: i diritti dell'uomo sono soltanto diritti dei singoli, come soggetti isolati da un contesto sociale o il diritto di manifestare una determinata religiosità è anche un diritto dei popoli? Non conta niente la tradizione, la storia, l'intelligenza, l'arte, che per millenni hanno contrassegnato l'identità di un popolo?

Inoltre, la questione riguarda giustamente anche il rapporto tra sussidiarietà e diritti umani e noto che questi ultimi, al di fuori di alcuni principi fondamentali che devono considerarsi universali e indiscutibili, possono avere interpretazioni diverse, possono esistere anche conflitti fra i diritti umani. Perché togliere agli Stati la possibilità, con le loro leggi, di risolvere questi conflitti e di interpretare e attuare i diritti umani secondo la sensibilità etica di un determinato popolo? La questione travalica, dunque, la questione del crocifisso.

La Corte europea, altre volte, in materia di diritto alla vita, ha riconosciuto l'esclusivo potere degli Stati di decidere sui punti più controversi, quali ad esempio la disciplina dell'aborto e l'eutanasia. Ora, il trattato di Lisbona ci obbliga ad aderire alla Convenzione europea e dunque anche a rispettare come Unione europea le deliberazioni della Corte europea dei diritti dell'uomo.

Merita una riflessione, allora, l'orientamento attuale diverso e nuovo della Corte, sarebbe grave se un potere sovranazionale, specie se esercitato da un numero limitato di persone e non espressione di una volontà popolare democraticamente dimostrata, diventasse repressivo e mortificante, insensibile ai sentimenti e al cuore dell'uomo e quindi ultimamente contrario alla libertà. Per questo io spero che la risoluzione del Partito popolare sarà votata e sarà votata in larga misura.

 
  
MPphoto
 

  Miroslav Mikolášik (PPE). (SK) La storia d'Europa, degli Stati che ne fanno parte e pertanto anche dell'Unione europea, che ci piaccia o no, è strettamente legata alla tradizione cristiana. Ne consegue che persino le costituzioni di molti Stati contengono riferimenti a tradizioni cristiane e finanche il preambolo del trattato dell’Unione europea si ispira, tra l'altro, alle radici religiose dell'Europa da cui si sono sviluppati i valori universali.

Oggi, all'interno dell'UE i diritti fondamentali sono sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione e dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ma scaturiscono innanzi tutto da tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri che si sono sviluppate nel corso dei secoli. L'Unione europea deve rispettare la storia, la cultura e le tradizioni nazionali e rifiutarsi categoricamente di penalizzare gli Stati membri che difendono il diritto a mantenere le proprie caratteristiche distintive, come le tradizioni e i simboli cristiani. Vorrei chiudere dicendo che né la Carta né la convenzione europea servono ad ampliare i poteri dell'Unione.

 
  
MPphoto
 

  Agustín Díaz de Mera García Consuegra (PPE).(ES) Signora Presidente, aprirò il mio intervento con una citazione che faccio mia per l'occasione. Il crocefisso non è un segno di imposizione, è il simbolo di valori positivi che fanno parte della nostra storia, della nostra cultura e di una società sorta oltre 2 000 anni fa. Non possiamo proteggere i diritti fondamentali se neghiamo quegli stessi valori da cui traggono origine.

La democrazia si esercita attraverso libertà e rispetto, nella promozione dell'esercizio dei diritti, non attraverso l'imposizione o la limitazione. Il principio di sussidiarietà deve essere naturalmente rispettato e riconosciuto da tutte le istituzioni, organizzazioni, e tribunali europei, con particolare attenzione per la libertà, che si tratti di libertà di opinione o di culto.

La libertà degli Stati membri di esporre simboli religiosi nei luoghi pubblici, in quanto rappresentazione delle tradizioni e dell'identità dei propri popoli, non può e non deve essere messa in discussione. La libertà è uno dei cardini della nostra società, uno dei pilastri su cui si fondano anche la sicurezza e la giustizia; se venisse in qualche modo limitata o censurata, verrebbero meno le basi stesse su cui si regge l'Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  Georgios Papanikolaou (PPE).(EL) Signora Presidente, sono anch'io dell'idea che la Corte sbagli a considerare l'affissione del crocefisso nelle aule scolastiche come un gesto irrispettoso nei confronti delle altre confessioni religiose. La questione di cui si discute oggi è di natura sociale, piuttosto che giuridica. E' evidente che il principio di sussidiarietà va rispettato. La presenza di un simbolo religioso non è un atto discriminatorio o coercitivo: è espressione della tradizione e della storia di ciascun paese e spesso anche della sua costituzione, come nel caso della Grecia.

