Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 5 maggio 2010 - Bruxelles Edizione GU

18. Preparazione del vertice dei capi di Stato e di governo dell'area dell'euro del 7 maggio 2010 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca le dichiarazioni del Consiglio e della Commissione sulla preparazione del vertice dei capi di Stato e di governo dell’area dell’euro (7 maggio 2010).

 
  
MPphoto
 

  Diego López Garrido, Presidente in carica del Consiglio. – (ES) Signor Presidente, questa settimana, il 7 maggio, si terrà una riunione dei capi di Stato e di governo dell’eurozona e noi oggi discutiamo in seno al Parlamento europeo di questo importante incontro. L'obiettivo del vertice sarà quello di formalizzare l'accordo raggiunto sui prestiti alla Grecia, il pacchetto di sostegno finanziario alla Grecia per affrontare la grave situazione finanziaria di questo paese dell’eurozona, e di riflettere sulle lezioni che si possono trarre da questa situazione e da questi accordi in relazione al futuro dell’eurozona e dell'intera Unione europea.

Quello che i capi di Stato e di governo si accingono a fare, venerdì, è confermare la soluzione finanziaria che l'Unione europea ha offerto alla Grecia. In altre parole, sta per essere formalizzato l'impegno – che in questa fase è un impegno politico – preso in occasione della riunione dei capi di Stato e di governo dell'Unione europea in data 11 febbraio, un impegno volto a sostenere la Grecia nel risolvere la sua difficilissima situazione finanziaria.

Pertanto, quello che i capi di Stato e di governo si accingono a fare venerdì è presentare, stabilire e concordare le volontà degli altri 15 Stati membri dell’eurozona affinché la Grecia riceva questo aiuto, questi prestiti, una volta che il suo governo avrà adottato un rigoroso programma di misure economiche e finanziarie. Queste sono finalizzate ad assicurare la stabilità finanziaria della Grecia e la stabilità finanziaria dell’eurozona nel suo insieme, cosa che è stata concordata sul piano politico non solo per il caso della Grecia, ma è stato raggiunto un accordo politico in data 11 febbraio in una risoluzione da parte dei capi di Stato e di governo dell'Unione europea.

Si tratta di una decisione importante dal punto di vista politico e storico, in quanto essa si rivela essenziale per la credibilità dell’eurozona e per la credibilità esterna, in termini finanziari, dell'Unione intera. E’ importante per il risanamento di bilancio previsto dai trattati sull'Unione europea, per il consolidamento fiscale nell’eurozona e in tutta l'Unione nonché per il consolidamento di una ripresa economica efficace e duratura nell'Unione europea.

Oggi il Commissario Rehn, che è qui con noi, ha pubblicato le previsioni della Commissione per il 2010-2011, inviando un segnale di graduale ripresa economica per l'Unione europea. Le previsioni della Commissione confermano che la ripresa economica sta avendo luogo in seno all'Unione europea e che, dopo aver sperimentato la più grave recessione della sua storia, l'Unione europea, nel suo complesso, prevede una crescita dell'1 per cento nel 2010 – quest'anno – e dell’1,75 per cento nel 2011.

Pertanto, nell'Unione europea la recessione economica è terminata nel terzo trimestre dello scorso anno e la ripresa economica è iniziata. Il piano europeo di ripresa economica e le decisioni prese dagli Stati membri hanno fornito un evidente contributo a questa situazione iniettando, attraverso il piano, grandi quantità di denaro – provenienti dai bilanci degli Stati membri e dal bilancio dell'Unione – nelle economie dei vari paesi. Questo è uno dei motivi per cui, lo ripeto, dopo aver attraversato la peggiore recessione della nostra storia nell'Unione stiamo già assistendo alla ripresa economica.

Queste sono le previsioni della Commissione europea, e senza dubbio, la decisione di concedere un prestito alla Grecia fornisce un contributo decisivo per garantire che la ripresa economica nell’eurozona e in tutta l'Unione europea sia efficace e duratura.

Riteniamo che l'Unione europea abbia risposto bene alla situazione economica attuale, alla crisi finanziaria, facendo tutto quanto in suo potere per reagire. In particolare, riteniamo che essa abbia gestito bene la gravissima situazione finanziaria in Grecia, poiché l'Unione europea, negli ultimi mesi, ha sicuramente compiuto passi concreti in direzione di quello che abbiamo iniziato a descrivere come governance economica o governo economico dell'Unione. Sono stati compiuti progressi concreti. A volte possono esser apparsi lenti, troppo lenti, eppure dei passi in avanti sono stati comunque compiuti in un modo sicuro, determinato, che culminerà venerdì con la riunione dei capi di Stato e di governo dell'Unione europea.

Noi crediamo che la governance economica, il governo economico dell'Unione, debba avere fondamenta solide. La prima consiste nell’assumersi la responsabilità degli impegni presi, ad esempio quando viene firmato e ratificato un trattato sull'Unione europea. La seconda è la solidarietà, un principio che risiede al cuore dell'Unione europea e di tutte le sue politiche. Il terzo è il coordinamento del consolidamento fiscale, il coordinamento della rappresentanza esterna dell'Unione europea, ad esempio per i vertici del G20, e il coordinamento per la crescita e per l’uscita dalla crisi. Sono convinto che questo è quanto verrà detto nel documento che il Commissario Rehn sta preparando sull’argomento e che il 12 maggio presenterà alla Commissione.

Infine, vorrei dire che la governance economica dell'Unione che è in corso di creazione e di sviluppo, e per la quale si stanno gettando le fondamenta nell'Unione europea, necessita di strumenti efficaci e di un elemento di controllo. Sono certo che il documento che la Commissione europea sta preparando farà riferimento a questo aspetto. Abbiamo bisogno di qualità nelle finanze pubbliche, di una supervisione del sistema finanziario, di una vigilanza europea del sistema finanziario e, a questo proposito, vorrei invitare il Parlamento europeo ad adottare il prima possibile un pacchetto di vigilanza finanziaria. Tale pacchetto dovrebbe comprendere i regolamenti e le direttive che sono discusse qui e ora in Parlamento, e che saranno discusse nella commissione competente nei prossimi giorni per poi passare al vaglio della seduta plenaria.

Abbiamo altresì bisogno di meccanismi per prevenire le eventuali crisi nonché, come ho ricordato in precedenza, della capacità di parlare con una sola voce nella rappresentanza esterna dell'Unione, e in questo caso mi sto chiaramente riferendo ai vertici del G20. Penso che questi siano passi che ci condurranno verso un governo economico o una governance dell'Unione: gli aiuti e i prestiti alla Grecia ne fanno parte, e questa è la ragione per cui ritengo che l'Unione Europea stia andando nella giusta direzione e abbia consolidato questo percorso.

Sono certo che i capi di Stato e di governo adotteranno il pacchetto di aiuti finanziari per la Grecia, il che rappresenta sostanzialmente, come affermato nella dichiarazione dell’11 febbraio, un impegno per la stabilità finanziaria, per la stabilità economica dell’eurozona e di tutta l'Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel Barroso, presidente della Commissione. (EN) Signor Presidente, mi è stato chiesto di rilasciare una dichiarazione in Aula prima della riunione di venerdì con i capi di Stato e di governo dell’eurozona.

