Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

O-0198/2010 (B7-0015/2011)

Discussioni :

PV 10/03/2011 - 5
CRE 10/03/2011 - 5

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Giovedì 10 marzo 2011 - Strasburgo Edizione GU

5. Crisi causata dalle ceneri vulcaniche (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca la discussione:

- sull’interrogazione orale (O-0198/2010 - B7-0015/2011) alla Commissione, degli onorevoli Marinescu e Grosch a nome del gruppo del Partito popolare europeo (Democratico cristiano), in merito alla crisi causata dalle ceneri vulcaniche;

- sull’interrogazione orale (O-000052/2011 - B7-0204/2011) alla Commissione, dell’onorevole El Khadraoui a nome del gruppo dell’Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, in merito alla crisi causata dalle ceneri vulcaniche;

- sull’interrogazione orale (O-000049/2011 - B7-0202/2011) alla Commissione, dell’onorevole Meissner a nome del gruppo dell’Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l’Europa, in merito alla crisi causata dalle ceneri vulcaniche;

- sull’interrogazione orale (O-000051/2011 - B7-0203/2011) alla Commissione, dell’onorevole Zīle a nome del gruppo dei Conservatori e Riformisti europei, in merito alla crisi causata dalle ceneri vulcaniche.

 
  
MPphoto
 

  Marian-Jean Marinescu, autore.(RO) Signor Presidente, lo scorso aprile sono stati chiusi ampi settori dello spazio aereo europeo a causa dell’eruzione vulcanica e la crisi che ne è derivata ha colpito più di 10 milioni di viaggiatori, provocando gravi ripercussioni economiche. La gestione della crisi causata dalle ceneri vulcaniche ha lasciato molto a desiderare per la mancanza di coordinamento tra le istituzioni, l’assenza di indicazioni e flessibilità e l’incapacità di utilizzare in modo ottimale le risorse tecniche.

Ho affermato già allora e continuo a sostenere che sia di fondamentale importanza attuare le misure necessarie per impedire un’altra eruzione vulcanica con le medesime conseguenze. La responsabilità della sicurezza dei voli, compresa quella di evitare le aree contaminate dalle ceneri, spetta agli operatori aerei e agli equipaggi; gli operatori devono altresì disporre di dati accurati per adottare le migliori soluzioni. I piloti sono addestrati a gestire condizioni di volo straordinarie e hanno l’esperienza necessaria per valutare il rischio, decidendo un’eventuale modifica della rotta.

Per garantire che il processo funzioni in modo più efficiente possibile sarà necessario quanto segue: migliorare la supervisione e la previsione, investendo maggiori risorse nelle attrezzature terra/aria. La struttura tecnica deve essere in grado di fornire dati accurati in tempo reale e previsioni costantemente aggiornate, resi possibili dalle nuove tecnologie. L’impiego di diversi centri per raccogliere e trasmettere queste informazioni migliorerà la valutazione del rischio e la relativa programmazione dei voli. Il ruolo degli istituti per la gestione delle crisi deve essere chiarito, assicurando quindi che gli operatori ricevano le informazioni necessarie per prendere decisioni.

All’organo di controllo spetta la responsabilità della supervisione, mentre i centri di consulenza sulle ceneri vulcaniche hanno il compito di notificare eruzioni e aree ad alto rischio ai fornitori di servizi di navigazione aerea. Questi ultimi devono, a loro volta, informare l’equipaggio dell’aeromobile delle aree ad alto rischio di contaminazione da ceneri vulcaniche. Occorre che le parti interessate siano preparate a gestire efficacemente le crisi attraverso esercitazioni di simulazione.

A mio avviso, è indispensabile che l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA) elabori le specifiche necessarie a chiarire le competenze e il controllo a livello operativo. La creazione di un cielo unico europeo e la realizzazione della ricerca sulla gestione del traffico aereo nel cielo unico europeo (SESAR) semplificheranno notevolmente il processo decisionale, riducendo in modo significativo l’impatto in caso di crisi. Ritengo che questi siano i punti essenziali da risolvere per prepararci a gestire efficacemente una situazione simile nel futuro.

 
  
MPphoto
 

  Brian Simpson, autore.(EN) Signor Presidente, accolgo con favore l’opportunità fornita dall’interrogazione orale per riesaminare i problemi incontrati dai viaggiatori e, più in generale, dal settore aeronautico durante la crisi vulcanica verificatasi lo scorso anno in Islanda.

Un anno fa è emerso chiaramente che gli Stati membri e l’Unione europea nel suo complesso non disponevano di un piano per una simile eventualità; i dati utilizzati erano incompleti, mentre i meteorologi non potevano o meglio non volevano aiutare. Ciascuno era diventato maestro nell’arte di incolpare l’altro, adottando una politica di non accettazione del rischio piuttosto che di gestione.

Francamente, signor Presidente, gli Stati membri hanno impedito ogni progresso l’anno scorso, ma questi sono avvenimenti passati. Che ne è del futuro? Abbiamo un piano globale per affrontare la prossima eruzione vulcanica? Se si riverificasse, gli Stati membri in futuro si coordinerebbero a livello di UE? Cercherebbero il coinvolgimento, peraltro fondamentale, dell’industria aeronautica e in particolare delle compagnie aeree prima di prendere posizione? Dobbiamo evitare di ripetere gli errori commessi un anno fa, che hanno ingenerato una serie di contraddizioni: uno Stato chiude il proprio spazio aereo, mentre il paese vicino lo lascia aperto, generando così caos, confusione e gravi conseguenze economiche.

Signor Presidente, il vulcano islandese ha infine evidenziato un aspetto fondamentale: è stato capace di consolidare l’argomentazione a favore del cielo unico europeo meglio di qualsiasi altro politico. Il nostro compito consiste ora nel formulare e attuare questo obiettivo con urgenza, sebbene gli Stati membri siano ritornati alle loro vecchie abitudini di tirarla per le lunghe, su un progetto tanto necessario.

 
  
MPphoto
 

  Gesine Meissner, autore. (DE) Signor Presidente, nel precedente punto all’ordine del giorno abbiamo discusso di disastri naturali. In questo caso una forza della natura ha causato il blocco totale del traffico aereo. Il vulcano Eyjafjallajökull, probabilmente ormai conosciuto da tutti, ha eruttato lo scorso anno provocando l’interruzione totale di gran parte del traffico aereo. L’intervento precedente mi ha dimostrato ancora una volta, che abbiamo un eccellente presidente della commissione per i trasporti e il turismo, in quanto le sue osservazioni sono state molto simili a quelle che volevo esprimere. Proverò ora a modificare un po’ il mio intervento.

È stato davvero un caos, come già menzionato dall’onorevole Simpson. Noi europei siamo stati, di fatto, incapaci di affrontare questo disastro e porvi rimedio nonostante le elevate capacità tecnologiche e il coordinamento su molti punti. Ci siamo resi conto che erano stati conclusi troppi pochi accordi e abbiamo quindi istituito una task force. Le domande che ci interessavano a questo proposito erano le seguenti: la task force ha già prodotto risultati validi, che potessero diventare oggetto di discussione, e ha pubblicato qualche studio? Io per lo meno non ne conosco nessuno. Sono stati consultati tutti gli esperti internazionali su eruzioni vulcaniche di questo tipo? Dopo tutto, come già discusso nella plenaria dello scorso anno, esistono altre parti del mondo dove le eruzioni vulcaniche sono molto più frequenti rispetto all’Europa e nelle quali si è riusciti in qualche modo a formulare i dati aggiornati e coordinare la situazione nel suo insieme.

Vi è un altro punto che mi preoccupa. Il 4 maggio, durante il Consiglio dei ministri dei Trasporti, si è parlato della necessità di un sistema europeo dei trasporti interconnesso, che può indubbiamente aiutare in questi casi. Quali progressi sono stati compiuti verso una migliore risposta in caso di un’altra eruzione vulcanica? Un evento del genere non si può infatti prevedere, succede e basta.

