Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/2187(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

A7-0131/2011

Discussioni :

PV 10/05/2011 - 4
CRE 10/05/2011 - 4

Votazioni :

PV 10/05/2011 - 11.11
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2011)0204

Discussioni
Martedì 10 maggio 2011 - Strasburgo Edizione GU

12. Dichiarazioni di voto
Video degli interventi
PV
  

Dichiarazioni di voto orali

 
  
  

Relazione Rivellini (A7/0137/2011).

 
  
MPphoto
 

  Daniel Hannan (ECR). - (EN) Signora Presidente, un miliardo qui, un miliardo là, e presto parleremo di soldi veri. Le somme stanziate dall’Unione europea per questi salvataggi fanno apparire insignificante la spesa interna dei nostri governi nazionali. Il Regno Unito da solo finora ha stanziato 7 miliardi di sterline a favore dell’Irlanda e sta per sborsare altri 4,2 miliardi di sterline per il Portogallo.

Sette miliardi di sterline superano il valore di tutti i tagli apportati alla previdenza sociale nel nostro paese messi insieme – e tutto questo in nome di una strategia che sta fallendo palesemente. Quando ci accordammo per il salvataggio della Grecia, ci dissero che esso sarebbe bastato per scoraggiare gli speculatori, che la Grecia avrebbe contratto prestiti concorrenziali sul mercato e che non sarebbe stati necessari ulteriori interventi. Ora, tuttavia, vediamo la Grecia negoziare un default e ulteriori prestiti alla luce del sole.

È chiaro che non rivedremo più quei soldi. È anche chiaro che stiamo violando la legge. Questi salvataggi non soltanto non sono autorizzati dai trattati, sono espressamente vietati e, quel che è peggio, sono deleteri per i paesi beneficiari. Si tratta di una truffa, di uno schema Ponzi, in cui i governi e le banche sono in combutta tra loro per erogare soldi ai banchieri e agli obbligazionisti europei, prevedendo di essere rimborsati dai comuni contribuenti europei. L’Irlanda e la Grecia ora sono costrette a contrarre altri prestiti per finanziare il Portogallo, mentre contemporaneamente l’Irlanda e il Portogallo sono costrette a contrarre prestiti per stanziare fondi a favore della Grecia.

Permettetemi di concludere citando il mio compatriota Rudyard Kipling.

“Riterrai che sia più saggio dire:--

“Non pagheremo mai nessun Danegeld,

Per quanto irrisorio sia;

Poiché quel gioco si conclude con l’oppressione e la vergogna,

E la nazione che vi gioca è perduta!”

 
  
MPphoto
 

  Ashley Fox (ECR). - (EN) Signora Presidente, oggi abbiamo votato i conti del 2009 in un momento in cui i governi di tutta Europa sono costretti ad adottare misure di austerità: tagliano le spese e aumentano le tasse. Tuttavia, qui all’Unione europea, la Commissione chiede sempre più denaro ogni anno che passa, e ogni anno la Corte dei conti risponde che il denaro non viene speso bene.

La Corte dei conti sostiene che i conti del 2009, che abbiamo appena votato, sono concretamente soggetti a errori ed è per questo che sono molto lieto che i conservatori britannici e i nostri amici conservatori europei abbiano votato contro il discarico di quei conti. L’Unione europea dovrebbe amministrare molto meglio il denaro dei contribuenti.

 
  
MPphoto
 

  Syed Kamall (ECR). - (EN) Signora Presidente, quando i miei elettori mi chiedono del bilancio dell’Unione europea, una delle cose che non comprendono, specialmente nel difficile momento che attraversiamo, è perché spendiamo tutti questi soldi. In tempi in cui il nostro governo è costretto a operare tagli e ad abbassare il livello della spesa pubblica e in cui i governi di tutta l’Unione sono obbligati a fare esattamente lo stesso, perché, in primo luogo, l’UE chiede più denaro per i suoi bilanci e le sue prospettive finanziarie e, in secondo luogo, perché non riesce a spenderlo con efficienza?

Come ha dichiarato prima il mio collega, onorevole Fox, i conti dell’Unione europea relativi all’esercizio 2009 erano pieni zeppi di errori. È 15 anni che non vengono approvati, ed è da 15 anni che i nostri elettori ci domandano perché non spendiamo meglio il loro denaro. È tempo che mettiamo ordine in casa nostra. Qualunque cosa pensiate dell’Unione europea, è giusto, senza ombra di dubbio, spendere i soldi dei contribuenti in modo saggio.

 
  
  

Relazione Itälä (A7-0094/2011)

 
  
MPphoto
 

  Bruno Gollnisch (NI).(FR) Signora Presidente, ho votato contro la concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio del Parlamento, non tanto per motivi finanziari, quanto per motivi politici, dato che quest’Assemblea è tutt’altro che un Parlamento. Qui non si discute, non vi è alcuna possibilità di dibattere, persino quando sono in gioco i diritti fondamentali di uno dei suoi deputati.

Al di là della mia persona, provo vergogna per la nostra istituzione. È invischiata nel “politicamente corretto”. Non vi è alcun confronto di idee. Non vi è alcuna vera libertà di espressione. Tutto è conformismo. Passiamo il tempo a fare un lavoro che sarebbe molto meglio svolgesse un’agenzia di tecnici che si occupa di armonizzare le norme o le regole e, a parte questo, giochiamo a fingerci le Nazioni Unite. Voi difendete i diritti umani in Guatemala e in Indonesia: in qualunque parte del mondo in cui non avete alcuna giurisdizione. Siete incapaci di difendere i diritti di uno dei vostri colleghi deputati. Provo vergogna per questo Parlamento; è un Parlamento inutile e un Parlamento di inutili.

 
  
MPphoto
 

  Hannu Takkula (ALDE). - (FI) Signora Presidente, desidero dire qualche parola in merito al bilancio dell’UE. Prima di tutto, penso sia importantissimo rendere trasparenti e aperte le modalità con cui il Parlamento europeo spende il proprio denaro. In Europa stiamo effettivamente attraversando un periodo in cui tutti gli Stati membri sono costretti a tagliare i bilanci e a lesinare su ogni centesimo, perciò anche noi dobbiamo adottare la stessa politica. È assolutamente fondamentale che apertura e trasparenza abbiano un ruolo centrale in tutto ciò che facciamo.

Esistono però alcuni piccoli ambiti, in apparenza di poco conto, in cui alcuni desideravano operare tagli. A mio parere, questo genere di servizi culturali e di premi culturali, come il premio LUX, il cui taglio comporterebbe risparmi nell’ordine di poche decine di migliaia di euro, non costituiscono i settori più indicati in cui risparmiare, perché abbiamo visto come la cultura e il settore della creatività si sono rivelati di recente fonti di crescita. A questo proposito, quando tagliamo è bene evitare settori che sono fonti di crescita per l’Unione europea, bensì concentrarsi sulle pastoie burocratiche, che non producono nessuna crescita.

Infine, spero che le riforme agli stipendi di noi eurodeputati, e che sono state approvate, saranno attuate contemporaneamente dovunque, in ciascuno Stato membro dell’Unione europea. Questo perché ho appreso che questa riforma si fondava sull’idea che tutti i deputati al Parlamento europeo avrebbero percepito lo stesso stipendio, e anche di questo devono tenere conto gli Stati nazionali nelle loro prassi fiscali.

 
  
  

Relazione Moreira (A7-0069/2011)

 
  
MPphoto
 

  Jens Rohde (ALDE).(DA) Signora Presidente, non siamo stati in grado di votare oggi la risoluzione finale sul Pakistan in quest’Aula, ma desidero ardentemente sottolineare che penso sia assolutamente ragionevole e che questo sia il momento giusto per aiutare il Pakistan ad affrontare la difficilissima situazione in cui versa. L’Unione europea ha erogato 415 milioni di euro in aiuti d’emergenza al Pakistan, e questo è positivo. Un altro fatto positivo è che stiamo prendendo l’iniziativa di eliminare i dazi doganali su alcuni importanti prodotti esportati da quelle zone, ovvero il tessile e la pelletteria. Lo stiamo facendo perché la nostra esperienza dimostra che, in linea di massima, il libero scambio è un bene. Tuttavia, devo dire che, allo stesso tempo, trovo sia deplorevole e un po’ ipocrita fare promesse indefinite e dichiarare che, se le iniziative che stiamo adottando nei confronti del Pakistan funzioneranno, le interromperemo, ovvvero ripristineremo le barriere doganali. Penso che il Parlamento debba cambiare opinione circa il modo in cui affrontare la questione. Pertanto, forse è stato opportuno rimandare la votazione sulla risoluzione.

 
  
MPphoto
 

  Claudio Morganti (EFD). Signora Presidente, onorevoli colleghi, anche se la votazione è stata rinviata, io resto fortemente contrario alla relazione perché non voglio veder morire un settore – quello tessile – che è stato per secoli la vera forza economica e propulsiva della mia terra, la Toscana.

Oggi stiamo concedendo l’eliminazione dei dazi sui prodotti tessili al Pakistan: dopo potrebbe essere il turno dell’India e poi di chissà quale altro Stato. Questo è il frutto della scellerata politica commerciale dell’Unione europea. Successivamente alle inondazioni, il Pakistan era già stato aiutato dall’Europa con quasi mezzo miliardo di euro. Sembra che gli aiuti vengano concessi anche per non rischiare pericolose derive antidemocratiche. Ma non è in Pakistan che si nascondeva il più ricercato e pericoloso terrorista della storia? Ne erano veramente all’oscuro le autorità pakistane? Lo scorso anno anche la regione del Veneto era stata colpita da gravissime alluvioni, che avevano messo in ginocchio numerose imprese tessili locali.

Con la firma di questo accordo rischiamo che gli sforzi fatti per ritornare a produrre risultino essere totalmente vani. I produttori tessili, soprattutto i più piccoli, sembrano ormai essere stati abbandonati dall’Europa, dove comandano i grandi produttori che hanno delocalizzato. Ma noi della Lega ci batteremo fino alla fine per conservare e far crescere una preziosa risorsa dei nostri territori.

 
  
MPphoto
 

  Paul Murphy (GUE/NGL). - (EN) Signora Presidente, sei mesi dopo le inondazioni in Pakistan, l’ONU parlò di crisi umanitaria di proporzioni epiche. Sono trascorsi altri tre mesi e la risposta dell’UE e dell’OMC è ancora assolutamente insufficiente.

Ho votato a favore della concessione al Pakistan di preferenze commerciali di emergenza nell’Unione europea per il tessile e per altri prodotti affinché esse non siano semplicemente una misura simbolica che riempia le tasche delle corrotte élite pakistane. Chiedo che i sindacati democratici svolgano un efficace controllo sui maggiori introiti, per far sì che il denaro sia impiegato per ricostruire scuole e ospedali nelle zone colpite dalle inondazioni.

Una grave minaccia agli interessi collettivi di tutti i lavoratori pakistani è stata portata alla mia attenzione dalla Federazione dei lavoratori progressisti del Pakistan. Mi oppongo allo scandaloso tentativo e alla minaccia espressa dal governo del paese di non consentire più ai sindacati di organizzarsi a livello nazionale.

 
  
  

Relazione Schlyter (A7-0148/2011)

 
  
MPphoto
 

  Alfredo Antoniozzi (PPE). – Signora Presidente, il Trattato di Lisbona indica gli investimenti diretti esteri fra le questioni attinenti la politica commerciale comune e, sulla base dell’articolo 3 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, l’Unione ha competenza esclusiva in questa materia.

In seguito all’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, gli Stati membri hanno mantenuto in vigore numerosi accordi con paesi terzi in materia di investimenti diretti esteri. Se vogliamo evitare che questi accordi interferiscano con le norme previste dal Trattato, non possiamo non adottare le norme e le misure contenute nella relazione del collega Schlyter.

L’adozione di provvedimenti sostitutivi degli accordi esistenti è l’unico mezzo per assicurare un elevato grado di protezione agli investitori e per fare in modo che i loro diritti vengano riconosciuti e garantiti attraverso la certezza giuridica di tali accordi. Il progetto va sicuramente in questa direzione e per questo ho espresso voto favorevole.

 
  
MPphoto
 

  Antonello Antinoro (PPE). - Signora Presidente, ho espresso voto favorevole per questa relazione perché sono assolutamente convinto della necessità di controllare gli investimenti europei all’estero in un momento di grande crisi e incertezze economiche. Infatti, con l’entrata in vigore del nuovo Trattato, la competenza sulla protezione degli investimenti passa dagli Stati membri all’Unione.

Auspico tuttavia che la Commissione presenti a settembre una relazione che definisca le linee strategiche in materia. Bisogna disciplinare la fase di passaggio ed è essenziale che, attraverso un processo di autorizzazione, siano mantenuti gli accordi bilaterali in materia di investimenti conclusi dagli Stati membri e che questi ultimi siano autorizzati, a determinate condizioni, a rinegoziare gli accordi in vigore o a perfezionare quelli in corso di adozione e ad avviare negoziati per la conclusione di ulteriori accordi.

La certezza giuridica rimarrà tuttavia relativa fintantoché la transizione del regime di protezione degli investimenti non sarà completata e non saranno fissate le scadenze per gli accordi bilaterali in materia di investimenti già conclusi dagli Stati membri. Un periodo di transizione è quindi necessario per gestire tale passaggio e, allo scopo di evitare vuoti giuridici, il regolamento in oggetto lascia alla competenza degli Stati membri la gestione dei Trattati.

In considerazione di quanto sopra detto, ribadisco il mio auspicio che la Commissione definisca in tempi brevi le opportune linee strategiche.

 
  
  

Relazione Moreira (A7-0053/2011)

 
  
MPphoto
 

  Jens Rohde (ALDE).(DA) Signora Presidente, oggi abbiamo votato lo stanziamento di 46 milioni di euro in assistenza macrofinanziaria alla Georgia. Ovviamente, questi fondi non saranno concessi senza porre come condizione una gestione economica responsabile e trasparente. Questo, ovviamente, è importante, ma è importante anche ricordare che è nel nostro interesse erogare tale denaro, perché la Georgia è importantissima dal punto di vista geopolitico. Il paese ha subito un doppio colpo: prima c’è stata la guerra con la Russia nell’agosto del 2008, poi la crisi finanziaria mondiale. Essa sta ancora soffrendo per le conseguenze dell’embargo commerciale imposto dalla Russia. Perciò è nell’interesse dell’Unione europea sostenere il governo pro-occidentale che intende avviare le riforme: è questo che abbiamo fatto con la votazione odierna.

 
  
MPphoto
 

  Adam Bielan (ECR).(PL) Signora Presidente, la Georgia è un paese strategicamente importante, soprattutto per i paesi situati nella parte orientale dell’Unione europea. Inoltre, essa partecipa al programma del Partenariato orientale, che mira a rafforzare la cooperazione con gli Stati membri dell’Unione europea. Il paese accorda grande importanza al perseguimento di politiche pro-euroatlantiche.

Il recente conflitto russo-georgiano dell’agosto 2008 ha dimostrato quanto sia importante che questo paese resti all’interno della sfera della politica europea. Il programma di assistenza macrofinanziaria per rafforzare l’economia georgiana, in piedi dal 2009, perciò è ancora fondamentale per l’ulteriore sviluppo di rapporti politici ed economici positivi, anche in relazione alla sicurezza nazionale. Perciò sono assolutamente d’accordo con la proposta della Commissione europea di stanziare ulteriori fondi per sovvenzioni e prestiti volti a migliorare la situazione finanziaria della Georgia.

 
  
  

Dichiarazioni di voto scritte

 
  
  

Relazione Rivellini (A7-0137/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto. (PT) Voto a favore di questa proposta in quanto sono d’accordo con le procedure di discarico, che propongono adeguati stanziamenti per ciascuna rubrica.

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa relazione e ho approvato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico alla Corte di giustizia per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009. Nel corso della preparazione della relazione annuale relativa all’esercizio 2009, la Corte ha effettuato una valutazione approfondita dei sistemi di supervisione e di controllo nell’ambito della Corte di giustizia, che comprendevano analisi relative alle risorse umane e ad altre spese amministrative. Tale valutazione ha dato risultati molto positivi, tranne che per le osservazioni riguardanti un contratto concluso per la prestazione di servizi. Approvo quanto suggerito dalla Corte dei conti, ovvero che la Corte di giustizia deve preparare e coordinare meglio le procedure di appalto. La Corte di giustizia ha incontrato difficoltà nell’assunzione di interpreti di conferenza qualificati, nonché limitazioni rispetto all’esigenza di utilizzare una serie di tecniche interpretative per essere in grado di soddisfare, qualitativamente e quantitativamente, tutte le richieste di interpretariato. Concordo con il relatore sul fatto che la Corte di giustizia debba riferire in merito nella sua prossima relazione annuale, data l’importanza dell’interpretazione per il corretto funzionamento del lavoro giuridico.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 sul bilancio della Corte di Giustizia perché ritengo che la sua correttezza formale e sostanziale sia il risultato di un lavoro di altissimo livello di tutto il personale di questa istituzione.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Accolgo positivamente l’esauriente analisi contenuta in questa relazione e svolta dalla Corte dei conti, e auspico che vi sia un continuo scambio di migliori pratiche tra le istituzioni, nonché un’efficace collaborazione interistituzionale in materia di sviluppo e l’attuazione di un sistema gestionale integrato. La relazione mette in evidenza alcune situazioni che occorre ancora vagliare, e spero che esse siano tenute in debito conto. Quindi appoggio e valuto positivamente le conclusioni del relatore.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno è stato concesso il discarico per l’esecuzione del bilancio della Corte di giustizia europea per l’esercizio 2009. Ho dato il mio voto favorevole in quanto, a seguito dei controlli operati dalla Corte dei conti e dalla commissione per il controllo dei bilanci, è risultato che tutte le operazioni effettuate si sono svolte in piena legittimità e correttezza.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato per la concessione del discarico alla Corte di giustizia, pur rilevando i risultati non sempre positivi in termini di snellimento delle procedure. Vedo con favore l’aumento del numero di cause concluse dalla Corte di giustizia (377 sentenze e 165 decisioni rispetto a 333 e 161, rispettivamente, nel 2008), constato il numero di casi di sentenze pregiudiziali, il più elevato mai raggiunto (302), e giudico con favore la diminuzione del numero di cause pendenti a fine 2009 (741 cause rispetto a 768 cause a fine 2008). Tuttavia, noto con preoccupazione che il tribunale nel 2009 aveva rilevato una riduzione del numero di cause giunte a sentenza e un aumento della durata dei processi e che, di conseguenza, benché il numero di nuove cause nel 2009 fosse inferiore (568 nuove cause rispetto alle 629 del 2008), le cause pendenti arretrate hanno continuato ad aumentare (passando da 1178 nel 2008 a 1191 nel 2009). Inoltre sono lieto che il Tribunale della funzione pubblica ha portato a conclusione più cause che mai (155) e che la durata media delle procedure sia stata pari a 15,1 mesi rispetto ai 17 mesi del 2008.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Tenendo conto della dichiarazione attestante l’affidabilità dei conti e la legittimità e regolarità delle operazioni sottostani fornita dalla Corte dei conti ai sensi dell’articolo 287 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ho votato a favore di questa decisione, la quale concede al Cancelliere della Corte di giustizia il discarico per l’esecuzione del bilancio della Corte stessa per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Si concede al Cancelliere della Corte di giustizia il discarico per l’esecuzione del bilancio della Corte di giustizia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. Con la risoluzione odierna, il Parlamento europeo concede il discarico al cancelliere della Corte di giustizia per l’esecuzione del bilancio della Corte di giustizia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo rileva che, nel corso dell’elaborazione della relazione annuale concernente l’esercizio 2009, la Corte dei conti ha compiuto una valutazione approfondita dei sistemi di supervisione e controllo della Corte di giustizia, del Mediatore europeo e del Garante europeo della protezione dei dati, che ha compreso l’esame di un campione supplementare di operazioni di pagamento relative alle risorse umane e ad altre spese amministrative.

 
  
  

Relazione Rivellini (A7-0116/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa relazione e concordo con la decisione di concedere il discarico al Mediatore europeo per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009. Nel corso della redazione della relazione annuale relativa all’esercizio 2009, la Corte dei conti ha svolto una valutazione approfondita dei sistemi di supervisione e di controllo della Corte di giustizia, del Mediatore e del Garante europeo per la protezione dei dati, che ha compreso l’esame di un ulteriore campione di operazioni che comportavano pagamenti relativi alle risorse umane e ad altre spese amministrative. La Corte dei conti ha rilevato che il Mediatore non ha adottato le disposizioni generali in merito alle procedure per l’assunzione di personale temporaneo, benché il rispettivo articolo del Regime applicabile agli altri agenti dell’Unione europea preveda che ciascuna istituzione lo faccia. Concordo con il relatore sul fatto che tale omissione può riguardare gran parte del personale del Mediatore perché la maggior parte dei posti concessi sono temporanei. Il Mediatore deve riferire in merito ai progressi compiuti in questo ambito nella sua relazione annuale di attività. La Corte dei conti ha indicato nella sua relazione annuale che la revisione contabile non ha dato luogo a ulteriori osservazioni di rilievo rispetto al Mediatore.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 sul bilancio del Mediatore europeo poiché, memore della relazione sulla sua attività, e dei rilievi che in quella occasione ebbi modo di porre, ritengo che le procedure contabili siano state rispettate, che la gestione complessiva possa considerarsi buona e che negli anni a venire si possano migliorare quegli aspetti finora ritenuti controversi.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Condivido le conclusioni della revisione dei conti contenute nella relazione annuale della Corte dei conti. Giudico altresì positivamente l’applicazione dei principali indicatori delle prestazioni contenuti nel Piano annuale di gestione, il fatto che gli obiettivi per il 2009 sono stati conseguiti e la decisione del Mediatore di pubblicare la sua dichiarazione di interessi annuale sul suo sito web. Infine, condivido le conclusioni del relatore e apprezzo la qualità della relazione annuale di attività del Mediatore, vedo altresì positivamente l’inclusione del seguito dato nel corso dell’anno alle precedenti decisioni di discarico del Parlamento.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. Signora Presidente, onorevoli colleghi, vorrei in primo luogo ringraziare il relatore per l’ottimo lavoro svolto nell’intera procedura di discarico. Con il voto odierno, ho supportato la richiesta di concessione del discarico relativo all’esecuzione del bilancio generale dell’Unione europea per l’esercizio 2009, Sezione VIII – Mediatore europeo. La Corte dei conti, responsabile del controllo finanziario esterno, ha dichiarato, dopo un’attenta valutazione del bilancio, di aver ottenuto una garanzia ragionevole dell’affidabilità dei conti annuali dell’esercizio 2009 e della legittimità e regolarità delle relative operazioni. Plaudo, inoltre, alla decisione del Mediatore di pubblicare la dichiarazione annuale degli interessi del Mediatore anche sul sito web del Mediatore stesso e mi unisco ai complimenti espressi dalla Corte dei Conti sulla qualità della relazione annuale d’attività presentata dal Mediatore.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato per la concessione del discarico al Mediatore e noto, con soddisfazione, che nel 2009 egli è stato in grado di dare una mano in quasi il 77% di tutte le denunce e ha trattato il 70% delle indagini in meno di un anno, inoltre constato con piacere che la durata media delle indagini si è abbassata a 9 mesi (dai 13 mesi del 2008).

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Tenendo conto della dichiarazione di affidabilità dei conti e della legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti fornita dalla Corte dei conti ai sensi dell’articolo 287 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ho votato a favore di questa decisione, la quale concede al Mediatore europeo il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Si concede al Mediatore europeo il discarico per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al Mediatore europeo per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009. Sottolineo che il Parlamento europeo accoglie con favore il fatto che nel 2009 il Mediatore sia riuscito ad apportare il suo contributo a quasi il 77% delle denunce e abbia trattato il 70% delle indagini in meno di un anno. Si accoglie con favore il fatto che la durata media delle indagini si sia ridotta a 9 mesi (rispetto ai 13 mesi del 2008).