Lasciatemi prima esprimere il mio cordoglio per le famiglie delle vittime delle violenze di oggi ad Atene. Nelle nostre società democratiche essere in disaccordo e protestare è un diritto dei cittadini, ma nulla può giustificare il ricorso alla violenza.

Permettetemi di parlare del pacchetto di sostegno finanziario per la Grecia approvato domenica scorsa. Poi vi sottoporrò alcune delle mie opinioni su ciò che deve essere fatto per prevenire il ripetersi di una crisi di questo genere.

Per quanto riguarda la Grecia, è stato concordato con le autorità greche un programma pluriennale di risanamento di bilancio e di riforme strutturali, elaborato congiuntamente dalla Commissione, la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale.

Il governo greco ha presentato un pacchetto solido e credibile, che condurrà la sua economia lungo un percorso sostenibile e ripristinerà la fiducia. E’ importante che si prenda atto del coraggio dimostrato dal primo ministro Papandreou e dal suo governo.

La Grecia sosterrà sacrifici dolorosi, ma sappiamo tutti che non esistono alternative.

In cambio, a seguito della raccomandazione della Commissione e della Banca centrale europea, è stato attivato il meccanismo coordinato europeo per l'aiuto alla Grecia. Si tratta di un atto di solidarietà senza precedenti, che non ha eguali in tutto il mondo.

Tale intervento si rivelerà decisivo per aiutare la Grecia a riportare la sua economia sul binario giusto e per preservare la stabilità finanziaria dell’eurozona nel suo complesso.

Permettetemi di sottolineare che la Commissione ha fatto in modo che il meccanismo, pur essendo basato su prestiti bilaterali, avesse una dimensione europea. La Commissione è stata determinante per la sua istituzione e svolgerà un ruolo importante nella sua gestione e attuazione.

La Commissione svolge e svolgerà un ruolo centrale per valutare il rispetto delle condizioni del pacchetto da parte della Grecia. La Commissione intende anche gestire i prestiti bilaterali degli Stati membri.

Entro la fine della settimana avremo già raggiunto una massa critica di Stati membri che avranno completato il processo per fornire alla Grecia questi prestiti bilaterali. E’ mia ferma convinzione che l’impareggiabile sostegno finanziario erogato alla Grecia, pari a 110 miliardi di euro, e il programma di adeguamento rappresentino una risposta adeguata alla crisi greca. Non abbiamo motivo di dubitare che sarà attuato con fermezza sia dalla Grecia che dagli Stati membri dell’eurozona.

Questa analisi è condivisa da altri soggetti autorevoli. Ho notato, per esempio, la dichiarazione di sostegno dei passati, attuali e futuri presidenti dei ministri delle finanze del G20, pubblicata proprio ora. Purtroppo, non tutti gli operatori del mercato sembrano già convinti. Dobbiamo dire forte e chiaro che gli scettici hanno torto. Tra breve tornerò su questo argomento.

In occasione della riunione dei capi di Stato e di governo della zona euro di venerdì individueremo quello che dobbiamo fare, al di là di questo accordo, per trarre le giuste lezioni da questa situazione. La discussione costituirà ovviamente un punto di partenza, perché le decisioni devono essere discusse ulteriormente e, alla fine, concordate con tutti i 27 Stati membri, ovvero non solo gli Stati membri dell’eurozona ma anche tutti gli altri Stati membri dell'Unione europea. Vorrei affermare molto chiaramente: discutere e prendere decisioni in 27 è un punto di forza.

Mentre noi dobbiamo accelerare i nostri processi, è un dato di fatto che l'azione congiunta dei 27 – senza pari in tutto il mondo – costituisce la migliore base possibile per il nostro futuro comune in un mondo sempre più interconnesso.

Vedo due principali filoni di riflessione e di azione: in primo luogo la revisione delle regole di governance economica, tra cui il Patto di stabilità e crescita, e in secondo luogo la riforma dei mercati finanziari.

La Commissione ha lavorato intensamente alla governance economica ed è pronta a presentare, mercoledì prossimo, le proprie proposte su come migliorarla. Ci sono tre elementi principali da considerare. In primo luogo la responsabilità: dobbiamo rafforzare il Patto di stabilità e crescita e, soprattutto, il rispetto del Patto da parte degli Stati membri. L’opportunità di rafforzare sia il braccio preventivo che quello correttivo del Patto è evidente. Mi compiaccio che la maggior parte di coloro che hanno precedentemente messo in dubbio il Patto – o hanno addirittura suggerito di indebolirlo – ora riconosca la necessità di regole più severe e soprattutto di una loro rigorosa applicazione.

In secondo luogo, l'interdipendenza: siamo tutti sulla stessa barca. Penso che la crisi abbia dimostrato chiaramente che dobbiamo affrontare gli squilibri tra i nostri Stati membri, in particolare all'interno dell’eurozona, il che comprende le differenze nella competitività, in quanto questo è un elemento fondamentale che determina altri tipi di squilibri.

Ovviamente, ciò non può significare che alcuni debbano diventare meno competitivi in modo che altri lo sembrino di più. Siamo tutti in concorrenza sui mercati mondiali. Abbiamo bisogno di migliorare la nostra competitività globale in modo equilibrato, rafforzandoci reciprocamente. Credo anche che si debbano indagare le altre cause di squilibri. Per fare dei progressi, proporremo una maggiore sorveglianza e un maggiore coordinamento delle politiche economiche. Sono anche lieto di constatare adesso una maggiore apertura a tale proposito da parte degli Stati membri.

In terzo luogo, la coerenza: dobbiamo chiederci se il nostro sistema di regole fiscali sia completo. Io ritengo che creare un meccanismo permanente per affrontare situazioni di turbolenza potrebbe essere vantaggioso. Dopo tutto è meglio prevenire che curare.

Mi auguro che riusciremo a cogliere quest’opportunità, e conto sul vostro aiuto per varare tali riforme. Da un punto di vista politico credo che, per quanto riguarda l’integrazione europea, ci troviamo in uno di quei momenti in cui se non riusciremo a mandare avanti l'Europa ricadremo all’indietro. Non possiamo permetterci uno stallo. E’ un momento molto speciale quello che stiamo vivendo oggi in Europa, un momento in cui la nostra solidarietà, il nostro senso di responsabilità, sono messi alla prova ogni giorno. Spero che i leader dei nostri Stati membri possano rivelarsi all'altezza della situazione, non solo per aiutare gli altri ma per dimostrare la propria responsabilità nei confronti del nostro progetto europeo comune.

Queste riforme saranno introdotte nel contesto degli sforzi senza precedenti già in corso. E’ indiscutibile che simili deficit e livelli di debito in alcuni Stati membri devono essere corretti con determinazione e più rapidamente di quanto previsto prima della crisi.