Ho un’altra domanda: conosciamo con esattezza la tecnologia di cui abbiamo bisogno per affrontare meglio la situazione? In Germania tutte le stazioni meteorologiche si sono dotate di dispositivi adeguati, che raccolgono dati e trasmettono velocemente le informazioni aggiornate agli addetti delle compagnie aeree e ai piloti per consentire loro di decidere se sia sicuro o meno volare.

Un altro punto non ancora menzionato, ma a mio avviso importante in questo contesto, riguarda il fatto che la crisi causata dalle ceneri e i conseguenti problemi per l’industria dei trasporti aerei hanno colpito 10 milioni di passeggeri e ovviamente anche molte imprese. Alcuni passeggeri sono rimasti bloccati e non hanno potuto proseguire il viaggio, il che ha sollevato il problema della situazione dei diritti dei passeggeri. Tali diritti sono riconosciuti, tuttavia ho l’impressione che in questo caso non siano sempre stati applicati e dobbiamo forse riesaminarli ancora una volta.

Le domande sono molte. Signor Commissario Hahn, non so se sarà in grado di rispondere ora a tutte, in quanto i trasporti in realtà non sono il suo ambito. In caso contrario, sono sicura che le domande sollevate oltre all’interrogazione scritta troveranno risposta in un momento successivo. Avrà notato che la questione è motivo di forte preoccupazione per noi. In fin dei conti, l’industria dei trasporti aerei riveste un ruolo fondamentale e abbiamo dunque bisogno di un cielo unico europeo.

 
  
MPphoto
 

  Roberts Zīle, autore.(LV) Signor Presidente, non mi piace ripetere quello che è già stato detto dagli onorevoli colleghi, ma perché, in realtà, sottoponiamo questa interrogazione? È passato quasi un anno dagli eventi in discussione ed è possibile che vengano semplicemente dimenticati. Nondimeno abbiamo voluto assicurarci che la questione fosse ancora importante per la Commissione e ci attendiamo che il Commissario prenda le contromisure promesse, dimostrando di aver tratto le giuste conclusioni dall’eruzione vulcanica dello scorso anno. Quest’ultima, in effetti, ha provato che il settore dell’aviazione rappresenta il mercato interno dell’Unione europea forse di più di qualsiasi altra modalità di trasporto in Europa; ciò significa, a sua volta, che la predisposizione e l’elaborazione di decisioni richiedono un processo diverso da quello necessario per le altre modalità. I problemi risiedono nell’assenza dei dati, nella mancata partecipazione degli operatori al processo decisionale, nonché nell’adozione delle decisioni stesse a livello di Stati membri. In linea di principio, questo trova ovviamente le proprie basi nel diritto. Pur appartenendo a un gruppo politico che ha sempre sostenuto il principio di sussidiarietà, ritengo che dobbiamo prendere spunto dalla situazione verificatasi lo scorso anno per valutare l’opportunità di aumentare il numero di decisioni assunte a livello di UE. I passeggeri sono inoltre preoccupati che le compagnie aeree si comportino in modo diverso nei loro confronti e che ottenere un risarcimento da queste per vie legali non sia facile. È ovvio che si debba evitare una situazione in cui le compagnie aeree superino la crisi con modalità e costi diversi. Infine, il terzo punto che desidero evidenziare riguarda l’insegnamento che possiamo ricavare dalla crisi: nell’Unione europea esistono varie “isole” che, come dire, non sono collegate da diverse modalità di trasporto agli altri Stati membri dell’Unione europea. Questo significa che, quando quest’anno elaboreremo la mappa della rete transeuropea di trasporto (TEN-T) e il bilancio TEN-T per la nuova prospettiva finanziaria, nonché il bilancio per la politica di coesione, dobbiamo concedere investimenti alle altre modalità di trasporto, affinché queste “isole” possano essere connesse al resto dell’Unione europea. Vi ringrazio.

 
  
MPphoto
 

  Johannes Hahn, membro della Commissione.(EN) Signor Presidente, l’eruzione del vulcano Eyjafjallajökull verificatasi in Islanda lo scorso aprile ha avuto un enorme impatto e ha richiesto l’azione urgente dell’Unione europea. La Commissione ha pertanto proposto interventi immediati per coordinare la posizione dell’Unione europea e per rafforzare il quadro normativo, rendendo l’Europa un partner più forte a livello globale.

La Commissione partecipa attivamente ai lavori pratici volti a migliorare le metodologie esistenti per l’aggiramento delle ceneri vulcaniche. La Commissione ha ad esempio ha indetto un bando specifico nell’ambito del Settimo programma quadro dal titolo “Sostegno tecnologico al coordinamento di crisi per il sistema di trasporto aereo in seguito a eventi fortemente destabilizzanti”. In parallelo, l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA) elabora regole per i requisiti di aeronavigabilità e la valutazione del rischio per la sicurezza dei voli in spazi aerei con contaminanti vulcanici.

Dal punto di vista operativo è stato sviluppato, in stretta collaborazione con l’AESA, un approccio che riflette le prassi adottate in altre parti del mondo. I principi guida sono i seguenti: innanzi tutto la compagnia aerea è responsabile della sicurezza delle proprie operazioni. Prima di operare in uno spazio aereo contaminato dalle ceneri vulcaniche, la compagnia aerea deve presentare una valutazione dei rischi per la sicurezza e ottenere l’approvazione dell’autorità di controllo. È necessario ripetere questo processo qualora si verifichino importanti cambiamenti.

In secondo luogo, la compagnia deve dimostrare l’affidabilità delle fonti di informazione utilizzate per la valutazione dei rischi per la sicurezza, comprovando la propria competenza e capacità di interpretare tali dati correttamente. Prima dell’inizio delle operazioni è necessario che la compagnia aerea ottenga dai costruttori informazioni specifiche circa la suscettibilità dell’aeromobile agli effetti delle ceneri in sospensione e l’impatto di queste ultime sulla sua aeronavigabilità: tali punti devono essere evidenziati dalla suddetta valutazione.

Nell’affrontare eventi destabilizzanti di questo tipo, risulta essenziale un processo decisionale collaborativo tra gli Stati membri e il settore. Per assicurare l’adozione di misure esaustive e coordinate, la Commissione, insieme a Eurocontrol, ha istituito la Cellula europea di coordinamento delle crisi nel settore aeronautico in seguito al Consiglio dei ministri dei Trasporti tenutosi il 4 maggio 2010. Dalla sua creazione, la Cellula si è riunita in diverse occasioni per sviluppare le proprie strutture e procedure. Per valutare e verificare la sua capacità di agire in tempi rapidi, prenderà parte a un esercizio di simulazione vulcanica previsto per il 13 e 14 aprile 2010 sotto gli auspici dell’ente per l’aviazione delle Nazioni Unite, l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO).

La crisi causata dalle ceneri vulcaniche ha evidenziato l’importanza fondamentale del cielo unico europeo. La Commissione ha quindi accelerato il relativo processo di attuazione, ad esempio attraverso l’adozione di un sistema di valutazione delle prestazioni e degli obiettivi di rendimento correlati a livello di UE, l’introduzione di regole attuative per le funzioni di gestione della rete, la nomina del gestore della rete, l’adozione di regole attuative e di materiale esplicativo per i blocchi funzionali di spazio aereo, la designazione dell’ex membro del Parlamento Jarzembowski a coordinatore dei suddetti blocchi e l’ampliamento delle competenze dell’AESA in materia di regolamentazione della sicurezza nel settore della gestione del traffico aereo, da concludersi entro l’aprile 2011.

Vorrei concludere affermando che la Commissione continua a lavorare a questi aspetti, di grande complessità tecnica, cooperando con l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA), l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), gli Stati membri e il settore per garantire la sicurezza dello spazio aereo europeo.

 
  
MPphoto
 

  Mathieu Grosch, a nome del gruppo PPE. (DE) Signor Presidente, signor Commissario Hahn, ovviamente considero la sua risposta quella della Commissione e non mi aspetto che si addentri nei quesiti specifici posti oggi dalla commissione per i trasporti e il turismo.