 
  
  

Relazione Rivellini (A7-0117/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa relazione e appoggio la decisione di concedere il discarico al Garante europeo per la protezione dei dati per l’attuazione del suo bilancio per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha dichiarato nella sua relazione annuale che la revisione contabile non ha rilevato significative lacune relative al GEPD. Nel corso dell’elaborazione della Relazione annuale per l’esercizio 2009, la Corte dei conti ha condotto una valutazione approfondita dei sistemi di gestione e di controllo relativi al GEPD. Essa comprendeva l’esame di un ulteriore campione di operazioni di pagamento legate alle risorse umane e ad altre spese amministrative. La Corte dei conti ha rilevato che in talune circostanze il GEPD potrebbe correre il rischio di effettuare pagamenti indebiti al personale. Approvo la proposta della Corte dei conti di chiedere al personale del GEDP di presentare a intervalli congrui una documentazione che attesti la loro situazione personale, e al GEDP di migliorare i propri sistemi per ottenere un monitoraggio e controllo tempestivo di tali documenti.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale del Garante europeo della protezione dei dati poiché, nonostante alcuni dati controversi e meno trasparenti di quanto richiesto, il GEPD ha mostrato la volontà di impegnarsi a intraprendere ulteriori processi di verifica ex-post dal 2011 in poi.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Mi rallegro per le conclusioni della revisione contabile eseguita dalla Corte dei conti, la cui relazione annuale osserva che detta revisione non ha dato luogo a osservazioni di rilievo. Considero positivamente anche la pubblicazione annuale delle dichiarazioni degli interessi finanziari dei componenti eletti dell’istituzione, contenenti informazioni rilevanti sugli incarichi e le attività remunerati, o sulle attività professionali soggette a dichiarazione. Infine, accolgo positivamente la conclusione del relatore in merito alla richiesta avanzata nei confronti del Garante europeo della protezione dei dati di includere un capitolo nella sua prossima relazione annuale di attività – esercizio 2010 – contenente informazioni dettagliate sul seguito dato nel corso dell’anno alle decisioni di discarico del Parlamento.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato per concedere il discarico al Garante europeo della protezione dei dati (GEPD) ma osservo quanto rilevato dalla Corte dei conti, ovvero che il GEDP non aveva posto in essere, all’occorrenza, un sistema di verifica ex-post, come previsto dal regolamento finanziario, e che le norme di controllo interno da lui adottate non prevedevano che eventuali eccezioni alle procedure finanziarie ordinarie fossero debitamente segnalate in un registro centrale.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Tenendo conto della dichiarazione di affidabilità dei conti e di legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti fornita dalla Corte dei conti ai sensi dell’articolo 287 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ho votato a favore di questa decisione, la quale concede al Garante europeo della protezione dei dati il discarico per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Si concede al Garante europeo della protezione dei dati il discarico per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al Garante europeo della protezione dei dati per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009. Sottolineo che il Parlamento europeo accoglie con favore il fatto che nel corso dell’elaborazione della relazione annuale sull’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009, la Corte dei Conti abbia svolto una valutazione approfondita dei sistemi di supervisione e controllo presso la Corte di Giustizia.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0149/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa relazione. La Corte dei conti ha nuovamente richiamato l’attenzione del Parlamento europeo su una grande quantità di riporti di fondi non spesi da diverse agenzie nell’esercizio 2009. Concordo con il relatore che le agenzie in questione dovrebbero intensificare gli sforzi per migliorare la pianificazione e la programmazione finanziaria e di bilancio. Ritengo inoltre che la spesa delle agenzie debba essere prevedibile e che occorra trovare una soluzione che rispetti il principio di annualità del bilancio dell’Unione. Le agenzie devono intensificare i propri controlli interni per garantire una corretta applicazione dei contratti e delle procedure di appalto. Inoltre, è importante salvaguardare appieno l’indipendenza del personale e degli esperti dell’agenzia. La Commissione deve fornire al Parlamento una panoramica dettagliata dei criteri applicati per garantire l’indipendenza del personale assunto. Sono d’accordo sul fatto che ogni agenzia debba formulare un programma di lavoro pluriennale, in conformità con la strategia dell’Unione nel settore di cui si occupa. Tale programma di lavoro è importante per consentire a un’agenzia di organizzare meglio le proprie attività, per garantire una migliore valutazione dei relativi rischi e per adottare efficaci disposizioni organizzative per attuarne la strategia.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per le prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie dell’UE poiché trovo che la relazione sia oggettiva, seria e indipendente. Le criticità sono adeguatamente sottolineate, così come gli elementi positivi. Con relazioni di questo livello, purché nei prossimi anni si dia un seguito a quanto indicato, la qualità delle amministrazioni comunitarie non potrà che aumentare, spingendo al ribasso il fondamento per le lamentele di chi critica l’Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Negli ultimi anni, si è registrata una crescita senza precedenti del numero di agenzie, pertanto il gruppo di lavoro inter-istituzionale sulle agenzie gioca un ruolo fondamentale, quanto quello della prossima relazione speciale della Corte dei conti, con uno studio sulle prestazioni di tali agenzie e un’analisi comparativa dei loro costi. È importante tenere presenti gli innumerevoli punti deboli rilevati dalla Corte dei conti, e ridurne rapidamente l’ampiezza.

Quindi concordo con il relatore circa l’esigenza di migliorare la trasparenza delle previsioni e la responsabilità dei progetti; di rafforzare le loro procedure di autorizzazione degli appalti a livello di decisione di finanziamento e di programma di lavoro; di correggere le carenze nell’assunzione del personale, e di migliorare l’obiettività e la trasparenza; e di applicare e attenersi al regolamento finanziario che sono tenuti a rispettare.

Infine, desidero congratularmi con il relatore per il suo lavoro, e chiedo a tutte le agenzie di includere le conclusioni adottate.

 
  
MPphoto
 
 

  Bruno Gollnisch (NI), per iscritto.(FR) Ogni anno, il Parlamento europeo adotta una relazione sulle agenzie europee a margine delle discussioni sul discarico di bilancio. E ogni anno i risultati sono gli stessi: sprechi, carenze nelle procedure di assunzione e di appalto, riporti e annullamenti di troppi stanziamenti … Non è necessario scoprire frodi, come nel caso del Comitato economico e sociale europeo, per emettere un verdetto di cattiva gestione.

Ogni volta, tuttavia, il Parlamento fa finta di notare dei progressi e concede il discarico. Quel che è peggio: non mette mai in discussione la politica della Commissione di esternalizzazione nei confronti di tali agenzie, il cui obiettivo non sembra essere tanto quello di un’efficace attuazione delle politiche dell’Unione europea, quanto quello di fornire a ciascuna delle principali città dell’Unione la sua piccola quota di istituzioni europei. La spinosa questione dell’efficacia e dell’utilità di tali agenzie purtroppo continua a restare senza risposta, anno dopo anno.

Le poche agenzie che analizzano le proprie prestazioni lo fanno in conformità alle procedure e ai processi imposti loro e non in riferimento a risultati concreti. Le agenzie sono utili soprattutto … alle agenzie. È per questo che ci siamo rifiutati di concedere il discarico a numerose agenzie e ci siamo astenuti sulle risoluzioni che le accompagnavano.

 
  
MPphoto
 
 

  Cătălin Sorin Ivan (S&D), per iscritto. (EN) Appoggio la relazione dell’onorevole Stavrakakis sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie dell’Unione europea perché sottolinea soprattutto l’esigenza di incoraggiarle a formulare, quindi ad aggiornare periodicamente, una situazione globale in cui delineare i propri circuiti finanziari e i compiti degli attori finanziari e operativi. Inoltre, essa ricorda alle agenzie l’importanza di garantire appieno l’indipendenza del loro personale e dei loro esperti. Essa auspica, nel complesso, un processo più costruttivo e trasparente.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. Signora Presidente, onorevoli colleghi, mi complimento con il lavoro svolto dal relatore e da tutti coloro che hanno partecipato alla stesura dei testi relativi alla concessione del discarico per l’esercizio finanziario 2009. Possiamo dire, in termini generali, che i risultati raggiunti nel 2009 sono migliori dei precedenti, ma è però vero che, anche con riferimento a questo esercizio finanziario, la Corte dei conti ha rilevato, per più di un’agenzia, un elevato livello di riporti e annullamenti di stanziamenti operativi, nonché un elevato numero di storni. Alcune agenzie hanno, inoltre, mostrato diverse carenze nell’ambito delle procedure di appalto. Sicuramente il contesto odierno, caratterizzato da una forte crisi economica, va ampiamente considerato nel momento in cui ci si accinge ad effettuare analisi e valutazioni, ma è altrettanto importante sottolineare la necessità di un miglioramento generale della gestione delle sovvenzioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Monica Luisa Macovei (PPE), per iscritto. (EN) Ho votato a favore della relazione “Discarico 2009: prestazioni, gestione finanziaria e controllo delle agenzie dell’Unione europea” al fine di riconoscere l’esigenza di migliorare ulteriormente il funzionamento di tutte le agenzie dell’UE. La procedura di discarico per l’esercizio 2009 ha rivelato che sono necessarie azioni immediate in tema di trasparenza e di efficienza. Per migliorare la trasparenza nelle agenzie dell’Unione europea, tutte le 21 agenzie e la Commissione devono pubblicare un elenco di tutti i contratti assegnati negli ultimi tre anni, nonché una relazione sui membri del personale che passano da un’agenzia all’altra, inoltre devono applicare il prima possibile norme più severe in materia di conflitti di interesse.

Inoltre, per le future procedure di discarico, il direttore di ogni agenzia dell’UE deve presentare al Parlamento la propria relazione redatta dal Servizio audit interno. Per migliorare l’efficienza nel funzionamento e nella spesa delle agenzie dell’Unione europea, occorre prendere veramente in considerazione la possibilità di accorpare i consigli di amministrazione delle agenzie che operano in ambiti correlati. Inoltre, la Commissione deve presentare una valutazione della fattibilità dell’accorpamento delle agenzie UE che svolgono attività sovrapponibili.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato a favore di questa relazione, ma sono preoccupato per i risultati dell’analisi della Corte dei conti, la quale ha individuato carenze nelle procedure di appalto di varie agenzie. Invito le agenzie a intensificare i propri controlli interni per far sì che i contratti e le procedure di aggiudicazione degli appalti siano correttamente applicati. Il Parlamento non è disposto ad accettare la cronica incapacità di mettere in piedi un sistema di controlli che eviti o rilevi per tempo errori persistenti che compromettono la legittimità e la regolarità delle operazioni delle agenzie.

Esorto, a tal riguardo, le agenzie:

- a migliorare la trasparenza delle previsioni e la responsabilità dei progetti;

- a rafforzare le loro procedure di autorizzazione degli appalti a livello di decisione di finanziamento e di programma di lavoro;

- a garantire che la comunicazione delle deroghe nella loro relazione annuale di attività avvenga in maniera esaustiva;

- a garantire che sia dato opportunamente seguito alle eventuali irregolarità;

- a porre in essere controlli ex-post e a riferire in merito.

 
  
MPphoto
 
 

  Véronique Mathieu (PPE), per iscritto.(FR) Ho votato a favore della relazione sul discarico 2009: prestazioni, gestione finanziaria e controllo delle agenzie dell’Unione europea. Se vogliamo che il Parlamento svolga seriamente il proprio ruolo di autorità competente in tema di discarico, gli eurodeputati devono aver accesso a informazioni più esaurienti e dettagliate sulla gestione di bilancio e finanziaria delle agenzie. Constatiamo che le responsabilità sono condivise, ma che sembrano anche essere diluite. Pertanto, la Commissione europea, benché sia rappresentata nei consigli di amministrazione, ci ricorda, in merito agli errori contabili commessi dal Collegio europeo di polizia (CEPOL), che un’agenzia è “un’entità dotata di una propria personalità giuridica e pienamente autonoma sul piano amministrativo, anche dal punto di vista finanziario.” Ma il consiglio di amministrazione talvolta delega la responsabilità amministrativa al solo direttore esecutivo. Infine, il Parlamento europeo decide di concedere o di non concedere il discarico a un’agenzia sulla base delle relazioni piuttosto succinte del revisore esterno e dipende dalla buona volontà del direttore esecutivo per le informazioni supplementari. Ritengo sia assolutamente fondamentale colmare questa lacuna legislativa concernente le relazioni del Servizio audit interno (SAI) sulle agenzie e proporre una soluzione che conceda al Parlamento poteri concreti.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Osservo che la Corte dei conti ha richiamato ancora una volta l’attenzione su un gran numero di riporti e di annullamenti di stanziamenti operativi effettuati da diverse agenzie nell’esercizio 2009. Noto altresì l’esistenza di linee di bilancio inutilizzate e un alto numero di storni in alcune delle agenzie, perciò vorrei invitare le agenzie in questione a intensificare gli sforzi per migliorare la loro pianificazione e programmazione finanziaria e di bilancio.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0150/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa relazione e concordo sulla necessità che il Parlamento europeo rinvii la sua decisione di concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio del Collegio europeo di polizia per l’esercizio 2009. Nella sua relazione, la Corte dei conti ancora una volta ha espresso un giudizio con riserva sulla legittimità e regolarità delle operazioni su cui sono basati i conti. Il Collegio continua a non rispettare il regolamento finanziario per quanto riguarda le norme sugli appalti pubblici. Gran parte del bilancio complessivo del Collegio contiene irregolarità. La Corte dei conti ha individuato gravi carenze nelle norme amministrative e finanziarie che disciplinano le spese per l’organizzazione di corsi e seminari, che rappresentano una quota significativa delle spese operative del Collegio. Concordo con il relatore che è inaccettabile che il regolamento finanziario riveduto del Collegio non sia mai entrato in vigore e che, di conseguenza, tutti i contratti di assunzione siano illegittimi. Nell’interesse di una maggiore trasparenza, il Collegio dovrebbe mettere a disposizione direttamente il suo bilancio, il quale dovrebbe comprendere un elenco delle sue decisioni in materia di contratti e di appalti e dovrebbe essere pubblicato sul suo sito web.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. –Ho votato contro l’autorizzazione al discarico 2009 per il Collegio europeo di polizia, come suggerito dal relatore, perché nemmeno io sono convinta dalle inusuali procedure adottate nell’arco del periodo di competenza. Ritengo che maggiori approfondimenti siano necessari per permettere una spiegazione più approfondita e dettagliata, che dimostri la regolarità di quanto contabilizzato.

 
  
MPphoto
 
 

  Marielle De Sarnez (ALDE), per iscritto.(FR) Per il secondo anno consecutivo, non siamo stati in grado di concedere il discarico al Collegio europeo di polizia (CEPOL) per l’esercizio 2009. Il piano d’azione pluriennale formulato in seguito all’individuazione dei problemi gestionali dell’agenzia è poco chiaro, e la relazione di valutazione non ci permette di comprendere appieno le misure messe in atto. Il Collegio, di fatto, ha migliorato le sue prestazioni nel 2010, dopo la partenza del suo ex direttore, Ulf Göransson, il quale è stato chiamato a rispondere all’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) e alla Corte dei conti in merito alle sue spese irregolari, per non dire fraudolente. Tuttavia, è comunque inaccettabile che questa agenzia, fondata nel 2006, non sia ancora riuscita a soddisfare i criteri di buona amministrazione. Occorre ripensare la struttura stessa del CEPOL, che è evidentemente troppo piccolo per poter funzionare autonomamente, considerate le complesse regole che è tenuto a rispettare in quanto agenzia. Dobbiamo inoltre chiedere perché questa agenzia, il cui compito è quello di organizzare seminari di addestramento per alti funzionari di polizia nazionali, debba avere la necessità di una sede propria invece che essere collegato all’Europol, l’Ufficio europeo di polizia con sede all’Aia, che tutti elogiano per l’efficacia dei suoi servizi.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, con il presente voto il Parlamento europeo ha deciso di non concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Accademia europea di polizia per l’esercizio 2009, ma di rinviarne la decisione. Ed in effetti, la nostra decisione si basa sulla considerazione della Corte dei conti, che ha espresso un giudizio con riserva sulla legittimità e regolarità delle operazioni su cui erano basati i conti dell’Accademia europea di polizia, in ragione del fatto che le procedure di aggiudicazione degli appalti non erano conformi alle disposizioni del regolamento finanziario. Mi unisco, pertanto, alla richiesta formulata all’Accademia e al suo consiglio d’amministrazione, volta ad ottenere la comunicazione, all’autorità di discarico, entro il 30 giugno 2011, delle azioni intraprese e dei miglioramenti introdotti in relazione a tutti i punti irregolari e/o lacunosi che sono stati sollevati nel corso dello svolgimento della procedura.

 
  
MPphoto
 
 

  Monica Luisa Macovei (PPE), per iscritto. (EN) La relazione sul discarico 2009 per l’Accademia europea di polizia prevedeva il rinvio del discarico. Ho votato a favore di questa relazione affinché si riconoscessero i problemi strutturali che l’Accademia si trova ad affrontare ormai da anni.

Per l’esercizio 2009, quasi metà del denaro riportato al 2009 non è stato speso, e il 43% del bilancio 2009 è stato riportato al 2010. La Corte dei conti europea ha dichiarato che l’esecuzione del bilancio dell’Accademia è ostacolato da gravi debolezze ricorrenti nella sua programmazione e nel suo monitoraggio. Inoltre, si sono rilevate gravi e ripetute violazioni delle norme sugli appalti pubblici: in cinque procedure di appalto – per un valore totale di 455 111 euro – non si erano rispettate le regole. Anche la trasparenza resta un motivo di preoccupazione, dato che proseguono le irregolarità nella selezione del personale.

Parimenti, considero inaccettabile che non si sia indagato sull’ex direttore in relazione alle sue responsabilità in merito agli stanziamenti per l’Accademia, che sono stati utilizzati per finanziare spese private. Pertanto, sostengo la necessità di integrare l’Accademia nell’Europol in quanto questo è il modo migliore per conseguire una maggiore efficienza di spesa e per affrontare i problemi strutturali e cronici dell’Accademia stessa.

 
  
MPphoto
 
 

  Véronique Mathieu (PPE), per iscritto. (FR) Ho votato a favore del rinvio della decisione di concedere il discarico per l’esercizio 2009: la Corte dei conti ha espresso nuovamente un giudizio con riserva in merito alla legittimità e regolarità delle operazioni su cui si basano i conti per l’esercizio 2009. In particolare, la Corte ha individuato gravi carenze nell’attuazione delle norme finanziarie sugli appalti pubblici e delle norme che disciplinano la spesa per l’organizzazione dei corsi. La relazione evidenzia che gli stanziamenti di pagamento, equivalenti al 43% del bilancio complessivo, sono stati riportati al 2010, il che contrasta con il principio di annualità. Vorremmo che l’agenzia informasse il Parlamento in merito alle azioni intraprese e ai miglioramenti apportati, e chiediamo alla Corte dei conti di condurre un’apposita revisione riguardante l’attuazione del piano d’azione del Collegio europeo di polizia. Assieme ai miei colleghi, propongo di far confluire il Collegio nell’Europol, con sede all’Aia. Nutro seir dubbi in merito alla capacità del Collegio di risolvere i problemi strutturali legati alle sue piccole dimensioni, al trasferimento della sua segreteria a Bramshill (a 70 km da Londra) e ai suoi alti costi di gestione.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Tenendo conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali del Collegio europeo di polizia (CEPOL) per l’esercizio 2009, nonché delle sue risposte, ho votato a favore di questa decisione di rinvio della concessione del discarico al direttore del CEPOL per l’esecuzione del rispettivo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Si rinvia la chiusura dei conti del Collegio europeo di polizia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo rinvia la decisione sul discarico al direttore dell’Accademia europea di polizia per l’esecuzione del bilancio dell’Accademia per l’esercizio 2009. Nelle sue relazioni sui conti annuali dell’Accademia relativi agli esercizi 2006 e 2007, la Corte dei conti ha espresso un giudizio con riserva sulla legittimità e regolarità delle operazioni su cui erano basati tali conti in ragione del fatto che le procedure di aggiudicazione degli appalti non erano conformi alle disposizioni del regolamento finanziario. In particolare il Parlamento ritiene preoccupante che la Corte dei Conti abbia rilevato gravi carenze nelle norme amministrative e finanziarie che disciplinano le spese per l’organizzazione di corsi e seminari, che rappresentano una quota significativa delle spese operative dell’Accademia.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato per il rinvio del discarico. Data l’ingloriosa storia delle prassi finanziarie dell’Accademia europea di polizia, è fondamentale svolgere un’analisi dettagliata. In questo ambito, ritengo anche che sia deplorevole che la discussione sull’accorpamento – a mio parere ragionevole – dell’Accademia in EUROPOL sia stata nuovamente accantonata.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0119/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore della presente relazione e concordo con la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha giudicato affidabili i conti annuali per l’esercizio 2009 e legittime e regolari le operazioni su cui si basano. Giudico positivamente il piano del Centro di effettuare una revisione intermedia della sua strategia 2008-2012. Concordo con il relatore che il Centro debba sviluppare ulteriormente la valutazione delle sue prestazioni, migliorando i collegamenti tra le sue azioni strategiche e le azioni previste nel suo programma di lavoro e riesaminando gli indicatori per il monitoraggio delle sue prestazioni al fine di soddisfare i criteri SMART. Il Centro dovrebbe inoltre intraprendere un’azione più efficace per ovviare alla costante crescita della spesa nel suo bilancio.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per il Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea poiché ho riscontrato, nella relazione, una elevata precisione, una grande trasparenza e un notevole orientamento al risultato.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Condivido e appoggio le osservazioni del relatore, e mi congratulo con il Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea per il lavoro che svolge. Giudico positivamente anche la decisione del centro di condurre una revisione intermedia della sua strategia 2008-2012 e mi congratulo per le sue eccellenti prestazioni, avendo registrato un aumento del 41% dei servizi traduttivi rispetto al 2008.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto Signora Presidente, onorevoli colleghi, vorrei in primo luogo ringraziare il relatore per l’ottimo lavoro svolto. Come è noto, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di scarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno si conclude la procedura di controllo finanziario, attraverso la concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009 del Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea, i cui conti sono risultati legittimi ed affidabili. Vorrei, infine, congratularmi con il Centro per avere presentato alla Corte dei Conti una comparazione tra le operazioni che sono state effettuate nel corso degli esercizi 2008 e 2009, onde consentire all’autorità di discarico di valutare meglio le prestazioni del Centro da un anno all’altro.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato per concedere il discarico al Centro di traduzione. Tuttavia, chiedo al Centro di adottare misure più efficaci per porre rimedio al costante aumento della sua eccedenza; noto, infatti, che da anni il Centro registra un’eccedenza di bilancio accumulata in violazione del regolamento (CE) n. 2965/94, e che nel 2009 tale eccedenza ammontava a 24 000 000 di euro, mentre aveva raggiunto quota 26 700 000 di euro nel 2008, 16 900 000 di euro nel 2006, 10 500 000 di euro nel 2005 e 3 500 000 di euro nel 2004; constato che tale eccedenza è legata principalmente alla scarsa precisione delle previsioni relative alle richieste di traduzione provenienti dai suoi clienti. Vedo comunque di buon occhio l’iniziativa del Centro di restituire 11 000 000 euro ai propri clienti nel 2009; e sottolineo che, analogamente, nel 2007 il Centro aveva già restituito 9 300 000 di euro agli stessi.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Tenendo conto della relazione della Corte dei conti sulla contabilità annuale del Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea per l’esercizio 2009, nonché delle risposte del centro stesso, ho votato a favore di questa decisione, che concede a detto centro il discarico per l’esecuzione del proprio bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Si concede al direttore del Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea il discarico per l’esecuzione del bilancio del centro per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna, il Parlamento europeo concede il discarico al direttore del Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea sull’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo plaude al piano del Centro di effettuare una revisione intermedia della propria strategia 2008-2012 ma invita tuttavia il Centro a sviluppare ulteriormente la valutazione del proprio rendimento, migliorando le sinergie tra azioni strategiche e azioni previste nel programma di lavoro e rivedendo gli indicatori per monitorare il rendimento, al fine di rispettare i criteri SMART.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. − (DE) Ho votato a favore del discarico. Il Centro di traduzione è stato fondato nel 1994 per affrontare le sfide poste dal carattere multilingue dell’UE: una delle sue caratteristiche fondamentali, che ne testimonia la varietà culturale. L’agenzia si autofinanzia con i pagamenti delle istituzioni/organismi per i servizi erogati. La Corte dei conti europea ha dichiarato di aver concluso con ragionevole certezza che il bilancio 2009 è legittimo e regolare.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0106/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e la decisione di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali del Centro per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Nel 2011, il Centro intende rendere disponibili diagrammi di Gantt per tutte le principali attività operative, diagrammi che riportano il tempo dedicato a un progetto da ogni membro del personale e incoraggiano un approccio volto al conseguimento di risultati. Nel 2009, il Centro ha introdotto un sistema di misurazione del rendimento Eurofound rispetto alle sue priorità a medio termine 2009-2011 e al programma di lavoro annuale. L’introduzione di un siffatto sistema aiuta il Centro a gestire e valutare il proprio impatto, la propria efficienza, la propria efficacia e la propria rilevanza. Concordo con il relatore nell’affermare che l’istituzione dovrebbe continuare a migliorare la programmazione e il monitoraggio e rispettare il principio dell’annualità. Il Centro dovrebbe inoltre applicare più efficacemente i principi di bilancio della specificazione e della trasparenza.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale del Centro europeo per la formazione professionale (CEDEFOP) poiché ha condotto una gestione dei fondi egregia e in linea con le previsioni fatte in precedenza.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione sul discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per l’esercizio 2009 in quanto contribuisce ad analizzare l’utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni europee. Per una futura gestione finanziaria più efficiente, il Centro dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni dell’esercizio in corso e quelle dell’esercizio precedente in modo da permettere all’autorità responsabile del discarico di valutare più efficacemente le sue prestazioni da un anno all’altro.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Sono lieto che la Corte dei conti abbia dichiarato che le operazioni sottostanti ai conti annuali del Centro per l’esercizio 2009 sono legittime e regolari. Mi complimento con il Centro per aver introdotto nel 2009 un sistema di misurazione delle prestazioni, come anche per aver apportato modifiche alle sue procedure di assunzione a seguito delle osservazioni formulate dalla Corte dei conti nella sua relazione del 2009; ciò ha contribuito a una maggiore trasparenza. Accolgo con favore le osservazioni del relatore con le quali concordo e mi congratulo con il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per il suo operato.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, con il voto odierno, ho supportato la richiesta di concessione del discarico relativo all’esecuzione del bilancio del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per l’esercizio 2009. La Corte dei conti, responsabile del controllo finanziario esterno, ha dichiarato, dopo un’attenta valutazione del bilancio del Centro, di aver ottenuto una garanzia ragionevole dell’affidabilità dei conti annuali dell’esercizio 2009 e della legittimità e regolarità delle relative operazioni. Plaudo, inoltre, al lavoro effettuato dal Centro europeo, in quanto è stato il primo a svolgere volontariamente un audit pilota sul quadro etico nel 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore della concessione del discarico al Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale. Mi complimento con il Centro per aver introdotto nel 2009 un sistema di misurazione delle prestazioni rispetto alle sue priorità a medio termine per il periodo 2009-2011 e al programma di lavoro annuale, nonché per aver istituito un quadro di indicatori di rendimento al fine di monitorare i progressi compiuti e misurare prodotti, risultati e impatto; ritengo, in particolare, che l’introduzione di un siffatto sistema aiuti il Centro a gestire e valutare il proprio impatto, la propria efficienza, la propria efficacia e la propria rilevanza. Credo inoltre che tale sistema possa comportare ulteriori miglioramenti del bilancio per attività e un monitoraggio più attento degli stanziamenti di pagamento per evitare riporti.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per l’esercizio 2009 e delle repliche del Centro, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore del Centro il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna, il Parlamento europeo concede il discarico al direttore del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per l’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo esprime la propria soddisfazione per il fatto che la Corte dei Conti ha dichiarato legittime e regolari le operazioni sottostanti ai conti annuali relativi all’esercizio 2009 del Centro.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato a favore del discarico. La Corte dei conti europea ha potuto confermare che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono legittimi e regolari. Il Centro, creato nel 1975, che analizza i sistemi di formazione professionale e fornisce informazioni in termini di politiche, ricerche e prassi in tale ambito, è più che mai necessario in un’epoca in cui si manifestano preoccupazioni in merito al livello di formazione e alla possibile carenza di manodopera specializzata. Andrebbe rivalutata soltanto la sua ubicazione in Grecia, sede alquanto remota che rende necessario un ufficio di contatto a Bruxelles.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0118/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Nel 2010 l’Agenzia ha adottato il suo programma di lavoro pluriennale per il periodo 2011-2015, documento importante al fine di garantire che l’Agenzia possa adottare soluzioni organizzative efficaci per attuare la sua strategia conseguendone i risultati. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni da un anno all’altro. L’Agenzia dovrebbe inoltre migliorare il proprio programma di lavoro annuale includendovi obiettivi specifici e misurabili sia a livello di ambito politico sia a livello di attività operative. L’Agenzia dovrebbe infine far fronte alle proprie lacune nella pianificazione delle assunzioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca per l’esercizio 2009 dopo aver preso visione dell’analisi che la Corte dei conti sta svolgendo, in cui si afferma che le sue operazioni sono legittime e regolari. Tra le sue attività, sottolineerei l’adozione del programma di lavoro pluriennale.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l’Agenzia comunitaria di controllo della pesca poiché ho apprezzato la correttezza, la chiarezza e la trasparenza del suo bilancio, e l’efficienza apportata da una pianificazione comprensibile e attuabile.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Sono lieto delle decisioni illustrate dettagliatamente nella relazione della Corte dei conti secondo cui le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Mi complimento con l’Agenzia comunitaria di controllo della pesca (ACCP) per l’adozione di un programma di lavoro pluriennale per il periodo 2011-2015, che consentirà di organizzare e realizzare meglio gli obiettivi proposti, oltre che per la creazione della struttura di audit interna (IAS), meccanismo di audit interno specializzato nel supporto e nella consulenza al direttore esecutivo dell’Agenzia e alla sua direzione.