Ma bisogna anche dire che non possiamo ignorare il fatto che il deterioramento di bilancio nel 2009 è stato in gran parte dovuto all’azione degli stabilizzatori automatici a fronte di un declino senza precedenti delle attività economiche, causato da una crisi finanziaria non originatasi in Europa. In altre parole, la situazione generale dell’eurozona è stata in gran parte il risultato di politiche antirecessive sostenute in tutto il mondo.

E’ sempre stato chiaro che in seguito la situazione avrebbe dovuto essere corretta, e la maggior parte dei membri dell’eurozona ha già intrapreso riforme audaci, ad esempio dei sistemi pensionistici. La responsabilità mostrata da parte dei governi deve essere accompagnata da quella degli operatori dei mercati finanziari. Ecco perché non è meno urgente continuare a fare in modo che il settore finanziario sia sostenibile e responsabile, e che sia al servizio dell'economia e dei suoi cittadini.

Bisogna tenere a mente che quanti operano sul mercato finanziario sono attori chiave nell’orientare il sentimento del mercato. La psicologia è importante anche nei mercati. La crisi finanziaria è nata da una visione a breve termine, pro-ciclica, e dalla mancanza di responsabilità. Questo è quello che dobbiamo correggere con urgenza.

Abbiamo bisogno di mercati europei dei servizi finanziari forti e stabili per consentire gli investimenti necessari alla crescita futura in linea con il progetto Europa 2020. Abbiamo bisogno di un comportamento responsabile da parte di tutti i nostri operatori di mercato. Abbiamo già fatto molto per quanto riguarda la riforma dei mercati finanziari. Conto su questo Parlamento per farlo capire a tutti.

Le istituzioni europee stanno agendo, e devono far vedere che agiscono insieme: Parlamento, Consiglio e Commissione. Abbiamo dato la priorità ai lavori sulla gestione responsabile dei rischi, su mercati dei derivati più sicuri, su una migliore vigilanza finanziaria e sulla garanzia che le banche detengano un capitale sufficiente a coprire i loro rischi reali. Questi lavori devono essere accelerati.

Nelle prossime settimane dovremo completare le riforme già avviate. Come ho detto al Parlamento solo due settimane fa, spero di vedere presto un importante passo avanti sulla nostra proposta per i fondi hedge e per il private equity.

Auspico inoltre un rapido accordo su un efficace nuovo regime europeo di vigilanza. Il comitato europeo per il rischio sistemico e le tre autorità di vigilanza dovrebbero iniziare a funzionare all'inizio del 2011.

Ma non devono rappresentare solo delle tigri di carta: abbiamo la comune responsabilità di garantire loro gli strumenti necessari per svolgere il proprio lavoro. Ciò include poteri decisionali vincolanti per affrontare le emergenze effettive, per applicare le regole europee - e insisto su regole europee e non solo norme nazionali - e per dirimere eventuali controversie nell'ambito dei collegi delle autorità di vigilanza nazionali. E’ ora di prendere queste decisioni e assicurarci che siano ambiziose.

Quest'anno sono in via di definizione altre proposte per migliorare la tutela dei risparmiatori e degli investitori, per rafforzare le misure contro gli abusi di mercato, per migliorare ulteriormente la qualità e la quantità del capitale bancario e per scoraggiare un eccessivo indebitamento.

Negli ultimi tre mesi, e paradossalmente ancora in questa settimana, la situazione sui mercati del debito sovrano ha portato alla luce nuove preoccupazioni. La Commissione sta già lavorando a una revisione radicale dei mercati dei derivati per aumentare la trasparenza e la sicurezza in questo settore. In una prima fase, presenteremo una legislazione volta a standardizzare i contratti derivati idonei, facendoli passare attraverso una compensazione con controparte centrale che sia adeguatamente regolamentata e sorvegliata. Ora stiamo valutando se intraprendere ulteriori misure specifiche per i mercati sovrani dei derivati.

La crisi ha portato ancora una volta in primo piano il ruolo delle agenzie di rating del credito. Queste agenzie hanno un ruolo centrale nel funzionamento dei mercati finanziari, ma le valutazioni sembrano essere troppo cicliche, troppo fondate sull'umore generale del mercato piuttosto che sui fondamentali a prescindere dal fatto che l'umore del mercato sia troppo ottimista o troppo pessimista. Dato le agenzie di rating hanno un ruolo così importante e influente sui mercati, spetta anche a loro una responsabilità particolare di garantire che le loro valutazioni siano realistiche e complete. Per questo motivo, nel 2008 la Commissione ha rapidamente presentato una nuova normativa su queste agenzie che entrerà in vigore nei prossimi mesi.

Queste regole garantiranno che le agenzie di rating del credito operino in maniera più trasparente, rendendo pubbliche le loro metodologie ed evitando i conflitti di interesse, ma dobbiamo andare anche oltre. Per rafforzare il controllo di questi soggetti di dimensione europea, la Commissione ritiene che dovrebbero essere posti sotto la diretta supervisione della futura autorità per la sicurezza dei mercati europei, e questo è esattamente ciò che intendiamo proporre.

Abbiamo anche avviato una riflessione sul fatto che potrebbero rendersi necessarie ulteriori misure per garantire in particolare un adeguato rating del debito sovrano. Dobbiamo fare ordine in casa nostra mentre incitiamo altri a fare lo stesso.

La Commissione farà tutto il possibile per garantire che i mercati finanziari non siano un parco giochi per la speculazione. Il libero mercato costituisce la base per il funzionamento di economie di successo, ma il libero mercato ha bisogno di regole e di rispetto, e le regole e il rispetto devono essere rafforzati se il comportamento irresponsabile mette in pericolo ciò che non può e non deve essere messo a rischio.

Il comportamento del mercato deve basarsi su un'analisi seria e obiettiva, e i servizi finanziari devono rendersi conto che essi sono esattamente questo: un servizio e non un fine in sé. Essi non devono distaccarsi dalla loro funzione economica e sociale. Infatti gli attori sul mercato finanziario sono rimasti in attività solo perché nella crisi finanziaria le autorità di regolamentazione e le istituzioni democratiche - in ultima analisi, i contribuenti - hanno stabilizzato i mercati.

Allora abbiamo agito rapidamente e, proprio per questa ragione, bisognerà agire rapidamente anche in futuro. Quindi il messaggio da questa riunione di venerdì dei capi di Stato dell’eurogruppo e di governo dovrà essere chiaro e lo sarà: faremo quanto è necessario, su tutti i fronti.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – Vorremmo unire la nostra voce al cordoglio espresso dal Presidente Barroso nel suo intervento. Gli eventi di cui il Presidente Barroso ha parlato hanno avuto luogo oggi in Grecia. Noi abbiamo grandi speranze che la situazione di stallo in Grecia possa essere superata. I recenti problemi di questo paese suscitano la preoccupazione e l'interesse di tutti i membri del Parlamento europeo.

