Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/2915(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

B7-0582/2010

Discussioni :

PV 21/10/2010 - 3
CRE 21/10/2010 - 3

Votazioni :

PV 21/10/2010 - 7.9
CRE 21/10/2010 - 7.9

Testi approvati :

P7_TA(2010)0385

Discussioni
Giovedì 21 ottobre 2010 - Strasburgo Edizione GU

3. Riforme attuate e sviluppi nella Repubblica di Moldova (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Presidente. − L'ordine del giorno reca la dichiarazione della Commissione sulle riforme attuate e gli sviluppi nella Repubblica di Moldova.

 
  
MPphoto
 

  Štefan Füle, membro della Commissione. (EN) Signor Presidente, se consideriamo le relazioni tra Unione europea e Moldova, credo sia evidente che sono stati fatti notevoli progressi a tempo di record, seppure sul piano interno questo paese debba ancora affrontare numerose questioni importanti.

Il referendum del 5 settembre doveva servire a sbloccare lo stallo politico, fissando nuove regole per l'elezione del Presidente, ma purtroppo è fallito. Ci si chiedeva se questa consultazione elettorale avrebbe rispettato gli standard democratici e di fatto, gli osservatori internazionali ne hanno confermato l'effettiva conformità. È un segnale incoraggiante.

Le elezioni del 28 novembre sono altrettanto importanti per il consolidamento della democrazia nel paese. A tal fine, continueremo a inviare messaggi con fermezza a tutte le parti interessate. Dopo le elezioni, tutte le forze politiche saranno chiamate a lavorare insieme, sia per eleggere il Presidente, sia per formare un governo capace di guidare il paese attraverso un delicato percorso di riforme.

Intendiamo, al contempo, riconfermare il nostro sostegno alle riforme strutturali introdotte dal governo moldovo, e, a questo proposito, vorrei portare alla vostra attenzione una serie di elementi.

L'Unione europea rappresenta non solo il principale donatore della Moldova, ma a marzo è riuscita anche a mobilitare una quarantina di altri donatori disposti a sostenere le riforme in atto nel paese con lo stanziamento di ben 1,9 miliardi di euro per il triennio 2010-2013, incluso anche il nostro impegno di 550 milioni di euro.

In questi ultimi mesi abbiamo risposto tempestivamente a una serie di necessità specifiche sollevate dal governo: abbiamo fornito consulenza politica di alto livello ai ministri, abbiamo sostenuto la democratizzazione di alcuni ambiti legati allo stato di diritto, abbiamo contribuito a organizzare le consultazioni elettorali, è stata affrontata l'emergenza delle inondazioni dell'estate scorsa e sono migliorate le prospettive per l'esportazione dei vini moldovi.

Accanto al governo moldovo, ci siamo impegnati attivamente nei confronti degli abitanti della Transnistria con progetti su piccola scala, focalizzati principalmente sul sociale. L'anno prossimo partirà il programma globale di potenziamento istituzionale previsto dal Partenariato orientale.

Questa iniziativa intende aiutare la Moldova a prepararsi ad attuare l'accordo di associazione attualmente in corso di negoziazione. L'ultima tornata a Chişinău, il 13 e 14 ottobre, ha dimostrato ancora una volta che le trattative stanno facendo progressi in tempi rapidissimi.

La nostra assistenza è arrivata anche sotto forma di trasferimenti diretti al bilancio moldovo. Dall'ultimo trimestre 2009, sono stati infatti spesi 37 milioni di euro sotto forma di sostegno al bilancio settoriale e altri 15 milioni saranno trasferiti a breve. Di questa cifra, circa 8,5 milioni di euro sono stati stanziati direttamente a favore delle fasce più povere della popolazione. Ora che il Presidente Buzek ha sottoscritto la relativa decisione legislativa, prevediamo saranno disponibili a breve i 40 milioni di euro della prima tranche di assistenza macrofinanziaria.

Con questo stesso spirito, porteremo avanti anche la fitta agenda di contatti politici e scambi tecnici. Tra qualche giorno incontrerò a Lussemburgo il Primo ministro Filat e a novembre il sottocommissione commerciale UE-Moldova esaminerà la risposta del paese alle principali raccomandazioni formulate dalla Commissione, in vista dei negoziati per una profonda e ampia area di libero scambio.

Abbiamo inoltre avviato con la Moldova un dialogo dedicato sui diritti umani e sull'energia ed è in corso di elaborazione un accordo sui servizi dell'aviazione civile. Gli esiti del dialogo sui visti avviato a giugno sono stati portati avanti in maniera concreta e lunedì prossimo, sulla base dei risultati delle missioni di informazione condotte a settembre da esperti indipendenti, il Consiglio "Affari esteri" dovrebbe pubblicare le proprie conclusioni sulla questione.

 
  
MPphoto
 

  Monica Luisa Macovei, a nome del gruppo PPE.(RO) Lo scopo di questa discussione è constatare le riforme attuate dalla Repubblica di Moldova durante l'ultimo anno e i progressi conseguiti verso il raggiungimento dell'integrazione europea.