Un aspetto è stato tuttavia chiaro: più di 100 000 voli sono stati annullati, interessando 300 aeroporti e circa 10 milioni di passeggeri, e dobbiamo quindi trarre le dovute conclusioni da tale avvenimento. Anche per questo solleviamo oggi il problema, in quanto il coordinamento che è stato richiesto in tempi rapidi non era chiaramente di prossima realizzazione. Non è possibile improvvisare un’azione coordinata nel giro di 24 ore. Queste sono le domande a cui vogliamo risposta oggi, e non è solo il Parlamento a richiederlo, ma anche i cittadini dell’Europa.

Innanzi tutto vogliamo sapere se le informazioni relative sia agli effetti che alla localizzazione di questi fenomeni siano migliorate o meno.

In secondo luogo, qual è il ruolo che verrà svolto in futuro dagli organismi dell’Unione europea in questo settore e che poteri decisionali avranno? Continueranno a esserci 27 decisioni diverse o la Commissione ha già altre proposte, e in quale misura saranno coinvolte le compagnie aeree? Questa è una domanda che è stata posta molte volte.

Il comitato di crisi dovrebbe riunirsi, si riunirà ed effettuerà anche test. Sarebbe estremamente importante per il Parlamento e anche per i cittadini europei essere informati dei risultati dei suddetti test.

Per quanto riguarda il coordinamento, è fondamentale che venga introdotto anche al di fuori dell’Unione europea. Si rende inoltre necessario trovare un accordo sulle strutture a livello internazionale, poiché lo spazio aereo e certe catastrofi non conoscono confini in questo contesto.

Un altro fattore che riteniamo importante riguarda i passeggeri. Si tratta di circa 10 milioni di passeggeri, di cui non tutti erano turisti costretti o felici di prolungare le proprie vacanze; alcuni dovevano tornare a casa o recarsi in un posto urgentemente. In questo caso non si può semplicemente rimandare ai diritti dei passeggeri, ma abbiamo l’obbligo di lavorare in modo coordinato, proponendo alternative e prevedendo un maggiore utilizzo di altre modalità di trasporto: ad esempio, in caso di necessità, occorre procedere a una più rapida assegnazione delle tratte ferroviarie. Anche questo non può essere improvvisato nell’arco di 24 ore. Queste sono le domande che vogliamo sollevare a nome dei cittadini e dei passeggeri. Non si tratta semplicemente di spiegare i lori diritti.

L’ultimo punto, ma non per importanza, è stato già citato: viene proposta la creazione di 7 anziché 27 blocchi di spazio aereo, meglio conosciuti come blocchi funzionali di spazio aereo (FAB) Ciò potrebbe funzionare. Mi azzarderei soltanto a prevedere già oggi che non saremo in grado di realizzarla entro il 2012, perché gli Stati membri non lo vogliono. Dobbiamo quindi mandare un segnale chiaro all’esterno, secondo cui è assolutamente necessaria una riduzione nel numero dei FAB. Anche questa soluzione può funzionare. Signor Commissario Hahn, la invito a venire a Maastricht, non molto distante da lei, dove esiste già una cooperazione fra tre o quattro paesi sullo strato superiore dello spazio aereo, che costituisce il fulcro di tutti i problemi sollevati dagli Stati membri. Vada lì, lo proponga alla Commissione e lo impieghi come modello per l’Europa, per i sette blocchi funzionali di spazio aereo; allora saremo in grado di regolamentare la questione entro dodici mesi.

 
  
MPphoto
 

  Edit Herczog, a nome del gruppo S&D (EN) Signor Presidente, non essendo un membro della commissione per i trasporti, alcuni di voi si potrebbero chiedere come mai voglia esprimermi proprio su questa questione. Come altri, sono anch’io stata una vittima della nube di cenere. Stavo andando a Baku e sono riuscita a rientrare solo con grandi difficoltà.

L’argomento coinvolge tutti i cittadini europei e ha rappresentato per l’Europa un’occasione di dimostrare il proprio valore aggiunto, ma abbiamo fallito. A mio avviso, i cittadini europei hanno capito che l’Unione europea non era pronta a intraprendere un’azione unica, ma dobbiamo garantire che lo saremo qualora si verificasse un caso simile. Ritengo pertanto che sia essenziale istituire un cielo unico europeo, opinione condivisa da tutti.

Sebbene non sia un membro della commissione per i trasporti, desidero dire che non solo vi è bisogno di un cielo unico europeo, ma anche di un’unica infrastruttura europea ad esso connessa. In occasione della plenaria odierna, vorrei quindi sottolineare la necessità che Galileo e il programma europeo di monitoraggio della terra (GMES) conseguano risultati in merito, poiché possono diventare un’importante infrastruttura europea se saremmo in grado di costituirli. Per questo stiamo lavorando al fine di definire le linee di bilancio in tali ambiti, ma dobbiamo spiegare meglio ai cittadini europei perché questi progetti siano tanto necessari.

Ho voluto intervenire proprio per sottolineare che, oltre alle politiche europee, si rende necessario istituire un’infrastruttura europea in questo settore.

 
  
MPphoto
 

  Nathalie Griesbeck, a nome del gruppo ALDE.(FR) Signor Presidente, signor Commissario, meno di un anno fa trecento aeroporti sono stati chiusi in Europa in 23 su 27 paesi dell’Unione. Ciò ha causato perdite finanziarie notevoli e, come evidenziato dai precedenti oratori, più di 10 milioni di persone, non tutte in viaggio per motivi turistici, hanno dovuto posticipare la partenza e trovare mezzi alternativi di trasporto.

Questo è stato il risultato della confusione scatenata da un evento completamente naturale, che ci ha collocati in un contesto importante in relazione alla natura, provocando una paralisi senza precedenti nei cieli europei.

È ovviamente difficile prevedere un’eruzione vulcanica, e ancor di più la creazione di una nube di cenere vulcanica, rispetto a un episodio di neve. Nondimeno la crisi causata da questa nube ha sottolineato le carenze e le lacune della gestione del traffico aereo nell’Unione, così come la debolezza e la mancanza di certi strumenti di gestione.

Alla luce di questi tre fattori, vorrei avanzare tre proposte di miglioramento: la prima riguarda l’imprescindibilità della co-modalità, la seconda la necessità che il metodo comunitario risponda alle sfide di questo tipo e infine i diritti dei passeggeri, che si trovano al centro delle nostre preoccupazioni.

Per quanto concerne il primo punto, la crisi ha messo in evidenza l’importanza fondamentale di un rafforzamento della co-modalità nei trasporti europei, poiché la nube non ha posto l’accento unicamente sui limiti dei sistemi di aviazione a livello europeo, ma soprattutto su quelli del trasporto ferroviario, in quanto numerosi viaggiatori non sono stati in grado di trovare un’alternativa. Come dimostrato dagli studi condotti lo scorso anno, si pensa che con una maggiore co-modalità le dimensioni della crisi non sarebbero state tali e la paralisi, a sua volta, sarebbe risultata un po’ meno marcata.

Per quanto concerne il secondo elemento, come per la crisi finanziaria e le discussioni sul confronto tra metodo comunitario e intergovernativo, nel settore dei trasporti non saranno un approccio intergovernativo o una risposta disomogenea da parte dei 27 Stati membri a risolvere le difficoltà che abbiamo incontrato, e che potrebbero verificarsi di nuovo, bensì un reale metodo comunitario. Ciò richiede un rafforzamento delle competenze di Eurocontrol in un sistema comunitario e ovviamente, come già indicato, il completamento del cielo unico europeo con la massima urgenza.

Infine vi sono i passeggeri che si trovano al centro e al cuore delle nostre preoccupazioni ...

(Il Presidente interrompe l’oratore)

Avrete capito che, come affermato nella mia introduzione, la questione che ho lasciato per ultima era quella centrale.

