Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

B7-0273/2009

Discussioni :

PV 15/12/2009 - 20
CRE 15/12/2009 - 20

Votazioni :

PV 17/12/2009 - 7.3
CRE 17/12/2009 - 7.3
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :


Discussioni
Giovedì 17 dicembre 2009 - Strasburgo Edizione GU

7.3. Difesa del principio di sussidiarietà (votazione)
PV
 

Prima della votazione

 
  
MPphoto
 

  Martin Schulz (S&D).(DE) Signora Presidente, voglio riproporre il mio richiamo al regolamento.

(Tumulto)

Constato con piacere che non ho perso la capacità di risvegliare i colleghi – il che fa bene alla circolazione.

Ancora una volta, ai sensi dell’articolo 177, paragrafo 4, del regolamento, chiedo che la votazione sia rinviata per poter accertare nel frattempo la legittimità della risoluzione e della votazione.

 
  
MPphoto
 

  Manfred Weber (PPE). (DE) Signora Presidente, onorevoli colleghi, desidero anzitutto parlare dell’aspetto procedurale. Ricordo a tutti che abbiamo appena votato sulla relazione Cashman. Si tratta di una relazione preparata dal Parlamento mentre è in corso una procedura legislativa. I nostri servizi giuridici hanno affermato che non lo si può fare, ma i socialisti hanno insistito a introdurla. Mentre discutevamo della libertà di stampa in Italia e il commissario responsabile ci spiegava che l’Unione europea non ha alcuna competenza in materia, i socialisti continuavano a ritenere opportuno attaccare Berlusconi. Quando ai socialisti fa comodo, la competenza non c’è; quando sono interessate altre persone, allora la competenza c’è. Per tale motivo non dobbiamo cedere alla loro richiesta.

Il secondo aspetto è meritevole di una discussione seria. Siamo responsabili della convenzione sui diritti dell’uomo? Desidero ricordare ai colleghi che, dopo l’entrata in vigore del trattato di Lisbona, l’Unione europea diventerà parte firmataria della convenzione. Ciò significa che, se è legittimo che il parlamento italiano discuta di questo tema perché l’Italia ha sottoscritto la convenzione sui diritti dell’uomo, è altrettanto legittimo che se ne occupi anche il Parlamento europeo, dato che in futuro diventerà parte firmataria della medesima convenzione.

La mia terza e ultima osservazione è che noi non siamo avvocati, siamo politici. Questo giudizio interessa milioni di persone e pertanto dovremmo votarlo oggi.

(Applausi)

 
  
 

(La votazione è rinviata)

 
Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2010Avviso legale