Accolgo con favore le osservazioni del relatore con le quali concordo e mi complimento con l’Agenzia per il suo operato.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Attuare misure di controllo e ispezione dell’applicazione della politica comune della pesca (PCP) nella propria zona economica esclusiva dovrebbe essere appannaggio degli Stati membri che a tal fine dovrebbero godere di un sostegno sufficiente e adeguato al quale l’Unione dovrebbe contribuire.

Non neghiamo la necessità che vi siano modi affinché i vari Stati membri collaborino, si uniscano e coordinino le proprie attività per controllare e combattere la pesca illegale. Siamo tuttavia scettici quanto ai vantaggi della creazione dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca (ACCP) perché riteniamo che alcune sue competenze si scontrino con quelle degli Stati membri. È un accentramento che, a prescindere dal resto, non è vantaggioso in termini di efficacia, indispensabile, delle attività di controllo.

Abbiamo inoltre dichiarato il nostro disaccordo per quel che riguarda la rappresentatività del consiglio di amministrazione dell’Agenzia, il suo modello operativo e l’eccessivo peso della Commissione europea al suo interno, segnatamente a livello di sistema di voto. Vorremmo inoltre aggiungere che mentre per l’Agenzia viene stanziato un bilancio di 10 100 000 euro (esercizio 2009), agli Stati è stata già negata la possibilità che il contributo comunitario al finanziamento delle attività di controllo possa essere incrementato in linea con la proposta da noi presentata di recente in Parlamento che purtroppo è stata respinta dalla maggioranza.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Attuare misure di controllo e ispezione rispetto all’applicazione della politica comune della pesca (PCP) nella propria zona economica esclusiva dovrebbe essere appannaggio degli Stati membri che a tal fine dovrebbero godere di un sostegno sufficiente e adeguato al quale l’Unione dovrebbe contribuire.

Non neghiamo la necessità che vi siano modi affinché i vari Stati membri collaborino, si uniscano e coordinino le proprie attività per controllare e combattere la pesca illegale. Siamo tuttavia scettici quanto ai vantaggi della creazione dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca (ACCP) perché riteniamo che alcune sue competenze si scontrino con quelle degli Stati membri. È un accentramento che, a prescindere dal resto, non è vantaggioso in termini di efficacia, indispensabile, delle attività di controllo.

Abbiamo inoltre dichiarato il nostro disaccordo per quel che riguarda la rappresentatività del consiglio di amministrazione dell’Agenzia, il suo modello operativo e l’eccessivo peso della Commissione europea al suo interno, segnatamente a livello di sistema di voto.

Vorremmo inoltre aggiungere che mentre per l’Agenzia viene stanziato un bilancio di 10 100 000 euro (esercizio 2009), agli Stati è stata già negata la possibilità che il contributo comunitario al finanziamento delle attività di controllo possa essere incrementato in linea con la proposta da noi presentata di recente in Parlamento che purtroppo è stata respinta dalla maggioranza.

 
  
MPphoto
 
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE), per iscritto. – (GA) L’Agenzia comunitaria di controllo della pesca è stata creata nel 2005 per garantire che gli Stati membri rispettino le norme della politica comune della pesca. L’Agenzia, che ha sede a Vigo in Spagna, è molto importante in termini di controllo della pesca e coordinamento degli Stati membri. È positivo, a mio giudizio, che l’Agenzia abbia adottato il programma di lavoro pluriennale per il periodo 2011-2015 come raccomandato nella strategia Europa 2020.

Il programma di lavoro pluriennale contribuirà alla cooperazione regionale e alla condivisione delle risorse nell’ambito dei piani di attuazione, il che migliorerà l’efficacia in termini di costi. Accolgo con favore della decisione della Corte dei conti di concedere il discarico ed è evidente che la commissione della pesca, che ha accolto un mio parere al riguardo, è della stessa opinione.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. L’Agenzia dovrebbe però sanare le carenze nella programmazione delle sue attività in modo che in futuro le procedure per la preparazione del bilancio siano sufficientemente rigorose ovviando alla necessità di aumentare e/o ridurre gli stanziamenti rispetto alle sue linee di bilancio. L’Agenzia, inoltre, non ha ancora predisposto un piano di lavoro pluriennale. Ritengo dunque necessario tenere presenti le attuali osservazioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, sia la Corte dei conti che la commissione per il controllo dei bilanci hanno dato parere positivo sull’esecuzione del bilancio dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca. Per tali motivi, il Parlamento concede oggi con il proprio voto il discarico in relazione all’esercizio 2009. Il bilancio dell’Agenzia è risultato, a seguito dei controlli effettuati, affidabile e le operazioni sottostanti legittime e regolari. Tengo però a sottolineare la presenza di alcune lacune, sopratutto a livello di pianificazione delle assunzioni, per le quali auspico si possa pervenire ad un rapido miglioramento nelle procedure relative agli esercizi successivi.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Agenzia comunitaria di controllo della pesca. Invito nondimeno il direttore esecutivo dell’Agenzia ad assolvere il proprio obbligo di includere nella sua relazione all’autorità responsabile del discarico che sintetizza la relazione del servizio di audit interno (IAS) tutte le raccomandazioni formulate (comprese quelle che potrebbero essere eventualmente rifiutate dall’Agenzia), nonché tutti i provvedimenti intrapresi sulla base di tali raccomandazioni; esorto dunque il direttore esecutivo dell’Agenzia a fornire informazioni sul contenuto delle quattro raccomandazioni “importantissime” dell’IAS e i provvedimenti intrapresi dall’Agenzia.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) L’odierna relazione concede il discarico ai conti dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca (ACCP) per le sue attività nell’esercizio 2009 confermando il discarico concesso dal Parlamento europeo il 5 maggio 2010 per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2008.

Poiché la Corte dei conti ha ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari e una delegazione della commissione per la pesca recatasi presso l’Agenzia nel giugno 2010 è stata molto soddisfatta del suo stato generale, in particolare dell’esecuzione dei piani di attuazione comuni, ritengo che il Parlamento debba adottare l’odierna relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca (ACCP) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Agenzia comunitaria di controllo della pesca per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo si congratula con l’Agenzia per l’adozione da parte della stessa di un programma di lavoro pluriennale per il periodo 2011-2015 e sottolinea l’importanza di tale documento ai fini dell’adozione, da parte dell’Agenzia, di efficaci accorgimenti organizzativi in vista dell’attuazione della strategia e del conseguimento degli obiettivi dalla stessa perseguiti.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato a favore del discarico. La Corte dei conti europea ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono legittime e regolari, e la revisione di un programma di lavoro pluriennale del 2010, nonché l’avvio di un’iniziativa di revisione della sua procedura di bilancio, mi convincono che l’Agenzia sta attuando le raccomandazioni formulatele. In termini di operato, l’Agenzia, creata nel 2005, sta svolgendo un lavoro importante, addirittura essenziale, dopo il mancato conseguimento delle finalità concordate nel 2002 e il fatto che la politica comune della pesca a oggi è considerata un fallimento. L’Agenzia sarà indispensabile in un futuro immediato, visto il dato sconcertante che l’88 per cento degli stock ittici nell’Unione è troppo sfruttato.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0123/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Vilija Blinkevičiūtė (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia dovrebbe valutare l’opportunità di rendere un diagramma di Gantt parte integrante della programmazione di ciascuna delle sue attività operative per riportare in forma concisa il tempo dedicato a un progetto da ogni membro del personale e incoraggiare un approccio volto al conseguimento di risultati. L’Agenzia, inoltre, deve attuare una struttura per attività rispetto al suo bilancio operativo per stabilire un chiaro collegamento tra il programma di lavoro e le previsioni finanziarie, nonché migliorare il monitoraggio e la rendicontazione delle prestazioni. L’Agenzia dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni da un anno all’altro. Inoltre, il bilancio di ogni esercizio dovrebbe essere corredato da una relazione sugli stanziamenti non spesi riportati dagli esercizi precedenti in cui si spieghino i motivi per i quali il denaro non è stato utilizzato e quando lo sarà. L’Agenzia presenta ancora lacune nelle procedure di selezione del personale che ne mettono in discussione la trasparenza. Concordo con l’idea che l’Agenzia comunichi al Parlamento europeo i provvedimenti intrapresi per sanare la situazione e rendere più trasparenti le procedure di selezione.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale dell´Agenzia europea per la sicurezza aerea poiché, nonostante la gestione apparentemente dubbia dei fondi disponibili, la Corte dei Conti ha ritenuto i conti affidabili e le operazioni ad essi sottostanti legittime e regolari. Concordo inoltre sulla necessità che l´Agenzia metta in atto meccanismi più precisi per la fissazione degli obiettivi e la valutazione dei risultati.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Accolgo con favore le decisioni illustrate nella relazione della Corte dei conti secondo cui le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Apprezzo le osservazioni del relatore con le quali concordo e mi complimento con l’Agenzia europea per la sicurezza aerea per il suo operato.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. La Corte ha tuttavia espresso preoccupazione in merito alla mancanza di coordinamento tra le esigenze, il personale e il regolamento finanziario dell’Agenzia, sottolineando in particolare che le procedure di selezione rendono difficile assumere personale adeguatamente qualificato. Ritengo dunque necessario tenere presenti le attuali osservazioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, con il voto odierno è stato concesso il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea per l’esercizio 2009. Il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Chiaramente, ogni dibattito sul discarico si colloca in un contesto particolare, e quello odierno si svolge nel contesto della crisi economico - finanziaria, che ha generato problemi finanziari e di bilancio per alcuni Stati Membri. Nonostante tali condizioni, ritengo comunque soddisfacenti i risultati raggiunti dall’Agenzia e pertanto ho dato il mio voto nella direzione indicata dal relatore.

 
  
MPphoto
 
 

  Bogdan Kazimierz Marcinkiewicz (PPE), per iscritto. – (PL) Il programma di lavoro dell’Agenzia per il 2010 desta in me qualche preoccupazione. Nel contempo, ritengo che debba essere migliorando stabilendo obiettivi e indicatori di rendimento chiave, oltre che un sistema migliore di pianificazione delle risorse. Sottolineerei inoltre la necessità di migliorare il sistema di monitoraggio per i progetti di certificazione al fine di garantire che, per l’intera durata di un progetto, i corrispettivi riscossi non si discostino notevolmente dal costo effettivo. Alla fine ho deciso di appoggiare la concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore della concessione del discarico all’Agenzia europea per la sicurezza aerea, ma esorto l’Agenzia ad attuare una struttura per attività rispetto al suo bilancio operativo al fine di stabilire un chiaro collegamento tra il programma di lavoro e le previsioni finanziarie, nonché migliorare il monitoraggio e la rendicontazione delle prestazioni; rilevo che l’Agenzia predispone un piano pluriennale ogni anno, discusso con tutte le parti interessate e approvato dal consiglio di amministrazione, in cui viene presentato il bilancio per attività e prendo atto del parere della Corte dei conti secondo cui la struttura del bilancio operativo dell’Agenzia (titolo III) sarebbe rimasta parzialmente legata agli input e le rettifiche di bilancio sarebbero state eseguite senza aggiornare il programma di lavoro, anche nel caso in cui avevano un impatto notevole sullo stanziamento delle risorse umane e finanziarie.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea (AESA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea sull’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo si compiace del fatto che la Corte dei Conti abbia considerato affidabili i conti dell’Agenzia per l’esercizio 2009 e constatato che le operazioni sono, sotto tutti gli aspetti rilevanti, legittime e regolari.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato a favore del discarico. La Corte dei conti europea ha dichiarato che i conti annuali per l’esercizio 2009 erano legittimi e regolari e ha commentato in maniera positiva l’affidabilità di conti. Nel contempo, vorrei cogliere l’opportunità per sottolineare l’esortazione contenuta nella relazione affinché si instauri una procedura di selezione del personale più trasparente. Vista la responsabilità dei compiti che l’Agenzia europea per la sicurezza aerea è chiamata ad assolvere e le difficoltà messe in luce a livello di reperimento di personale qualificato, a tale aspetto si dovrebbe prestare la massima attenzione.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0107/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie per l’esercizio 2009. Il Centro è un’istituzione importante in grado di potenziare e sviluppare la sorveglianza europea delle malattie, nonché valutare e comunicare le minacce attuali ed emergenti per la salute umana poste dalle malattie infettive. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali del Centro per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che il Centro dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni da un anno all’altro. Concordo altresì con l’idea che i poteri del Centro debbano essere rafforzati in maniera che l’Unione possa valutare autonomamente la gravità del rischio di infezione nel caso in cui scoppi una pandemia e si possa migliorare il coordinamento tra Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Il bilancio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie per l’esercizio 2009 è aumentato del 25,3 per cento rispetto al 2008. Se nei prossimi esercizi si dovesse registrare un aumento analogo, come affronteremo la crisi finanziaria con una spesa in continua crescita? Penso che questi 51 milioni di euro avrebbero potuto essere spesi più efficacemente se fossero stati investiti in sistemi regionali di monitoraggio delle malattie in ciascuno Stato membro. Ciò non solo contribuirebbe a combattere le malattie infettive, ma potenzierebbe anche i sistemi sanitari degli stessi paesi membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie poiché il relatore ha saputo ben individuare le problematiche di maggiore rilevanza per la trasparenza e la correttezza dei conti, e perché sono fiduciosa nella possibilità che questa importante e utile Agenzia lavori, a livello amministrativo, per migliorare gli aspetti sottolineati senza retrocedere su quanto già ben fatto.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione sul discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie per l’esercizio 2009 in quanto contribuisce ad analizzare l’utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni europee. Ritengo che si tratti di un’istituzione importantissima in grado di potenziare e sviluppare la sorveglianza europea delle malattie, nonché valutare e comunicare le minacce attuali ed emergenti alla salute umana poste dalle malattie infettive. Mi rammarico tuttavia per il fatto che il principio dell’annualità non è stato rispettato e vi sono stati molti riporti.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Accolgo con favore le decisioni illustrate nella relazione della Corte dei conti secondo cui le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Vorrei altresì menzionare l’importante contributo del Centro alle misure per combattere la pandemia scatenata dal virus H1N1 nel 2009, non da ultimo pubblicando indicazioni preliminari sull’uso di vaccini specifici contro l’influenza durante detta pandemia. Accolgo con favore le osservazioni del relatore con le quali concordo e mi complimento con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie per il suo operato.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, considerando che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e della regolarità delle operazioni sottostanti, ho espresso il mio voto favorevole alla concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie per l’esercizio 2009. Chiaramente, ogni dibattito sul discarico si colloca in un contesto particolare, e quello odierno si svolge nel contesto della crisi economico - finanziaria, che ha generato problemi finanziari e di bilancio per alcuni Stati Membri. Ritengo, comunque, ottimo il lavoro svolto dal Centro europeo nel rafforzamento della sorveglianza europea delle malattie, e nella valutazione e comunicazione delle attuali ed emergenti minacce per la salute umana costituite da malattie infettive. Mi congratulo, da ultimo, per il contributo del Centro alle misure di lotta contro la pandemia del virus H1N1 nel 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e sono dell’idea che i poteri del Centro debbano essere rafforzati in maniera che l’Unione possa valutare autonomamente la gravità del rischio di infezione nel caso in cui scoppi una pandemia e si possa migliorare il coordinamento tra Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche del Centro, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo del Centro il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie per l’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo esorta nuovamente il Centro a presentare, in una tabella da allegare alla prossima relazione della Corte dei Conti, una comparazione tra le operazioni effettuate durante l’esercizio per il quale deve essere concesso il discarico e quelle svolte durante l’esercizio finanziario precedente, al fine di consentire all’autorità di discarico di valutare meglio l’operato del Centro da un anno all’altro.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Al voto mi sono astenuta. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie svolge un compito importantissimo e ha anche giustificato la sua esistenza con le misure intraprese per combattere la pandemia causata dal virus H1N1. Mi sarei tuttavia aspettata che il discarico fosse rinviato in attesa della formulazione delle raccomandazioni del servizio di audit interno (IAS) richieste nella relazione – l’IAS ha formulato una raccomandazione “importantissima” e sette raccomandazioni “importanti” – e della presentazione da pare del Centro di un piano per attuarle.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0127/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia deve ridurre la percentuale di riporti (ha stornato il 29 per cento degli stanziamenti complessivi) per rispettare il principio dell’annualità. Apprezzo le iniziative assunte dall’Agenzia per migliorare l’attenzione prestata al cliente e le procedure di feedback e mi complimento per aver svolto un sondaggio presso le parti interessate nel 2009 e aver incrementato le attività di assistenza destinate all’industria. L’Agenzia deve inoltre sviluppare ulteriormente la pianificazione e il monitoraggio delle procedure di aggiudicazione degli appalti e dell’esecuzione del bilancio in modo da ridurre la percentuale di stanziamenti riportati. Si rileva che l’Agenzia si è impegnata a ridurre lo storno di fondi non spesi all’esercizio successivo e limitare i riporti a un livello nettamente inferiore rispetto al 2008.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Per che cosa stiamo spedendo qualcosa di più di 70 milioni di euro? Per un’agenzia che secondo la Corte dei conti accusa ritardi nelle attività operative a causa della mancanza di personale qualificato e difficoltà di attuazione del sistema informatico? Questi due aspetti sono chiaramente fondamentali per il funzionamento efficace di un’agenzia, ma ciò mi induce a riflettere sulla sua capacità di perseguire gli obiettivi che si è prefissa in generale. Ho votato contro il discarico perché, a mio giudizio, questo denaro può essere speso in maniera molto più efficace che per un’agenzia il cui funzionamento è assolutamente mediocre.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale dell´Agenzia europea per le sostanze chimiche poiché dalla relazione si evince che, nonostante alcune lacune e imperfezioni nei conti, dovute anche alla recente istituzione di questa Agenzia, essa ha dimostrato miglioramenti costanti per quanto riguarda i controlli e la gestione del bilancio.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) contribuisce al miglioramento della qualità della vita dei cittadini europei garantendo l’uso sicuro delle sostanze chimiche e promuovendo l’innovazione. Vista la complessità e l’intensità crescenti dell’uso di questi tipi di sostanze e della ricerca condotta in tale ambito, penso che l’ECHA tenderà a diventare più importante, il che giustifica pertanto un’analisi ancora più attenta del modo in cui genera i fondi a sua disposizione.

La Corte dei conti ha confermato l’affidabilità dei suoi conti per l’esercizio finanziario 2009 e sembra che l’Agenzia stia superando tutti i difficili problemi che sono pressoché inevitabili per istituzioni del genere. Spero che l’ECHA risponda agli obiettivi per i quali è stata creata e migliori il proprio rigore di bilancio e la propria capacità di pianificazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. La Corte dei conti ha nondimeno sottolineato i ritardi nelle attività operative accusati per difficoltà di attuazione del sistema informatico e carenza di personale qualificato. Ritengo dunque necessario tenere presenti le attuali osservazioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno è stato concesso al direttore esecutivo dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche il discarico sull’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Ho dato il mio voto favorevole in quanto, a seguito dei controlli operati dalla Corte dei conti e dalla commissione per il controllo dei bilanci, è risultato che tutte le operazioni effettuate dall’Agenzia si sono svolte in piena legittimità e correttezza. Mi congratulo, infine, con l’Agenzia, per la creazione di una struttura di audit interno (IAC) incaricata di svolgere revisioni contabili interne e di fornire consulenze al direttore esecutivo in materia di gestione del rischio e di sistemi di controllo interni emanando pareri e raccomandazioni indipendenti.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Agenzia europea per le sostanze chimiche, ma esorto l’Agenzia a comunicare all’autorità responsabile del discarico i passi intrapresi per migliorare il suo sistema di controllo rafforzando circuiti finanziari, flussi di lavoro, audit, piani di azione e valutazioni di rischio.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche sull’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo valuta positivamente le iniziative dell’Agenzia per potenziare le sue procedure di attenzione al cliente e di feedback. In particolare, si congratula con l’Agenzia per avere condotto nel 2009 un’indagine presso le parti interessate e aver aumentato le attività di assistenza destinate all’industria.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato a favore della relazione dell’onorevole Stavrakakis in cui si esorta la Corte dei conto europea a sottoporre la giovane (operativamente parlando) Agenzia europea per le sostanze chimiche a controlli di rendimento. In base ai dati disponibili, il discarico all’Agenzia è stato raccomandato in quanto l’Agenzia ha già fornito le informazioni che saranno richieste in futuro alle altre (come una tabella allegata in cui sia riportato un raffronto tra le cifre di due esercizi consecutivi).

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0122/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea dell’ambiente per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. L’Agenzia fornisce informazioni ambientali indipendenti attendibili a tutte le istituzioni dell’Unione, agli Stati membri e agli organi responsabili della formulazione delle politiche. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente. L’Agenzia deve inoltre sviluppare ulteriormente i propri metodi di comunicazione per ottenere una maggiore copertura dei media in merito ai suoi risultati e, in tal modo, alimentare il dibattito pubblico su temi ambientali importanti. Tali misure possono condurre a un metodo di lavoro più trasparente e un maggiore interesse da parte del pubblico per l’operato dell’Agenzia.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Perché dovremmo finanziare agenzie che non attuano le raccomandazioni formulate dal servizio di audit interno? Nel 2006 sono state formulate 27 raccomandazioni, di cui sinora ne sono state attuate soltanto nove. Ciò mi induce a pensare che l’Agenzia europea dell’ambiente non funzioni in maniera corretta e il suo finanziamento debba cessare.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l’Agenzia europea dell’ambiente poiché ritengo che il lavoro svolto sia, di questi tempi, fondamentale. Trovo dunque che le criticità sottolineate vadano sì corrette, ma senza perdere di vista gli obiettivi strategici e di lungo periodo.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione sul discarico del bilancio dell’Agenzia europea dell’ambiente per l’esercizio 2009 in quanto contribuisce ad analizzare l’utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni europee. La reputo un’istituzione estremamente importante, soprattutto per quanto concerne l’adattamento al cambiamento climatico, la valutazione degli ecosistemi, la sostenibilità del consumo e della produzione, nonché la prevenzione e la gestione delle calamità.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’obiettivo dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) consiste nel rendere disponibili informazioni attendibili e indipendenti sull’ambiente. Il mandato dell’AEA prevede due aspetti: da un lato, il sostegno agli Stati membri dell’Unione europea nella formulazione di una politica economica che incorpori le questioni ambientali e la sostenibilità; dall’altro, il coordinamento delle informazioni ambientali attraverso la rete di informazione e osservazione in materia ambientale (Eionet).