 
  
MPphoto
 

  Eva Lichtenberger, a nome del gruppo Verts/ALE.(DE) Signor Presidente, innanzi tutto desidero ringraziare la Commissione, cosa che non faccio spesso, per aver costantemente richiamato l’attenzione sulla sicurezza, nonostante le proteste di alcune compagnie aeree che hanno cercato di minimizzare la situazione per via dell’ impatto finanziario derivante da problemi di questo tipo. La sicurezza deve rimanere il nostro principio guida anche per il futuro, ma si rendono necessari alcuni miglioramenti che possiamo conseguire a livello europeo.

Ad esempio perché non migliorare i nostri sistemi comuni di misurazione? Disponiamo di strategie per determinare modalità e attribuzione dei compiti nella misurazione degli incidenti ecologici, in modo tale da pubblicare più velocemente dichiarazioni in qualche misura affidabili? So che è estremamente difficile, soprattutto considerando le condizioni meteorologiche, tuttavia desidero sapere se siano stati realizzati progressi in materia di coordinamento, cosicché si possano almeno effettuare misurazioni e valutarle in base ai medesimi criteri.

In generale, la crisi causata dalle ceneri vulcaniche ha evidenziato la vulnerabilità del nostro ben attrezzato sistema di trasporto aereo, come risulta ormai evidente a tutti già negli aeroporti. In condizioni operative normali, due o tre ritardi comportano già di per sé una serie di conseguenze, rendendo sempre più difficile l’utilizzo del servizio; a maggior ragione la situazione degenera nella confusione totale in caso di ulteriori eventi meteorologici esterni o di una crisi causata dalle ceneri vulcaniche. Il nostro sistema non offre nessuna tolleranza agli errori; anche in questo settore dobbiamo compiere progressi, in quanto la validità di un sistema è proporzionale alla sua capacità di ammettere un certo margine di errore in determinati casi.

È altresì evidente che stiamo affrontando una grave carenza, ovvero la generale mancanza di cooperazione tra i trasporti ferroviari, stradali e aerei. Proprio a causa di questa cooperazione insufficiente, è stato quasi impossibile adottare adeguate misure compensative in loco.

Per quanto riguarda il cielo unico, la cui necessità è stata messa in evidenza dal fatto che l’adozione di misure coordinare sarebbe comunque stata preferibile, vorrei formulare un’osservazione: fintanto che ogni Stato membro sarà convinto di essere l’unico veramente capace di controllare in maniera efficiente il proprio spazio aereo e che tutti gli altri non ne siano in grado (e mi sto riferendo in questo caso allo spazio aereo nell’Europa centrale) non otterremmo alcun progresso in merito. Questo egotismo danneggia la cooperazione europea e in definitiva anche l’idea europea. Ciò deve essere chiaro.

 
  
MPphoto
 

  Jacqueline Foster, a nome del gruppo ECR.(EN) Signor Presidente, è stato già detto durante la discussione, ma desidero ripeterlo: siamo tutti consapevoli della vastità del dissesto causato dalla nube di cenere vulcanica. Come già ricordato, più di 100 000 voli sono stati cancellati, decine di milioni di passeggeri in viaggio per vacanza o per lavoro non sono stati in grado di intraprendere lo spostamento programmato, merci e carichi erano in ritardo o non sono affatto stati trasportati, le imprese sono state colpite, mentre i vettori e gli aeroporti europei hanno subito perdite finanziarie catastrofiche. Tutto considerato, i costi per le compagnie aeree europee sono ammontati a oltre 2 miliardi di euro. Le istituzioni in Europa e negli Stati membri competenti per la gestione di simili problemi erano completamente paralizzate, e francamente se la situazione non fosse stata così grave sarebbe risultata quasi ridicola.

In tutto questo caos, una cosa è emersa chiaramente. Il trasporto aereo è estremamente importante per l’economia europea e ognuno di noi confida in un settore aereo efficiente e prospero, dove la sicurezza per l’equipaggio e i passeggeri rappresenti la principale prerogativa. Sono pertanto lieta di sostenere questa interrogazione orale, anche perché durante la precedente discussione in plenaria ho invitato l’Unione europea a guardare alle migliori prassi internazionali nella gestione delle ceneri vulcaniche; ho fatto riferimento, in particolare, al caso dell’America, che ha sempre adottato un approccio più calibrato. Senza dubbio ho accolto con favore il fatto che, nella propria valutazione sulla crisi, la Commissione abbia accettato la necessità di rivedere le procedure dell’Europa attraverso l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale.

Le migliori prassi internazionali ci dicono che la responsabilità di affrontare i potenziali rischi correlati alle ceneri vulcaniche dovrebbe essere trasferita agli operatori di linee aeree nel quadro dei rispettivi sistemi di gestione della sicurezza. Il ruolo delle autorità consiste nel verificare tali sistemi per garantire che soddisfino i necessari standard di sicurezza. Questa è la procedura impiegata dagli Stati Uniti e da altri paesi, che sono stati capaci di affrontare eruzioni vulcaniche senza gravi turbative al traffico aereo.

Una leadership comune chiara e risoluta è essenziale. L’Agenzia europea per la sicurezza aerea deve inoltre far sì che gli Stati membri dell’Unione adattino le proprie procedure correnti, garantendo un’assunzione di responsabilità da parte degli operatori di linee aeree e offrendo sostegno a questi ultimi nell’adozione di decisioni simili in futuro.

La crisi verificatasi nell’aprile e nel maggio scorsi ha infine evidenziato inequivocabilmente che dobbiamo insistere, in via prioritaria, sulla piena attuazione del cielo unico europeo e su SESAR. Sia il settore europeo che i contribuenti hanno già investito ingenti somme di denaro in questi progetti e noi, in quanto legislatori europei, dobbiamo continuare a perseguire riforme strutturali equilibrate ed efficienti in termini di costi. Accolgo con favore le osservazioni avanzate oggi dal signor Commissario. Speriamo ora di progredire in modo positivo.

 
  
MPphoto
 

  Juozas Imbrasas, a nome del gruppo EFD. (LT) Signor Presidente, poiché oggi discutiamo ancora della crisi causata dalle ceneri vulcaniche sembrerebbe che la questione sia ancora attuale e che vi siano tuttora interrogativi senza risposta. Sappiamo che i vulcani non rispettano nessuna regola e che non possiamo escludere situazioni impreviste. È in gioco la sopravvivenza dell’industria aeronautica, tuttavia gli aeromobili sono ostacolati non solo dai vulcani, ma anche dalle tempeste, dalla neve e da simili fenomeni. È chiaramente impossibile eliminare, fermare o pronosticare qualunque evento che possa colpire il settore dell’aviazione. La sicurezza degli aeromobili, la vita delle persone e la loro mobilità devono essere considerate tra gli elementi più importanti.

Sono lieto che venga perseguito un programma dettagliato attraverso l’attuazione dell’iniziativa del cielo unico per modernizzare la gestione del traffico aereo. Concordo con il mio onorevole collega nel dire che è necessario creare anche un’infrastruttura comune. Dato che sono sull’argomento, vorrei però ricordare che oggi dobbiamo considerare e discutere lo sviluppo di trasporti alternativi: abbiamo bisogno e dobbiamo conseguire maggiori progressi in questo settore. Questa crisi ha avuto un particolare impatto sugli Stati membri orientali dell’Unione europea, che sono rimasti separati da una parte dell’Europa occidentale e, a differenza degli altri Stati membri dell’UE, non hanno avuto opportunità sufficienti di scegliere mezzi di trasporto alternativi. Ora sappiamo di dover urgentemente istituire un sistema di mobilità alternativa, reti transeuropee, reti ferroviarie e un’alternativa al trasporto aereo, come è stato saggiamente fatto con le reti elettriche e di telecomunicazione. Alla luce delle prospettive finanziarie, è necessario stabilire obiettivi più ambiziosi in sede di revisione delle reti transeuropee. Il trasporto terrestre e soprattutto le ferrovie devono essere in grado di sostituire il trasporto aereo con meno intoppi, qualora quest’ultimo venga rimosso. È giunto il momento di considerare alternative specifiche e attuarle il prima possibile.