 
  
MPphoto
 

  Joseph Daul, a nome del gruppo PPE. – (FR) Signor Presidente, onorevoli colleghi, in Europa stiamo attraversando un periodo particolarmente difficile, con la grave crisi in Grecia, le sue conseguenze per i cittadini e, come lei ha sottolineato, tragiche e drammatiche conseguenze, con i debiti che si accumulano nella maggior parte dei nostri Stati membri e con una risposta europea che non sempre si dimostra all'altezza delle nostre speranze, ma che almeno esiste.

E’ arrivato il momento che i cittadini europei traggano insegnamento da questi eventi e chiedano riforme radicali della governance europea. Riforme che garantiscano che i nostri Stati membri la smettano di prendere le decisioni per conto proprio senza consultare i partner - con i quali dopo tutto condividono una moneta, dei valori, e di conseguenza un destino comune - circa le loro priorità di bilancio, fiscali e sociali. Riforme della mentalità della gente, in modo che i nostri partiti, i nostri ministri, i nostri colleghi nazionali smettano di denigrare sistematicamente le decisioni prese in Europa, quando a tali decisioni hanno preso parte essi stessi.

Possiamo infatti continuare a chiedere la solidarietà dei nostri partner quando ci troviamo in difficoltà, e invece ignorarli totalmente quando le cose tornano normali? Possiamo continuare a sollecitare sostanziali aiuti da parte dei nostri partner senza essere in grado di garantire l’assoluta trasparenza nella presentazione dei conti pubblici? Infine, possiamo continuare ancora a sorprenderci del fatto che sia messa in discussione la nostra richiesta di solidarietà tra persone alcune delle quali lavorano circa 35 ore e vanno in pensione prima dei 60 anni, mentre altre lavorano 48 ore e vanno in pensione a 67 anni? Non credo. Al contrario, credo che sia giunto il momento di porre le vere domande e di fornire le vere risposte a quelle domande.

Per la maggior parte, nel mondo in cui viviamo quelle risposte non sono nazionali, ma europee. Quelle risposte non debbono servire a corteggiare l'opinione popolare, ma essere responsabili e ragionevoli. Quelle risposte sono la nostra responsabilità: dobbiamo fornirle senza esitazione, altrimenti ci saranno imposte più rapidamente di quanto pensiamo. I nostri popoli non solo potranno accusarci, a giusta ragione, di aver omesso di fare il nostro dovere, di aver omesso di dire loro la verità, ma dovranno anche fare i conti con decisioni che saranno ancora più dolorose di quelle che devono essere prese oggi. Dobbiamo sollecitare in modo esplicito un'Europa economica, un'Europa sociale e un’Europa fiscale, il che richiede misure molto concrete da parte dei nostri governi, sia di destra che di sinistra.

Questa richiesta sarà presa in considerazione dal Consiglio? Saremo in grado di garantire che esso si faccia sentire in modo forte e chiaro? Ho posto la domanda all’onorevole Verhofstadt, che ha una certa esperienza di questo Consiglio. Crede sia possibile avviare discussioni, insieme, in sede di Consiglio? Questo argomento sarà ripreso dalla Commissione? Io spero di sì, e la esorto vivamente, Presidente Barroso, a farlo: le chiedo, in quanto custode dei trattati, di garantire che le decisioni che prendiamo siano davvero applicate correttamente dagli Stati membri. Prendo atto, per quanto riguarda la direttiva servizi per esempio, che le cose sono ben lungi dall'essere così. Questa è un'occasione persa, in termini di crescita, e non potremo più consentire una cosa del genere.

Onorevoli colleghi, non sono un idealista. Non mi considero un ingenuo, ma credo che per l'Europa sia arrivato il momento della verità, e mi propongo di far fronte a queste sfide con coraggio, con senso di responsabilità, proprio come i padri fondatori dell'Europa, coloro che 60 anni fa non hanno esitato a prendere decisioni coraggiose e visionarie: Schuman, De Gasperi, Adenauer e gli altri. Dobbiamo seguire il loro esempio: loro non hanno aspettato, non hanno fatto un referendum. Hanno preso saldamente il coraggio politico per rispondere alle questioni cruciali che erano sorte.

Onorevoli colleghi, la crisi che stiamo attraversando potrebbe essere una buona cosa se avremo il coraggio di prendere le misure giuste, ma può essere molto grave se eviteremo le riforme necessarie. Abbiamo urgente bisogno di una governance economica e sociale, abbiamo urgente bisogno di un adeguamento delle norme in materia di tassazione. Infine, dobbiamo evitare la creazione di un divario artificiale tra gli Stati membri dell'Unione europea e gli altri. La solidarietà europea si applica a ciascuno dei 27 paesi. Chiedo a voi, membri del Consiglio, di vedere l'Europa per quella che realmente essa è. Vi invito ad effettuare studi su ciò che ci accadrebbe un domani se la Francia e gli altri paesi subissero le stesse difficoltà della Grecia. Che ne sarebbe del nostro euro? Che cosa saremmo in grado di fare per i nostri cittadini europei?

Grazie per la vostra attenzione. Condividiamo questa responsabilità, e il tempo non si fermerà per aspettarci.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. –Ho notato che uno dei nostri deputati, l'onorevole Madlener, ha chiesto di intervenire ai sensi della procedura di cartellino blu. Tuttavia l’ho già nella lista degli oratori. Ho qui come oratore l’onorevole Madlener. Le darò la parola tra pochi minuti. Le prometto che avrà modo di parlare.

 
  
MPphoto
 

  Maria Badia i Cutchet, a nome del gruppo S&D. – (ES) Signor Presidente, prima mi consenta di esprimere a nome del gruppo dell’Alleanza progressista dei Socialisti e dei Democratici al Parlamento europeo la nostra completa solidarietà con il popolo greco per i morti di oggi. Vorrei anche chiedere un ritorno alla calma e dire al popolo greco che siamo dalla sua parte e che ha il nostro sostegno negli sforzi che sta compiendo in questo processo lungo e difficile che deve affrontare.

Vorrei in particolare rivolgermi al primo ministro Papandreou, e incoraggiarlo nella fermezza e nel coraggio politico in tutto il duro lavoro che sta compiendo per salvare il futuro del suo paese.

Nei mesi e negli anni a venire ci auguriamo che l'Unione europea faccia tutto il possibile per sostenere i necessari processi di riforma. Non possiamo continuare a svolgere un semplice ruolo di monitoraggio. L'Unione europea deve svolgere un ruolo di riforma e di sostegno. Il successo del processo di trasformazione deve essere un successo comune per tutti in un'Europa unita, un successo che mira a un destino comune. Per raggiungere questo obiettivo dobbiamo fare in modo che siano adeguatamente mobilitati gli strumenti europei e fiscali, fornendo tutto l'aiuto e l'assistenza possibile in questo difficile periodo.

Inoltre, al di là della crisi greca, penso si possa concludere che le ultime settimane sono state molto illuminanti. Dobbiamo usare tutto quello che abbiamo imparato per rafforzare la governance economica e costruire un'Unione europea che non sia solo monetaria, ma anche veramente economica. Quanto era impensabile al tempo del presidente Delors è ormai inevitabile, e noi dobbiamo misurarci con le esigenze dei nostri tempi.