Tra gli aspetti rilevanti che giustificano un attento monitoraggio da parte dell’AEA vi sono la valutazione dello stato dell’ambiente, l’identificazione delle tendenze ambientali, tra cui i fattori economici e sociali sui quali si basano le pressioni ambientali, il monitoraggio delle politiche ambientali e della loro efficacia, nonché la previsione di tendenze e problemi futuri.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Il relatore formula una serie di osservazioni e raccomandazioni che reputiamo rilevanti in termini di procedure di bilancio e di cui l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) dovrebbe tener conto. Nel contempo, la relazione mette in luce le importanti carenze delle procedure di assunzione dell’Agenzia che ne mettono in discussione la trasparenza, segnatamente il fatto che gli avvisi di vacanza non specificavano un numero massimo di candidati da inserire negli elenchi degli idonei, la circostanza che i quesiti utilizzati per le prove scritte e i colloqui non fossero decisi prima dell’esame delle domande, il fatto che le decisioni delle commissioni esaminatrici non fossero sufficientemente documentate, la circostanza che le soglie per essere invitati a un colloquio o inseriti nell’elenco degli idonei non fossero fissate preliminarmente e il fatto che i verbali non fossero completi. Si tratta di lacune gravi alle quali occorre porre urgentemente rimedio.

L’AEA può e deve assumere un ruolo importante nella compilazione di informazioni oggettive, attendibili e raffrontabili sull’ambiente in Europa rendendole disponibili in maniera accessibile e diretta. Sarebbe nondimeno importante preoccuparsi di garantire una maggiore cooperazione, un migliore collegamento e un maggiore coordinamento con le istituzioni competenti degli Stati membri promuovendo sinergie e una migliore divulgazione delle informazioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea dell’ambiente per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha segnalato procedure non sufficientemente rigorose per la preparazione del bilancio che hanno comportato un numero notevole di storni di bilancio riguardanti la maggior parte delle linee (l’equivalente dell’8 per cento del bilancio dell’Agenzia). La relazione osserva, in particolare, che alcuni di questi storni hanno comportato successivi aumenti e decrementi delle stesse linee di bilancio, mentre alcuni stanziamenti non sono stati utilizzati e sono stati stornati ad altre linee nel corso dell’esercizio. Ritengo pertanto che le procedure per la preparazione del bilancio debbano essere più rigorose in quanto una percentuale notevole delle risorse finanziarie deriva da sovvenzioni comunitarie.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno è stato concesso il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea dell’ambiente per l’esercizio 2009. Ho dato il mio voto favorevole in quanto, a seguito dei controlli operati dalla Corte dei Conti e dalla Commissione per il controllo dei bilanci, è risultato che tutte le operazioni effettuate dall’Agenzia si sono svolte in piena legittimità e correttezza. Inoltre, ritengo che l’Agenzia svolga un lavoro molto importante, e condivido gli sforzi compiuti di recente al fine di migliorare il coinvolgimento dell’opinione pubblica su importanti questioni ambientali, quali i cambiamenti climatici, la biodiversità e la gestione delle risorse naturali.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico del bilancio dell’Agenzia europea dell’ambiente. Invito tuttavia l’Agenzia a migliorare entro la fine dell’anno l’accuratezza delle informazioni fornite dagli uffici operativi in merito alla stima della spesa operativa maturata.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia europea dell’ambiente il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore dell’Agenzia europea dell’ambiente sull’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo si compiace espressamente con l’Agenzia quale fornitore affidabile d’informazioni ambientali indipendenti e sicure per tutte le istituzioni dell’Unione, gli Stati Membri e gli organi decisionali.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato a favore del discarico perché la Corte dei conti europea ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali presentati per il 2009 erano legittimi e regolari. L’Agenzia europea dell’ambiente ha svolto un lavoro importante negli ultimi anni fornendo dati e informazioni indipendenti e attendibili in campo ambientale, preoccupazione importante per moltissimi cittadini europei come dimostrano le relazioni annuali della commissione per le petizioni. Accolgo altresì con favore la richiesta formulata nella relazione che la Corte dei conti sottoponga l’Agenzia a controlli di rendimento.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0146/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Autorità per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legali e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Autorità dovrebbe rafforzare la pianificazione e il monitoraggio delle procedure di bilancio relative agli stanziamenti differenziati. L’Autorità deve migliorare la gestione del bilancio per ridurre i riporti. L’Autorità deve inoltre garantire che le sue consulenze siano indipendenti e di alta qualità per garantire il rispetto degli standard di sicurezza dell’Unione, nonché l’indipendenza e l’eccellenza scientifica in tutti gli ambiti che hanno un impatto diretto o indiretto sul cibo, la sicurezza alimentare e la protezione fitosanitaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore della relazione perché la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti del 2009 dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari, come anche perché il 5 maggio 2010 il Parlamento ha concesso al direttore esecutivo dell’Autorità il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’EFSA del 2008.

Ho anche votato a favore in quanto, sebbene l’Autorità debba rafforzare la pianificazione e il monitoraggio delle procedure di bilancio, concordo con l’idea che l’EFSA debba garantire che le sue consulenze siano indipendenti e di alta qualità per assicurare il rispetto degli standard di sicurezza dell’Unione, nonché l’indipendenza e l’eccellenza scientifica in tutti gli ambiti che hanno un impatto diretto o indiretto sul cibo, la sicurezza alimentare e la protezione fitosanitaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Non possiamo ignorare il fatto che per tre esercizi consecutivi – 2006, 2007 e 2008 – l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riportato gran parte dei suoi impegni per attività operative. Un elemento ancora più controverso è rappresentato dal fatto che la Corte dei conti ha segnalato difficoltà di attuazione del programma di lavoro dell’Autorità del 2009. Per questo penso che l’Autorità non debba ottenere il discarico per l’esecuzione del suo bilancio in quanto i contribuenti europei non meritano che il loro denaro venga speso per un’agenzia che non assolve gli impegni affidatile.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale dell´Agenzia europea per la sicurezza alimentare poiché non solo la Corte dei conti ha dichiarato l´affidabilità dei conti e la regolarità e legittimità delle relative operazioni, ma anche perché l’Agenzia ha stanziato alcuni fondi della riserva per la realizzazione di alcuni progetti importanti quali infrastrutture, sviluppo informatico e cooperazione scientifica. Ritengo però che debbano essere condotte ulteriori verifiche sull´utilizzo di alcune partite e debba essere migliorata la gestione di bilancio al fine di ridurre l´elevato numero di riporti.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione sul discarico del bilancio dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per l’esercizio 2009 in quanto contribuisce ad analizzare l’utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni europee. Penso che l’EFSA debba continuare a garantire indipendenza ed eccellenza scientifica, il che significa che occorrono misure relative alla dichiarazione di interessi da parte del personale dell’EFSA e degli esperti che collaborano con l’Autorità.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) interviene con il suo lavoro in tutte le fasi della produzione e dell’approvvigionamento alimentare, dalla produzione primaria alla fornitura di cibo di consumatori, compresa la sicurezza dei mangimi animali. L’Autorità raccoglie informazioni e analizza i nuovi progressi scientifici al fine di identificare e valutare tutti i potenziali rischi nella catena alimentare e può procedere a una valutazione scientifica di qualunque elemento suscettibile di avere un impatto diretto o indiretto sulla sicurezza dell’approvvigionamento alimentare, compresi gli aspetti riguardanti la salute e il benessere degli animali e la salute delle piante. Se la sicurezza alimentare è una delle esigenze principali e delle massime preoccupazioni di un mercato con oltre 500 milioni di consumatori, il modo in cui viene valutata e studiata richiede livelli di professionalità, rendimento e imparzialità estremamente elevati. L’Unione sostiene di avere la capacità di monitorare i vari tipi di alimenti “dalla terra alla tavola”, ma è essenziale riconoscere che vi è ancora molto da fare.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, vorrei in primo luogo ringraziare tutti coloro che hanno lavorato al testo nonché complimentarmi con la stessa Autorità europea per la sicurezza alimentare, la quale ha rispettato la necessità di assicurare una consulenza indipendente e di alta qualità, al fine di garantire il rispetto delle norme di sicurezza nonché l’eccellenza e l’indipendenza scientifica in tutte le questioni aventi un impatto diretto o indiretto sulla sicurezza degli alimenti. Purtroppo, devo evidenziare la presenza di alcune difficoltà, riscontrate dalle Corte dei conti a seguito delle analisi effettuate nell’attuazione del programma di lavoro 2009. Mi associo, pertanto, alla richiesta formulata all’Autorità di adottare le misure necessarie per porre rimedio a tali carenze che, comunque, non hanno inficiato la generale correttezza e affidabilità del bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ma mi rammarico per il fatto che, per il terzo esercizio consecutivo, la Corte dei conti ha sottolineato che gli impegni per attività operative riportati dall’esercizio precedente hanno dovuto essere annullati (19 per cento degli impegni per attività operative riportati dal 2008, 37 per cento riportati dal 2007 e 26 per cento riportati dal 2006). Il Parlamento esorta l’Autorità a modificare la situazione e comunicare alla Corte dei conti i provvedimenti intrapresi.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (AESA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Autorità, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Autorità il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare per l’esecuzione del bilancio dell’Autorità per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo si congratula con l’Autorità per avere presentato una tabella comparativa, allegata alla relazione della Corte dei conti per il 2009, sulle operazioni effettuate nel corso degli esercizi 2008 e 2009, che consente all’autorità di discarico di valutare meglio le sue prestazioni da un anno all’altro. Il Parlamento plaude inoltre al fatto che l’Autorità abbia aumentato il numero di documenti tematici e relativi alle politiche.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Nel caso dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare non ho condiviso la raccomandazione del relatore di concedere il discarico “sulla base dei dati disponibili”; le carenze evidenti nella gestione del bilancio sono decisamente troppo gravi. Il servizio di audit interno (IAS) ha formulato 48 raccomandazioni sulla gestione delle sovvenzioni, di cui 27 rientrano addirittura nella categoria “critiche”. Vi sono inoltre preoccupazioni in merito a possibili conflitti di interessi e mancanza di trasparenza.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0120/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Apprezzo l’iniziativa assunta dall’Osservatorio di gestire una rete informatizzata per la raccolta e lo scambio di informazioni denominata rete europea di informazione delle droghe e delle tossicodipendenze. Tale rete collega le reti nazionali di informazione sulle droghe, i centri specializzati degli Stati membri e i sistemi di informazione delle organizzazioni internazionali che collaborano con l’Osservatorio. Concordo nell’affermare che l’Osservatorio dovrebbe valutare l’opportunità di rendere un diagramma di Gantt parte integrante della programmazione di ciascuna delle sue attività operative per riportare in forma concisa il tempo dedicato a un progetto da ogni membro del personale e incoraggiare un approccio volto al conseguimento di risultati. Ritengo inoltre importante che l’Osservatorio migliori la programmazione e il monitoraggio delle attività per ridurre i riporti all’esercizio successivo. Apprezzo altresì l’iniziativa assunta dall’Osservatorio di fornire al Parlamento europeo la relazione annuale di audit interno del servizio di audit interno preparata sull’Osservatorio perché è un segnale di trasparenza e migliori prassi.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Osservatorio per l’esercizio 2009. Come nei casi precedenti, la Corte dei conti ha dichiarato che le sue operazioni sono legittime e regolari. Si dovrebbe tener conto del fatto che in maggio il Parlamento ha concesso il discarico. La gestione dell’Osservatorio è, a mio parere, fondamentale e ho accolto con estremo favore la creazione della rete europea di informazione delle droghe e delle tossicodipendenze (Reitox), che consente maggiori contatti tra le reti nazionali di informazione sulle droghe e i centri specializzati per la condivisione delle migliori prassi. Giudico positivamente il contributo di un quadro di raffronto con il 2009 e il 2008 in quanto ha semplificato l’analisi dell’aumento delle sue attività.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale relativo all´Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze in quanto ha operato una gestione delle risorse oculata e coerente con le aspettative. Come si evince dalla relazione restano, tuttavia, alcuni miglioramenti che possono essere apportati al management, soprattutto per quanto concerne la gestione della liquidità e l´analisi dei riporti.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Questo centro di monitoraggio svolge un ruolo estremamente importante nel contesto europeo. Il suo mandato consiste nel fornire informazioni oggettive, attendibili e comparabili che consentano all’Unione europea e ai suoi Stati membri di avere una prospettiva ampia del fenomeno delle tossicodipendenze e delle sue conseguenze.

Il rigore in termini di informazione impone un pari rigore nella contabilità. Spero che l’Osservatorio non smetta di assolvere in maniera fedele e accurata la missione affidatagli e lo faccia gestendo il proprio bilancio al meglio. Spero altresì che qualunque informazione raccolta aiuti gli Stati membri a seguire da vicino le cause e le conseguenze di questo flagello indicando percorsi e soluzioni che permettano ai cittadini europei colpiti dal fenomeno di affrancarsi da una dipendenza che distrugge i cittadini stessi e le loro famiglie.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze per l’esercizio 2009. Nel contempo, il bilancio dell’Osservatorio è stato inferiore del 2,25 per cento rispetto al 2008.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno è stato concesso il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze per l’esercizio 2009. Ho espresso il mio voto favorevole sulla base della relazione della Corte dei conti, la quale ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti nonché della legittimità e regolarità delle relative operazioni. Ritengo, infine, molto utile la creazione e la gestione, messa a punto dall’Osservatorio, di una rete informatizzata per la raccolta e lo scambio di informazioni, denominata "rete europea d’informazione delle droghe e delle tossicodipendenze", in grado di mettere in collegamento le reti nazionali di informazione sulle droghe, i centri specializzati negli Stati membri ed i sistemi di informazione delle organizzazioni internazionali che cooperano con l’Osservatorio.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze e, nel farlo, apprezzo il fatto che l’Osservatorio ha ulteriormente migliorato la previsione annuale del suo fabbisogno di liquidità; va aggiunto che tale previsione è costantemente aggiornata e presentata come documento di supporto ai servizi competenti della Commissione per giustificare la richiesta di pagamento trimestrale dell’Osservatorio della successiva quota della sovvenzione annuale stanziata dall’Unione.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Osservatorio, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Osservatorio il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze per l’esecuzione del bilancio dell’Osservatorio per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo plaude all’iniziativa dell’Osservatorio di gestire una rete informatizzata per la raccolta e lo scambio di informazioni, denominata "rete europea d’informazione sulle droghe e le tossicodipendenze". Nota che tale rete collega le reti nazionali d’informazione sulle droghe, i centri specializzati negli Stati Membri ed i sistemi di informazione delle organizzazioni internazionali che cooperano con l’Osservatorio.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato a favore del discarico. I conti annuali per l’esercizio 2009 sono risultati regolari. L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) è stato esemplare nel modo in cui ha amministrato il suo bilancio. L’Osservatorio ha già presentato una tabella di raffronto tra gli esercizi 2008 e 2009 contenente non soltanto le cifre (che dimostrano una riduzione del 2,25 per cento dei fondi rispetto al 2008), bensì anche le misure attuate. Per assicurare la massima trasparenza, l’OEDT intende anche presentare la relazione integrale del servizio di audit interno.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0132/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Concordo nell’affermare che l’Agenzia dovrebbe valutare l’opportunità di rendere un diagramma di Gantt parte integrante della programmazione di ciascuna delle sue attività operative per riportare in forma concisa il tempo dedicato a un progetto da ogni membro del personale e incoraggiare un approccio volto al conseguimento di risultati. L’Agenzia dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni da un anno all’altro. Nel 2009, la Corte dei conti ha rilevato nuovamente il numero elevato di storni di bilancio; l’Agenzia deve pertanto continuare a migliorare la pianificazione e il monitoraggio per ridurli. L’Agenzia deve inoltre adottare misure per superare le lacune presenti nelle procedure di selezione del personale che ne mettono in discussione la trasparenza.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore della relazione. La Corte dei conti afferma che i conti dell’Agenzia sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Nel formulare la mia posizione, ho giudicato positiva l’adozione del piano quinquennale, benché, come sostiene la Corte dei conti, l’Agenzia debba migliorare la pianificazione e la gestione del bilancio. La valutazione delle sue attività è stata nondimeno positiva.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale relativo all´Agenzia europea per la sicurezza marittima poiché, nonostante la precedente assenza di un programma pluriennale e la rilevante preoccupazione che induce l´elevata presenza di storni di bilancio nel 2008, l´Agenzia ha mostrato miglioramenti di gestione e nel complesso la Corte dei conti ha valutato positivamente i conti annuali e le operazioni sottostanti.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Le catastrofi ambientali delle navi Erika e Prestige hanno messo in luce la necessità di fare di più per la sicurezza marittima a livello europeo. L’Agenzia, con sede a Lisbona, ha competenze importanti in tale ambito e merita di essere sostenuta nel suo impegnativo lavoro. L’Agenzia dovrebbe nondimeno compiere sforzi per migliorare le sue politiche di pianificazione e monitoraggio.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, desidero in primo luogo ringraziare il relatore per l’eccellente lavoro svolto. Con il voto odierno ho espresso il mio parere favorevole in merito alla concessione del discarico all’Agenzia europea per la sicurezza marittima per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009. Vorrei però sottolineare il riscontro, da parte della Corte dei conti, di un numero elevato di storni di bilancio nel 2009 ed unirmi alla richiesta, formulata all’Agenzia, di impegnarsi al fine di riuscire a migliorare, in vista dei bilanci successivi, la sua pianificazione e il controllo di bilancio al fine di ridurre il numero di storni.

 
  
MPphoto
 
 

  Bogdan Kazimierz Marcinkiewicz (PPE), per iscritto. – (PL) Apprezzo il lavoro svolto dall’Agenzia europea per la sicurezza marittima. Ritengo inoltre che l’adozione nel marzo 2010 di una strategia quinquennale rappresenti un progresso in termini di azioni e miglioramenti del futuro lavoro. Ho pertanto deciso di votare a favore della concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore della concessione del discarico all’Agenzia europea per la sicurezza marittima per il bilancio del 2009, ma esorto l’Agenzia a ridurre ulteriormente il numero di impegni posteriori (ossia impegni giuridici assunti prima dei corrispondenti impegni di bilancio) rammentando all’Agenzia che dal 2006 la Corte dei conti segnala violazioni dell’articolo 62, paragrafo 1, del regolamento finanziario. Apprezzo nondimeno gli sforzi profusi dall’Agenzia per migliorare la situazione con una formazione ad hoc per evitare impegni posteriori.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) L’odierna relazione concede il discarico ai conti annuali dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) per l’esercizio 2009.

Poiché la Corte dei conti ha ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari, penso che il Parlamento debba adottare la relazione.

Va tuttavia sottolineato che la Corte dei conti ha nuovamente riscontrato un numero elevato di storni di bilancio nel 2009 (49 nel 2009, 52 nel 2008 e 32 nel 2007), per cui è auspicabile che l’EMSA migliori la pianificazione e il monitoraggio per ridurre il numero di riporti.

È altresì auspicabile che in una tabella da allegare alla prossima relazione della Corte dei conti l’EMSA riporti un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere all’autorità responsabile del discarico di valutare più efficacemente le prestazioni dell’EMSA da un anno all’altro.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento Europeo concede il discarico al direttore dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento Europeo si compiace del fatto che la Corte dei conti abbia considerato affidabili i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 e constata che le operazioni sono state, nel complesso, legittime e regolari.

 
  
MPphoto
 
 

  Dominique Vlasto (PPE), per iscritto. – (FR) Con il voto sul discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) per l’esercizio 2009, il Parlamento ha potuto confermare il buon governo dell’Agenzia e l’uso dei suoi stanziamenti per lo scopo previsto. Accolgo con favore tale voto in quanto ribadisce l’impegno del Parlamento nei confronti dell’Agenzia, che svolge un ruolo fondamentale nel monitoraggio e la supervisione dei mari europei. Poiché la pressione sul nostro spazio marittimo è crescente, abbiamo il dovere di essere estremamente vigili rispetto al suo uso. Mi compiaccio dunque particolarmente per il fatto che le proposte contenute nella mia relazione del 2008 sul controllo da parte dello Stato di approdo sono state principi chiave a supporto del lavoro dell’EMSA. Mi riferisco, per esempio, alle ispezioni delle navi e al coordinamento dei vari sistemi di controllo nazionali da parte dell’Agenzia. Il mare è uno spazio che appartiene a tutti gli europei ed è parte del nostro patrimonio. Promuovendo lo scambio di buone prassi, combattendo incessantemente l’inquinamento e le attività illegali in mare, prevenendo gli incidenti, riusciremo a beneficiare delle potenzialità di crescita del mare per lungo tempo ancora.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) I fondi dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima sono stati tagliati anche nel 2009 del 3,8 per cento. I compiti dell’Agenzia, tra cui la gestione delle catastrofi ambientali in mare, sono particolarmente importanti alla luce dello stato delle acque comunitarie. Ho votato a favore del discarico perché le lacune enumerate riguardavano principalmente le procedure di aggiudicazione degli appalti e selezione del personale, mentre la Corte dei conti ha espresso un giudizio positivo sui conti annuali per l’esercizio 2009. Tali lacune, tuttavia, devono essere colmate nel 2010 e le raccomandazioni “importantissime” del servizio di audit interno (IAS) devono essere tutte attuate se l’Agenzia vuole assicurarsi il discarico nel 2010.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0105/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia dovrebbe rafforzare i controlli interni per essere certa che contratti e procedure di aggiudicazione degli appalti siano applicati in maniera corretta. L’Agenzia deve inoltre fornire informazioni regolari sui suoi circuiti finanziari e le responsabilità dei relativi attori finanziari e operativi. L’Agenzia presenta ancora lacune nelle procedure di selezione del personale che ne mettono in discussione la trasparenza. L’Agenzia deve sanare tale situazione e comunicare al Parlamento europeo i provvedimenti intrapresi. Concordo inoltre con l’idea che l’Agenzia dovrebbe introdurre controlli ex-post con l’ausilio di un fornitore professionista.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore della relazione perché la Corte dei conti dichiara di aver ottenuto sufficienti garanzie quanto al fatto che i conti del 2009 dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA) sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari, come anche perché il 5 maggio 2010 il Parlamento ha concesso al direttore esecutivo dell’ENISA il discarico per l’esecuzione del bilancio del 2008. Concordo tuttavia con l’idea che l’Agenzia debba migliorare la trasparenza delle stime e i responsabili dei progetti, delle procedure di aggiudicazione degli appalti e della verifica di potenziali irregolarità.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione poiché ho preso atto, attraverso la dettagliata relazione, della correttezza delle procedure adottate e di quali passaggi siano apparsi poco trasparenti.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Vista la dematerializzazione del contatto tra le persone e il crescente uso delle piattaforme web, è auspicabile che l’Unione europea faccia rientrare nella categoria “essenziale” la sicurezza cibernetica. Quantità crescenti di informazioni continuano infatti ad accumularsi in Internet e la gente utilizza sempre più la rete per le attività quotidiane più svariate. In tali circostanze, i rischi di violazione della privacy e uso illecito di dati, informazioni, suoni o immagini da parte di terzi aumentano in maniera esponenziale. La Corte dei conti ha confermato l’affidabilità dei conti dell’Agenzia, ma mette in luce una serie di rettifiche da apportare.