Questo paese è sull'agenda dell'Unione europea da un anno perché ha rispettato i propri impegni e vorrei ricordarne alcuni: è stato predisposto un piano che prevede misure prioritarie da attuare in ambiti centrali di riforma, nonché un programma di riforme in materia di giustizia, ed entrambi i progetti sono già stati avviati. È stato avviato il dialogo sui diritti umani e a settembre il parlamento moldavo ha ratificato lo Statuto della Corte penale internazionale. Sono in corso intense trattative sull'accordo di associazione, con ottimi risultati. È passato appena un anno, ma quanti hanno contribuito ad avviare il processo garantiscono che non si arresterà.

La Repubblica di Moldova è lo Stato che ha conseguito i maggiori progressi all'interno del Partenariato orientale dell'UE; chiedo pertanto al Consiglio di valutarlo individualmente, sulla base dei propri meriti. Progresso significa volontà politica, impegno e dedizione, che meritano di essere riconosciuti. Abbiamo premiato i Balcani occidentali per le misure attuate; facciamo dunque lo stesso anche per la Repubblica di Moldova.

Nell'ambito del dialogo sui visti, la Moldova ha fatto notevoli progressi in tutte e quattro le aree. Chiedo quindi al Consiglio di invitare la Commissione, durante la prossima tornata del 25 ottobre, a stilare un piano di azione, affinché i cittadini della Repubblica di Moldova possano spostarsi senza più bisogno di ottenere il visto. Il contatto diretto tra i popoli vale ben più di qualsiasi dichiarazione.

Per quanto riguarda la Transnistria, trovare una soluzione è essenziale per la stabilità politica ed economica della Repubblica di Moldova e di questa regione. L'Unione europea deve assumersi un ruolo più forte a livello politico e dobbiamo partecipare a progetti congiunti in grado di produrre cambiamenti concreti per i cittadini.

Il processo di integrazione europea ha contribuito a costruire la democrazia e la libertà a ritmi mai visti prima nella storia europea. Pensiamo ad esempio a quanto è cambiata la situazione nell'Europa centrale ed orientale negli ultimi vent'anni. Anche i Balcani occidentali hanno finalmente trovato la pace e hanno lanciato una serie di riforme. Adoperiamoci perché anche la Repubblica di Moldova possa godere della stessa situazione.

 
  
MPphoto
 

  Adrian Severin, a nome del gruppo S&D. (EN) Signor Presidente, la Repubblica di Moldova ha un'unica possibilità tra la "transnistrializzazione" e l'"europeizzazione", ossia tra un passato oligarchico di stampo sovietico e un futuro di sicurezza, prosperità e giustizia sociale.

Lo sviluppo della Moldova finora è stato influenzato negativamente dall'instabilità della politica interna. Il principale problema del paese non è legato tanto alle sfide esterne che deve affrontare, quanto alle divisioni interne tra le forze politiche. È questa divisione politica interna che non ha concesso alla coalizione di governo il tempo necessario per attuare le opzioni pro-europee. La Moldova si trova ora a un punto di svolta; queste elezioni anticipate dovrebbero condurre il paese verso un futuro di modernizzazione secondo gli standard europei.

Invitiamo quindi tutte le forze politiche della Moldova che stanno proponendo un futuro di modernizzazione europea per il paese ad evitare protagonismi o tensioni superflui e a concentrarsi su una visione ampia, che porti il paese a centrare i suoi obiettivi europei.

 
  
MPphoto
 

  Graham Watson, a nome del gruppo ALDE. (EN) Signor Presidente, diciotto mesi fa questo Parlamento assisteva attonito ai violenti avvenimenti di Chişinău. Poche settimane dopo, con grandissimo piacere accoglievamo in quest'Aula i leader dei partiti politici democratici moldovi che avevano appena imboccato una nuova strada e condividevamo l'entusiasmo dei cittadini di questo paese per un nuovo futuro.

Da allora, abbiamo potuto constatare con soddisfazione i progressi compiuti dalla Moldova. Resta ancora molto da fare, non ultimo assicurare alla giustizia i responsabili di quelle violenze, ma se alle elezioni del mese prossimo sarà riconfermata l'attuale coalizione, vi sono buone probabilità che, nonostante la recessione economica, il paese porti a compimento la propria trasformazione.

Il filosofo inglese Francesco Bacone sosteneva che la speranza è buona come prima colazione, ma è una pessima cena. I partiti moldovi al governo dovrebbero sapere che l'attuazione delle riforme deve necessariamente passare per gli atti giuridici che le consentono. Il tempo non è nostro alleato: c'è molto da fare e occorre agire in fretta.

A nome del mio gruppo vorrei ringraziare il Commissario Füle e i suoi servizi per l'assistenza prestata alla Moldova. Guardiamo con soddisfazione all'istituzione degli "Amici della Moldova" e al riuscito incontro tra paesi europei, con lo scopo di consentire alla Moldova di fare progressi. L'Unione europea è impegnata al massimo affinché questo paese possa lasciarsi alle spalle l'indigenza in cui si trova e progredire verso standard europei. Mi auguro che la prossima settimana, quando il Consiglio esaminerà la situazione relativa ai visti, ci aiuterà anche a trovare il modo giusto per progredire anche in questo campo.