Per raggiungere tutti questi ambiziosi obiettivi dobbiamo prima imparare a lavorare insieme. Il Patto di stabilità e crescita è uno degli elementi che più ha dimostrato la necessità di un coordinamento delle nostre politiche economiche. Il coordinamento delle nostre politiche economiche deve essere attivo ed efficace, e concentrato su processi di crescita sostenibili e forti, condivisi da tutti e che garantiscano posti di lavoro. Ci auguriamo che a questo riguardo la Commissione europea presenti a breve delle proposte che vadano al di là di una semplice logica repressiva. Dobbiamo imparare a costruire e a crescere forti insieme.

Presidente Barroso, spero che lei abbia compreso l'urgente bisogno di sfruttare al massimo il ruolo che la Commissione può svolgere in questa fase.

In secondo luogo, dobbiamo dotarci dei meccanismi necessari per affrontare una crisi. È ormai giunto il momento che il Consiglio approvi l'istituzione di un meccanismo europeo di stabilità finanziaria, una proposta che è stata adottata in marzo dai primi ministri e dai leader del Partito dei socialisti europei. Dobbiamo condannare l'atteggiamento aggressivo e speculativo di alcuni agenti finanziari, ma dobbiamo anche capire che abbiamo progettato un sistema monetario che in tempi di crisi non è sufficiente.

In terzo luogo, dobbiamo sviluppare un nuovo concetto di solidarietà europea. O ci muoviamo verso un destino comune, oppure dobbiamo rassegnarci a soccombere alla dinamica negativa degli egoismi nazionali e della concorrenza distruttiva tra noi stessi. Non possiamo dire che vogliamo vivere insieme e al tempo stesso dire che, nella pratica, ognuno di noi vuole agire in modo indipendente. L'attuale crisi è un banco di prova, e dobbiamo comprenderne il pieno significato.

In quarto luogo, dobbiamo attribuire la dovuta importanza alla sfera finanziaria. Le settimane e i mesi a venire offriranno al Parlamento l'occasione di prendere posizione su di una serie di proposte legislative molto importanti, come quelle sui fondi hedge e sulla supervisione finanziaria.

Invito tutte le istituzioni a sostenerci in questo approccio responsabile, al fine di garantire che l'Europa stabilisca rapidamente un solido sistema di regolamentazione e monitoraggio. Speriamo che, lavorando insieme, sia possibile anche istituire una tassa sulle transazioni finanziarie in modo che le entità finanziarie apportino un giusto contributo allo sforzo economico che ognuno di noi deve sostenere.

Il futuro della Grecia dipenderà in gran parte alla crescita dei suoi vicini, cioè noi, in quanto suoi principali partner economici. Se non saremo in grado di affrontare le sfide già prefissate nella strategia 2020, se non saremo in grado di dare un contenuto al programma politico comune e se le nostre economie saranno condannate ad una lenta crescita, con scarse opportunità di occupazione, non ci sarà modo di prevenire ulteriori attacchi che potrebbero essere ancora più gravi e difficili da gestire.

Il futuro del nostro continente è in gioco. Il futuro dell'Europa dipende dalla nostra intelligenza, dalla nostra solidarietà e dalla nostra fermezza.

 
  
MPphoto
 

  Guy Verhofstadt, a nome del gruppo ALDE. – (FR) Signor Presidente, mi permetta di iniziare dicendo che mi auguro, al pari credo di tutti i miei colleghi e del presidente della Commissione, che il sistema che abbiamo messo in atto possa funzionare. Ho avuto i miei dubbi fin dall'inizio e ho criticato il sistema dei prestiti bilaterali, ma ciò non vuol dire che non spero che funzioni e che blocchi la speculazione nei confronti dell'euro.

Infatti, a poco a poco onorevoli colleghi si è creata una speculazione nei confronti dell'euro e un attacco contro l'euro, e non solo un attacco alla Grecia o un attacco collegato alla situazione delle finanze pubbliche in Grecia. Si tratta quindi di un qualcosa di molto più grave e di più esteso. Per parte mia mi auguro che questo sistema, una volta formalizzato il 7 maggio, sia in grado di conseguire pienamente il proprio obiettivo, per il semplice motivo che non abbiamo altro strumento. Noi non abbiamo altri strumenti. Pertanto, questo sistema deve funzionare, e deve essere sostenuto.

Tuttavia, è altresì importante - e questo è il mio secondo punto - comprendere chiaramente che in un prossimo futuro non sarà possibile ricorrervi ad ogni piè sospinto. Occorre mettere in atto il più presto possibile un meccanismo strutturale; forse non per i prossimi mesi, ma sicuramente per i prossimi anni, perché avremo di nuovo situazioni simili. Inoltre, se vogliamo avere accesso ad un meccanismo strutturale per il futuro, dobbiamo tenere a mente una cosa: bisogna imparare la lezione in base a quanto è avvenuto negli ultimi cinque mesi. Ci sono voluti cinque mesi per mettere in atto un meccanismo: tre mesi per deciderne il principio e poi due mesi per deciderne le condizioni. Perché? Perché questo è un sistema intergovernativo!

Ancora una volta, credo che la prima lezione da trarre per il futuro è che dobbiamo seguire la Commissione nel suo approccio comunitario. Infatti la Commissione aveva proposto un prestito europeo: esso avrebbe potuto essere approvato immediatamente in dicembre o in gennaio e oggi potrebbe già aver avuto un impatto e arrestare questa speculazione nei confronti dell'euro.

Mi auguro quindi che, il 7 maggio, la prima decisione, la prima lezione da trarre da quanto è accaduto negli ultimi cinque mesi sarà - nella speranza che funzioni - di chiedere alla Commissione di proporre un prestito europeo che possa fermare immediatamente la speculazione nei confronti dell'euro. Poiché tutta la credibilità e la liquidità dell'Unione europea si fondano su una simile proposta, cosa che non avviene nel caso di un sistema intergovernativo, nel quale 16 paesi devono approvare, 16 parlamenti devono, forse, dire sì, e così via.

Mi auguro inoltre - anche se il Commissario Rehn ha già iniziato a presentare delle proposte - che la seconda lezione che impareremo da tutto questo è che dobbiamo adottare una serie di riforme strutturali, vale a dire un capitolo preventivo nel Patto di stabilità e crescita, come proposto dal Commissario Rehn, un fondo monetario europeo, un meccanismo strutturale che possa essere utilizzato immediatamente e, in terzo luogo, una strategia 2020 che sia molto più robusta di quella che oggi abbiamo sulla carta.

Poi, abbiamo anche bisogno di una riforma per quanto riguarda le agenzie di rating, anche se queste ultime sono come le previsioni del tempo: o sono troppo flessibili e vogliamo che siano leggermente più coerenti, oppure sono troppo rigide e vogliamo che siano leggermente più flessibili. Tuttavia, è sicuramente una buona idea prendere in esame un’iniziativa a livello europeo.