 
  
MPphoto
 
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE), per iscritto. – (GA) Sin dalla sua costituzione, l’Agenzia europea per la sicurezza marittima ha dato un sostegno estremamente importante alla Commissione europea e agli Stati membri, specialmente in termini di sicurezza marittima e prevenzione dell’inquinamento causato dalle navi.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha nondimeno riscontrato lacune nelle procedure di aggiudicazione degli appalti, soprattutto per quanto concerne la sottostima dei bilanci di un contratto quadro. Il bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009 è stato inferiore del 3,5 per cento rispetto al 2008. Penso che le attuali lacune debbano essere colmate.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno è stato concesso il discarico per l’esecuzione del bilancio all’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione rispetto all’esercizio 2009, chiudendo, quindi, la procedura per il 2009. Ho espresso il mio voto favorevole sulla base delle dichiarazioni della Corte dei conti, la quale ha affermato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all’affidabilità dei conti annuali per l’esercizio 2009 e alla legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione e, nel farlo, riscontro con disappunto che non vi sono stati progressi rispetto all’anno precedente per quel che riguarda il rimborso di 45 000 euro, ossia l’ammontare dell’IVA versato anticipatamente dall’Agenzia alle autorità fiscali dello Stato membro ospite, per cui esorto l’Agenzia a comunicare all’autorità responsabile del discarico quando tale importo sarà rimborsato dalle autorità in questione.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione rispetto all’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo sottolinea che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all’affidabilità dei conti annuali per l’esercizio 2009 e alla legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Non ho votato a favore del discarico. Le lacune enumerate dal servizio di audit interno (IAS) sono troppo numerose e gravi. A titolo esemplificativo, dopo aver riesaminato le procedure di aggiudicazione degli appalti dell’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione, in tale ambito sono state riscontrate altre carenze. Le 18 raccomandazioni dell’IAS per migliorare i servizi dell’Agenzia devono essere attuate in maniera completa e senza indugio. Poiché l’Agenzia ha tuttavia rifiutato integralmente cinque delle 18 raccomandazioni, pare che la volontà necessaria a tal fine manchi.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0125/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato la decisione del Parlamento europeo di concedere il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia ferroviaria europea per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha comunicato al Parlamento di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che l’uso di due sedi (Lilla e Valenciennes) per lo svolgimento delle attività espone l’Agenzia a costi aggiuntivi. Ritengo che pertanto il Consiglio debba intervenire per modificare la decisione che obbliga l’Agenzia ad avere una doppia sede. Penso che l’Agenzia debba fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni di anno in anno. Mi complimento con l’Agenzia, a seguito dei commenti della Corte dei conti, per aver introdotto un sistema centralizzato per la registrazione delle fatture in entrata. Tale misura è necessaria per garantire la tempestiva registrazione di tutte le fatture e contribuisce a evitare ritardi nella gestione dei pagamenti. Apprezzo l’iniziativa assunta dall’Agenzia di creare una capacità di audit interna destinata a fornire sostegno e consulenza al suo direttore e alla direzione in tema di controllo interno, valutazione di rischio e audit interno.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia ferroviaria europea per l’esercizio 2009 perché il Parlamento ha concesso il discarico al suo direttore in maggio. Concordo tuttavia con il relatore nell’affermare che il riporto di stanziamenti deve essere gestito meglio perché viola il principio di bilancio dell’annualità. Concordo altresì con le osservazioni della Corte dei conti in merito ai ritardi nelle procedure di aggiudicazione degli appalti. Valuto infine positivamente l’impegno profuso per introdurre un sistema centralizzato per la registrazione delle fatture in entrata, sistema necessario per migliorarne la gestione.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 rispetto al bilancio generale dell´Agenzia ferroviaria europea poiché, come riportato nella relazione, la gestione delle risorse è stata nel complesso positiva. Sono altresì d´accordo sulla necessità di apportare alcuni miglioramenti nel campo della revisione dei conti e gestione di bilancio al fine di ridurre il livello di riporti e annullamenti ancora troppo elevato.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Il comparto ferroviario europeo subisce l’incompatibilità tra le norme tecniche e di sicurezza nazionali, incompatibilità che rappresenta un notevole svantaggio per il suo sviluppo. È compito dell’Agenzia ridurre tale profondo divario e stabilire obiettivi di sicurezza comuni. L’uso di due sedi distinte comporta maggiori costi che probabilmente dovrebbero essere evitati. Il ritardo nello svolgimento di una serie di attività rimette in discussione il principio dell’annualità poiché ha causato il riporto di stanziamenti di bilancio.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Al voto sul documento mi sono astenuto, sebbene la commissione competente abbia deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia ferroviaria europea per l’esercizio 2009. Il bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009 è stato inferiore del 16,6 per cento rispetto al 2008. La Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. È preoccupante il fatto che è stata manifestata perplessità in merito alle lacune delle procedure di aggiudicazione degli appalti messe in luce dalla verifica della Corte dei conti: annullamenti e ritardi nelle procedure di aggiudicazione degli appalti, ritardi ricorrenti nell’esecuzione dei pagamenti e cambiamenti significativi apportati al programma di lavoro nel corso dell’anno. La Corte dei conti ha riscontrato carenze nella gestione delle immobilizzazioni, ma rileva che l’Agenzia ha assicurato che la situazione sarà sanata nei conti del 2010. Ritengo che l’incertezza in merito all’ubicazione delle immobilizzazioni sia un’altra esemplificazione dei problemi e dei costi aggiuntivi derivanti dall’uso di due sedi. Anche per questo mi sono astenuto.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, con il voto odierno il Parlamento europeo ha concesso il discarico al direttore dell’Agenzia ferroviaria europea per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Purtroppo, durante le procedure di controllo sono stati riscontrati annullamenti e ritardi nelle procedure di aggiudicazione degli appalti, ritardi ricorrenti nell’esecuzione dei pagamenti e significative modifiche apportate al programma di lavoro annuale in corso di esercizio. Credo che problemi simili debbano essere evitati negli anni successivi. E proprio a tale fine, ritengo molto positiva la creazione, da parte dell’Agenzia, di una struttura di audit interno, incaricata di fornire sostegno e consulenza in materia di controlli interni.

 
  
MPphoto
 
 

  Bogdan Kazimierz Marcinkiewicz (PPE), per iscritto. – (PL) Ho votato a favore della concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia ferroviaria europea per l’esercizio 2009. Ritengo nondimeno che il Consiglio dovrebbe adottare provvedimenti per abolire una delle sedi dell’Agenzia in quanto la doppia sede è fonte di inutili costi aggiuntivi e l’Agenzia non ha bisogno di una doppia sede per operare in maniera efficiente. Mi preoccupa inoltre il fatto che lo statuto del personale dell’Agenzia e le corrispondenti norme attuative non sono stati rispettati.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Agenzia ferroviaria europea per il suo bilancio del 2009. Mi rammarico tuttavia per le lacune riscontrate nella gestione delle immobilizzazioni dalla Corte dei conti, sebbene prenda atto del fatto che l’Agenzia ha garantito che porrà rimedio alla situazione nei conti del 2010, e ritengo che l’incertezza in merito all’ubicazione delle immobilizzazioni sia un’altra esemplificazione dei problemi e dei costi aggiuntivi derivanti dall’uso di due sedi.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia ferroviaria europea (ERA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore dell’Agenzia ferroviaria europea il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore dell’Agenzia ferroviaria europea per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo è preoccupato poiché la Corte ha nuovamente evidenziato annullamenti e ritardi nelle procedure di aggiudicazione degli appalti, ritardi ricorrenti nell’esecuzione dei pagamenti e significative modifiche apportate al programma di lavoro annuale in corso di esercizio.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Al voto mi sono astenuta in quanto avrei preferito che il discarico fosse rinviato. Il documento dimostra che la relazione sull’attività annuale contiene informazioni insufficienti in merito alla pianificazione, all’assegnazione e all’uso delle risorse umane. Inoltre, richiedendo una relazione sul mancato impiego e l’uso previsto delle risorse unicamente per il prossimo anno si tiene conto in maniera soltanto parziale della preoccupazione manifestata dalla Corte dei conti europea in merito ai ripetuti annullamenti e ritardi nelle procedure di aggiudicazione degli appalti.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0109/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione professionale per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha comunicato al Parlamento europeo che i conti annuali della Fondazione per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Apprezzo l’intenzione della Fondazione di migliorare le prestazioni dei sistemi di istruzione e formazione professionale nei paesi suoi partner e sviluppare una metodologia comune con organizzazioni internazionali e donatori bilaterali per rafforzarne il ruolo. Ritengo che la Fondazione debba fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni da un anno all’altro. Concordo con il relatore nell’affermare che la Fondazione deve predisporre le procedure di bilancio con maggiore rigore. Ciò contribuirebbe a evitare il numero considerevole di storni di bilancio. Accolgo inoltre con favore l’iniziativa assunta dalla Fondazione di fornire al Parlamento europeo la relazione annuale di audit interno del servizio di audit interno concernente l’istituzione.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore della relazione perché la Corte dei conti dichiara di aver ottenuto sufficienti garanzie quanto al fatto che i conti del 2009 della Fondazione europea per la formazione professionale (ETF) sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari, come anche perché il 5 maggio 2010 il Parlamento ha concesso al direttore esecutivo dell’ETF il discarico per l’esecuzione del bilancio del 2008. Concordo con l’intero contenuto della relazione e vorrei sottolineare l’iniziativa assunta dall’ETF di fornire all’autorità responsabile del discarico la relazione annuale di audit interno del servizio di audit interno (IAS) poiché è un segnale di trasparenza che dovrebbe essere seguito da tutte le altre agenzie.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 relativo alla Fondazione europea per la formazione poiché nel complesso, come sottolineato nella relazione la gestione dei conti e delle operazioni risulta legittima e regolare. Considero tuttavia preoccupante la scarsa trasparenza nelle procedure di selezione del personale e l´inchiesta aperta dall´Ufficio europeo per la lotta antifrode. Mi auguro che la Fondazione prenda i giusti provvedimenti a riguardo al fine di migliorare le proprie performances.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’obiettivo della Fondazione europea per la formazione professionale (ETF) consiste nel contribuire allo sviluppo dei sistemi di formazione professionale rafforzando la cooperazione in materia di formazione professionale e garantendo il coordinamento degli aiuti. Le attività dell’ETF coprono i paesi candidati all’adesione all’Unione europea, i paesi dei Balcani occidentali, i paesi dell’Europa orientale e dell’Asia centrale e i paesi partner del Mediterraneo. Occorre cautela e rigore nella spesa dei fondi disponibili per aspetti collegati alla formazione professionale che coinvolgono paesi del mondo in via di sviluppo.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti della Fondazione europea per la formazione professionale per l’esercizio 2009. Tuttavia, il che è allarmante, è stata espressa preoccupazione in merito ai riscontri della Corte dei conti per quanto concerne la mancanza di trasparenza nelle procedure di assunzione e l’intervento dell’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) che ha avviato un’indagine (OF/2009/0370). Tutte le carenze devono essere sanate per ottenere una maggiore trasparenza ed eliminare l’incertezza relativa all’operato della Fondazione europea per la formazione professionale.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, considerando che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e della regolarità delle operazioni sottostanti, ho espresso il mio voto favorevole alla concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione professionale per l’esercizio 2009. Ovviamente, ogni dibattito sul discarico si colloca in un contesto particolare, e quello odierno si svolge nel contesto della crisi economico - finanziaria, che ha generato problemi finanziari e di bilancio per alcuni Stati Membri. Nonostante tali difficoltà, mi congratulo con la Fondazione per la sua intenzione di migliorare il rendimento dei sistemi di istruzione e di formazione professionale nei paesi partner della Fondazione (Processo di Torino) provvedendo, al contempo, ad attuare una revisione approfondita delle proprie procedure di assunzione.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico alla Fondazione europea per la formazione professionale per il bilancio del 2009 e accolgo con favore l’iniziativa assunta dalla Fondazione di fornire all’autorità responsabile del discarico la relazione annuale di audit interno dell’IAS concernente l’istituzione. Il Parlamento lo reputa un segnale di trasparenza e un esempio di migliori prassi che dovrebbe essere seguito da tutte le altre agenzie.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali della Fondazione europea per la formazione professionale (ETF) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche della Fondazione, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo della Fondazione il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore della Fondazione europea per la formazione professionale il discarico per l’esecuzione del bilancio della Fondazione per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Il discarico è stato garantito. La relazione è positiva in merito al fatto che il bilancio 2009 fornisca una visione generale della situazioni finanziaria della Fondazione. Il bilancio è stato diminuito dello 0,5 per cento rispetto al 2008. Ulteriori risparmi sono possibili attraverso una maggiore cooperazione con il centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (Cedefop). La fondazione di augura di affrontare la criticata mancanza di trasparenza nell’assunzione del personale attraverso un’approfondita revisione del processo.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0104/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha comunicato al Parlamento europeo che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia dovrebbe fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente in modo da permettere al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente le prestazioni di anno in anno. Apprezzo l’iniziativa assunta dall’Agenzia di intraprendere l’elaborazione di una previsione dell’impatto sulla salute e la sicurezza delle innovazioni tecnologiche a livello di lavori “verdi” entro il 2020. Ritengo che l’Agenzia debba ridurre la percentuale di annullamenti, recentemente aumentata, e comunicare al Parlamento europeo i provvedimenti intrapresi. L’Agenzia deve inoltre prestare particolare attenzione agli impegni ancora non assolti a fine esercizio in modo da utilizzare i fondi non spesi per coprire i successivi obblighi giuridici e finanziari.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 sul bilancio dell´Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro poiché ritengo che, malgrado alcune incoerenze rilevate dalla Corte dei conti nella gestione di alcuni fondi e irregolarità riguardanti una gara di appalto, nel complesso la gestione possa dirsi positivamente condotta. Condivido inoltre le osservazioni della Corte dei conti sulla necessità che vengano realizzati miglioramenti a livello di programmazione e monitoraggio delle attività, al fine di ottimizzare l´utilizzo degli stanziamenti disponibili.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione sul discarico del bilancio dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro per l’esercizio 2009 in quanto contribuisce ad analizzare l’utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni europee. Vanno sottolineati gli effetti del finanziamento da parte dell’Agenzia di misure relative alla salute e alla sicurezza delle lavoratrici.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Il compito dell’Agenzia consiste nel fornire utili informazioni tecniche, scientifiche ed economiche in tema di salute e sicurezza sul lavoro alle autorità dell’Unione europea, agli Stati membri e alle parti interessate, informazioni che sono essenziali per consentire la valutazione delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro nell’Unione e delle attuali migliori prassi in tale ambito a livello europeo.

Nonostante la Corte dei conti dichiari che i conti dell’Agenzia sono affidabili e l’Agenzia abbia coordinato in maniera efficace la rete di agenzie durante il processo di discarico del bilancio per l’esercizio 2009, il relatore ha sottolineato che non sono state fornite sufficienti informazioni per raffrontare gli interventi svolti con gli esercizi successivi. Ritengo che tali informazioni siano rilevanti, per cui sarebbe opportuno che la prossima relazione della Corte dei conti sia corredata da una tabella allegata come suggerito.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha riscontrato un’irregolarità per quanto concerne una procedura di appalto (utilizzo di un contratto quadro il cui valore era superiore al limite massimo). Il bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009 è stato pari a 15 100 000 euro, equivalente a un aumento dello 0,6 per cento rispetto al bilancio del 2008. Ritengo necessario che l’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro ponga rimedio alle lacune riscontrate nelle procedure di aggiudicazione degli appalti.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, considerando che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e della regolarità delle operazioni sottostanti, ho espresso il mio voto favorevole alla concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l’esercizio 2009. Chiaramente, ogni dibattito sul discarico si colloca in un contesto particolare, e quello odierno si svolge nel contesto della crisi economico - finanziaria, che ha generato problemi finanziari e di bilancio per alcuni Stati membri. Nonostante tali difficoltà, mi congratulo con l’Agenzia per i progressi realizzati (nonostante qualche errore) e per l’efficace lavoro svolto in qualità di coordinatore della rete di agenzie durante la procedura di discarico 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D) , per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico all’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro. Accolgo con favore l’iniziativa assunta dall’Agenzia di fornire all’autorità responsabile del discarico la relazione annuale di audit interno del servizio di audit interno (IAS). Mi complimento con l’Agenzia per i notevoli progressi compiuti al riguardo. Il Parlamento riconosce che tutte le raccomandazioni “importantissime” formulate dall’IAS all’Agenzia sono state adeguatamente e completamente attuate, eccezion fatta per la raccomandazione sulla convalida dei sistemi contabili, divenuta “importante” in quanto parzialmente attuata, e chiede di conseguenza al contabile dell’Agenzia di descrivere la metodologia usata per la convalida del relativo sistema, appoggiando inoltre l’idea di sviluppare la cooperazione all’interno della rete dei contabili delle agenzie allo scopo di definire requisiti comuni e sviluppare una metodologia condivisa per la convalida dei sistemi contabili delle agenzie.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore dell’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo accoglie con favore l’iniziativa dell’Agenzia di avviare un’analisi previsionale sull’impatto delle innovazioni tecnologiche sulla sicurezza e la salute nei "posti di lavoro verdi" entro il 2020. Prende inoltre atto della raccolta di dati sulla salute e la sicurezza delle donne sul lavoro.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Il discarico è stato concesso. L’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro, nel cui ambito sono rappresentati sia datori di lavoro sia dipendenti e che fornisce consulenza alle aziende su modi semplici ed efficaci per migliorare le condizioni di lavoro, sta combattendo con irregolarità nel campo delle procedure di aggiudicazione degli appalti e del principio di bilancio dell’annualità. D’altro canto, l’Agenzia ha già assicurato che presterà particolare attenzione a tali difficoltà, garantendo inoltre la massima trasparenza, visto che ha fornito la relazione annuale di audit interno.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0144/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha comunicato al Parlamento europeo che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Non avendo un bilancio autonomo, l’Agenzia è di fatto incorporata nella Commissione. Concordo con il relatore nell’affermare che la situazione contrasta con lo statuto dell’Agenzia e pone la questione dell’opportunità di mantenere l’Agenzia con la sua attuale forma e organizzazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l´Agenzia di approvvigionamento Euratom in quanto ha condotto una gestione finanziaria precisa e oculata. Ritengo, tuttavia, che sia necessario, come riportato nella relazione, rivedere la posizione giuridica dell´Agenzia, essendo essa ancora integrata nella Commissione.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) La Comunità europea dell’energia atomica (Euratom) opera in ambiti legati all’energia atomica, segnatamente la ricerca, e formula indicazioni per l’uso sicuro e pacifico dell’energia nucleare. Con la creazione di tale Agenzia, l’Euratom intendeva garantire un approvvigionamento regolare e corretto di minerali, materie prime e materiali combustibili speciali nell’Unione europea. Nonostante le recenti preoccupazioni causate dall’incidente presso la centrale di Fukushima, l’energia nucleare fa parte del “mix energetico” europeo. L’approvvigionamento di qualunque materiale che consenta il conseguimento degli obiettivi dell’Agenzia è dunque essenziale se vogliamo che l’Euratom continui a operare.

Il relatore ha confermato che, di fatto, l’Agenzia fa parte dell’Euratom e non ha un bilancio proprio, il che è motivo di riflessione sull’opportunità di mantenerne l’attuale organizzazione. Non dispongo di informazioni sufficienti per assumere una posizione, ma ritengo che si debba scegliere la soluzione che costa meno all’Unione e offre la massima efficienza e trasparenza.

 
  
MPphoto
 
 

  Catherine Grèze (Verts/ALE), per iscritto. – (FR) Visto che il bilancio dell’Euratom è pari a 5,5 miliardi di euro rispetto agli 1,2 miliardi investiti per le fonti di energia rinnovabili, mi rifiuto per principio di concedere il discarico alla gestione dell’Euratom. È tempo di invertire la tendenza, per cui mi sono astenuta sulla relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, vorrei in primo luogo ringraziare il relatore per l’ottimo lavoro svolto. Come è noto, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno si conclude la procedura di controllo finanziario, attraverso la concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio per l’esercizio 2009 dell’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom, i cui conti sono risultati legittimi ed affidabili.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico all’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom. Nel farlo, ho rilevato che nel 2009 l’Agenzia non ha ricevuto alcuna sovvenzione a copertura delle sue attività. La Commissione si è fatta carico di tutte le spese sostenute dall’Agenzia per l’esecuzione del bilancio del 2009. Tale situazione perdura dalla sua creazione nel 2008. Non avendo un bilancio autonomo, l’Agenzia è di fatto incorporata nella Commissione. A mio parere, ciò pone la questione dell’opportunità di mantenere l’Agenzia con la sua attuale forma e organizzazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Tenuto conto della relazione della Corte dei conti sui conti annuali dell’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom (Agenzia europea dell’energia atomica) (ESA) per l’esercizio 2009, nonché delle repliche dell’Agenzia, ho votato a favore dell’odierna decisione che concede al direttore esecutivo dell’Agenzia il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore generale dell’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore generale dell’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo sottolinea che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e regolarità delle relative operazioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Al voto sul discarico all’Agenzia di approvvigionamento dell’Euratom, che ha il compito di garantire l’approvvigionamento di materiali fissili (scorte comprese) all’Unione europea, mi sono astenuta. Secondo la relazione, vi sono al momento incongruenze nell’attuale organizzazione dell’Agenzia e la sua forma giuridica. Ciò pone la questione dell’opportunità di mantenere l’Agenzia con la sua attuale forma e organizzazione. Avrei preferito che la questione fosse chiarita, specialmente alla luce della riflessione sul nucleare ora in corso nell’intera Europa.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0108/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha comunicato al Parlamento europeo che i conti annuali della Fondazione per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Apprezzo l’intenzione della Fondazione di fornire un raffronto tra le operazioni svolte durante l’esercizio per il quale va concesso il discarico e il precedente. Ciò consentirà al Parlamento europeo di valutarne più efficacemente il rendimento da un anno all’altro. Penso che l’esercizio di valutazione ex post del programma di lavoro della Fondazione per il periodo 2005-2008 sia estremamente utile per la Fondazione stessa perché le consente di trarre utili insegnamenti e raccomandazioni rispetto alle sfide che la sua futura fase di programmazione è chiamata a raccogliere. Concordo con il relatore nell’affermare che la Fondazione deve ulteriormente sviluppare il proprio sistema di monitoraggio delle prestazioni per garantire che il monitoraggio delle prestazioni informi la direzione nel processo decisionale e nella pianificazione. Ritengo inoltre che la Fondazione debba compiere passi per migliorare la sua procedura di valutazione e revisione nel campo degli approvvigionamenti in maniera da evitare di ripetere gli errori di valutazione e le incongruenze riscontrate dalla Corte dei conti. La Fondazione deve infine garantire che i fondi siano utilizzati soltanto dopo l’approvazione degli stanziamenti.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 sul bilancio della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro poiché, dall´analisi condotta dalla Corte dei Conti sulla contabilità e le operazioni ad essa sottostanti, si evince che la Fondazione ha condotto un lavoro corretto, puntuale e trasparente. Nonostante alcune carenze rilevate nelle procedure di assunzione e di appalto, il mio giudizio non cambia in quanto ritengo che ci siano buone prospettive di miglioramento per il futuro e la volontà da parte dell´Istituzione di metterle in atto.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione sul discarico del bilancio della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound) per l’esercizio 2009 in quanto contribuisce ad analizzare l’utilizzo dei fondi da parte delle istituzioni europee. Sebbene la Corte dei conti abbia dichiarato che le operazioni sottostanti i suoi conti annuali sono legittime e regolari, va sottolineato che sono state riscontrate gravi lacune nei primi conti presentati dalla Fondazione. In futuro, la Fondazione dovrebbe applicare correttamente le procedure di fine esercizio e rispettare i termini per la presentazione dei suoi conti con ulteriore formazione e risorse aggiuntive.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) La Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound) è un organismo tripartita dell’Unione creato nel 1975 al fine di contribuire alla pianificazione e l’instaurazione di migliori condizioni di vita e di lavoro in Europa. Più specificamente, la Fondazione valuta e analizza le condizioni di vita e di lavoro, fornisce consulenze e pareri autorizzati ai principali attori nel campo della politica sociale dell’Unione, contribuisce al miglioramento della qualità della vita e divulga informazioni su sviluppi e tendenze, specialmente allorquando comportano cambiamenti.