Come affermava uno dei nostri padri fondatori, la vocazione europea di un paese non è determinata dall'Unione europea, ma dallo spirito europeo dei suoi cittadini. Invitiamo il popolo moldovo a dimostrare questo spirito europeo in occasione delle elezioni del mese prossimo.

 
  
MPphoto
 

  Tatjana Ždanoka, a nome del gruppo Verts/ALE. – (EN) Signor Presidente, siamo lieti dei progressi compiuti dalla Repubblica di Moldova e ci auguriamo che l'imminente consultazione elettorale possa ulteriormente consolidare le istituzioni democratiche e assicurare il rispetto per lo stato di diritto e i diritti umani nel paese.

Sappiamo che c'è ampio consenso nella società moldova verso la futura adesione del paese all'UE, ma non alla NATO. Nonostante le diverse piattaforme politiche, tutti i partiti rappresentati nel parlamento moldovo si dichiarano favorevoli alla cooperazione e all'integrazione europea. Sulla base dell'esperienza maturata dal mio paese, la Lituania, nell'adesione all'UE, nel corso dei miei colloqui con i politici moldovi ho tentato di spiegare che questo passo non può essere fine a se stesso. È importante intensificare gli sforzi per attuare profonde e coerenti riforme in campo economico e giuridico, principalmente attraverso la lotta alla corruzione.

La società moldova è caratterizzata da una pluralità etnica e linguistica ed esistono sensibili differenze sulla valutazione dei fatti storici: tracciare ulteriori linee di demarcazione all'interno della società di questo paese è molto rischioso. A mio avviso, il decreto che fissa per il 28 giugno l'anniversario dell'occupazione sovietica e che ha scatenato una reazione negativa in gran parte dei cittadini moldovi, non ha affatto unito la società, ma ha invece sortito l'effetto contrario.

La società moldova è divisa anche per la nazionalità dei suoi cittadini. La considerevole percentuale di residenti con doppia cittadinanza crea ulteriori differenze anche in materia di diritti; dobbiamo quindi fare tutto il possibile per eliminare queste differenze e abolire l'obbligo dei visti per tutti i cittadini moldovi.

 
  
MPphoto
 

  Charles Tannock, a nome del gruppo ECR. – (EN) Signor Presidente, nessuno mette in dubbio che la Moldova sia ancora molto lontana dall'adesione all'Unione europea, obiettivo che il gruppo dei Conservatori e Riformisti europei sostiene. Nonostante sia membro dell'OMC, la Moldova è uno dei paesi più poveri d'Europa e, in quanto tale, vulnerabile alla criminalità organizzata, al traffico di esseri umani e alla corruzione. La Moldova risente ancora del conflitto irrisolto con la Transnistria, la regione secessionista fortemente legata alla Russia dal punto di vista linguistico e politico.

Ciononostante, negli ultimi 15 mesi da quando i comunisti non sono più al potere, la Moldova ha conseguito notevoli progressi. I partiti che compongono l'Alianţa pentru Integrare Europeană (alleanza per l'integrazione europea), l'attuale coalizione di governo, hanno dimostrato una notevole capacità di collaborazione per accelerare l'integrazione del paese nell'Unione europea. Da parte sua, l'Unione europea deve continuare a fare pressioni sul governo moldovo perché porti avanti le riforme economiche e, soprattutto, migliori lo stato di diritto e la governabilità.

Dovremmo coinvolgere maggiormente Chişinău e riconoscerne i meriti. È stata citata la questione dei visti, ma vorrei ricordare anche Euronest, che offre ai politici europei e moldovi l'opportunità di confrontarsi su questioni di interesse comune. Euronest, che figurava nella mia relazione al parlamento precedente, rimane purtroppo bloccato a causa della disputa sulla rappresentanza della Bielorussia, dal momento che quest'Aula non riconosce il parlamento moldovo, non essendo stato eletto democraticamente.

Mi auguro che un giorno tutti i paesi del Partenariato orientale che si schierano apertamente a favore dell'Europa, ossia Moldova, Ucraina e la futura Bielorussia democratica, diventino candidati a far parte dell'Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  Bastiaan Belder, a nome del gruppo EFD.(NL) Signor Presidente, questa discussione testimonia l'impegno dell'Europa verso la divisa Repubblica di Moldova e ne sono immensamente lieto. Nei Paesi Bassi, da anni i cittadini hanno avviato interessanti iniziative sociali che mirano a offrire prospettive concrete ai giovani moldovi. A tale proposito vorrei ricordare con orgoglio la fondazione Orhei di Bunschoten-Spakenburg, una cittadina che affronta questi temi con grande entusiasmo. Mi sento vicino ai membri di questa fondazione, dal momento che anche in questa sede stiamo affrontando la questione, dimostrando il nostro impegno. La Moldova, per inciso, sta tentando di pervenire a un ampio e approfondito accordo commerciale con l'Unione europea, come abbiamo sentito anche dal Commissario Füle, al quale domando: qual è la situazione in merito e sono stati compiuti effettivi progressi?