Infine, e questo è il mio ultimo punto signor Presidente, chiedo alla Presidenza spagnola di accettare molto rapidamente la supervisione finanziaria. Mi dispiace, onorevole López Garrido, non siamo noi a dover essere rimproverati ma il Consiglio! Non ho forse ragione nel ritenere che è stato il Consiglio a modificare le proposte della Commissione? Ci sono state anche alcune proposte della Commissione che ho criticato, ma andavano ben oltre quelle del Consiglio. Siamo noi che per il momento stiamo rifacendo il lavoro della Commissione, e ho una proposta utile da sottoporvi.

Se desiderate che la vigilanza finanziaria e le proposte siano applicare entro un mese, allora approvate subito, insieme al Consiglio e all’Ecofin, gli emendamenti che il Parlamento vi sottoporrà nei prossimi giorni. Ci vorrà pochissimo tempo per approvarle, e la vigilanza finanziaria potrà essere applicata. Spero che sarete in grado di inoltrare queste informazioni ai vostri colleghi dell’Ecofin che, nella loro proposta, hanno semplicemente delineato un sistema per evitare il controllo finanziario istituito dalla Commissione.

 
  
MPphoto
 

  Daniel Cohn-Bendit, a nome del gruppo Verts/ALE. – (FR) Signor Presidente, onorevoli colleghi, ho intenzione di continuare in qualche modo sulla falsariga del discorso dell’onorevole Verhofstadt. E’ chiaro che siamo andati alla deriva per quattro mesi. E’ chiaro che abbiamo commesso degli errori. E’ chiaro che, andando alla deriva, abbiamo dato impulso ai mercati e alla speculazione. Quei membri del Consiglio che ne sono responsabili dovrebbero almeno ammetterlo! Dovrebbero dire: “Siamo colpevoli! Siamo noi! E’ colpa nostra!” Il cancelliere Merkel, il presidente Sarkozy, non so a cosa siano chiamati o che cosa facciano nella vita, ma tutti possono leggerlo sui giornali: è necessario prendere subito provvedimenti. Questo è il mio primo punto.

In secondo luogo, vorrei almeno che si capisse una cosa, e cioè che il compito del governo Papandreou è quasi impossibile. Invito l’Ecofin, i capi di Stato e di governo, a rendersi conto che i loro paesi non sono in grado di attuare le riforme. Di quanto tempo ha bisogno la Francia per riformare le pensioni? Di quanto tempo ha bisogno la Germania per sviluppare le pensioni? Ora, al presidente Papandreou si chiede di cambiare tutto in tre mesi. Siete completamente pazzi.

Gli eventi in corso in Grecia lo dimostrano. Alla Grecia - anzi, al presidente Papandreou - non viene dato il tempo di raggiungere un consenso. Nessuno si identifica con lo Stato in Grecia. La politica è quella di fare ognuno per sé, il che è deplorevole, e di questa situazione sono responsabili anche decenni di corruzione politica in Grecia. Ma ciò che deve essere creato è la coesione. Deve essere creata, non può essere decretata!

Voi in Spagna vedrete che cosa accadrà se ci saranno dei problemi, e in Portogallo vedranno cosa succederà in caso di problemi. Il presidente Barroso ne sa qualcosa, da quando ha perso le elezioni in questo modo. Pertanto - no, non ha mai perso un'elezione - quello che voglio dire è che dobbiamo avere un senso di responsabilità e che non dobbiamo chiedere l'impossibile. Ho l'impressione che, un tempo, la gente avrebbe detto, la gente avrebbe sentito: “Rivoglio i miei soldi”. Ora ho l'impressione che, a livello governativo, si tratti di un caso di: “Voglio fare soldi a spese della Grecia”. Poiché anche questo è il problema: prendere a prestito all’1,5 o al 3 per cento e prestare alla Grecia al 3, al 5 o al 6 per cento, vuol dire far soldi a spese della Grecia. Questo è inaccettabile!

Inoltre, l'Europa può prendere delle iniziative. L’onorevole Verhofstadt ha ragione quando parla di un fondo monetario europeo, di un fondo di investimento e di solidarietà per raccogliere un prestito europeo. I trattati devono essere modificati. Ebbene, onorevoli colleghi, in questo Parlamento abbiamo l'opportunità di prendere l'iniziativa per una modifica dei trattati. Non aspettiamo il Consiglio: è incapace di prendere una decisione. Prendiamo l'iniziativa, una iniziativa comune da parte di questo Parlamento per modificare i trattati, in modo che finalmente si crei un fondo monetario europeo che possa davvero combattere la speculazione. Yes, we can, sì, possiamo farlo. Facciamolo.

Ora, vorrei dire qualcosa sul modo in cui in Grecia vengono gestiti gli eventi. Invito la Commissione a coinvolgere la direzione generale per l'occupazione negli sforzi di gestione in modo che si possa valutare anche quanto sta accadendo in Grecia. Chiedo al Consiglio di dire al Fondo monetario internazionale di coinvolgere l’Organizzazione internazionale del lavoro nella gestione degli eventi in Grecia, perché è di esseri umani che stiamo parlando. Ci sono problemi di occupazione, ci sono dei lavoratori. Io credo che non debba essere solo la finanza a dettare le regole, ma anche la sicurezza e l’ILO, o la direzione generale per l’occupazione. Quest'ultima dovrebbe contrastare la follia che caratterizza a volte coloro che prendono decisioni sulla base di considerazioni puramente finanziarie.

Sollevo un’ultima questione. C'è un modo per puntellare il bilancio greco, ed è semplice: l'Unione europea dovrebbe prendere un'iniziativa volta al disarmo nella regione. In altre parole, un’iniziativa politica tra la Grecia e la Turchia che punti al disarmo. In altre parole, un’iniziativa politica perché le truppe russe... le truppe greche... le truppe turche - scusatemi - si possano ritirare dalla parte settentrionale di Cipro. Consentitegli di disarmare. Dirò una cosa: nondimeno vi è dell’ipocrisia. Negli ultimi mesi la Francia ha venduto sei fregate alla Grecia per 2,5 miliardi di euro, elicotteri per oltre 400 milioni di euro, e alcuni jet Rafale (un jet Rafale costa 100 milioni di euro). Purtroppo, però, i miei sforzi di spionaggio non mi permettono di dire se si sia trattato di 10, 20 o 30 jet Rafale. Con ciò si arriva a quasi 3 miliardi di euro. Poi c'è la Germania, che negli ultimi mesi ha venduto sei sommergibili alla Grecia da consegnare nei prossimi anni. Il che vuol dire 1 miliardo di euro.