Il relatore ha manifestato preoccupazioni in merito alla trasparenza della gestione delle risorse umane della Fondazione, preoccupazioni che sono state espresse anche da altri membri della commissione per i bilanci. Penso che sarebbe utile fugarle.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro per l’esercizio 2009. Il bilancio della Fondazione per l’esercizio 2009 è stato pari a 20 200 000 euro, registrando dunque un decremento del 3,8 per cento rispetto all’esercizio 2008. La Corte dei conti ha tuttavia riscontrato errori e anomalie nella valutazione di una procedura aperta di approvvigionamento che ne ha inficiato la qualità. La Fondazione deve dunque compiere passi per migliorare la propria procedura di valutazione e revisione al fine di non ripetere tali errori in futuro. Mi rammarico per il fatto la Corte dei conti sia stata obbligata a formulare osservazioni sul bilancio e la scheda finanziaria della Fondazione, segnalando in particolare le gravi lacune dei conti provvisori iniziali presentati dalla Fondazione che hanno dimostrato notevoli carenze nell’organizzazione finanziaria della stessa. Penso che le osservazioni formulate e le preoccupazioni espresse debbano essere tenute presenti intraprendendo le azioni del caso.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, sia la Corte dei conti che la commissione per il controllo dei bilanci hanno dato parere positivo sull’esecuzione del bilancio della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro per l’esercizio 2009. Per tali motivi, il Parlamento concede oggi con il proprio voto il discarico in relazione all’esercizio 2009. Tengo però a sottolineare la presenza di alcuni errori e anomalie, riscontrate dalla Corte dei conti nella fase di valutazione di una procedura aperta di appalto, che hanno inciso sulla qualità della procedura stessa. Mi unisco, pertanto, alla richiesta volta a far adottare alla Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro provvedimenti atti a migliorare le sue procedure di valutazione e di revisione.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico alla Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ma esorto la Fondazione a verificare che gli stanziamenti siano resi disponibili soltanto quando sono state ricevute le corrispondenti entrate assegnate; constato infatti che la Corte dei conti ha sottolineato che, in violazione dell’articolo 19 del proprio regolamento finanziario, nel bilancio della Fondazione non figurano linee specifiche per i vari programmi finanziati da entrate con destinazione specifica; rilevo inoltre che, nel quadro di un programma finanziato da entrate con destinazione specifica, la Fondazione ha stanziato 184 000 euro, nonostante le entrate con destinazione specifica effettivamente ricevute fossero pari a soli 29 000 euro. Mi rammarico per il fatto la Corte dei conti sia stata obbligata a formulare osservazioni sul bilancio e la scheda finanziaria della Fondazione, segnalando in particolare le gravi lacune dei conti provvisori iniziali presentati dalla Fondazione che hanno dimostrato notevoli carenze nell’organizzazione finanziaria della stessa; mi compiaccio della conferma data dalla Fondazione dell’intenzione di garantire, attraverso azioni di formazione e risorse supplementari, una corretta attuazione delle procedure di fine esercizio e il rispetto dei termini per la presentazione dei conti.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro il discarico per l’esecuzione del bilancio del Centro per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro per l’esecuzione del bilancio della Fondazione per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo rileva che la Corte dei conti ha riscontrato errori e anomalie nella fase di valutazione di una procedura aperta di appalto, che hanno inciso sulla qualità della procedura. Invita pertanto la Fondazione ad adottare provvedimenti volti a migliorare le sue procedure di valutazione e di revisione, per evitare il ripetersi di tali errori in futuro.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Al voto su questo discarico mi sono astenuta. La relazione enumera una serie di lacune, ma al tempo stesso fa riferimento alle garanzie fornite dalla Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro quanto al fatto che vi porrà rimedio in maniera efficace. Benché tali assicurazioni vadano accolte con favore, vista la natura delle carenze (lacune nelle procedure di assunzione riscontrate già dal 2006, conti provvisori presentati alla Corte dei conti europea contenenti gravi errori risultanti da carenze nell’organizzazione finanziaria), non è possibile votare a favore del discarico. Personale qualificato dovrebbe sottoporre la Fondazione di Dublino a una verifica dettagliata e dovremmo votare sul discarico soltanto dopo che saranno state apportate le modifiche necessarie risultanti da detta verifica.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0133/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e avallato il discarico per l’esecuzione del bilancio di Eurojust per l’esercizio 2009. Secondo le informazioni fornite dalla Corte dei conti, i conti annuali di Eurojust per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Apprezzo l’iniziativa assunta dall’Agenzia di includere indicatori di rendimento chiave nei piani delle sue unità per il 2010. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Agenzia deve comunicare al Parlamento europeo tali indicatori chiave e le loro correlazioni con gli obiettivi di Eurojust, il suo bilancio e il suo programma. Correlare gli indicatori agli obiettivi, al bilancio e al programma di lavoro dell’Agenzia consentirà alle parti interessate di valutare meglio le prestazioni di Eurojust. Si constata che la Corte dei conti non ha formulato commenti sul livello di riporti e annullamenti di stanziamenti nel 2009. Mi complimento con l’Agenzia per aver introdotto misure al fine di stimare il valore di mercato dei corrispondenti prodotti e servizi prima dell’avvio di una procedura di appalto.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per Eurojust poiché, come risulta dalla relazione, ha condotto una gestione delle risorse estremamente positiva e trasparente mediante l´utilizzo di molti indicatori esplicativi della situazione finanziaria. Mi rammarico però delle continue sollecitazioni che la Corte dei conti ha dovuto fare in ambito di appalti e procedure di assunzione del personale e che non hanno ancora ricevuto una giusta risposta o soluzione.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Eurojust è un organismo dell’Unione europea che aiuta ricercatori e rappresentanti dei procuratori a collaborare a livello comunitario nella lotta all’attività criminale transfrontaliera. Tale organismo svolge un ruolo fondamentale nello scambio di informazioni e le procedure di estradizione. Vista la particolare importanza e delicatezza di tali temi, è indispensabile che Eurojust abbia mezzi che permettano di perseguire efficacemente gli obiettivi prefissati in tale ambito, benché i mezzi necessari non siano mai abbastanza come è evidente quando si affrontano problemi di giustizia e lotta alla criminalità.

La difficoltà principale di Eurojust sembra essere una gestione inefficace delle risorse umane. Il fatto che il 24 per cento dei posti di Eurojust è vacante e varie posizioni dirigenziali sono occupate da personale inadeguato desta timori rispetto alla continuità e alla prosecuzione efficace delle attività di Eurojust.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Mi sono astenuto all’atto del voto sul documento nonostante la commissione competente abbia deciso di approvare la chiusura dei conti di Eurojust per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha affermato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Mi sono astenuto perché la Corte dei conti ha nuovamente riscontrato lacune nelle procedure di aggiudicazione degli appalti come nei tre esercizi precedenti. La Corte dei conti ha altresì constatato la presenza di carenze nella pianificazione e l’applicazione delle procedure di assunzione, mentre il sovvenzionamento all’Agenzia nel 2009 è stato superiore del 6,4 per cento rispetto al 2008.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di discarico da parte del Parlamento europeo. Con il voto odierno è stato concesso il discarico per l’esecuzione del bilancio di Eurojust per l’esercizio 2009. Ho dato il mio voto favorevole in quanto, a seguito dei controlli operati dalla Corte dei conti e dalla commissione per il controllo dei bilanci, è stato dichiarato dalla stessa Corte di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e regolarità delle operazioni sottostanti.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico a Eurojust e mi complimento con l’Agenzia per aver introdotto misure per stimare il valore di mercato dei corrispondenti prodotti/servizi prima dell’avvio di una procedura di appalto. Reputo tale iniziativa una prassi importante che dovrebbe essere seguita da altre agenzie. Apprezzo inoltre, il piano annuale di appalti dell’Agenzia per il 2009 che ha aiutato enormemente le unità e i servizi di Eurojust a gestire le rispettive gare. Ritengo che tali iniziative migliorino la guida e il controllo dell’ordinatore.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore amministrativo di Eurojust il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore amministrativo di Eurojust per l’esecuzione del bilancio di Eurojust per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo rileva con soddisfazione che la Corte dei conti non commenta il livello dei riporti e degli annullamenti di stanziamenti per il 2009 e che il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia dovrebbe basarsi in misura maggiore sulle prestazioni di quest’ultima nel corso dell’esercizio.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Non ho votato a favore del discarico principalmente perché secondo la relazione soltanto quattro delle 26 raccomandazioni formulate dal servizio di audit interno nel 2008 sono state attuate e i termini di attuazione di altre 15 raccomandazioni sono scaduti da oltre un anno. A tale situazione va posto rimedio immediatamente prima che si possano concedere ulteriori discarichi.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0145/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierno documento e avallato il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea (FRONTEX) per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha comunicato che i conti annuali dell’Agenzia per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Nel giugno 2009 il consiglio di amministrazione dell’Agenzia ha adottato un piano pluriennale per il periodo 2010-2013 che le permetterà di pianificare le attività e valutarne i rischi più efficacemente. Apprezzo l’iniziativa assunta dall’Agenzia di introdurre nel 2009 il cosiddetto programma di gestione del rendimento Frontex per informare meglio il consiglio direttivo dell’Agenzia fornendogli dati sull’impatto delle sue attività. Concordo anche con il relatore nell’affermare che è necessario che l’Agenzia migliori la propria gestione finanziaria per quanto concerne il rimborso dei costi sostenuti dagli Stati membri identificando con loro lacune e difficoltà in maniera da attuare insieme le soluzioni appropriate.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l´Agenzia europea per la gestione del coordinamento operativo alle frontiere esterne degli Stati membri dell´Unione europea (Frontex) poiché, come espresso nella relazione, l´analisi dei conti e delle operazioni risulta nel complesso positiva, regolare e legittima. Tuttavia mi trovo d´accordo con quanto riportato nella relazione dove si dice che, a causa di alcune incongruenze, procedure poco trasparenti e pendenze riportate nel bilancio, l´Agenzia dovrebbe migliorare la propria gestione finanziaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) I compiti dell’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea (Frontex) consistono nel sostenere gli Stati membri nella formazione delle guardie di frontiera, compresa la definizione di linee guida comuni in materia di formazione, svolgere analisi di rischio, monitorare lo sviluppo delle corrispondenti ricerche in materia di controllo e osservazione dei confini esterni, sostenere gli Stati membri in qualunque circostanza che richieda assistenza tecnica e operativa alle frontiere esterne, nonché fornire agli Stati membri il necessario sostegno nel campo delle operazioni di rimpatrio di massa.

Le crescenti pressioni migratorie esercitate sui confini dell’Unione e la necessità di coordinare gli Stati membri giustificano ampiamente il fatto che Frontex dispone di mezzi sufficienti per assolvere i doveri affidati all’Agenzia. Condivido nondimeno la preoccupazione del relatore in merito a una sovradichiarazione del 27 per cento dei costi di prefinanziamento alle autorità di frontiera messa in luce dalla Corte dei conti, come anche agli eccessivi anticipi erogati.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Mi sono astenuto all’atto del voto sul documento nonostante la commissione competente abbia deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea (Ftontex) per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha affermato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Mi sono astenuto perché il Parlamento europeo è preoccupato dal fatto che la Corte dei conti ha constatato riporti già segnalati nei rendiconti annuali del 2006, 2007 e 2008 e si rammarica, in particolare, per il livello elevato di riporti e annullamenti dal 2006. La Corte dei conti ha altresì constatato per il secondo anno consecutivo che l’Agenzia ha corrisposto somme sulla base di decisioni di concessione unilaterali da essa firmate, mentre le norme in vigore non prevedono questo tipo di strumento. La Corte dei conti ha segnalato una sovradichiarazione del 27 per cento dei costi di prefinanziamento alle autorità di frontiera negli 8 casi verificati. Per le attività conclusesi nel 2009 è stato necessario emettere più di 40 mandati di recupero al fine di rientrare in possesso di anticipi versati in eccesso. Il bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009 è stato superiore quasi del 28 per cento rispetto all’esercizio precedente. Penso che le osservazioni formulate e le preoccupazioni espresse debbano essere tenute presenti intraprendendo le azioni del caso.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, il controllo finanziario dell’esecuzione del bilancio comunitario avviene a tre livelli: un controllo interno, nell’ambito di ogni istituzione, un controllo esterno effettuato dalla Corte dei conti europea e una procedura di scarico da parte del Parlamento europeo. Ho dato il mio voto favorevole sul discarico per l’esecuzione del bilancio di Frontex per l’esercizio 2009 in quanto, a seguito dei controlli operati dalla Corte dei conti e dalla commissione per il controllo dei bilanci, è risultato che tutte le operazioni effettuate si sono svolte in piena legittimità e correttezza.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico a Frontex, ma constato che la Corte dei conti ha segnalato per il secondo anno consecutivo che l’Agenzia ha corrisposto somme sulla base di decisioni di concessione unilaterali da essa firmate, mentre le norme in vigore non prevedono questo tipo di strumento. Rilevo che l’ammontare erogato è stato superiore a 28 000 000 nel 2009, mentre era risultato pari a 17 000 000 euro nel 2008. Apprezzo nondimeno l’iniziativa assunta dall’Agenzia in risposta all’osservazione della Corte di firmare un accordo quadro di partenariato con le autorità di frontiera degli Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento Europeo concede il discarico al direttore all’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009. Il Parlamento Europeo sottolinea che la Corte dei Conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009 nonché della legittimità e regolarità delle operazioni. Chiede all’Agenzia di migliorare la propria gestione finanziaria per quanto riguarda il rimborso delle spese sostenute dagli Stati Membri individuando, assieme a tali Stati Membri, le radici del problema per adottare soluzioni condivise.

 
  
MPphoto
 
 

  Nikolaos Salavrakos (EFD), per iscritto. – (EL) In ragione dei maggiori flussi migratori, Frontex è chiamata a svolgere un ruolo attivo nella sorveglianza delle frontiere europee. Secondo Frontex, il 95 per cento degli immigranti illegali che arrivano in Europa entrano attraverso la Grecia. L’espulsione di un immigrante illegale costa 6 500 euro e, ai sensi di Dublino II, il paese di ingresso è responsabile dell’espulsione. Gli Stati membri alle frontiere esterne dell’Unione europea sono tutti sotto pressione a causa dell’immigrazione e si sono trasformati in “campi di immigranti” per l’Europa. Dobbiamo sostenere Frontex sia finanziariamente sia operativamente e rendere più sicuri i confini esterni dell’Unione, come pure dobbiamo introdurre un meccanismo per ripartire il numero complessivo di immigranti tra tutti gli Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Dominique Vlasto (PPE), per iscritto. – (FR) Il voto su questo discarico di bilancio approva definitivamente l’aumento della spesa dell’Agenzia europea Frontex per il suo compito di controllo delle nostre frontiere esterne. Tale aumento significativo del bilancio tra il 2006 e il 2009 è stato sia necessario sia legittimo poiché corrisponde alla necessità di rafforzare il coordinamento degli Stati membri nella lotta contro l’immigrazione illegale. Simbolo della politica dell’Unione in materia di migrazione, Frontex deve garantire che il suo bilancio sia speso per misure concrete di controllo dei flussi migratori. Apprezzo al riguardo l’introduzione di un sistema di gestione del rendimento per dare maggiore visibilità alle attività dell’Agenzia. Il sistema, orientato verso gli esiti, aiuta a raffrontare le attività nel tempo e, dunque, a valutarle. Il voto affermativo è inoltre, a mio parere, un forte messaggio politico del Parlamento europeo a favore della politica europea di immigrazione sviluppata sotto la Presidenza francese dell’Unione. Responsabilità sovrana che prima era appannaggio degli Stati membri, la sicurezza delle frontiere ora è gestita a livello europeo. La gestione condivisa delle frontiere è un meccanismo di salvaguardia essenziale che consente il pieno esercizio di una delle libertà fondamentali dell’Unione: la libera circolazione delle persone nello spazio Schengen.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. – (DE) Al voto mi sono astenuta. I conti annuali per l’esercizio 2009 sono stati dichiarati affidabili sotto tutti i profili essenziali. Frontex ha inoltre intrapreso nuove iniziative per analizzare le proprie misure, compreso il loro impatto, e migliorare la trasparenza e l’obiettività della selezione del personale. Tuttavia, la Corte dei conti europea ha riscontrato carenze anche nel 2009, carenze già evidenziate ogni anno dal 2006. È inaccettabile che reiteratamente si sia omesso di affrontare tali lacune ponendovi rimedio in maniera definitiva.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0103/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Autorità di vigilanza del GNSS europeo per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha ritenuto che i conti annuali dell’Autorità per l’esercizio 2009 siano affidabili e le operazioni sottostanti siano legittime e regolari. Apprezzo il fatto che la maggior parte delle attività e dei beni relativi ai programmi EGNOS e Galileo è stata trasferita alla Commissione nel dicembre 2009. Si rileva che il bilancio definitivo per il 2009 non comprendeva informazioni sulle entrate dell’Autorità. Irregolarità sono state anche riscontrate nelle procedure di selezione del personale. L’Autorità deve sanare tali carenze e informare il Parlamento europeo come disposto.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 sul bilancio dell´Autorità europea di sorveglianza GNSS poiché è stata condotta una buona gestione per quanto riguarda la contabilità e i dati forniti sono ritenuti attendibili. Nel campo delle risorse umane restano tuttavia alcune incoerenze, sopratutto per quanto riguarda le procedure di selezione del personale, ritenute poco trasparenti. Mi auguro quindi che la suddetta Autorità si impegni ad apportare miglioramenti in questo campo.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) I compiti dell’Autorità di vigilanza del sistema globale di navigazione satellitare (GNSS) europeo consistono nel sorvegliare la gestione dell’interesse pubblico per quanto concerne i relativi programmi europei e fungere da loro organismo normativo. Le attribuzioni della joint venture Galileo, cessata il 31 dicembre 2006, le sono state trasferite dal 1° gennaio 2007. Con sede temporanea a Bruxelles, l’Autorità, secondo il suo regolamento, è chiamata tra l’altro ad assolvere i seguenti compiti ora oggetto di revisione: gestione del contratto con l’operatore incaricato di esplorare il servizio europeo di copertura per la navigazione geostazionaria (EGNOS) ereditato dalla joint venture Galileo, coordinamento dell’azione degli Stati membri sulle frequenze necessarie per il funzionamento del sistema, cooperazione con la Commissione nell’elaborazione di proposte in relazione al programma, ammodernamento del sistema, gestione di tutti gli aspetti relativi alla protezione e alla sicurezza del sistema, attività come autorità europea per l’approvazione della sicurezza del GNSS, nonché gestione delle attività di ricerca necessarie per sviluppare e promuovere i programmi europei relativi al GNSS.

L’elenco delle attribuzioni denota l’importanza che riveste l’Autorità di vigilanza del GNSS europeo e rafforza l’esigenza che tale organismo mantenga le sue attività e la sua spesa entro il bilancio assegnato e rispetti le norme che presiedono all’esecuzione del bilancio.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Al voto sul documento mi sono astenuto nonostante la commissione competente abbia deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Autorità di vigilanza del GNSS europeo per l’esercizio 2009. Il bilancio dell’Autorità per l’esercizio 2009 è stato pari a 44 400 000 euro, vale a dire una riduzione del 64 per cento rispetto all’esercizio 2008. Mi sono astenuto perché il Parlamento si rammarica per le lacune riscontrate nelle procedure di selezione del personale che ne mettono in discussione la trasparenza. È necessario rendere più trasparenti le procedure in modo che in futuro si possano eliminare le incertezze in merito alle attività dell’Autorità.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, con il voto odierno il Parlamento europeo ha concesso il discarico al direttore esecutivo dell’Autorità di vigilanza del GNSS europeo per l’esecuzione del bilancio dell’Autorità per l’esercizio 2009. Ho espresso un voto favorevole sulla scorta delle valutazioni e relazioni effettuate dalla Corte dei conti e dalla commissione per il controllo dei bilanci, che hanno dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e della regolarità delle operazioni sottostanti.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico all’Autorità di vigilanza del GNSS europeo perché la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Autorità di vigilanza del GNSS europeo il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Agenzia per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Autorità di vigilanza del GNSS europeo per l’esecuzione del bilancio dell’Autorità per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo sottolinea le carenze nelle procedure di selezione del personale, spesso pregiudizievoli per la trasparenza delle procedure stesse. Rileva inoltre che il bilancio definitivo pubblicato dall’Autorità il 31 marzo 2010 non riflette il bilancio definitivo per il 2009 approvato dal consiglio di amministrazione e non ne include le entrate. Sollecita pertanto l’Autorità a rettificare la situazione e ad informare l’autorità di discarico delle modifiche apportate.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0126/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierno documento e avallato il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune Artemis per l’esercizio 2009. Secondo le informazioni fornite dalla Corte dei conti, i conti annuali dell’Impresa per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. L’Impresa è in una fase di avvio e alla fine del 2009 non aveva ancora introdotto pienamente i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. L’introduzione di tali sistemi deve essere conclusa urgentemente. Nel 2009, i tassi di assorbimento dell’Impresa per gli stanziamenti di impegno e pagamento sono stati rispettivamente pari al 81 e al 20 per cento. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Impresa è ancora agli esordi e, pertanto, giustifico i tassi di assorbimento relativamente bassi per gli stanziamenti di pagamento. Ritengo inoltre che, vista l’entità del suo bilancio e la complessità dei suoi compiti, l’Impresa debba valutare l’eventualità di istituire un comitato di verifica che riferisca direttamente al consiglio direttivo.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l´Impresa comune "Artemis" poiché ha condotto una gestione finanziaria egregia per essere un´Agenzia ancora in fase di avviamento. Ritengo quindi che in futuro possano essere fatti miglioramenti e corrette le incongruenze riportate in bilancio per questo esercizio.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’Impresa comune Artemis realizzerà un’iniziativa tecnologica comune (CTI) nel campo dei sistemi informatici incorporati. Questo partenariato pubblico-privato è volto essenzialmente a sostenere il cofinanziamento di iniziative di ricerca a livello europeo, oltre al miglioramento della collaborazione tra i vari operatori del settore. Come giustamente sottolinea il relatore, l’Impresa è stata creata allo scopo di definire e attuare un’"agenda di ricerca" per lo sviluppo di tecnologie essenziali per i sistemi informatici incorporati in vari settori di applicazione al fine di rafforzare la sostenibilità e la competitività europea e permettere l’emergere di nuovi mercati e di nuove applicazioni sociali. L’Impresa è ancora agli esordi, il che alimenta grandi aspettative rispetto ai suoi futuri conseguimenti e la speranza che giustifichi l’investimento che comporta.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Impresa comune Artemis per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha affermato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Nel bilancio definitivo del 2009 dell’Impresa figuravano stanziamenti di impegno per 46 000 000 euro e stanziamenti di pagamento per 8 000 000 euro. I tassi di assorbimento per gli stanziamenti di impegno e pagamento sono stati rispettivamente pari all’81 e al 20 per cento. Penso che l’Impresa sia ancora agli esordi e, pertanto, giustifico i tassi di assorbimento relativamente bassi per gli stanziamenti di pagamento.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, sia la Corte dei conti che la commissione per il controllo dei bilanci hanno dato parere positivo sull’esecuzione del bilancio dell’impresa comune Artemis per l’esercizio 2009. Per tali motivi, il Parlamento concede oggi con il proprio voto il discarico in relazione all’esercizio 2009. Il bilancio dell’impresa é risultato, a seguito dei controlli effettuati, affidabile e le operazioni sottostanti legittime e regolari. Credo utile però, che l’impresa comune raccolga l’invito finalizzato a migliorare la sua documentazione dei processi e delle attività informatiche, nonché la mappatura dei rischi informatici, e a sviluppare un piano di continuità operativa e una politica di protezione dei dati.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per la concessione del discarico all’Impresa comune Artemis, ma ritengo che, vista l’entità del suo bilancio e la complessità dei suoi compiti, l’Impresa debba valutare l’eventualità di istituire un comitato di verifica che riferisca direttamente al consiglio direttivo.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Impresa comune Artemis il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Impresa comune Artemis per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo sottolinea che l’Impresa comune Artemis è stata costituita nel dicembre 2007 per definire e attuare una "agenda di ricerca" per lo sviluppo di tecnologie essenziali per i sistemi informatici incorporati in vari settori di applicazione, al fine di rafforzare la competitività europea e la sostenibilità e permettere l’emergere di nuovi mercati e di nuove applicazioni sociali.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0128/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho avallato l’odierna relazione e il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune Clean Sky per l’esercizio 2009. Secondo le informazioni fornite dalla Corte dei conti, i conti annuali dell’Impresa per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. L’Impresa è in una fase di avvio e alla fine del 2009 non aveva ancora introdotto pienamente i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. L’introduzione di tali sistemi deve essere conclusa. Concordo con l’opinione del relatore secondo cui, vista l’entità del suo bilancio e la complessità dei suoi compiti, l’Impresa deve valutare l’eventualità di istituire un comitato di verifica che riferisca direttamente al consiglio direttivo. Ritengo inoltre che l’Impresa debba sviluppare ulteriormente disposizioni in materia di adesione e cofinanziamento. Spero che in futuro l’Impresa comune Clean Sky acceleri lo sviluppo, la convalida e la dimostrazione di tecnologie di trasporto con sistema di propulsione “pulito” nell’Unione europea in maniera che possano essere introdotte quanto prima.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Vorrei formulare qualche osservazione in merito al funzionamento dell’Impresa comune Clean Sky, commenti che sono il motivo per il quale non appoggio il discarico per l’esecuzione del suo bilancio per l’esercizio 2009. In primo luogo, dalla creazione dell’Impresa nel 2007 non sono ancora stati firmati accordi con il Belgio in merito alla sede amministrativa, ai privilegi, alle immunità e ad altre forme di sostegno. Come può un’impresa operare correttamente senza che questi requisiti di base siano soddisfatti? Non sorprende che le attività di ricerca prefinanziate nel 2008 non siano state pienamente realizzate nel 2009 e sia stato utilizzato soltanto il 65 per cento del prefinanziamento. Ciò che più mi preoccupa, tuttavia, è che l’Impresa non ha ancora pienamente introdotto i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria, il che mette in discussione la trasparenza delle modalità di spesa del denaro versato dai contribuenti europei.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 sul Bilancio relativo all´Impresa comune "Clean Sky" poiché, nonostante la presenza di alcune irregolarità nel bilancio dell´impresa, ritengo che si possa essere fiduciosi sul futuro miglioramento delle performance di auditing dell´Impresa, in quanto essa è ancora nella fase di avvio.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) La creazione dell’Impresa comune Clean Sky nasce dall’esigenza di promuovere lo sviluppo, la convalida e la dimostrazione di tecnologie di trasporto con sistema di propulsione “pulito” nell’Unione europeo da introdurre quanto prima. Come nel caso dell’Impresa comune Artemis, tale organismo è ancora agli esordi. Ciò non significa tuttavia che non vi siano già procedure e prassi da rettificare, soprattutto in ambiti quali la struttura di bilancio, come giustamente sottolinea il relatore.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Impresa comune Clean Sky per l’esercizio 2009. L’Impresa comune Clean Sky è stata creata nel dicembre 2007 per accelerare lo sviluppo, la convalida e la dimostrazione di tecnologie di trasporto con sistema di propulsione “pulito” nell’Unione europea in maniera che possano essere introdotte quanto prima. L’Impresa è in una fase di avvio e alla fine del 2009 non aveva ancora introdotto pienamente i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. Nel bilancio definitivo del 2009 dell’Impresa figuravano stanziamenti di impegno per 91 000 000 euro e stanziamenti di pagamento per 60 000 000 euro. I tassi di assorbimento per gli stanziamenti di impegno e pagamento sono stati rispettivamente pari al 98 e all’1 per cento. Penso che l’Impresa sia ancora agli esordi e, pertanto, giustifico i tassi di assorbimento relativamente bassi per gli stanziamenti di pagamento.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, sia la Corte dei conti che la commissione per il controllo dei bilanci hanno dato parere positivo sull’esecuzione del bilancio dell’impresa comune Clean Sky per l’esercizio 2009. Per tali motivi, il Parlamento concede oggi con il proprio voto il discarico in relazione all’esercizio 2009. Il bilancio dell’impresa è risultato, a seguito dei controlli effettuati, affidabile e le operazioni sottostanti legittime e regolari. Credo utile però, che l’impresa comune raccolga l’invito finalizzato al completamento dell’attuazione dei controlli interni e del sistema d’informazione finanziaria, considerati, sopratutto, le dimensioni del bilancio e la complessità delle competenze ad essa attribuite.