 
  
MPphoto
 

  Diane Dodds (NI).(EN) Signor Presidente, come altri onorevoli colleghi, non sono un membro della commissione per i trasporti e il turismo, tuttavia provengo dall’Irlanda del Nord, un’isola agli estremi confini dell’Europa. Potete quindi immaginare l’importanza di buoni collegamenti aerei e marittimi non solo per la nostra economia, ma anche per i viaggi personali.

Negli ultimi mesi e anche durante questa settimana mi sono occupata degli ultimi casi di miei elettori colpiti da questa particolare emergenza. Al tempo della crisi causata dalle ceneri vulcaniche, i costi stimati superavano i 200 milioni di sterline britanniche al giorno per i soli voli del Regno Unito. Per evitare questa situazione, dobbiamo quindi intensificare la cooperazione e conoscere meglio le buone prassi per predisporre un piano volto a prevenire futuri dissesti ed evitare un tale spaventoso impatto sull’economia.

Come ho già affermato, ho ricevuto molti reclami da parte dei miei elettori, la maggior parte dei quali riguardavano le compagnie aeree, il trattamento riservato ai passeggeri e il mancato riconoscimento dell’obbligo di assistenza che spetta alle compagnie. Invito la Commissione ad esaminare anche questo elemento.

 
  
MPphoto
 

  Ville Itälä (PPE).(FI) Signor Presidente, conosciamo ovviamente tutti le tristi storie che si sono sentite quando la nube di cenere si è formata. Molte persone non sono state in grado di partecipare al funerale dei propri familiari, ai matrimoni dei loro figli o ad altri avvenimenti simili. Si è trattato di incidenti molto personali e spiacevoli, senza parlare dei costi finanziari registrati sulla pelle di 10 milioni di persone. Come vedete, in realtà non ha funzionato nulla.

Non abbiamo potuto rispondere dicendo che l’Unione europea aveva una soluzione per queste circostanze e il presidente della commissione per i trasporti e il turismo ha giustamente affermato che questo rischio non avrebbe potuto essere previsto né controllato: il tutto è stato più simile a una situazione di caos completo.

La Commissione deve ora fornire quanto prima le risposte che l’opinione pubblica richiede: disponiamo di soluzioni tecniche o saranno le compagnie aeree a trovarle? Se ne esistono, quali potrebbero essere? Come verranno applicati in futuro i diritti dei passeggeri qualora accadesse di nuovo che le persone non riescono a volare o tornare a casa? Quando ci sarà un efficace spazio aereo comune europeo? Ovviamente i cittadini esigono una risposta il prima possibile, onde evitare che questa situazione si protratta ancora a lungo. Qual è il piano alternativo? Quali mezzi di trasporto verranno impiegati? Questa volta le persone erano del tutto abbandonate a loro stesse. Alcuni hanno chiamato taxi dalla Spagna alla Finlandia, pagando migliaia di euro. Una simile situazione non può ripetersi in futuro: occorre avere un piano che offra ai cittadini una migliore copertura di emergenza.

A tal proposito, desidero sollevare un’altra questione qui menzionata, un altro sconvolgimento naturale: la neve. Decine di migliaia di persone a dicembre sono state bloccate negli aeroporti in Europa quando ha nevicato. Nel mio paese, la Finlandia, ci sono continue intense nevicate e forti gelate, ma le cose funzionano. Dobbiamo quindi far sì che anche gli aeroporti europei funzionino in modo appropriato. Non è molto difficile e non possiamo semplicemente arrenderci: le questioni devono essere affrontate in modo tale da garantire l’accesso alla giustizia da parte dei cittadini.

 
  
MPphoto
 

  Silvia-Adriana Ţicău (S&D).(RO) Signor Presidente, l’eruzione del vulcano in Islanda e le ingenti quantità di neve cadute lo scorso anno hanno gravemente bloccato il traffico aereo europeo causando conseguenze economiche e sociali notevoli. Per evitare il ripetersi di simili situazioni in futuro, desidero chiedere alla Commissione quali siano le principali norme che intende adottare per migliorare il quadro legislativo dei diritti dei passeggeri nel trasporto aereo.

Oltre ai centri di consulenza sulle ceneri vulcaniche a Londra e Tolosa, parte di una rete internazionale di nove centri istituiti dall’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), e al centro specialistico di Londra che elabora carte di rischio sulle nubi di ceneri vulcaniche, dobbiamo migliorare l’infrastruttura europea introducendo un sistema che misuri in tempo reale la concentrazione di nubi di cenere vulcanica.

Il regolamento (CE) n. 1070/2009, volto a migliorare le prestazioni del sistema aeronautico europeo, richiede agli Stati membri di adottare le misure necessarie per l’attuazione dei blocchi funzionali di spazio aereo entro il 4 dicembre 2012.

Vorrei chiedere alla Commissione se l’attuazione del cielo unico europeo rispetterà lo scadenzario indicato. L’Unione europea deve altresì promuovere la co-modalità e un sistema di prenotazione ed emissione dei biglietti per le rotte europee che comprenda diversi mezzi di trasporto. L’Unione necessita inoltre di un sistema ferroviario ad alta velocità che colleghi tutte le capitali e le città europee.

 
  
MPphoto
 

  Liam Aylward (ALDE).(EN) Signor Presidente, la crisi causata dalle ceneri vulcaniche lo scorso anno ha provocato l’annullamento di quasi 100 000 voli, creando una situazione di totale caos per i passeggeri. Oggi vorrei richiamare all’attenzione della Commissione proprio gli effetti che questa crisi ha avuto sui passeggeri.

Più di 10 milioni di persone sono state colpite e gli annullamenti hanno comportato costi economici notevoli per migliaia di passeggeri. Nonostante gli aeroporti espongano insegne e volantini informando i viaggiatori dei propri diritti, spesso questo risulta poco utile in caso di annullamenti o gravi perturbazioni del traffico come quella provocata dalla nube di cenere. In base alla legislazione dell’Unione europea, i passeggeri hanno diritto di ricevere informazioni e assistenza da parte delle compagnie aeree.

In realtà, la maggior parte dei passeggeri i cui voli sono stati sospesi perderanno molto tempo e denaro a rincorrere informazioni, cercare biglietti alternativi oppure ottenere un risarcimento da parte delle compagnie aeree. Questo è uno dei fronti sui quali la Commissione deve intervenire in modo più efficace. L’esperienza più frustrante per i passeggeri in situazioni di questo tipo consiste nel cercare di avere informazioni, contattare le compagnie aeree. Nonostante conoscano i propri diritti, ciò è di poco aiuto quando sono bloccati in aeroporto o in attesa, al telefono, con le compagnie.

Sebbene riconosca che durante la crisi causata dalle ceneri le compagnie aeree sono state sottoposte a pressioni senza precedenti dovendo gestire migliaia di passeggeri, e devo ammettere che alcune hanno svolto un lavoro ammirevole, in generale risulta molto difficile per le persone ottenere informazioni e assistenza quando necessario.

Il caos del traffico causato dal maltempo nel dicembre 2010 ne è un’ulteriore dimostrazione. I passeggeri necessitano di informazioni aggiornate, ma devono anche essere in grado di contattare le compagnie aeree per esercitare i propri diritti. Gli operatori, l’assistenza clienti presso gli aeroporti e i servizi informativi devono essere più di più facile accesso per i passeggeri che hanno subito problemi durante il viaggio. Non è sufficiente informare i cittadini dell’Unione europea sui diritti dei passeggeri: le persone devono infatti essere assistite nell’esercizio di tali diritti nei momenti di caos del traffico.

 
  
MPphoto
 

  Michael Cramer (Verts/ALE).(DE) Signor Presidente, questo disastro naturale ha avuto terribili conseguenze per molte persone. Ciononostante, al confronto con le inondazioni e l’uragano abbattutosi contemporaneamente sull’Australia o con il terremoto di Christchurch in Nuova Zelanda, ne siamo tutti sfuggiti illesi. La sicurezza ha avuto giustamente la priorità. Il Commissario Kallas ha adottato la giusta decisione in accordo con i ministri dei Trasporti dell’Unione europea degli Stati membri.