È essenziale ampliare le opportunità commerciali per i prodotti moldovi, in particolare quelli agricoli e i vini di Chişinău, dal momento che la Russia, da sempre principale mercato per la Moldova, chiude regolarmente le frontiere per ragioni politiche. Commissario, ha già toccato questo tema, ma esiste qualche modo in cui l'Unione europea possa venire in aiuto della Moldova in questo ambito?

Per concludere, una domanda sulla "iniziativa Meseberg" del Cancelliere tedesco Angela Merkel: la Russia intende veramente impegnarsi a trovare una soluzione alla questione della Transnistria in cambio di un migliore dialogo politico con l'Unione europea? Circolano voci secondo cui il Cremlino non ha ancora intrapreso alcuna azione. Signor Commissario, mi auguro che vada a buon fine il suo sforzo per avvicinare la Moldova all'Europa.

 
  
MPphoto
 

  Traian Ungureanu (PPE). - (EN) Signor Presidente, è ampiamente dimostrato che l'impegno della Moldova verso i valori e gli standard europei è autentico ed efficace.

La Moldova è di fatto il miglior esempio dell'attuazione di politiche europeistiche nei paesi dell'Europea orientale. Di fatto, in questa prospettiva, le credenziali della Moldova la rendono del tutto compatibile con gli Stati dei Balcani occidentali.

Il positivo precedente creato dalla Moldova deve essere riconosciuto e incoraggiato. Il declino delle istituzioni democratiche nella vicina Ucraina, accresce la rilevanza della Moldova per le politiche dell'Unione europea ai suoi confini orientali. In quest'ottica è essenziale che le elezioni politiche del 28 novembre confermino la determinazione della Moldova a integrarsi in Europa.

È arrivato il momento che l'Unione europea lanci un segnale positivo alla Moldova e ai suoi cittadini. Migliaia di famiglie moldove sono divise a cause dei visti. Il dialogo UE-Moldova sulla questione rappresenta una straordinaria opportunità e dovrebbe passare alla fase operativa. Mi auguro che il Consiglio "Affari esteri" del 25 ottobre inviti la Commissione a predisporre un piano d'azione per la liberalizzazione dei visti. Una Moldova integrata ed europeista influirà positivamente sul confine orientale dell'Unione europea, dove scarsa governabilità e contrasti irrisolti pongono una minaccia continua alla stabilità dell'Europa.

 
  
MPphoto
 

  Iliana Malinova Iotova (S&D).(BG) Tra le questioni che la Moldova attualmente sta affrontando e che fanno parte del nostro obiettivo generale, figurano anche il rafforzamento dello Stato multietnico, la sua identità, la risoluzione politica della questione della Transnistria e l'adesione della Moldova all'Unione europea come Stato autonomo e indipendente.

Il processo di liberalizzazione dei visti riveste particolare importanza poiché, come nel caso dei paesi dell'ex Iugoslavia, porta a risultati positivi. La tendenza a ricorrere alla procedura rapida per l'emissione simultanea di passaporti bulgari e rumeni ai cittadini moldovi non risolve il problema, ma comporta invece determinati rischi. Al contempo, le autorità di Chişinau devono assicurare che il contributo di 90 milioni di euro che l'Unione europea intende erogare sotto forma di assistenza macrofinanziaria andrà a beneficio diretto dei cittadini moldovi, a prescindere dall'etnia cui appartengono. Si tratta di un passo importante soprattutto per la minoranza bulgara in Moldova, che vive in una delle regioni economicamente più svantaggiate del paese.

 
  
MPphoto
 

  Cristian Silviu Buşoi (ALDE) . – (RO) In qualità di membro della delegazione alla commissione di cooperazione parlamentare UE-Moldova, ho avuto il piacere di seguire i positivi progressi compiuti da questo paese e posso confermare che, nel corso dell'ultimo anno, la Repubblica di Moldova ha dimostrato chiaramente il proprio impegno verso l'Europa; basti pensare alle riforme attuate nei settori dell'economia, del sistema giudiziario e dell'amministrazione pubblica. Allo stesso tempo, dobbiamo essere realistici e riconoscere che il processo di transizione in Moldova è tutt'altro che semplice e molte sono le riforme ancora da avviare.

Sono lieto dei progressi compiuti nella discussione sulla liberalizzazione dei visti, ma ritengo che la Commissione debba predisporre una tabella di marcia per raggiungere questo obiettivo e, perché no, per accantonare definitivamente i visti. Le elezioni parlamentari del 28 novembre saranno un banco di prova decisivo per la Repubblica di Moldova e mi auguro che il percorso verso l'Europa che il paese si è impegnato a percorrere sarà approvato e sostenuto dai cittadini.

L'assistenza macrofinanziaria e politica da parte delle istituzioni europee e di alcuni Stati membri è stata fondamentale. Alla luce dei positivi risultati della nostra politica, invito le istituzioni europee (Parlamento, Consiglio e Commissione europea) a portare avanti le proprie iniziative a sostegno della Moldova, per infondere al paese fiducia e coraggio per continuare sulla strada delle riforme e dell'avvicinamento all'Unione europea, affinché possa integrarsi come Stato membro a tutti gli effetti.