Nel mio paese, la presenza di icone religiose nelle aule scolastiche non intende imporre una determinata fede agli alunni, ma fa parte della nostra tradizione ed è espressione diretta dei valori e delle strutture della nostra società, frutto di quattro secoli di persecuzione e oppressione religiosa da parte dell'impero ottomano.

 
  
MPphoto
 

  Anna Záborská (PPE). (SK) Vorrei toccare rapidamente tre questioni. Stasera, nelle ultime settimane dell'anno e a pochi giorni da Natale, mentre mancano pochi minuti alla mezzanotte di un martedì, a quasi sessant'anni dalla costituzione dell'Unione europea, ci troviamo ancora a discutere i pilastri dell'integrazione europea e il principio di sussidiarietà.

In secondo luogo, l'interrogazione presentata dall'onorevole Borghezio riguarda la sentenza della Corte di giustizia europea di Strasburgo secondo la quale la presenza del crocefisso nelle scuole italiane viola la convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo, una pronuncia che ha suscitato timori in numerosi Stati. La settimana scorsa, il parlamento slovacco ha approvato una risoluzione che ritiene tale decisione inconciliabile con la tradizione culturale e la storia cristiana dell'Europa.

Infine, non ero del tutto a mio agio durante la lettura della proposta di risoluzione comune che voteremo giovedì prossimo. Mi delude constatare che non abbiamo il coraggio di inserire in una risoluzione che tratta di sussidiarietà quei punti del trattato di Lisbona che riguardano direttamente il programma approvato.

 
  
MPphoto
 

  Magdi Cristiano Allam (PPE). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, se dovessimo guardare al fatto che siamo in quattro gatti in questo momento a parlare della questione del crocifisso, considerare che per parlare del crocifisso dobbiamo invocare la questione della sussidiarietà, non possiamo non trarre la conclusione che ci troviamo in un'Europa che si vergogna della verità storica delle proprie radici giudaico-cristiane, della verità storica del cristianesimo che, come disse Goethe, è la lingua comune dell'Europa.

All'interno del Parlamento europeo ci sono 23 lingue ufficiali che attestano come non ci sia nulla che tiene unita l'Europa se non il cristianesimo. Vorrei domandare al Commissario Barrot perché, dopo che in Svizzera un referendum popolare ha decretato il no ai minareti, la Commissione europea, l'Unione europea, le Nazioni Unite, la Lega araba, l'Organizzazione della Conferenza islamica, si sono tutte mobilitate per condannare l'esito di quel referendum – pur essendo la Svizzera un paese che non fa parte dell'Unione europea – e oggi assumete un atteggiamento di neutralità rispetto a una questione che riguarda le nostre radici, la nostra identità, la nostra anima?

 
  
MPphoto
 

  Csaba Sógor (PPE).(HU) Consentitemi di contribuire brevemente a questa discussione in qualità di pastore di fede protestante, la cui tradizione considera non il crocefisso, ma la stella a otto punte come principale simbolo religioso. Di fatto vengo da una circoscrizione dove il 99 per cento dell'elettorato è di fede cattolica; i miei quattro figli frequentano la scuola insieme a bambini cattolici e il crocifisso non ci dà alcun fastidio. A questo proposito vorrei distinguere tecnicamente tra il crocifisso e il simbolo della croce. Seppure personalmente la cosa non mi dia alcun fastidio, dobbiamo tenere presente che alcuni non gradiscono la croce o il crocifisso perché ricorda l'Inquisizione.

Trovo giustificato esporre il crocifisso dove questa usanza nasce dalla tradizione cattolica di esibire la croce nelle scuole, specie in quelle confessionali. Il Parlamento, tuttavia, non dovrebbe occuparsi di questi problemi, quanto piuttosto della povertà, della crisi economica o degli sforzi dell'Europa orientale per allinearsi agli altri paesi. Questa discussione è sterile, mentre invece dovremmo guardare bene da chi è partita la protesta nelle scuole italiane e per quale motivo. Dovremmo esaminare questo caso isolato, anziché discutere una questione che ormai fa parte del passato.