 
  
MPphoto
 
 

  Bogdan Kazimierz Marcinkiewicz (PPE), per iscritto. – (PL) Ho votato a favore della concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune Clean Sky per l’esercizio 2009. Sono consapevole del fatto che l’Impresa è ancora agli esordi. Purtroppo sono stati accusati molti ritardi nei progetti in questa fase e si è utilizzato soltanto il 65 per cento del prefinanziamento. Inoltre, non sono state prese decisioni per quanto concerne la sede in Belgio, il che rende notevolmente più difficile un funzionamento efficiente dell’Impresa.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato per concedere il discarico all’Impresa comune Clean Sky. Riconosco che l’Impresa è ancora agli esordi. Mi preoccupa nondimeno il fatto che le attività di ricerca prefinanziate dalla Commissione nel 2008 per conto dell’Impresa comune non sono state pienamente realizzate nel 2009 e, a causa dei ritardi accusati dai progetti, sono stati utilizzati soltanto 8 700 000 dei 13 600 000 euro di prefinanziamento, pari a un tasso di assorbimento del 65 per cento. Mi preoccupa in particolare il fatto che l’adozione, la struttura e la presentazione del bilancio approvato dell’Impresa per 2009 non erano in linea con il regolamento (CE) n. 71/2008 che istituisce l’Impresa comune Clean Sky né con il suo regolamento finanziario. Esorto pertanto l’Impresa a sanare rapidamente questa grave carenza.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Impresa comune Clean Sky il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al Direttore esecutivo dell’Impresa comune Clean Sky in relazione all’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo è dell’avviso che, considerate le dimensioni del bilancio e la complessità dei compiti che le sono conferiti, l’Impresa comune debba istituire un comitato di controllo che riferisca direttamente al consiglio direttivo.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0129/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierno documento e avallato il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi per l’esercizio 2009. Secondo le informazioni fornite dalla Corte dei conti, i conti annuali dell’Impresa per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. L’Impresa è in una fase di avvio e alla fine del 2009 non aveva ancora introdotto pienamente i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. L’introduzione di tali sistemi deve essere conclusa. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Impresa dovrebbe ulteriormente sviluppare disposizioni in materia di adesione e cofinanziamento, nonché completare l’introduzione dei sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. Spero che in futuro l’Impresa migliori l’efficienza e l’efficacia del processo di sviluppo dei medicinali e aiuti il settore farmaceutico a produrre farmaci innovativi più efficaci e sicuri.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) A mio parere, l’Impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi dovrebbe essere interamente finanziata dalle case farmaceutiche o dai suoi stessi soci, che sono i più interessati al funzionamento dell’impresa. Per questo non appoggio il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l´Impresa comune "Iniziativa tecnologica congiunta concernente medicinali innovativi" in quanto, come risulta dalla relazione, l´Impresa ha ottenuto dalla Corte dei conti il giudizio di affidabilità dei propri conti e delle operazioni sottostanti. Ritengo però che, pur essendo in parte giustificabile per essere ancora in fase di avvio, l´Impresa dovrebbe completare la realizzazione dei propri sistemi di controllo e operare, nei prossimi esercizi, una gestione più oculata e trasparente.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’Impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi è intesa a promuovere il processo di sviluppo di prodotti farmaceutici che siano più efficienti ed efficaci in modo che il settore farmaceutico possa produrre farmaci innovativi più sicuri ed efficaci. Gli obiettivi dell’Impresa consistono dunque nel contribuire all’attuazione del settimo programma quadro e sostenere la ricerca e lo sviluppo farmaceutico negli Stati membri e nei paesi associati al settimo programma quadro. A tal fine, l’organismo incoraggia la partecipazione delle piccole e medie imprese alle sue attività, nonché la cooperazione tra settore privato e università. L’Impresa è ancora allo stadio embrionale, per cui non è possibile prevedere con chiarezza come sarà eseguito in futuro il suo bilancio. Dovrebbe tuttavia proseguire e completare in particolare l’introduzione dei sistemi di controllo interno e informativa finanziaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha affermato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. L’Impresa è stata creata nel febbraio 2007 per migliorare notevolmente l’efficienza e l’efficacia del processo di sviluppo dei medicinali con l’obiettivo a lungo termine di aiutare il settore farmaceutico a produrre farmaci innovativi più sicuri ed efficaci. L’Impresa è in una fase di avvio e alla fine del 2009 non aveva ancora introdotto pienamente i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. Nel contempo, nel bilancio definitivo del 2009 dell’Impresa figuravano stanziamenti di impegno per 82 000 000 euro e stanziamenti di pagamento per 82 000 000 euro. I tassi di assorbimento per gli stanziamenti di impegno e pagamento sono stati rispettivamente pari al 97 e all’1 per cento.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, considerando che la Corte dei conti ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli dell’affidabilità dei conti annuali relativi all’esercizio 2009, nonché della legittimità e della regolarità delle operazioni sottostanti, ho espresso il mio voto favorevole alla concessione del discarico per l’esecuzione del bilancio per l’esecuzione del bilancio dell’impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi per l’esercizio finanziario 2009. Come è noto, ogni dibattito sul discarico si colloca in un contesto particolare, e quello odierno si svolge nel contesto della crisi economico - finanziaria, che ha generato problemi finanziari e di bilancio per alcuni Stati membri. Pertanto, anche in un’ottica di controlli più efficaci, mi unisco alla richiesta formulata all’impresa comune, volta a chiedere l’inserimento, nel proprio regolamento finanziario, di un riferimento specifico ai poteri del servizio di audit interno della Commissione, in quanto suo revisore interno.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi per l’esercizio 2009. Esorto l’Impresa a completare urgentemente l’introduzione dei sistemi di controllo interno e informativa finanziaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede al direttore esecutivo dell’Impresa comune per l’attuazione dell’iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’impresa comune per l’esercizio finanziario 2009. Il Parlamento europeo chiede all’Impresa comune di inserire nel proprio regolamento finanziario un riferimento specifico ai poteri del servizio di audit interno della Commissione, in quanto suo revisore interno, sulla base delle disposizioni del regolamento finanziario quadro degli organismi comunitari.

 
  
  

Relazione Stavrakakis (A7-0124/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore dell’odierna relazione e del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune SESAR. Secondo le informazioni fornite dalla Corte dei conti, i conti annuali dell’Impresa per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. L’Impresa è in una fase di avvio e alla fine del 2009 non aveva ancora introdotto pienamente i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. L’introduzione di tali sistemi deve essere conclusa. Concordo con il relatore nell’affermare che l’Impresa deve iniziare a introdurre un sistema di gestione integrato che consenta di imputare i costi a specifici pacchetti di lavoro e identificare le fonti di finanziamento dei costi operativi. È altresì importante definire le condizioni per lo storno dei fondi non spesi all’esercizio successivo.

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) L’Impresa comune per sviluppare il sistema europeo di nuova generazione per la gestione del traffico aereo (SESAR) è un’iniziativa importante. Tuttavia, in un momento di crisi finanziaria e difficoltà in molti Stati membri, non ritengo opportuno che l’Unione spenda milioni di euro in tale ambito.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore dell’autorizzazione al discarico 2009 per l´Impresa comune SESAR poiché il lavoro svolto da questa impresa di recente avviamento ha convinto la Corte dei conti della propria affidabilità. E´ già noto l´impegno che questa istituzione sta profondendo per ultimare la realizzazione dei sistemi di controllo ma ritengo che debbano essere fatti maggiori sforzi a proposito che garantiscano la trasparenza e l´attendibilità dei conti.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) L’Impresa comune SESAR è volta ad ammodernare il sistema europeo di gestione del traffico aereo e dovrebbe riunire gli sforzi profusi dall’Unione per la ricerca e lo sviluppo in un unico ambito, quello del progetto SESAR (sistema europeo di nuova generazione per la gestione del traffico aereo).

La sicurezza degli europei, che sempre più utilizzano i servizi delle compagnie aerea, come anche quella dei dipendenti delle compagnie stesse, richiede un particolare livello di prestazioni nella ricerca delle soluzioni migliori per gestire questo tipo di traffico, nonché monitorare e raffrontare le metodologie già applicate nei vari Stati membri in modo che tutti adottino le migliori prassi e soluzioni sicure, economiche e innovative.

Come nel caso di altre imprese ancora agli esordi, SESAR non ha ancora reso completamente operativi i sistemi di controllo interno e informativa finanziaria. Dovrà farlo quanto prima.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento in quanto la commissione competente ha deciso di approvare la chiusura dei conti dell’Impresa comune SESAR per l’esercizio 2009. La Corte dei conti ha affermato di aver ottenuto ragionevoli garanzie quanto al fatto che i conti annuali per l’esercizio 2009 sono affidabili e le operazioni sottostanti sono legittime e regolari. Nel bilancio definitivo del 2009 dell’Impresa figuravano stanziamenti di impegno per 325 000 000 euro e stanziamenti di pagamento per 157 000 000 euro. I tassi di assorbimento per gli stanziamenti di impegno e pagamento sono stati rispettivamente pari al 97,1 e al 43,2 per cento. La Corte dei conti ha riconosciuto che sono stati intrapresi passi importanti nel 2009 per istituire sistemi di controllo, ma manifesta preoccupazione per l’assenza a fine esercizio di uno strumento integrato per gestire le informazioni finanziarie, operative e di bilancio. L’Impresa ha tuttavia replicato che i sistemi finanziari erano già predisposti e introdotti nel maggio 2010. Occorre eliminare i casi in cui i controlli interni non operano in maniera corretta.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Signora Presidente, onorevoli colleghi, nonostante qualche lacuna e irregolarità, riscontrate dalle Corte dei conti nel corso delle analisi e delle valutazioni effettuate sul bilancio dell’impresa comune SESAR, ho votato a favore della concessione del discarico per l’esercizio 2009. Ritengo però opportuno, al fine di evitare il ripetersi degli stessi errori nelle procedure future, che SESAR completi e metta in atto meccanismi di controllo interni e un sistema di informativa finanziaria, capaci di consentire una valutazione il più attendibile e corretta possibile delle operazioni di bilancio relative a ciascun esercizio finanziario.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore del discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune SESAR per l’esercizio 2009. Mi preoccupa nondimeno il fatto che nel dicembre 2009 non esisteva un sistema di gestione integrato per imputare i costi a specifici pacchetti di lavoro e identificare le fonti di finanziamento dei costi operativi.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Sono favorevole a concedere al direttore esecutivo dell’Impresa comune SESAR il discarico per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa per l’esercizio 2009.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Con la risoluzione odierna il Parlamento europeo concede il discarico al direttore esecutivo dell’Impresa comune SESAR per l’esecuzione del bilancio dell’Impresa comune per l’esercizio 2009. Il Parlamento europeo si compiace del fatto che la Corte dei conti abbia considerato affidabili i conti annuali dell’impresa comune per l’esercizio 2009 e constatato che le operazioni sono, sotto tutti gli aspetti rilevanti, legittime e regolari.

 
  
  

Relazione Rapkay (A7-0152/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Sebastian Valentin Bodu (PPE), per iscritto. – (RO) La responsabilità delle dichiarazioni pubbliche rilasciate dai parlamentari ricade innanzi tutto su coloro che le rilasciano. Il Parlamento interviene solo in casi eccezionali per analizzare il contesto, l’occasione o il diritto o meno della persona di rilasciare la dichiarazione pubblica in questione. Tale intervento è però obbligatorio quando la persona che ha rilasciato la dichiarazione viene ritenuta responsabile del contenuto dell’idea espressa. Un siffatto caso eccezionale, ed era compito del Parlamento europeo approfondirlo, è quello che ha visto coinvolto l’eurodeputato Luigi de Magistris, citato in giudizio nel suo paese in relazione a un’intervista rilasciata a un quotidiano italiano in veste di membro di un partito politico rappresentato nelle strutture europee. Guardando oltre la dichiarazione formulata o le sue implicazioni a livello di politica interna, il diritto di un parlamentare europeo di esprimersi deve essere riconosciuto come una libertà e, pertanto, difeso.

Come Luigi de Magistris, qualunque altro eurodeputato gode dell’immunità dalle indagini o dalla reclusione a seguito di opinioni manifestate o voti espressi. In tal senso, qualsiasi tentativo di precludere ai parlamentari europei la possibilità di esprimere le proprie opinioni su questioni di interesse pubblico non può essere approvato in una società democratica.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. – (PT) La relazione riguarda la richiesta di difesa dell’immunità e dei privilegi del collega de Magistris, formulata a norma degli articoli 8 e 9 del protocollo sui privilegi e le immunità dell’Unione europea, nonché dell’articolo 68 della costituzione della Repubblica italiana, come modificata dalla legge costituzionale n. 3 del 29 ottobre 1993, perché è stato citato in giudizio a Benevento da un membro di questa Camera, l’onorevole Mastella, a seguito di un’intervista rilasciata a un quotidiano italiano. Tenuto conto della prassi consolidata di questo Parlamento, considerando che i procedimenti legali rientrano nel diritto civile o amministrativo e alla luce del parere della commissione giuridica, voto a favore della revoca dell’immunità parlamentare del collega de Magistris.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato la relazione perché la commissione giuridica ritiene che rilasciando l’intervista in questione l’onorevole Luigi de Magistris stesse agendo nell’esercizio delle proprie funzioni in qualità di deputato al Parlamento europeo e svolgendo attività politica esprimendo la propria opinione su un tema di pubblico interesse per i suoi elettori. I tentativi di precludere ai membri del Parlamento la possibilità di esprimere le proprie opinioni su questioni oggetto di preoccupazione e interesse pubblico legittimo e criticare i propri avversari politici intentando procedimenti legali sono inaccettabili in una società democratica e costituiscono una violazione dell’articolo 8 del protocollo volto a tutelare la libertà di espressione dei parlamentari nel momento in cui assolvono i propri doveri nell’interesse del Parlamento come istituzione dell’Unione europea. Alla luce delle considerazioni che precedono e a norma dell’articolo 6, paragrafo 3, del regolamento, considerati i motivi a favore e sfavore della difesa dell’immunità del parlamentare in questione, la commissione giuridica raccomanda che il Parlamento europeo difenda l’immunità parlamentare del collega de Magistris.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Ho votato a favore della relazione perché la commissione competente ritiene che rilasciando l’intervista in questione l’onorevole Luigi de Magistris stesse agendo nell’esercizio delle proprie funzioni in qualità di deputato al Parlamento europeo e svolgendo attività politica esprimendo la propria opinione su un tema di pubblico interesse per i suoi elettori. I tentativi di precludere ai membri del Parlamento la possibilità di esprimere le proprie opinioni su questioni oggetto di preoccupazione e interesse pubblico legittimo e criticare i propri avversari politici intentando procedimenti legali sono inaccettabili in una società democratica e costituiscono una violazione dell’articolo 8 del protocollo volto a tutelare la libertà di espressione dei parlamentari nel momento in cui assolvono i propri doveri nell’interesse del Parlamento come istituzione dell’Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Alexander Mirsky (S&D), per iscritto. – (EN) L’onorevole de Magistris è stato citato in giudizio per diffamazione. In relazione a ciò, il collega ha chiesto al Parlamento europeo che la sua immunità e i suoi privilegi parlamentari siano tutelati. In linea con la relazione, la commissione giuridica raccomanda che il Parlamento europeo tuteli l’immunità dell’onorevole de Magistris. Ho votato a favore.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) Il Parlamento ha ricevuto una richiesta di revoca dell’immunità parlamentare del collega de Magistris, citato dinanzi in giudizio a Benevento dall’onorevole Mastella, anch’egli membro del Parlamento europeo, a seguito di un’intervista che l’onorevole de Magistris ha rilasciato a un quotidiano italiano il 31 ottobre 2009.

La commissione giuridica ha formulato una dichiarazione sulla questione avendo adottato una relazione in cui si è deciso di non revocare l’immunità parlamentare. Si è infatti ritenuto che l’onorevole de Magistris, quando ha formulato i propri commenti, stesse assolvendo i propri doveri di membro del Parlamento europeo. Secondo la relazione, il collega stava agendo nell’esercizio delle proprie funzioni in qualità di deputato al Parlamento europeo e stava svolgendo attività politica esprimendo la propria opinione su un tema di pubblico interesse per i suoi elettori.

Ho votato a favore perché propugno la libertà di espressione dei parlamentari nell’esercizio dei propri doveri e difendo gli interessi del Parlamento europeo in quanto istituzione. Vorrei tuttavia aggiungere che, a mio giudizio, chi ha responsabilità politiche in generale, compresi i parlamentari europei, dovrebbe sempre dire la verità e adottare un linguaggio rispettoso dei propri interlocutori, il che non sempre accade.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Mi pronuncio per la difesa dell’immunità dell’onorevole de Magistris in quanto rilasciando l’intervista in questione il collega stava agendo nell’esercizio delle proprie funzioni in qualità di deputato al Parlamento europeo e stava svolgendo attività politica esprimendo la propria opinione su un tema di pubblico interesse per i suoi elettori.

 
  
  

Relazione Rapkay (A7-0154/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Difendo i privilegi e l’immunità dell’onorevole Gollnisch e penso che la persecuzione di cui è oggetto sia di natura prettamente politica. La sua immunità deve essere difesa in modo che possa continuare a svolgere le proprie funzioni di membro a pieno titolo del Parlamento europeo. In questi casi viene espresso un voto sulla difesa dell’immunità di un parlamentare europeo durante una tornata (naturalmente quando appartiene a un grande gruppo politico), il che mi induce a pensare che talvolta in Parlamento si applicano due pesi e due misure, il che distrugge la fiducia nell’intera istituzione.

 
  
MPphoto
 
 

  Anne Delvaux (PPE), per iscritto. – (FR) Conoscete il mio attaccamento ai valori democratici… Bruno Gollnisch, parlamentare europeo e guru intellettuale del Front National, ha chiesto la difesa della sua immunità parlamentare in riferimento a provvedimenti adottati dalle autorità francesi nell’ambito di un’indagine penale che ha visto coinvolto il collega Gollnisch nella sua veste di presidente del Front National presso il Consiglio regionale della Regione Rhône-Alpes e nel cui ambito la Lega internazionale contro il razzismo e l’antisemitismo ha presentato istanza di risarcimento nel gennaio 2009 per istigazione all’odio razziale.

L’articolo 8 del capitolo del diritto e della procedura sull’immunità dei membri del Parlamento europeo stabilisce che questi ultimi non possano essere oggetto di alcun tipo di indagine, reclusione o procedimento legale per opinioni manifestate o voti espressi nell’assolvimento delle proprie funzioni. Lo stesso prevede l’articolo 26, paragrafo 2, della costituzione della Repubblica francese.

In un momento in cui il Front National riscuote successo nei sondaggi in Francia e sarebbe opportuno interrogarsi sulla banalizzazione generale di cui tale partito è oggetto (a livello mediatico e politico), sono soddisfatta che il Parlamento europeo non difenda l’immunità parlamentare dell’onorevole Gollnisch e abbia chiesto la sua revoca in modo che la giustizia possa fare il suo lavoro.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. – (PT) La relazione riguarda la richiesta di difesa dei privilegi e dell’immunità del collega Gollnisch. La richiesta è stata formulata quando la polizia francese ha tentato di arrestarlo affinché comparisse dinanzi alle autorità giudiziarie francesi per un caso riguardante l’espressione di opinioni politiche. Il caso concerne un’accusa di istigazione all’odio razziale da parte della Lega internazionale contro il razzismo e l’antisemitismo (LICRA) a seguito della pubblicazione di un comunicato stampa sul sito del gruppo Front National presso il Consiglio regionale della Regione Rhône-Alpes di cui l’onorevole Gollnisch era presidente. Tenuto conto della prassi consolidata di questo Parlamento e del parere della commissione giuridica, concordo con la posizione del relatore e voto a favore della revoca dell’immunità parlamentare del collega Gollnisch.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato la relazione perché l’articolo 8 del protocollo sui privilegi e le immunità dell’Unione europea non è stato invocato dall’onorevole Gollnisch nella sua richiesta di difesa e nella fattispecie non è applicabile. Per stabilire se difendere o meno l’immunità parlamentare, il Parlamento applica propri principi uniformi. La commissione competente non ha riscontrato prove di un sospetto sufficientemente grave e fondato che la causa sia stata intentata con lo scopo di danneggiare politicamente l’eurodeputato in questione.

In secondo luogo, il caso non rientra nell’ambito delle attività politiche dell’onorevole Gollnisch in quanto membro del Parlamento europeo. Riguarda invece attività di natura prettamente regionale e locale svolte dall’onorevole Gollnisch in veste di consigliere regionale della Regione Rhône-Alpes, mandato distinto da quello di membro del Parlamento europeo. In terzo luogo, l’onorevole Gollnisch ha fornito una spiegazione in merito alla pubblicazione del comunicato stampa incriminato da parte del suo gruppo politico presso il Consiglio regionale della Regione Rhône-Alpes dichiarando che è stato scritto dal team del Front National della regione, compreso il suo responsabile della comunicazione. L’applicazione dell’immunità parlamentare a tale fattispecie è ritenuta costitutiva di un’estensione indebita delle relative norme che sono volte a evitare interferenze con il funzionamento e l’indipendenza del Parlamento. Infine, non è compito del Parlamento, bensì delle autorità giudiziarie competenti stabilire, nel rispetto di tutte le garanzie democratiche, in che misura la legge francese sull’istigazione all’odio razziale sia stata violata e quali potrebbero esserne le conseguenze giudiziarie. Considerate tutte le argomentazioni, la commissione giuridica raccomandata che il Parlamento europeo revochi l’immunità parlamentare dell’onorevole Gollnisch.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Dopo aver considerato i motivi a favore e sfavore della difesa dell’immunità parlamentare dell’eurodeputato in questione, concordo con la raccomandazione della commissione giuridica secondo cui il Parlamento non dovrebbe difendere l’immunità dell’onorevole Gollnisch.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto. – (FR) Stigmatizzazione e istigazione all’odio per motivi di affiliazione religiosa sono considerati reati in Francia e tale situazione equivale a un flagrante delicto. L’onorevole Gollnisch si è pubblicamente schierato a sostegno di un comunicato stampa oltraggioso in cui si equiparano i musulmani a vandali. Si parla di invasione e distruzione dei nostri valori culturali da parte dell’islam. L’onorevole Gollnisch potrà esporre la propria difesa. La revoca della sua immunità lo permetterà. Voto dunque contro la sua richiesta di salvaguardia dell’immunità parlamentare.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) L’onorevole Gollnisch ha chiesto che il Parlamento europeo difenda la sua immunità parlamentare in riferimento a provvedimenti che, a suo giudizio, limitano la sua libertà applicati dalle autorità francesi nell’ambito dell’indagine giudiziaria su un’azione con istanza di risarcimento (plainte avec constitution de partie civile) intentata dalla Lega internazionale contro il razzismo e l’antisemitismo il 26 gennaio 2009 contro ignoti per istigazione all’odio razziale. Si è concluso che il caso non rientra nell’ambito delle attività politiche dell’onorevole Gollnisch in quanto membro del Parlamento europeo, riguardando invece attività di natura prettamente regionale e locale in veste di consigliere regionale della Regione Rhône-Alpes, mandato al quale l’onorevole Gollnisch è stato eletto a suffragio universale diretto e distinto da quello di membro del Parlamento europeo. Nell’indagine svolta non vi sono prove di fumus persecutionis, in altre parole dell’intenzione di danneggiare politicamente l’eurodeputato in questione. Ho votato a favore della relazione che decide di non difendere i privilegi e l’immunità dell’onorevole Gollnisch lasciando alle autorità giudiziarie competenti il compito di stabilire, nel rispetto di tutte le garanzie democratiche, in che misura la legge francese sull’istigazione all’odio razziale sia stata violata e quali potrebbero esserne le conseguenze giudiziarie.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Il caso in questione non rientra nell’ambito delle attività politiche dell’onorevole Gollnisch in quanto membro del Parlamento europeo, bensì riguarda la sua veste prettamente regionale e locale di consigliere regionale della Regione Rhône-Alpes. Abbiamo pertanto deciso di non difendere l’immunità.

 
  
  

Relazione Rapkay (A7-0155/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Slavi Binev (NI), per iscritto. – (BG) Difendo i privilegi e l’immunità dell’onorevole Gollnisch e penso che la persecuzione di cui è oggetto sia di natura prettamente politica. La sua immunità deve essere difesa in modo che possa continuare a svolgere le proprie funzioni di membro a pieno titolo del Parlamento europeo. Per questo ho votato contro la revoca della sua immunità.