 
  
MPphoto
 

  Adam Bielan (ECR).(PL) Dieci giorni fa ho avuto occasione di visitare la Moldova in qualità di membro di una delegazione speciale della commissione per gli affari esteri, insieme agli onorevoli Macovei e Watson, tra gli altri. Siamo stati in Moldova in un momento estremamente importante per il paese, alcune settimane dopo l'insuccesso del referendum costituzionale del 5 settembre e prima delle importanti elezioni parlamentari che, come sapete, si terranno il 28 novembre. Abbiamo constatato soprattutto l'ampio consenso della nazione e della società moldova verso il processo di integrazione europea, al quale sono favorevoli quasi tre quarti dei cittadini moldovi.

Abbiamo notato anche gli enormi progressi conseguiti dal governo del Primo ministro Filat sulla strada dell'integrazione europea e le numerose riforme, nonché i notevoli miglioramenti nella lotta alla corruzione che in passato aveva condizionato pesantemente il paese. Ovviamente rimangono ancora molti problemi da risolvere, legati alla crisi economica e alla situazione tuttora irrisolta della Transnistria. Ciononostante, se vogliamo che le riforme proseguano anche dopo il 28 novembre, l'Unione europea deve mandare un segnale chiaro; mi auguro pertanto che il prossimo vertice del Consiglio riesca a condurre a buon fine il processo di liberalizzazione dei visti.

 
  
MPphoto
 

  Elena Băsescu (PPE).(RO) Desidero ringraziare quanti hanno reso possibile questa discussione. È nostro compito guardare alla Repubblica di Moldova con un senso di grande responsabilità, soprattutto in vista delle prossime elezioni. L'impegno da parte della coalizione dell'Alianţa pentru Integrare Europeană (alleanza per l'integrazione europea) attualmente al potere ha dimostrato che questo governo è pronto a lanciare un ampio processo di riforme politiche, economiche e istituzionali, assumendosi il ruolo di apripista nel contesto del Partenariato orientale. Tutto ciò avviene dopo otto anni di governo comunista, durante il quale sono stati gravemente violati diritti fondamentali come la libertà di espressione e il diritto a un giusto processo.

Il processo di riforme nella Repubblica di Moldova deve continuare principalmente nei campi della giustizia e degli affari interni. Bisogna contrastare in ogni modo la corruzione e garantire la giustizia libera, assicurando al contempo la detenzione in condizioni di sicurezza e umanità, nel rispetto dei diritti umani fondamentali. Da oltre 18 mesi, la Repubblica di Moldova sta attraversando una crisi politica, segnata dal fallimento delle elezioni presidenziali e della validazione del referendum.

Le elezioni del prossimo 28 novembre sono un'enorme scommessa per il cammino che la Moldova ha intrapreso verso l'Europa. Ancora una volta, la democrazia è chiamata a una prova importante. In tutta sincerità, un eventuale fallimento della democrazia nella Repubblica di Moldova alle prossime elezioni segnerà, in misura minore, anche un fallimento della politica dell'UE in questo paese. L'Unione europea deve poter contare su un partner geograficamente vicino che ne condivida i valori.

In conclusione, vorrei far notare che la lingua parlata dai cittadini della Repubblica di Moldova è ora una delle lingue ufficiali dell'Unione europea, un altro motivo per cui merita il nostro sostegno.

 
  
MPphoto
 

  Kristian Vigenin (S&D).(BG) Sono lieto che il Parlamento europeo stia discutendo la situazione in Moldova, un paese fondamentalmente europeo. A questo proposito dobbiamo rendere atto alla coalizione Alianţa pentru Integrare Europeană (alleanza per l'integrazione europea) attualmente al governo per il forte contributo apportato al processo che mira ad avvicinare la Moldova all'Unione europea.

Allo stesso tempo, i cittadini si aspettano maggiori risultati nell'ambito dell'economia e dello sviluppo sociale: non a caso, queste aspettative stanno diventando anche una delle tematiche centrali dell'attuale campagna. Istituire relazioni con l'Unione europea non rappresenta un passo isolato, ma un processo a lungo termine, e il percorso di avvicinamento della Moldova deve diventare una politica irreversibile.

Il fallito tentativo di modificare la costituzione ha portato a questo stato di instabilità politica, che rischia di ripetersi all'indomani delle prossime elezioni. È per questo motivo che rivolgo un appello alle principali forze politiche affinché − a prescindere dalle rispettive differenze e dal risultato elettorale − si adoperino per garantire la stabilità politica in Moldova e avere così l'opportunità di agire nell'interesse dei cittadini e del futuro europeo del loro paese.

 
  
MPphoto
 

  Cristian Dan Preda (PPE).(RO) "Imperialismo rumeno", è così che i comunisti moldovi etichettano l'interesse e gli interventi dei parlamentari in Romania sulla situazione di Chişinău, a prescindere che si tratti del Presidente Băsescu o degli europarlamentari. In altre parole, i comunisti di Chişinău vorrebbero che Bucarest rimanesse in silenzio; non credo abbiano il diritto di avanzare una simile pretesa, ma è invece nostro preciso compito far sentire la nostra voce.