Non capisco le critiche rivolte alle compagnie aeree, le quali hanno chiaramente subito una perdita: si è parlato di 2 miliardi. È sbagliato lasciare alle compagnie aeree la responsabilità di decidere sulla partenza dei voli. Questa decisione deve essere presa a livello politico, accordando la massima priorità alla sicurezza. Immaginate se un aereo fosse caduto a causa delle ceneri vulcaniche. Oggi avremmo avuto una discussione completamente diversa, su quanto irresponsabile fosse stato anche solo permettere a un aeroplano di decollare.

Abbiamo bisogno di un piano B, come giustamente osservato, e il sistema ferroviario rappresenta l’alternativa. A causa dell’esenzione dalla tassa sui carburanti le compagnie aeree ricevono 30 miliardi di euro all’anno dai contribuenti europei. Questo denaro deve essere investito, almeno in parte, nel sistema ferroviario per disporre di un’alternativa in caso di simili disastri.

La sicurezza al primo posto: è questa la giusta richiesta dei cittadini, che deve continuare a essere tale anche in futuro.

 
  
MPphoto
 

  Ryszard Czarnecki (ECR).(PL) Signor Presidente, questa situazione ha dimostrato che l’Europa, in realtà, non era preparata alla crisi. Nonostante gli interventi che ascoltiamo in quest’Aula, gli esperti affermano che la nostra reazione è stata eccessiva e che certi voli avrebbero potuto essere senz’altro consentiti. Questo dimostra nondimeno le indubbie dimensioni della paralisi in cui ci siamo trovati. Gli oratori precedenti che hanno proposto lo sviluppo della rete ferroviaria quale alternativa hanno ragione, e questo è ovvio. Nel settore dell’aviazione la risposta a tale problema sta di certo in un migliore coordinamento e nel consolidamento del ruolo dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea. È inoltre positivo che a novembre il Parlamento europeo abbia adottato una normativa adeguata in materia, che ha rappresentato un passo nella giusta direzione.

 
  
MPphoto
 

  Béla Kovács (NI).(HU) Signor Presidente, l’eruzione vulcanica ci ha costretti a ripensare le nostre priorità in materia di trasporti. È giunto il momento di iniziare a privilegiare il sistema ferroviario per il trasporto di media distanza sino a 1 500 km, per il quale possono essere impiegati, secondo necessità, sovvenzioni, tasse e altri meccanismi regolatori. È importante ricordare che si osserva una notevole domanda del mercato interno in parallelo alla modernizzazione delle linee ferroviarie e alla costruzione di materiale rotabile, che potrebbero entrambi creare numerosi posti di lavoro. Considerando i tempi di trasferimento all’aeroporto e di check-in, gli aeromobili non offrono un risparmio di tempo apprezzabile rispetto ai treni ad alta velocità, mentre provocano emissioni di anidride carbonica e inquinamento acustico in misura considerevole. Sebbene non possiamo impedire le eruzioni vulcaniche, possiamo migliorare la tecnologia impiegata per prevederle e le modalità di valutazione dell’impatto. Una reale soluzione può tuttavia derivare soltanto da un ripensamento della politica dei trasporti, energetica e industriale, poiché le eruzioni vulcaniche non causano interruzioni al trasporto ferroviario o le provocano solo a livello locale.

 
  
MPphoto
 

  Christine De Veyrac (PPE).(FR) Signor Presidente, signor Commissario, onorevoli colleghi, come ricordato da molti di noi oggi, l’eruzione del vulcano islandese verificatasi lo scorso aprile ha dimostrato dolorosamente la frammentazione e l’inefficacia del cielo europeo. Noi tutti in quest’Aula ne siamo stati direttamente interessati. Cinque milioni di cittadini sono stati bloccati senza una reale alternativa di trasporto e a un anno da questo evento eccezionale non si sono ancora concretizzate nuove misure europee.

Signor Commissario, lei ha affermato che il primo esercizio di simulazione di crisi connesso alle ceneri vulcaniche è previsto per il 13 e 14 aprile sotto il coordinamento di Eurocontrol, dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO) e dell’Associazione internazionale dei trasporti aerei (IATA), ma è necessario che l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA) svolga un reale ruolo di direzione nel coordinamento delle misure di sicurezza a livello europeo.

È certo che le informazioni fornite dalle carte di avvicinamento a vista di Londra e Tolosa debbano essere perfezionate utilizzando tecnologie più moderne. Come abbiamo visto lo scorso aprile, i dati potrebbero tuttavia essere contradditori e spingere i singoli Stati membri a disporre la chiusura dello spazio aereo sulla base di reazioni emotive piuttosto che dei dati.

In questo contesto, l’AESA svolge un ruolo fondamentale nel proporre un’interpretazione armonizzata dei dati, nonché assicurare la centralizzazione e un’adeguata diffusione delle informazioni. Oltre alle informazioni fornite dalle carte di avvicinamento a vista, l’AESA deve istituire un meccanismo per raccogliere i dati disponibili in stretta cooperazione con gli Stati membri, le compagnie aeree e i piloti.

Tale centralizzazione delle informazioni e il coordinamento di tutte le parti coinvolte eviteranno il caos e le incongruenze verificatesi lo scorso anno. Mi aspetto che la Commissione, di concerto con l’AESA sia in grado di presentare proposte specifiche nel prossimo futuro, che verranno pienamente integrate nell’attuazione del cielo unico europeo.

 
  
MPphoto
 

  James Nicholson (ECR).(EN) Signor Presidente, la crisi causata dalle nubi di ceneri vulcaniche ha provocato un grave dissesto nell’aprile e nel maggio scorsi. Come affermato dall’onorevole Foster, molti di noi hanno compreso la misura della nostra dipendenza dal trasporto aereo moderno. Senza dubbio chi proviene da un paese come il mio, dove è impossibile andare a lavorare senza usare l’aereo, ha ben chiara questa realtà. Tutti coloro che hanno viaggiato durante quel periodo hanno probabilmente storie da raccontare e alcuni sono stati colpiti in modo molto grave. Le perdite economiche subite dalle compagnie aeree e da altre imprese per la sospensione dei voli e le difficoltà dei passeggeri sono state notevoli.

Sembra che possa accadere di nuovo e ritengo che dobbiamo essere preparati a questa eventualità, perché vi sono state sin troppe indecisioni. Permettetemi di essere molto franco: volo ogni settimana e, quando sono in cielo a 39 000 piedi, voglio soprattutto sentirmi al sicuro, quindi non metto mai in discussione le misure di sicurezza. Dobbiamo garantire che si assegni la massima importanza alla sicurezza dei passeggeri; a mio avviso, è questo l’elemento di fondo che dobbiamo sostenere.

 
  
MPphoto
 

  Artur Zasada (PPE).(PL) Signor Presidente, lo ripeto di nuovo: 100 000 voli cancellati, 10 milioni di passeggeri che non hanno raggiunto la propria destinazione, 2 miliardi di euro di perdita per le compagnie aeree. Non ricordo si sia mai verificata in Europa una simile paralisi del traffico aereo. La Commissione europea, messa sotto pressione dall’opinione pubblica e dall’industria aeronautica, ha annunciato azioni rapide e risolute già ad aprile dello scorso anno. Sfortunatamente le ceneri vulcaniche sono passate e con esse le ambizioni della Commissione. A oggi non è ancora stato preparato un piano europeo di gestione delle crisi per simili situazioni, né è stato possibile sinora definire una posizione comune tra esperti di sicurezza, costruttori di aeromobili, compagnie aeree e autorità di regolamentazione dei mercati. Oggi si pongono dunque le seguenti domande: che cosa è stato fatto in merito lo scorso anno? Se una simile eruzione vulcanica si verificasse oggi, reagiremmo in modo diverso rispetto a un anno fa? Quando ci saranno presentate misure specifiche?

Portiamo avanti un confronto lungo e intenso sul cielo unico europeo, sugli analizzatori di liquidi e sui body scanner, nonché sulle procedure in caso di disastri naturali come un’eruzione vulcanica o inverni estremi. Nel frattempo, il traffico aereo sull’Europa continua ad aumentare anno dopo anno e il tempo per discutere giunge alla fine. Sul cielo europeo occorrono buone e immediate soluzioni per il futuro e incoraggio fermamente la Commissione a completare i lavori. Vi ringrazio molto.