Ma questo è completamente ipocrita. Stiamo dando loro del denaro per comprare armi. Chiedo alla Commissione di fornire un resoconto qui, nel Parlamento europeo e in Consiglio, riguardo a tutte le armi vendute dagli europei alla Grecia e alla Turchia nel corso degli ultimi anni. Che ci sia almeno una certa trasparenza. Fateci sapere! Beh, vi dico che, se vogliamo agire in maniera responsabile, dobbiamo garantire alla Grecia la sua integrità territoriale: la Grecia ha 100 000 soldati, più di 100 000! La Germania ne ha 200 000. Questo è completamente assurdo: un paese con 11 milioni di abitanti ha 100 000 soldati! Chiediamolo alla Grecia. Può anche essere più efficace che non tagliare i salari di chi guadagna 1 000 euro. Questa è la mia richiesta alla Commissione: siate un po’ più corretti.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Derk Jan Eppink, a nome del gruppo ECR. – (NL) Signor Presidente, come anti-rivoluzionario nato parlerò con meno passione dell’onorevole Cohn-Bendit, ma adesso capisco perché per lui il 1968 è stato un successo: io ho potuto solo seguire gli eventi in televisione perché allora ero un bambino.

Onorevoli colleghi, condivido la preoccupazione dei cittadini europei sugli attuali sviluppi. I risparmiatori e i pensionati, per esempio, si stanno chiedendo dove andremo a finire. Il dubbio e la preoccupazione sono entrambi legittimi. Un pacchetto di 110 miliardi di euro è una somma di denaro enorme.

Prima abbiamo parlato di circa 35 miliardi di euro, poi di 60, e ora di 110 miliardi. E’ una somma enorme, come lo sono anche le misure di austerità in Grecia, ma non dobbiamo dimenticare che questo paese ha vissuto a credito per troppo tempo, con una età pensionabile di 53 anni. Chi non lo vorrebbe? La questione è se la Grecia uscirà o meno dal tunnel. Assistiamo oggi a scioperi, ribellioni, disordini e così via. Questo rende il problema greco un problema europeo, il nostro problema.

Il problema di Atene, onorevole Cohn-Bendit, riguarda gli olandesi, i fiamminghi, i tedeschi, insomma tutti noi, e il rischio di contaminazione rimane. Ritengo che la Grecia avrebbe dovuto essere messa fuori dall’eurozona una volta scoperte le appropriazioni indebite dal bilancio. Avremmo dovuto impostare un valore di soglia, ma non siamo riusciti a farlo e adesso dobbiamo continuare e sperare contro ogni speranza di successo.

Dobbiamo anche riscrivere le regole del Patto di stabilità e di crescita. Esso non fornisce né stabilità né, allo stato attuale, crescita economica. A mio parere, la vigilanza deve essere rafforzata, la Commissione europea deve mostrare più coraggio, e ci deve essere maggiore controllo sul rispetto delle regole. Negli ultimi anni tutto questo è mancato.

A mio avviso, però, abbiamo anche bisogno di una procedura di uscita per i paesi che non sono più in grado di sostenere l’eurozona. Abbiamo una procedura di uscita dall'Unione europea, ma non dall’eurozona, e credo si tratti di un’opzione necessaria, in modo da consentire che un paese possa reintrodurre e svalutare la propria moneta per riguadagnare la terraferma. Perché c'è una procedura di uscita dall’Unione europea stessa, attraverso il trattato di Lisbona, ma non dall’eurozona?

Il Commissario Rehn mi ha detto l'ultima volta che l’uscita di un paese dall’eurozona sarebbe in contrasto con il processo di convergenza dell'Unione, ma attualmente la Grecia sta rivelando i limiti di questa menzogna di un'unione sempre più stretta. Improvvisamente abbiamo un euro debole e un basso tasso di crescita. Onorevoli colleghi, siamo ostaggio della teoria di un'unione sempre più stretta. Stiamo tenendo in ostaggio i contribuenti europei, e questi contribuenti stanno diventando sempre più scontenti ogni giorno che passa: non bisogna dimenticarlo.

 
  
MPphoto
 

  Lothar Bisky, a nome del gruppo GUE/NGL. – (DE) Signor Presidente, onorevoli colleghi, ovviamente dobbiamo fornire assistenza alla Grecia. Ma l'operazione di cosiddetto salvataggio contiene anche alcuni elementi assurdi. Con la Francia e la Germania che si comportano come grandi potenze, il processo di raggiungimento di una decisione sul pacchetto di aiuti si è rivelato molto costoso e lungo.

Per anni, i mercati finanziari sono stati sempre più deregolamentati e ora tutti si sorprendono del fatto che ciò ha costi elevati. Chi pagherà ora il prezzo per gli errori politici? I lavoratori, i cittadini comuni? Le banche non sono vincolate ad alcun obbligo. No, ancora una volta sono i contribuenti a dover pagare il conto e frugarsi nelle tasche per pagare i profitti delle banche. Ancora una volta, i lavoratori dipendenti devono accettare dei tagli. Con i dettami del Fondo monetario internazionale, ogni parvenza di un processo decisionale democratico è stata eliminata.

Nel caso della fuoriuscita di petrolio nel golfo del Messico è stata chiesta l'applicazione del principio “chi inquina paga”. Io credo che sia giusto. Chi scava soldi o oro dovrebbe essere responsabile anche per i danni nei casi dubbi. Al momento, almeno in Germania, le banche non devono nemmeno ripagare i debiti che hanno assunto e con cui speculano allegramente contro l'euro - sì, nei confronti dell'euro. Inoltre, continuano ancora a speculare, anche se da tempo noi diciamo che deve essere preso qualche provvedimento a questo riguardo.

Le proposte sui provvedimenti da prendere sono sul tavolo. Un divieto dei derivati sui crediti commerciali e sulle vendite allo scoperto, l'introduzione di una tassa sulle transazioni dei mercati finanziari, prelievi speciali sui bonus nel settore finanziario, un prelievo obbligatorio su banche e assicurazioni: tutte queste proposte sono state presentate. Naturalmente, anche la Grecia deve fare la sua parte. Come gli altri paesi dell'Unione europea, anche la Grecia dovrebbe tassare i patrimoni, combattere la corruzione e ridurre la sua spesa per gli armamenti. L’onorevole Cohn-Bendit ha già parlato in maniera molto convincente di questo. Eviterò quindi di ripetere i fatti a questo riguardo e associarmi a quanto egli ha detto nel suo discorso.

Riesco a capire la gente di Atene che scende in strada a protestare. Quello che non riesco a capire è la violenza. Sono d'accordo con tutti coloro che hanno espresso cordoglio per le vittime, la cui sofferenza è estremamente deplorevole. La violenza ottiene l'opposto di quanto vogliono i protestanti e gli onesti manifestanti. Dobbiamo chiedere la fine delle violenze.

 
  
MPphoto
 

  Nikolaos Salavrakos, a nome del gruppo EFD. – (EL) Signor Presidente, la ringrazio molto. Stiamo cercando di mettere in ordine i conti ed è un fatto ben noto che, quando i conti sono in ordine, la gente non è felice. Abbiamo bisogno di trovare un equilibrio, dobbiamo far quadrare i conti e dobbiamo far contenta la gente.

Come risultato di questo comportamento non ortodosso, la Grecia è in lutto per le tre vittime di oggi, la morte di tre lavoratori a seguito di violente proteste da parte di altri lavoratori. Oggi, in tutta Europa la crisi economica che ci è venuta dall'altra parte dell'Atlantico, e che tende qui ad avere effetti peggiori, produce disprezzo per la politica e i politici.