Il principale motivo consiste nel fatto che nella Repubblica di Moldova vivono numerosi cittadini innanzi tutto europei, rumeni, bulgari e di altre nazionalità. Credo che, come tutti i cittadini europei, anche chi vive in Moldova deve godere dei diritti legati al loro status politico.

In seconda istanza, dobbiamo monitorare attentamente Chişinău, dove da oltre un anno una coalizione di governo ha agito in nome dell'integrazione europea. Non si tratta soltanto di una questione formale: indubbiamente, se avesse scelto di chiamarsi "alleanza per la Russia" non avrebbe riscosso tanto interesse da parte nostra; ha scelto invece di chiamarsi “alleanza per l'integrazione europea (Alianţa pentru Integrare Europeană). Ma non è tanto il nome che conta, quanto le azioni coraggiose di questo governo, illustrate dall'onorevole Macovei e dal Commissario Füle.

La settimana scorsa sono stato a Chişinău e Tiraspol e ho constatato che il tema dell'ingresso in Europa è al centro anche della campagna elettorale per le imminenti elezioni di novembre. I cittadini moldovi saranno chiamati a decidere non soltanto tra diversi schieramenti politici, ma anche se proseguire o abbandonare il cammino verso l'Europa.

Non illudiamoci. Persino il capo della delegazione UE a Chişinău rischia di illudersi. I comunisti non vogliono l'integrazione; hanno dimostrato oltre un anno fa a che cosa aspirano e le manifestazioni di aprile hanno rivelato chiaramente quali sono gli interessi dei comunisti di Chişinău. Mi auguro pertanto che i cittadini comprendano il messaggio e la posizione dei partiti, e che i politici stessi comprendano i desideri dei i cittadini che esprimeranno alle urne.

 
  
MPphoto
 

  Marek Siwiec (S&D).(PL) Domandiamoci per quale motivo dedichiamo tanta attenzione a un piccolo paese che si trova vicino al Mar Nero senza però avervi uno sbocco. Forse, ci occupiamo della Moldova perché è un piccolo paese che sorge nel punto in cui due mondi s'incontrano, uno dei quali, che un tempo rappresentava l'Unione sovietica, sta faticosamente diventando un ricordo del passato. La Moldova è un paese diviso, in parte occupato e appoggiato da forze straniere. Credo che meriti il nostro sostegno: è un paese piccolo, abitato da uomini e donne coraggiosi che vogliono avvicinarsi all'Unione europea e costruire una democrazia.

Signor Commissario, la situazione in Moldova ricorda il concetto della fisica per cui non è tanto la forza in sé a contare, quanto il punto cui viene applicata. I milioni di euro che ha menzionato non fanno poi tanta impressione: si tratta di un importo modesto, ma utilizzato al punto e al momento giusto può sortire l'effetto positivo che desideriamo. I miei auguri a quanti vogliono costruire la democrazia in Moldova. Non mi interessa l'affiliazione di partito, ma vorrei che questo Stato trovasse l'unità per costruire un futuro migliore per sé e diventare presto partner dell'Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  Eduard Kukan (PPE). - (SK) I progressi conseguiti finora dalla Moldova fanno di questo paese un possibile esempio di successo nell'ambito del Partenariato orientale dell'Unione europea.

La posizione europeistica assunta dal governo guidato dall'Alianţa pentru Integrare Europeană (alleanza per l’integrazione europea) ha offerto ai cittadini moldovi una chiara e importante prospettiva politica per il futuro progresso democratico del paese. È vero anche che la situazione politica interna è stata influenzata negativamente dal mancato accordo sulla riforma della costituzione. Dopo l'insuccesso del referendum, le imminenti elezioni dovrebbero servire a superare l'impasse dei negoziati politici tra i partiti. Ritengo che l'Unione europea debba riconoscere apertamente gli importanti passi avanti compiuti dall'attuale governo nel rafforzare le relazioni con l'UE.

Il 25 ottobre è prevista la pubblicazione delle conclusioni del Consiglio "Affari esteri" sulla Moldova, che dovrebbero dimostrare il sostegno agli sviluppi in senso europeistico voluti dall'attuale governo e, soprattutto, chiedere alla Commissione di predisporre un piano d'azione per la liberalizzazione dei visti, un tema molto importante per i cittadini moldovi. Il risultato definitivo dipenderà ovviamente dall'esito della consultazione elettorale. Per quanto riguarda il Parlamento europeo, a mio avviso la nostra posizione nei confronti della Moldova deve essere positiva e sostenere apertamente le forze pro-Europa, dimostrando quanto sia importante per noi che la Moldova entri a far parte della famiglia europea unita. Dobbiamo convincere i nostri interlocutori che puntare a questo futuro è anche nel loro interesse.

 
  
MPphoto
 

  Laima Liucija Andrikienė (PPE). - (EN) Signor Presidente, la Moldova ha fatto parecchia strada da quando il patto Molotov-Ribbentrop suddivise l'Europa in sfere d'influenza e annesse il paese all'URSS.