 
  
MPphoto
 

  Ismail Ertug (S&D).(DE) Signor Presidente, signor Commissario, onorevoli colleghi, le ceneri vulcaniche dello scorso anno hanno messo drammaticamente in evidenza le nostre debolezze. Sorge quindi la domanda su come dobbiamo affrontare situazioni simili in futuro. È in gioco prima di tutto la sicurezza delle persone che salgono a bordo di un aeroplano. È inoltre necessario prendere in considerazione il problema delle perdite finanziarie. Chiedo quindi alla Commissione (e il Commissario Hahn forse può riferire la mia domanda al suo collega, il Commissario Kallas): cosa stiamo pianificando nello specifico? Ritengo sia particolarmente importante assumere un ruolo di coordinamento nella gestione dei voli di prova e dei valori limite, aspetti fondamentali per la valutazione dell’idoneità al volo di un aeromobile.

Ho un’altra osservazione, signor Commissario: è essenziale, come già ricordato più volte, istituire un cielo unico europeo. Come intende la Commissione esercitare pressioni sugli Stati membri affinché assolvano ai propri obblighi? Dopo tutto gli Stati hanno sottoscritto il progetto.

Un altro punto essenziale, che è stato evidenziato molte volte oggi, riguarda gli sviluppi futuri in relazione ai diritti dei passeggeri nel trasporto aereo. Abbiamo il regolamento (CE) n. 2061 dal 2004, che cosa ha intenzione di fare la Commissione in merito? Conosciamo il problema delle perdite finanziarie subite da diverse compagnie aeree. Desidero sottolineare ancora una volta che ci occorre un’alternativa al trasporto aereo, ovvero il sistema ferroviario. Condivido inoltre l’opinione di chi ritiene necessario collegare le città più grandi, le capitali europee; anche in questo caso la risposta è un aumento, e non una riduzione, del coinvolgimento dell’Europa.

Sarei lieto se la Commissione si occupasse di tali questioni.

 
  
MPphoto
 

  Carlo Fidanza (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, vorrei innanzitutto ringraziare il collega Marinescu per aver voluto con forza che si tenesse questo dibattito.

Dopo quasi un anno dall'accaduto ci ritroviamo qui a discutere di questa tematica delicata, che ha causato ingenti danni ai passeggeri e alle imprese coinvolte sia nel settore aereo ma, non dimentichiamolo, anche in altri comparti produttivi.

Ritengo quindi necessario agire su un duplice binario. Da un lato, migliorare il coordinamento tra le autorità e i soggetti coinvolti, affrontando finalmente la riforma di Eurocontrol che, certamente, non è un organismo alle dirette dipendenze delle istituzioni europee, ma che è stato fondamentale nella gestione e nella mancata gestione efficace di questa crisi.

Si è dimostrata l'insufficienza di modelli meramente matematici, che hanno indotto le autorità dei singoli paesi al blocco quasi totale degli spazi aerei, anche quando non ce n'era bisogno. In assenza di un modello verificato sul campo e di tecnologie più avanzate, l'eccesso di precauzione ha causato infatti danni e disagi ingentissimi.

Inoltre, dobbiamo compiere decisivi passi avanti verso la realizzazione del cielo unico europeo, sviluppando con maggiore rapidità tutti i FAB per ridurre la frammentazione nella gestione degli spazi aerei e assicurare una più efficace gestione degli stessi. Dall'altro lato, è necessario garantire i diritti dei viaggiatori. A tale proposito auspico che la Commissione possa presentare al più presto la revisione della direttiva sui viaggi "tutto compreso" per rendere più chiaro il quadro delle garanzie e delle responsabilità in situazioni straordinarie e anche delle modifiche, eventualmente, al regolamento sui diritti dei passeggeri quando le situazioni straordinarie si prolungano nel tempo.

Inoltre sarebbe necessario – lo hanno detto altri colleghi – varare un piano di emergenza per garantire una mobilità alternativa, mezzi di trasporto alternativi nel caso si dovesse verificare nuovamente una simile situazione.

 
  
MPphoto
 

  Dominique Riquet (PPE).(FR) Signor Presidente, vorrei ringraziare gli onorevoli colleghi che sono intervenuti prima evidenziando tutte le carenze dell’integrazione europea del trasporto aereo in relazione all’utilizzo dello spazio aereo, delle strutture di terra e delle reti commerciali. Più nello specifico, desidero sottolineare anche gli aspetti non correlati allo spazio aereo che la crisi vulcanica ha messo in evidenza: la mancanza di reti alternative al trasporto aereo, in particolare quelle ferroviarie, come menzionato questa mattina, e soprattutto l’assenza di sistemi informativi integrati per permettere ai passeggeri di reperire velocemente informazioni sui mezzi alternativi di trasporto disponibili.

Questo incidente deve spingerci a lavorare per sviluppare mezzi di trasporto alternativi, efficienti e competitivi. Il riesame del primo pacchetto ferroviario e il rilancio delle politiche infrastrutturali attraverso le reti transeuropee di trasporto devono muoversi in questa direzione.

Invito inoltre la Commissione a riflettere seriamente sull’istituzione di un’unica interfaccia informativa e di prenotazione per tutte le modalità interconnesse di trasporto.

 
  
MPphoto
 

  Bogdan Kazimierz Marcinkiewicz (PPE).(PL) Signor Presidente, l’Europa non era preparata a fronteggiare un simile caos, né le istituzioni competenti per la gestione della crisi erano all’altezza del compito. A causa del blocco del traffico aereo, le compagnie aeree hanno perso 400 milioni di dollari americani al giorno. Alla perdita dei biglietti venduti bisogna aggiungere il costo dell’alloggio, dei pasti e del trasporto per i passeggeri bloccati in aeroporto.

L’attività vulcanica e sismica non è una novità per il mondo ed è possibile che accadano altre eruzioni vulcaniche in futuro. Sfortunatamente, non esiste un rimedio adatto a un problema simile e in questi momenti l’Unione europea deve concentrarsi sull’offerta di mezzi di trasporto alternativi a quello aereo. Una buona soluzione è rappresentata dalla creazione di una rete comune di collegamenti ferroviari, nell’ambito della rete transeuropea di trasporto (TEN-T) che verrà istituita nell’Unione, prestando particolare attenzione al miglioramento del trasporto ferroviario ad alta velocità. Ciò sarebbe certamente efficace per contribuire a risolvere problemi di questo tipo. Vi ringrazio.

 
  
MPphoto
 

  Karin Kadenbach (S&D).(DE) Signor Presidente, signor Commissario Hahn, neanche io sono un membro della commissione per i trasporti e il turismo, ma ritengo sia importante per tutti noi ricavare il giusto insegnamento dalla crisi causata dalle ceneri vulcaniche. Come già menzionato più volte oggi, “la sicurezza al primo posto” deve diventare il principio guida nella ricerca di soluzioni in futuro. È necessario sviluppare le ferrovie e una rete ferroviaria europea, nonché creare una forma di coordinamento generale per il trasporto di passeggeri e quello di merci, indipendentemente dalla modalità di trasporto (su rotaie, su strada o per via aerea) e dal verificarsi di terremoti, nubi di cenere, inondazioni o disastri simili.

Punti di contatto nazionali, come quelli che stiamo istituendo nel settore della sanità per l’assistenza transfrontaliera dei pazienti, sembrano costituire un’ovvia soluzione, offrendo un punto di riferimento per i cittadini di ogni età. Il fatto è che mi sembra di intravedere anche una certa disomogeneità fra generazioni nel trasporto aereo. Oggigiorno è quasi impossibile ottenere informazioni senza Internet; dobbiamo quindi cooperare per risolvere anche questa questione.