Vorrei ripetere ancora una volta che la croce non mi crea alcun problema, dal momento che anch'io la contemplo ogni giorno senza alcun problema. Dobbiamo far sì che in Italia o in Romania si venga a creare un clima tale per cui questo argomento non diventi più un tema di discussione.

 
  
MPphoto
 

  Diane Dodds (NI).(EN) Signora Presidente, da qualche anno assistiamo a una continua campagna di soppressione verso la libertà di espressione religiosa: infermiere di religione cristiana hanno subito provvedimenti disciplinari per essersi offerte di pregare insieme ai pazienti e proprio oggi la funzionaria pubblica cristiana Lillian Ladele – a cui era stato intimato di registrare le unioni civili, pena il licenziamento – ha perso la causa per discriminazione su basi religiose davanti alla Corte d'appello del Regno Unito.

Le norme a tutela della non discriminazione non sono servite a proteggere i cristiani, anzi, tutto il contrario. Due settimane fa la Camera dei comuni ha respinto un emendamento alla Equality Bill che chiedeva di tutelare la libertà delle Chiese, un provvedimento che anche la Commissione europea ha criticato come indebita ingerenza. Nel proprio parere ragionato, la Commissione sosteneva infatti che il Regno Unito dovrebbe limitare la tutela della libertà religiosa nel contesto delle norme nazionali sull'occupazione. Vergogna! Va riconosciuto il diritto dei cittadini ad abbracciare una fede e ad esprimerla liberamente. La legge deve tutelare i cristiani, non punirli.

 
  
MPphoto
 

  Jacques Barrot, vicepresidente della Commissione.(FR) Signora Presidente, il paese che conosco meglio ha vissuto aspri confronti su questi temi e personalmente mi auguro che il Parlamento europeo mantenga una linea di reciproca tolleranza e rispetto.

Vi sono famiglie che desiderano seguire la tradizione cristiana e altre che invece la mettono in discussione. L'essenza dell'Europa consiste proprio in questa diversità religiosa e culturale. Occorre muoversi con estrema cautela quando si trattano questi temi e mi prendo la libertà di dirlo perché nel mio paese ho conosciuto personalmente le posizioni estremiste di una e dell'altra fazione.

Da avvocato, ritengo che non sia questa la sede giusta per tenere una simile discussione, che si sarebbe dovuta svolgere all'Assemblea del Consiglio d'Europa e nei parlamenti nazionali. Credo siano quelli i contesti più appropriati. Siamo tenuti – perlomeno io lo sono, a nome della Commissione – ad affermare il forte impegno della Commissione a rispettare la libertà religiosa e la ferma intenzione di reagire contro qualsiasi forma di discriminazione verso i fedeli di un determinato credo.

Detto questo, la Commissione non può agire al di fuori della competenza sancita dai trattati, né può espletare la sua funzione di custode dei trattati su questioni che riguardano uno Stato membro, se non coinvolgono il diritto comunitario. E' mio compito chiarire questo punto. La Commissione deve limitarsi a prendere atto delle varie posizioni espresse da quest'Aula, senza esprimere pareri su una questione che non rientra nel diritto comunitario, ma nel sistema giuridico dei singoli Stati membri. Questo è quanto mi consta puntualizzare, in veste di avvocato.

Cionondimeno, ritengo che questa discussione sia indubbiamente utile e interessante, seppure incoraggerei coloro che sono intervenuti a mantenere un certo senso delle proporzioni e a consentire al Consiglio d'Europa e alla sua Assemblea parlamentare di discutere le possibili interpretazioni da dare a una eventuale Dichiarazione europea dei diritti dell'uomo. In tutta onestà, tuttavia, in quanto custodi dei trattati, non possiamo intervenire in un dibattito che riguarda essenzialmente il Consiglio d'Europa e la Corte europea dei diritti dell'uomo.