Oggi la Moldova è uno Stato indipendente e, seppure debba affrontare numerosi problemi, è anche un paese democratico avviato verso l’integrazione europea. Desidero pertanto invitare tutta la classe politica moldova, le forze politiche democratiche e tutti i gruppi etnici ad evitare tensioni superflue e a concentrarsi invece sulla realizzazione di un'ampia visione per la Repubblica di Moldova, che possa condurre il paese a realizzare i suoi obiettivi europei.

Resta infine da risolvere la questione della Transnistria, che dovrebbe invece essere una priorità nella nostra agenda. Accolgo con favore l'iniziativa del Cancelliere tedesco, Angela Merkel, e dei leader politici di altri paesi che mira a trovare una risoluzione a questa problematica ancora irrisolta.

 
  
MPphoto
 

  Ioan Mircea Paşcu (S&D). - (EN) Signor Presidente, la Moldova è l'ultimo paese latino ancora fuori dall'Unione europea. In gran parte, è stata la storia a determinare tale situazione, ma la Politica di vicinato e il Partenariato orientale incrementano le probabilità che la Moldova si avvicini e, in un secondo momento, entri a far parte dell'UE, una volta soddisfatte tutte le condizioni necessarie.

L'attuale coalizione di governo, seppure dovrà, a breve, affrontare le elezioni, ha accelerato le riforme alle quali l'UE ha risposto in maniera coerente e mi congratulo con quanti, da entrambe le parti, hanno contribuito a questo sviluppo. Le riforme interne, da una parte, e la risposta europea, dall'altra, dovrebbero raggiungere il punto di non ritorno quanto prima.

Le probabilità di successo della Moldova dipendono ovviamente dalla risoluzione del conflitto in Transnistria. A tale proposito, trovo incoraggianti gli attuali dibattiti annunciati a Potsdam al vertice tra Germania e Russia, e affrontati probabilmente anche al recente vertice trilaterale di Deauville, sulla spinta dell'apparente volontà della Russia di trovare una soluzione. Invito tutti a mantenere salda la speranza e a lavorare per accogliere in Europa quest'ultimo tassello di latinità.

 
  
MPphoto
 

  Andreas Mölzer (NI).(DE) Signor Presidente, in passato, quando ci siamo occupati dei Balcani, per esempio dei problemi del Kosovo o della Bosnia, abbiamo tralasciato la Moldova. L'Unione europea avrebbe dovuto assumersi molto tempo fa il ruolo di mediatore nei conflitti tra questo paese e i suoi vicini. Mi rammarico che la Moldova abbia ora rifiutato l'offerta dell'UE di mediare nel conflitto con la Transnistria.

Non è un caso questo paese, con la sua caotica economia post-socialista, sia una sorta di sorella povera all'interno della famiglia europea. Come sappiamo, la principale area industrializzata nella parte orientale del paese ha dichiarato la propria indipendenza, con il sostegno della Russia, condannando così il paese al declino economico, dal momento che l'economia si basa unicamente sull'agricoltura.

Quando i cittadini moldovi si recheranno alle urne, a fine novembre, per eleggere un nuovo governo, sarà importante assicurarsi che le elezioni si svolgano regolarmente, al fine di evitare agitazioni e un'eventuale escalation del conflitto con la Romania, ad esempio.

 
  
MPphoto
 

  Andrzej Grzyb (PPE).(PL) Signor Commissario, ho avuto l'occasione di assistere alle rielezioni in Moldova. Parlando con i rappresentanti degli allora partiti di opposizione, avevamo riscontrato un profondo desiderio di cambiamento, che è di fatto divenuto realtà. L'attuale Primo ministro Filat, all'epoca portavoce dell'opposizione, aveva dichiarato apertamente aspirazioni europee. Abbiamo dimostrato grande apprezzamento per i frutti del suo lavoro quando è stato ospite di questo Parlamento, apprezzamento confermato anche dalla delegazione della commissione per gli affari esteri che di recente si è recata in visita in Moldova.

I problemi interni, legati principalmente alla Transnistria, la frammentazione e il declino del paese, che sono un simbolo del passato e delle divisioni, sono tutte questioni molto complesse. Dobbiamo appoggiare il processo che riporterà la Transnistria all'interno della Moldova, che comporterà però numerosi problemi, non da ultimo quello della migrazione. Signor Commissario, ogni dimostrazione di sostegno alla Moldova, e su questo concordo con l'onorevole...

(Il Presidente interrompe l'oratore)

 
  
MPphoto
 

  Mario Pirillo (S&D). – Signor Presidente, nelle settimane scorse sono stato a Chisinau, in Moldavia. Ho partecipato a un convegno, organizzato dal Ministro della cultura, sull'integrazione della Moldavia in Europa per quanto attiene, in particolare, alla cultura. Ho apprezzato molto la grande volontà di crescita, soprattutto attraverso una serie di iniziative, che vanno dalla costruzione di infrastrutture, di viabilità, di reti elettriche e di reti di ogni genere, alla formazione professionale per tutti i mestieri, all'aggiornamento professionale per le altre professioni.