 
  
MPphoto
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE).(EN) Signor Presidente, come sottolineato da molti onorevoli colleghi, la crisi causata dalle ceneri vulcaniche ha provocato nel 2010 una notevole perturbazione del traffico aereo e danni economici ancora non quantificabili. Più di 10 milioni di passeggeri sono stati direttamente interessati a seguito dell’annullamento di 100 000 voli in tutta Europa. Provengo dall’Irlanda e i passeggeri qui hanno incontrato enormi difficoltà a causa delle nubi di ceneri, in quanto il mio paese non dispone di collegamenti terrestri con il continente europeo. Per raggiungere Strasburgo, ho dovuto prendere traghetti, treni, taxi e auto impiegando più di 24 ore senza dormire. È sicuramente un piccolo prezzo da pagare; dobbiamo garantire che la sicurezza sia al primo posto.

La situazione ha tuttavia evidenziato l’assoluta necessità di una politica comune e accolgo con favore le recenti iniziative adottate dal Commissario Kallas per attuare il cielo unico europeo e istituire i blocchi funzionali. Sostengo inoltre la dichiarazione resa oggi dal Commissario Hahn in questa sede e appoggio pienamente queste misure, poiché le nubi di ceneri vulcaniche non conoscono confini geografici né politici.

 
  
MPphoto
 

  Ádám Kósa (PPE).(HU) Signor Presidente, onorevoli colleghi, come evidenziato dall’onorevole collega Marinescu, la crisi causata dalle ceneri vulcaniche ha dimostrato che l’Europa non era preparata ad affrontare questa situazione né da un punto di vista strategico né tecnologico. Desidero richiamare l’attenzione della Commissione sul fatto che questo ha provocato un forte impatto sulla diffusione e sull’accesso alle informazioni. Il caos nelle comunicazioni ha fatto sì che la crisi si ripercuotesse su gruppi svantaggiati, come le famiglie con bambini piccoli e le persone disabili, incapaci di reagire adeguatamente alle circostanze. Chiedo alla Commissione se dopo l’aprile del 2010, in caso di situazioni simili, ogni viaggiatore avrà accesso a informazioni adeguate per poter debitamente esercitare il proprio diritto all’informazione.

 
  
MPphoto
 

  Johannes Hahn, membro della Commissione.(EN) Signor Presidente, vorrei ringraziare gli onorevoli parlamentari per la comprensione dimostrata sapendo che non sono ferrato sulla questione. Onorevoli deputati, avete ragione nel dire che il mio collega, il Vicepresidente Kallas, sta svolgendo un eccellente lavoro e riceverete delle risposte scritte ai vostri quesiti specifici, se necessario. Oltre a questo, desidero ringraziarvi per l’interessante discussione, soprattutto perché sono stato coinvolto in prima persona, e in vari modi. Vorrei pertanto concludere formulando le seguenti affermazioni.

La crisi causata dalle ceneri vulcaniche lo scorso anno ha sottolineato chiaramente il bisogno di lavorare insieme a una soluzione, onde evitare che si ripeta una chiusura dello spazio aereo come quella a cui abbiamo assistito. Con queste premesse, e come è accaduto ad aprile dello scorso anno, le azioni intraprese a tal fine non possono ridurre i livelli di sicurezza per il quale il settore aeronautico è rinomato in tutto il mondo.

Le situazioni di crisi non sono una novità per l’Unione europea, che ha reagito all’emergenza in maniera tempestiva ed efficiente, dimostrando l’importanza di un’azione europea centralizzata in una situazione di crisi generale. Guardando nello specifico al caso dell’Eyjafjallajökull, gli avvenimenti hanno messo in risalto ancora una volta l’idea, gli scopi e gli obiettivi dell’iniziativa del cielo unico europeo. Come riconosciuto dal Consiglio dei ministri, è necessario accelerare l’attuazione della suddetta proposta per trarre tutti i benefici dalla sua applicazione.

Dalla prospettiva della Commissione, l’obiettivo principale resta quello di assicurare un approccio armonizzato e applicare misure condivise in future situazioni di crisi, a beneficio di tutti i cittadini europei. È nostra intenzione riesaminare i diritti dei passeggeri aerei nel 2012. Ultimo punto, ma non per importanza, è la partecipazione dell’industria, indispensabile per facilitare un processo decisionale coordinato.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – La discussione è chiusa

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto.(EN) La chiusura di ampi settori dello spazio aereo europeo ad aprile e maggio dello scorso anno a causa dell’eruzione vulcanica in Islanda ha provocato gravi interruzioni del traffico e danni economici, interessando direttamente 10 milioni di passeggeri. A mio avviso, la competenza in materia di sicurezza dei voli spetta principalmente agli operatori, che devono pertanto disporre di dati accurati. I piloti sono addestrati a gestire condizioni di volo straordinarie, i manuali di sicurezza delle compagnie aeree commerciali sono riveduti, controllati e confermati dalle autorità di controllo e le compagnie aeree hanno la necessaria esperienza di volo sulle zone vulcaniche, come provato dalle condizioni di sicurezza che applicano. Gli operatori delle compagnie aeree (i piloti) hanno dunque il compito di valutare il rischio e garantire la sicurezza del volo, ad esempio scegliendo la rotta o decidendo di modificarla, se necessario, sulla base di tutte le informazioni offerte (a bordo degli aerei devono essere disponibili maggiori informazioni e una migliore attrezzatura tecnica). Mi auguro che la Commissione collabori con le autorità competenti per consentire loro, in futuro, di svolgere il proprio lavoro.

 
  
MPphoto
 
 

  Wojciech Michał Olejniczak (S&D), per iscritto.(PL) Oggi il Parlamento europeo ha condotto una discussione sulla crisi causata dalle ceneri vulcaniche. L’eruzione vulcanica verificatasi in Islanda lo scorso anno ha provocato gravi interruzioni del traffico aereo in Europa e notevoli perdite economiche, interessando direttamente 10 milioni di passeggeri. L’Unione non ha certo intenzione di resistere alle forze della natura, ma una migliore previsione delle crisi future permetterebbe senza dubbio di ridurre le perdite economiche e i costi per i cittadini europei.

Durante la discussione si è parlato dei progressi realizzati nell’attuazione degli investimenti a favore di attrezzature tecnologiche e sistemi di trasferimento dei dati, per la diffusione di previsioni meteorologiche in tempo reale. Alla Commissione europea sono stati sottoposti quesiti riguardanti la trasparenza dei processi decisionali collaborativi e un migliore coordinamento delle risposte. Sono state altresì prese in considerazione le conseguenze di un eventuale aumento del traffico aereo e le misure che dovrebbero essere adottate per conferire all’Agenzia europea per la sicurezza aerea la competenza di effettuare modifiche operative.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Teixeira (PPE), per iscritto. – (PT) Il numero di disastri naturali è aumentato sia per intensità che per frequenza. Il recente caso della nube di cenere vulcanica avvenuto in Islanda ha colpito duramente l’intero spazio aereo europeo nell’aprile e nel maggio scorsi, quando il 75 per cento della rete aeroportuale è rimasta inattiva; le perdite economiche sono state considerevoli e circa 10 milioni di passeggeri sono rimasti coinvolti.

Per prevenire ulteriori interruzioni del traffico aereo è necessario elaborare urgentemente misure di gestione delle crisi, il che significa investire in attrezzature tecnologiche terra/aria per fornire informazioni accurate in tempo reale. È inoltre essenziale definire il ruolo e le funzioni delle varie istituzioni nella gestione della crisi, affinché il coordinamento venga concertato e si eviti un aumento delle perdite per le varie parti in causa. Questo avvenimento dimostra che è fondamentale sviluppare l’integrazione dello spazio aereo europeo attraverso l’iniziativa del cielo unico europeo. La continua crescita del traffico aereo, la frammentazione dello spazio aereo europeo e situazioni impreviste come la nube di cenere vulcanica dimostrano che l’Unione europea deve coordinare e armonizzare le proprie procedure per conferire valore aggiunto al settore aeronautico europeo.

 
  
  

(La seduta, sospesa alle 11.35, riprende alle 12.00)

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. BUZEK
Presidente

 
Ultimo aggiornamento: 19 luglio 2011Avviso legale