Mi scuso se stasera non sono in grado di fornirvi una risposta migliore, ma in tutta onestà e nel rispetto della legge, sono tenuto a rispondere in questo modo. Credo sinceramente che stiamo discutendo di problemi che allo stato attuale rientrano nella competenza giuridica di ciascuno Stato membro.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – Comunico di aver ricevuto sei proposte di risoluzione(1) ai sensi dell'articolo 115, paragrafo 5 del regolamento.

La discussione è chiusa.

La votazione si svolgerà giovedì, 17 dicembre 2009.

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  Herbert Dorfmann (PPE), per iscritto. – (DE) La sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo è espressione di un secolarismo aggressivo e avalla la posizione di chi vuole un ambito pubblico privo di ogni contenuto religioso. In questo modo, la Corte trascura il fatto che il nostro continente nemmeno esisterebbe senza il cristianesimo, che ha plasmato l'Europa, i suoi popoli, la cultura, l'arte e il pensiero al punto che il continente perderebbe la propria identità se la cristianità venisse completamente rimossa. La libertà religiosa ovviamente non viene messa in discussione. La separazione tra Chiesa e Stato è uno dei capisaldi della nostra democrazia e dovremmo far sì che entrambe le istituzioni adempiano ai propri compiti nel reciproco rispetto. Il nocciolo della questione è proprio il rispetto: la Chiesa cristiana non può pretendere che tutti ne condividano il credo, ma ha diritto a pretendere di essere rispettata da tutti.

 
  
MPphoto
 
 

  Martin Kastler (PPE), per iscritto. (DE) Signora Presidente, onorevoli colleghi, in che cosa consiste di fatto la libertà di religione? La risposta è semplice: nella libertà di praticare la propria fede. La libertà di religione non significa libertà dalla religione, ma diritto a praticare una fede. Lo scopo non è dar vita a una società avulsa dalla religione, quanto piuttosto garantire a ciascuno il diritto di praticare apertamente la propria fede all'interno della società. Esporre il crocifisso nelle aule non obbliga nessuno a credere o a non credere, pertanto non viola la libertà di religione. Né si è mai sentito parlare del diritto a non venire in contatto con i simboli religiosi: se esistesse, dovremmo premurarci di vietare le croci sulle lapidi e le guglie delle chiese. La sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo sul crocifisso non costituisce soltanto un ingerenza rispetto al principio di sussidiarietà, ma viola anche il diritto alla stessa libertà religiosa. Il Parlamento europeo non può e non deve accettare questa sentenza: la Corte europea dei diritti dell'uomo deve occuparsi di amministrare la giustizia e non diventare il burattino degli interessi anticristiani, altrimenti dovremmo riflettere seriamente se essa abbia veramente motivo di esistere.

 
  
MPphoto
 
 

  Joanna Katarzyna Skrzydlewska (PPE), per iscritto. (PL) A mio parere, la sentenza della Corte non ha nulla a che vedere con la tutela della libertà di religione: la presenza del crocifisso in un'aula, di per sé, non fa pressioni sulla personale visione del mondo e non viola il diritto dei genitori a educare i figli secondo le proprie convinzioni, esattamente come tale diritto non è violato dalla scelta di indossare abiti legati alla professione di una determinata fede. La comprensione reciproca e l'apertura verso gli altri costituiscono il fondamento di un'Europa comune e unita, come pure il rispetto per le differenze culturali tra i vari paesi, le origini e le tradizioni delle nazioni che costituiscono l'Unione europea. Non è un segreto che le radici della nostra identità europea affondano direttamente nella tradizione cristiana. Per gran parte dei cittadini europei il crocifisso è un simbolo religioso e, al contempo, anche dei propri valori. Non credo che il dialogo che quotidianamente portiamo avanti debba essere avulso dai valori in cui crediamo, né che – in nome della libertà religiosa – dovremmo sentirci obbligati a negare quello che per noi è un simbolo sacro e importante, che si tratti della croce, della stella di David o della mezzaluna. Nessuno ha il diritto di obbligare gli altri ad abbracciare una determinata religione o un sistema di valori né, d'altro canto, di pretendere in nome della libertà la rimozione di simboli che l'intera umanità ritiene importanti. La sentenza della Corte dei diritti dell'uomo, di fatto, non rivendica la libertà di religione, ma discrimina coloro per i quali i simboli della fede hanno un'importante valenza.

 
  

(1)Cfr. Processo verbale

Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2010Avviso legale