I cittadini moldavi sono molto interessati a entrare in Europa. Il governo punta nel prossimo futuro a un'integrazione vera all'Unione europea e sta lavorando in questo senso. Va bene per il momento l'attenzione dell'Europa .....

(Il Presidente interrompe l'oratore)

 
  
MPphoto
 

  Andrew Henry William Brons (NI). - (EN) Signor Presidente, attualmente il numero di beneficiari naturali dei finanziamenti comunitari è appena inferiore alla metà del totale degli Stati membri. Se acconsentiamo all'adesione di un numero via via crescente di paesi orientali sempre più poveri, la proporzione di destinatari netti salirà forse a due terzi e andrà, evidentemente, a scapito dei contribuenti netti, come pure degli attuali membri che sono beneficiari netti.

Si sente spesso dire che rendere meno rigorose le restrizioni relative ai visti non ha nulla a che vedere con la migrazione, intendendo ovviamente in questo caso la migrazione regolare. Senza dubbio, riguarderà invece la migrazione illegale, il traffico di esseri umani destinati a lavorare per compensi ben al di sotto del minimo salariale e in condizioni di lavoro inferiori agli standard minimi. Questo priverà inoltre il paese della popolazione in età lavorativa, che potrebbe invece aiutarlo a uscire dalla povertà.

Ricordo infine che la Moldova ha dichiarato la propria indipendenza dall'Unione sovietica nel 1991. Intende davvero sacrificare questa indipendenza per l'Unione europea, anche se pagata con moneta sonante?

 
  
MPphoto
 

  Štefan Füle, membro della Commissione. (EN) Signor Presidente, ho apprezzato moltissimo questa discussione, per il momento in cui si è tenuta e soprattutto per l'unanimità del messaggio e del sostegno dimostrato da quest'Aula.

La Repubblica di Moldova si trova a un punto di svolta della propria storia. Nell'ultimo anno, la Commissione si è adoperata per aiutare il governo moldovo a realizzare la maggior parte del suo ambizioso programma di riforme.

Le innovazioni che sosteniamo rispecchiano senza eccezioni l'ampio ventaglio di obiettivi contemplati dal piano d'azione UE-Moldova e il successo di queste riforme è essenziale per il futuro della Repubblica di Moldova.

Abbiamo espresso il nostro sostegno al progetto di una Moldova moderna e solida, forte di una società riconciliata e della propria integrità territoriale; lo abbiamo ribadito a più riprese e non soltanto il 30 settembre, quando il cosiddetto gruppo degli “Amici della Moldova" menzionato dalla onorevole Watson si è recato in visita a Chişinău. Non vi è dubbio che la storia europea abbia una lezione da offrirci, a questo proposito.

La Repubblica di Moldova ha imboccato la strada giusta e sono certo che riuscirà a raggiungere il compromesso politico necessario per sostenere l'impegno riformista che ha assunto. Da parte nostra, e per quanto possibile, continueremo ad affiancare i cittadini moldovi fornendo il necessario sostegno esterno alle riforme e continueremo a sostenerli fino al superamento dei test di sostenibilità attraverso le prossime elezioni parlamentari. Spero sinceramente che all'indomani di queste elezioni la Moldova avvii un processo di inclusione politica basato su un programma europeistico, che porti avanti un percorso di trasformazione a beneficio dei cittadini moldovi come pure dell'Europa.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. − Per concludere la discussione(1), ho ricevuto sei proposte di risoluzione ai sensi dell'articolo 110, paragrafo 2 del regolamento.

La discussione è chiusa.

La votazione si svolgerà oggi, 21 ottobre 2010, alle 12.00.

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  George Becali (NI), per iscritto.(RO) Condivido la soddisfazione per i progressi compiuti nell'ultimo anno dall'Unione europea nelle relazioni con la Repubblica di Moldova. Mi congratulo con gli onorevoli colleghi che hanno presentato questa proposta di risoluzione.

Fin dalla sua adesione, la Romania si è impegnata a portare avanti la causa della Repubblica di Moldova all'interno dell’Unione europea e tale impegno è dimostrato concretamente dal numero di europarlamentari rumeni dei diversi gruppi politici che hanno sottoscritto la risoluzione.

I 90 milioni di euro destinati a questo paese sotto forma di assistenza macrofinanziaria rappresentavano e rappresentano tuttora una sorta di salvagente, di cui la Moldova e i suoi cittadini necessitavano per conseguire progressi e, soprattutto, per tenere fede agli impegni assunti rispetto alle riforme, allo stato di diritto e alla lotta alla corruzione.

La Repubblica di Moldova deve risolvere due questioni principali: la prima è la Transnistria, che richiede da parte dei governi europei un contributo deciso e focalizzato e la ripresa dei negoziati. La seconda questione, che evidentemente dipende dalle forze politiche democratiche della Repubblica di Moldova, alle quali dobbiamo prestare il nostro sostegno, è lo svolgimento delle elezioni del prossimo 28 novembre. Occorre garantire ai cittadini che si trovano all'interno del paese e all’estero, di poter effettivamente esercitare il proprio diritto a eleggere il governo nazionale. Grazie.

 
  

(1) Vedasi Processo verbale.

Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2011Avviso legale