In Grecia, la base della società è molto mal disposta verso i politici: ci sono 300 membri del parlamento in Grecia e io ho sentito la voce della società greca affermare “impiccateli tutti e 300”. Questi sono tempi pericolosi. Ho letto le stesse cose e quasi lo stesso disprezzo per la politica in altri Stati membri dell'Unione europea; lo sappiamo tutti, come sappiamo tutti che abbiamo bisogno di mantenere la democrazia.

In queste condizioni e con questi pensieri in mente, visto che non il tempo di approfondire, quello che voglio sottolineare è che i leader di domani dovranno muoversi più rapidamente e in direzione di una soluzione più permanente per più Stati. La Grecia è uno di loro, è la punta dell’iceberg. Ma ci sono anche altri Stati membri, sia all'interno che all'esterno dell’eurozona, con problemi economici che sono destinati a peggiorare nei prossimi mesi.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. − Onorevole Salavrakos, non l'ho interrotta perché lei è greco e le sue parole sono molto importanti per tutti noi.

 
  
MPphoto
 

  Barry Madlener (NI).(NL) Signor Presidente, mi rivolgo in particolare all’onorevole Verhofstadt, all'onorevole Daul e all’onorevole Schulz, che non è qui in questo momento, ma mi rivolgo al suo gruppo dell'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento europeo. E’ su di loro che ricade in parte la responsabilità dei problemi. Dicono che è necessaria la solidarietà. Permettetemi di ricordare che per anni la Grecia è stato il maggiore beneficiario netto dei fondi europei. Ciò ha portato lo scompiglio nel paese, e voi siete stati anche troppo disposti a farvi prendere in giro, poiché siete tutti così europeisti e spingete talmente per l’allargamento dell’Europa al punto di cessare del tutto di essere critici, e ora non ci resta che tenerci i cocci.

Non so se vi ricordate che la Spagna, che sarà il prossimo paese sulla lista, ha legalizzato due milioni di immigrati illegali negli ultimi 15 anni. Avete tutti ritenuto che fosse una gran cosa, ma ora la Spagna ha il 20 per cento di disoccupazione e si trova in grande difficoltà, come anche il Portogallo. Questi sono tutti i paesi con governi socialisti che avete sostenuto per anni con i fondi europei e che hanno fatto un gran pasticcio vivendo al di là delle proprie possibilità. Anno dopo anno siete stati a guardare, anno dopo anno l’avete approvato, e ora noi cittadini ci troviamo a doverne pagare il prezzo. Dovreste veramente vergognarvi.

L'unica soluzione, che qui non ho sentito menzionare da nessuno, è che ora dobbiamo essere duri con la Grecia. Il paese deve reintrodurre la dracma, poiché la sua appartenenza all’eurozona è insostenibile. Se la Spagna è il prossimo paese, reintroduca semplicemente la peseta, e lo stesso faccia il Portogallo con l’escudo, e allora saranno in grado di competere di nuovo. Questa Europa è difettosa, e i cittadini europei del nord ben presto si rifiuteranno di pagare ancora per i vostri errori e per il lassismo dei governi socialisti in questi paesi. Dopo tutto, lo ribadisco, Grecia, Spagna e Portogallo - tutti i paesi socialisti - hanno ricevuto fondi dell'Unione europea. L'immigrazione è fuori controllo e voi vi siete limitati ad assistere senza fare niente.

 
  
MPphoto
 

  Stavros Lambrinidis (S&D).(EL) La ringrazio signor Presidente. Vorrei commentare una cosa che l'onorevole Salavrakos ha detto prima sulle tre persone, i tre operai che oggi ad Atene sono stati uccisi da tre altri lavoratori. Non c'è assolutamente alcuna giustificazione per questo fatto. Queste persone sono state uccise da assassini, da criminali. Oggi ad Atene i lavoratori hanno tenuto una grande manifestazione di pace. Non hanno ucciso nessuno. Poco fa i veri criminali sono stati condannati dal primo ministro Papandreou, e da tutti i partiti politici in parlamento. E’ un grave errore ed è pericoloso confondere proteste pacifiche e atti criminali come quelli commessi ad Atene. Sono stati condannati da tutti: non parlano a nome dei lavoratori greci e non esprimono il convincimento comune che, se restiamo uniti come nazione, condurremo il Paese fuori dalla crisi.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. –Non vorrei essere coinvolto in una discussione su questo punto. Tuttavia mi permetto di dire che tutti noi in quest'aula, tutti i membri del Parlamento europeo, e sono certo che questo include anche il presidente della Commissione e il Presidente López Garrido a nome del Consiglio, desideriamo esprimere ancora una volta la massima solidarietà alla nazione greca. Sono nostri amici, e sappiamo quale grande responsabilità ricada su entrambe le parti del conflitto che si sta svolgendo in Grecia. E’ una responsabilità enorme.

Vorrei dire a voi tutti che anch'io ho sperimentato questa responsabilità, e che l’ho vissuta da entrambi i lati. Sono stato membro di un sindacato e un attivista, e per molti anni sono stato molto attivo. Sono stato anche capo di un governo, e capisco bene la situazione difficile che esiste oggi in Grecia. Noi tutti vogliamo essere solidali ed esprimere le nostre più sentite condoglianze, soprattutto alle famiglie e agli amici delle vittime. E’ naturale che noi desideriamo farlo, e riteniamo sia nostro dovere nel Parlamento europeo. Vi ringrazio per il dibattito responsabile che abbiamo tenuto oggi in quest'Aula.

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Ci troviamo in una grave situazione. Vi è una evidente mancanza di solidarietà dei leader dell'Unione europea, della Germania in particolare, per quanto riguarda l'accordo sulla situazione della Grecia. Soprattutto, stanno prendendo il controllo politico del paese, costringendo i greci a regredire di decenni in termini sociali. Questo mette in discussione tutti i principi di coesione sociale ed economica, di convergenza, di solidarietà e il cosiddetto modello sociale europeo che i leader hanno sempre proclamato.

Come è ben dimostrato dalla lotta dei lavoratori e delle classi lavoratrici in Grecia, è inammissibile chiedere al governo greco di mettere in pericolo i loro diritti fondamentali. Questo viene imposto in cambio di un prestito ad un tasso di interesse superiore a quello dello stesso Fondo monetario internazionale. Sembra che non ci sono limiti per i leader dell’eurozona. Essi guadagnano sulla fragilità della Grecia, e ora stanno imponendo la loro posizione imperiale di dominio assoluto sulle politiche interne del paese in cambio di un prestito dal quale incasseranno anche gli interessi.

Questa decisione deve essere cambiata al prossimo vertice. I leader devono optare per una sovvenzione non rimborsabile dal bilancio dell'Unione, o come intervento straordinario o finanziata dai futuri bilanci dell'Unione. I paesi più ricchi dell’eurozona devono adottare una volta per tutte il principio di coesione economica e sociale.

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. DURANT
Vicepresidente

 
Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2010Avviso legale