 
  
MPphoto
 
 

  Andrew Henry William Brons (NI), per iscritto. – (EN) Ho votato contro la revoca dell’immunità parlamentare dell’onorevole Gollnisch perché: 1. credo nella libertà di parola e le parole contestategli non erano istigazioni alla violenza né offensive od oltraggiose. I commenti riguardavano l’intolleranza dei regimi islamici nei confronti di persone considerate eretiche; 2. non è stato previsto un dibattito prima di esprimere questi importantissimi voti (riguardanti i diritti fondamentali di un membro del Parlamento europeo); 3. la proposta di revoca dell’immunità del collega Gollnisch e l’eventuale decisione di revocarla erano incompatibili con la proposta di consentire all’eurodeputato tedesco Brok di mantenere la sua immunità nel quadro di un procedimento riguardante un (presunto) reato di evasione fiscale. È evidente che il procedimento è un’azione vessatoria da parte di un’organizzazione privata con lo scopo di sottrarre all’onorevole Gollnisch la posizione alla quale è stato eletto e la sua buona reputazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Philip Claeys (NI), per iscritto. – (NL) Il solo fatto che un nostro collega che rischia di perdere l’immunità parlamentare non abbia avuto modo di difendersi in plenaria è un motivo sufficiente per votare contro la relazione che chiede la revoca di tale immunità. È peraltro oltraggioso e contro natura che i membri di un pagamento perdano la propria immunità e siano giudicati per aver espresso le proprie opinioni. Se in futuro il Parlamento europeo vuole essere preso sul serio dagli elettori, deve inequivocabilmente e senza compromessi ergersi per il diritto alla libertà di espressione dei propri deputati e di tutti i cittadini europei.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. – (PT) L’odierna relazione riguarda la richiesta di revoca dei privilegi e dell’immunità del collega Gollnisch presentata al Parlamento europeo dal procuratore della Corte di appello di Lione in merito all’indagine condotta a seguito di un’azione con istanza di risarcimento intentata il 26 gennaio 2009 dalla Lega internazionale contro il razzismo e l’antisemitismo (LICRA) concernente la pubblicazione di un comunicato stampa sul sito del gruppo Front National presso il Consiglio regionale della Regione Rhône-Alpes di cui l’onorevole Gollnisch era presidente. Tenuto conto della prassi consolidata di questo Parlamento, visto che l’immunità parlamentare in questo caso non è applicabile, e alla luce del parere della commissione giuridica, concordo con la posizione del relatore e voto a favore della revoca dell’immunità parlamentare del collega Gollnisch.

 
  
MPphoto
 
 

  Nick Griffin (NI), per iscritto. – (EN) Ho votato contro la revoca dell’immunità parlamentare dell’onorevole Gollnisch perché: 1. la libertà di parola è un valore fondamentale della nostra società e la pietra miliare della nostra democrazia. Non dovrebbe essere dunque limitata dagli oppositori politici. I commenti attribuiti all’onorevole Gollnisch non costituivano un’istigazione alla violenza e non erano né offensivi né oltraggiosi. I commenti riguardavano l’intolleranza dei regimi islamici nei confronti dei non credenti; 2. non è stata prevista alcuna discussione prima delle votazioni sull’argomento, che riguarda i diritti fondamentali di un membro del Parlamento europeo; 3. la proposta di revoca dell’immunità del collega Gollnisch e la decisione motivata politicamente di revocarla erano incompatibili con la proposta di consentire all’eurodeputato tedesco Brok di mantenere la sua immunità nel quadro di un procedimento riguardante un (presunto) reato di evasione fiscale.

È evidente che il procedimento è un’azione vessatoria da parte di un’organizzazione privata con lo scopo di sottrarre all’onorevole Gollnisch la posizione alla quale è stato eletto e la sua buona reputazione. Parimenti chiaro è che, nel clima sempre più intollerante di correttezza politica che permea il Parlamento, alcuni eurodeputati sono più uguali di altri.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato il documento perché, in primo luogo, la commissione competente non ha riscontrato prove di un sospetto sufficientemente grave e fondato che la causa sia stata intentata con lo scopo di danneggiare politicamente l’eurodeputato in questione.

In secondo luogo, il caso non rientra nell’ambito delle attività politiche dell’onorevole Gollnisch in quanto membro del Parlamento europeo. Riguarda invece attività di natura prettamente regionale e locale svolte dall’onorevole Gollnisch in veste di consigliere regionale di Rhône-Alpes, mandato distinto da quello di membro del Parlamento europeo.

In terzo luogo, l’onorevole Gollnisch ha fornito una spiegazione in merito alla pubblicazione del comunicato stampa incriminato da parte del suo gruppo politico presso il Consiglio regionale della Regione Rhône-Alpes. L’applicazione dell’immunità parlamentare a tale fattispecie è ritenuta costitutiva di un’estensione indebita delle relative norme che sono volte a evitare interferenze con il funzionamento e l’indipendenza del Parlamento.

Infine, non è compito del Parlamento, bensì delle autorità giudiziarie competente stabilire, nel rispetto di tutte le garanzie democratiche, in che misura la legge francese sull’istigazione all’odio razziale sia stata violata e quali potrebbero esserne le conseguenze giudiziarie. Si rileva che adottando una decisione di revoca dell’immunità del collega, il Parlamento europeo consente alle autorità nazionali competenti di accertare la responsabilità della persona (visto che non vi sono interferenze con il funzionamento e l’indipendenza della nostra istituzione) e tale decisione non conferma in alcun modo la colpevolezza del deputato in questione né esprime un parere sulla legittimità o meno di un’indagine condotta su determinate azioni o posizioni. Considerate tutte le argomentazioni, la commissione giuridica raccomandata che il Parlamento europeo rinunci all’immunità parlamentare dell’onorevole Gollnisch.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Marie Le Pen (NI), per iscritto. – (FR) La mia lunga esperienza di parlamentare sia presso l’Assemblea nazionale francese sia presso il Parlamento europeo (27 anni) mi consente di dire che l’atteggiamento di quest’ultimo nella revoca dell’immunità parlamentare del collega Gollnisch è stato particolarmente ripugnante. All’eurodeputato non è stato permesso di prendere la parola per difendersi dinanzi ai colleghi, che per inciso non si sono neanche presi la briga di leggere i fatti relativi alla causa in questione. Se avessero letto il fascicolo, avrebbero appreso che l’onorevole Gollnisch ha avuto al riguardo una responsabilità soltanto indiretta e la circostanza riguardava la sua libertà di espressione politica. Dare lezioni di democrazia e rispetto dei diritti umani è una cosa; rispettarli all’interno della propria istituzione è un’altra.

 
  
MPphoto
 
 

  Marine Le Pen (NI), per iscritto. – (FR) Ricorrere a un procedimento giudiziario per cercare di precludere ai membri del Parlamento la possibilità di esprimere il proprio punto di vista su questioni oggetto di preoccupazione e interesse pubblico legittimo e criticare i propri avversari politici è inaccettabile in una società democratica e costituisce una violazione dell’articolo 8 del protocollo sui privilegi e le immunità dell’Unione europea, volto a salvaguardare la libertà di espressione dei suoi membri. Personalmente appoggio tale principio in maniera incondizionata. Tuttavia, a giudizio dell’onorevole Rapkay tale principio vale soltanto per l’onorevole de Magistris, oggetto di un procedimento per diffamazione, e non per l’onorevole Gollnisch, oggetto di un procedimento per aver espresso opinioni politiche. È un chiaro esempio di applicazione di due pesi e due misure. Come è possibile che sia più nell’interesse pubblico e più democratico per noi sapere ciò che pensa l’onorevole de Magistris in merito a un collega che sapere ciò che pensa il Front National sui sollevamenti dei rom o i pericoli dell’immigrazione di massa? Proprio perché gli avversari politici dell’onorevole Gollnisch non hanno apprezzato il comunicato stampa in questione, sebbene rivestisse un interesse pubblico notevolissimo, il collega perde la sua immunità. La libertà di espressione dei rappresentanti eletti di questo Parlamento non dovrebbe essere a geometria variabile né ad personam. È indegno di voi adottare questa relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Appoggio la revoca dell’immunità dell’onorevole Gollnisch in modo che possa essere giudicato per il reato di istigazione all’odio razziale.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto. – (FR) Stigmatizzazione e istigazione all’odio per motivi di affiliazione religiosa sono considerati reati in Francia e tale situazione equivale a un flagrante delicto. L’onorevole Gollnisch si è pubblicamente schierato a sostegno di un comunicato stampa oltraggioso in cui si equiparano i musulmani a vandali. Si parla di invasione e distruzione dei nostri valori culturali da parte dell’islam. L’onorevole Gollnisch potrà esporre la propria difesa. La revoca della sua immunità lo permetterà. Voto dunque contro la sua richiesta di salvaguardia dell’immunità parlamentare.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI), per iscritto. – (DE) Ho votato contro la revoca dell’immunità dell’onorevole Gollnisch perché la dichiarazione esplicativa della commissione giuridica, in cui si raccomandava alla plenaria la revoca, è stata del tutto arbitraria. Se l’onorevole Gollnisch è accusato per un comunicato stampa scritto dall’ufficio politico del Front National, si dovrebbe ovviamente ritenere che tale attività rientri nell’ambito del suo mandato comunitario. L’argomentazione secondo cui ciò sarebbe avvenuto nell’ambito delle sue attività di consigliere regionale non è decisiva in quanto il mandato dell’Unione non può essere visto come un’occupazione a tempo parziale o qualcosa di simile. Se l’onorevole Gollnisch avesse formulato la stessa dichiarazione durante una tornata del Parlamento europeo o in una delle sue commissione, tale argomentazione sarebbe stata comunque avanzata? Il contenuto del comunicato stampa che funge da base per l’estradizione è inoltre totalmente coperto dalla libertà di espressione. Se d’ora in poi dichiarazioni politicamente impopolari costituiranno una base per l’estradizione, questa sarà ancora una volta una dimostrazione di ciò che il Parlamento europeo pensa della vera democrazia.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) La relazione riguarda la revoca dell’immunità parlamentare del collega Gollnisch formulata su richiesta di un procuratore della Repubblica francese in modo da poter indagare su un’accusa di presunta istigazione all’odio razziale e, ove l’accusa dovesse essere confermata, di giudicare il collega dinanzi ai tre gradi della giustizia francese (primo grado, appello e cassazione). La revoca dell’immunità dell’onorevole Gollnisch riguarda un presunto reato di istigazione all’odio razziale risultante da un comunicato stampa pubblicato il 3 ottobre 2008 dal gruppo Front National della Regione Rhône-Alpes, di cui l’onorevole Gollnisch era presidente, per cui tali attività rivestivano una natura prettamente regionale e locale essendo state svolte in veste di consigliere regionale della Regione Rhône-Alpes, mandato al quale l’onorevole Gollnisch è stato eletto a suffragio universale diretto e distinto da quello di membro del Parlamento europeo. Nell’indagine svolta non vi sono prove di fumus persecutionis, in altre parole dell’intenzione di danneggiare politicamente l’eurodeputato in questione. Ho votato a favore della relazione che decide di non difendere i privilegi e l’immunità dell’onorevole Gollnisch lasciando alle autorità giudiziarie competenti il compito di stabilire, nel rispetto di tutte le garanzie democratiche, in che misura la legge francese sull’istigazione all’odio razziale sia stata violata e quali potrebbero esserne le conseguenze giudiziarie.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) Il caso è identico al precedente (si veda A7-0154/2011), ma nella fattispecie la richiesta di revoca dell’immunità è pervenuta dalle autorità francesi.

 
  
  

Raccomandazione Arsenis (A7-0078/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto. – (PT) Il bacino idrografico di Prespa (Parco di Prespa) è in comune tra Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia (FYROM) e Albania. La Grecia è uno Stato membro dell’Unione europea, l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia è candidata all’adesione e l’Albania è una potenziale candidata. L’Albania e l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia hanno sottoscritto un accordo di stabilizzazione e associazione con l’Unione e lo sviluppo di un’economia sostenibile e un’infrastruttura ecologica che naturalmente porterà alla creazione di posti di lavoro a livello locale e genererà un notevole potenziale di occupazione, concorrendo in tal modo alla realizzazione della strategia Europa 2020. Inoltre, un uso migliore delle risorse, uno sviluppo economico sostenibile e la conservazione della natura possono e devono andare di pari passo, rafforzando contestualmente la cooperazione con i paesi vicini per la loro integrazione nell’Europa. Per tutti i motivi appena esposti, voto a favore del progetto di accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Mara Bizzotto (EFD), per iscritto. − Sono favorevole all’approvazione dell’adesione dell’Unione europea dell’accordo sulla protezione e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, sottoscritto da Grecia, Macedonia e Albania, poiché questo Parco rappresenta un’area naturale di interesse internazionale per la sua geomorfologia, ecologia, biodiversità e la sua importanza culturale. Condivido, inoltre, gli obiettivi e i principi contenuti dell’accordo, che si basano sull’utilizzo sostenibile delle risorse naturali, sull’attenzione alla conservazione degli ecosistemi e della biodiversità, sulla prevenzione, il monitoraggio e la riduzione dell’inquinamento delle acque dei laghi di Prespa.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. – (PT) Apprezzo gli sforzi profusi dagli Stati membri per collaborare con i paesi extracomunitari al fine di rendere più sostenibile l’uso delle risorse. Per questo voto a favore della stipula dell’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa poiché ritengo che sia importante per lo sviluppo dei tre paesi che lo condividono: Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Albania. Credo inoltre che il parco sia importante per l’ambiente, la conservazione della natura e una serie di ricadute positive che potrebbero derivare da questo tipo di collaborazione, non da ultimo il rafforzamento delle buone relazioni nella regione balcanica.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) Apprezzo la stipula dell’accordo di stabilizzazione e associazione tra l’Unione europea, l’Albania e l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia (FYROM) volto a creare una cooperazione tra tutti i paesi che condividono il bacino idrografico di Prespa in modo da garantire la salvaguardia integrata dell’ecosistema e lo sviluppo sostenibile del parco. Tale accordo dimostra l’applicazione riuscita della direttiva quadro sulle acque dell’Unione per proteggere l’ambiente, innalzare il tenore di vita degli abitanti della regione e instaurare una cooperazione tra i tre paesi: Grecia, Albania ed ex Repubblica iugoslava di Macedonia. Ciò rafforzerà lo spirito di buon vicinato tra le parti in una regione particolarmente delicata dei Balcani.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. – (PT) L’odierna raccomandazione riguarda il progetto di decisione del Consiglio concernente la stipula, a nome dell’Unione europea, dell’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, classificato in quanto tale dal 1977 e designato come zona protetta transfrontaliera conformemente alla dichiarazione del 2 febbraio 2000 resa dai paesi che lo condividono: Grecia, Albania e Repubblica di Macedonia. L’Unione europea è consapevole della necessità urgente di salvaguardare e proteggere le risorse naturali, per cui dagli anni Settanta ha adottato un pacchetto legislativo la cui espressione ultima è la direttiva quadro sulle acque del 2000. L’obiettivo dell’accordo in questione consiste nell’instaurare una cooperazione tra l’Unione europea e i suddetti paesi per promuovere lo sviluppo sostenibile della regione e tutelare il suo ecosistema, in particolare attraverso piani per la gestione integrata del bacino idrografico di Prespa. In un’epoca in cui le catastrofi causate dal cambiamento climatico sono sempre più numerose, mi congratulo con il Consiglio per questo progetto e vorrei che fosse portato a compimento quanto prima.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Il bacino idrografico di Prespa (parco di Prespa) è condiviso da Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Albania. È estremamente importante creare un habitat vitale per la conservazione di molte specie floristiche e faunistiche rare e/o endemiche, anche come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un ricco e importante patrimonio culturale.

L’obiettivo dell’accordo consiste nell’instaurare una cooperazione per garantire la protezione integrata dell’ecosistema e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, anche tramite lo sviluppo di piani per la gestione integrata del bacino idrografico. A tal fine, i paesi oggetto dell’accordo si impegnano ad adottare le misure necessarie, singolarmente o congiuntamente, secondo i principi della pari sovranità, dell’integrità territoriale, del reciproco beneficio e della buona fede, al fine di giungere alla gestione delle acque del Parco di Prespa, alla prevenzione, al controllo e alla riduzione dell’inquinamento, alla protezione e alla conservazione della biodiversità, alla salvaguardia del suolo, all’uso prudente delle risorse naturali e a uno sviluppo sostenibile.

Votiamo dunque a favore della relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Il Parco di Prespa, detto anche bacino idrografico di Prespa, condiviso da Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Albania, è estremamente importante per creare un habitat vitale per la conservazione di numerose specie floristiche e faunistiche rare e/o endemiche, anche come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un ricco e importante patrimonio culturale.

L’obiettivo dell’accordo consiste nell’instaurare una cooperazione per garantire la protezione integrata dell’ecosistema e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, anche tramite lo sviluppo di piani per la gestione integrata del bacino idrografico.

A tal fine, i paesi oggetto dell’accordo si impegnano ad adottare le misure necessarie, singolarmente o congiuntamente, secondo i principi della pari sovranità, dell’integrità territoriale, del reciproco beneficio e della buona fede, al fine di giungere alla gestione delle acque del Parco di Prespa, alla prevenzione, al controllo e alla riduzione dell’inquinamento, alla protezione e alla conservazione della biodiversità, alla salvaguardia del suolo, all’uso prudente delle risorse naturali e a uno sviluppo sostenibile.

Votiamo dunque a favore della relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Monika Flašíková Beňová (S&D), per iscritto. – (EN) Nel febbraio 2010, alla presenza e con la partecipazione dell’Unione europea, Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Albania hanno firmato l’accordo sulla protezione e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa. L’obiettivo di tale accordo consiste nel garantire la protezione dell’area del Parco di Prespa, come anche una protezione totale dell’ecosistema. Va infatti sottolineata non soltanto l’importanza ecologica dei laghi e delle zone circostanti, bensì anche l’unicità dal punto di vista naturalistico dell’intera area proprio in ragione del suo significato in termini geomorfologici, ecologici, culturali e di biodiversità. L’area è un habitat vitale importante per la conservazione di numerose specie floristiche e faunistiche rare, come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un prezioso patrimonio archeologico e tradizionale. Era dunque auspicabile ottenere il consenso del Parlamento per avere la certezza che l’accordo potesse essere adottato.

 
  
MPphoto
 
 

  Lorenzo Fontana (EFD), per iscritto. − Gentile Presidente, onorevoli colleghi, il bacino idrografico dell’area di Prespa situato ai confini fra Grecia, Macedonia e Albania è un importante luogo naturalistico. L’accordo che l’UE sottoscriverà andrà a favorire degli obiettivi importanti per la tutela di quest’area, difendendo l’ecosistema ed introducendo l’utilizzo sostenibile delle energie rinnovabili. Per questo il mio voto sarà a favore della proposta.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho avallato la relazione perché lo scopo dell’accordo consiste nell’instaurare una cooperazione in maniera da garantire la protezione integrata dell’ecosistema e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, anche tramite l’elaborazione di piani di gestione integrata del bacino idrografico secondo gli standard internazionali e comunitari. Il bacino idrografico di Prespa (parco di Prespa) è condiviso da Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Albania. La Grecia è uno Stato membro dell’Unione europea, l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia è candidata all’adesione e l’Albania è una potenziale candidata. L’Albania e l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia hanno sottoscritto anche un accordo di stabilizzazione e associazione con l’Unione. L’area del Parco di Prespa è un’area naturale che riveste un’importanza internazionale in ragione della sua biodiversità e del suo significato geomorfologico, ecologico e culturale. L’area è un habitat vitalmente importante per la conservazione di numerose specie floristiche e faunistiche rare e/o endemiche, come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un prezioso patrimonio archeologico e tradizionale.

Per questi motivi, il 2 febbraio 2010 i tre paesi hanno sottoscritto l’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa con la partecipazione dell’Unione, che richiede anche il consenso del Parlamento europeo. Per conseguire tale obiettivo, le parti si sono impegnate ad adottare le misure necessarie e applicare le migliori tecniche disponibili, singolarmente o congiuntamente, sulla base dei principi della pari sovranità, dell’integrità territoriale, del reciproco beneficio e della buona fede.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Accolgo con favore l’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile del Parco di Prespa. L’area del Parco di Prespa è un’area naturale che riveste un’importanza internazionale in ragione della sua biodiversità e del suo significato geomorfologico, ecologico e culturale. L’area è un habitat vitale importante per la conservazione di numerose specie floristiche e faunistiche rare e/o endemiche, come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un prezioso patrimonio archeologico e tradizionale.

 
  
MPphoto
 
 

  Willy Meyer (GUE/NGL), per iscritto. – (ES) L’odierna relazione riguarda il bacino idrografico di Prespa, la cui valenza in termini geomorfologici, ecologici, culturali e di biodiversità lo rendono uno spazio naturale internazionalmente importante. L’area è un habitat vitale per la conservazione di numerose specie floristiche e faunistiche rare, come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un prezioso patrimonio archeologico e tradizionale. A tal fine, viene sottoscritto un accordo tra Grecia, Albania ed ex Repubblica iugoslava di Macedonia, che condividono tale spazio naturale, in modo da instaurare una cooperazione sulla gestione delle acque di tali laghi per prevenire, controllare e ridurre il loro inquinamento, proteggere e conservare la biodiversità dell’area e proteggerne il suolo dall’erosione, promuovere l’uso intelligente delle risorse naturali e uno sviluppo sostenibile, evitare l’introduzione di specie animali e vegetali alloctone, nonché regolamentare le attività umane che hanno un impatto negativo sull’area. Sono persuaso della necessità di intensificare la cooperazione tra le parti interessate, sempre sulla base del rispetto dei principi della parità, dell’integrità territoriale e del reciproco beneficio in modo da tutelare un’area dal valore eccezionale. Voto pertanto a favore dell’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) La relazione è basata sul progetto di decisione del Consiglio riguardante la firma dell’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, detto anche bacino idrografico di Prespa. L’Unione europea ha normative consolidate a salvaguardia delle acque, segnatamente la direttiva quadro sulle acque del 2000, che stabilisce l’obiettivo di proteggere tutte le acque – fiumi, laghi, acque sotterranee e acque costiere – e, in caso di bacini idrografici condivisi che si estendono oltre i confini amministrativi e politici, prevede il coordinamento degli sforzi per conseguire tale obiettivo. Il bacino idrografico di Prespa (Parco di Prespa) è condiviso da Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia (FYROM) e Albania. L’ex Repubblica iugoslava di Macedonia è candidata all’adesione e l’Albania è una potenziale candidata. È dunque diventato necessario introdurre un accordo internazionale per perseguire gli obiettivi della direttiva quadro sulle acque, segnatamente la salvaguardia della biodiversità e dei servizi ecosistemici dell’area. Ho votato a favore della relazione, già adottata all’unanimità dalla commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) Il bacino idrografico di Prespa (Parco di Prespa) è condiviso da Grecia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Albania. Fonte di biodiversità dall’interesse ecologico indiscusso, pertanto anche regolatrice naturale del clima, tale area deve essere protetta e la sua protezione vale l’impegno dell’Unione europea in linea con la direttiva quadro sulle acque (2000/60/CE). Conformemente a detta direttiva, nel caso di un bacino idrografico che si estenda oltre i limiti territoriali dell’Unione, è necessario attuare sforzi di coordinamento tra i paesi coinvolti e, per questo, il 2 febbraio 2010 è stato stipulato l’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa con la partecipazione della Commissione in rappresentanza dell’Unione. Tuttavia, la sua adozione finale da parte del Consiglio richiede il consenso del Parlamento europeo. Per questo ho votato per l’adozione dell’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) L’area del Parco di Prespa è un’area naturale che riveste un’importanza internazionale in ragione della sua biodiversità e del suo significato geomorfologico, ecologico e culturale. L’area è un habitat vitale importante per la conservazione di numerose specie floristiche e faunistiche rare e/o endemiche, come luogo di nidificazione per uccelli minacciati a livello mondiale e sede di un notevole patrimonio archeologico e tradizionale. Per questi motivi, i tre paesi interessati hanno firmato l’accordo sulla protezione e sullo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa il 2 febbraio 2010 con la partecipazione dell’Unione. Lo scopo dell’accordo consiste nell’instaurare una cooperazione in maniera da garantire la protezione integrata dell’ecosistema e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, anche tramite l’elaborazione di piani di gestione integrata del bacino idrografico secondo gli standard internazionali e comunitari. A norma dell’articolo 218, paragrafo 6, lettera a), del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, il Consiglio deve assicurarsi il consenso del Parlamento europeo per adottare l’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − L’Unione europea è dotata di una legislazione consolidata sulla tutela delle acque, la cui norma più importante è la direttiva quadro in materia di acque. In base a tale legislazione, laddove i bacini idrografici si estendono al di là del territorio europeo, gli Stati Membri si adoperano per instaurare un coordinamento con i paesi terzi in questione che condividono il distretto del bacino idrografico. Quando il coordinamento assume la forma di un accordo internazionale la partecipazione dell’Unione europea, in quanto parte, è necessaria nella misura in cui l’accordo concerne questioni che rientrano tra le competenze dell’Unione.

Il Parco di Prespa rappresenta un’area naturale d’interesse internazionale per via della sua geomorfologia, ecologia, biodiversità e la sua importanza culturale. Il documento adottato oggi vuole instaurare una cooperazione per garantire la tutela integrata dell’ecosistema e lo sviluppo sostenibile dell’area del Parco di Prespa, compresa la predisposizione di progetti integrati di gestione del bacino sulla base degli standard internazionali e di quelli dell’Unione europea. L’accordo contribuirà alla corretta attuazione della direttiva quadro sulle acque, alla protezione dell’ambiente, al miglioramento del livello di vita degli abitanti dell’area, nonché a rafforzare i rapporti di buon vicinato in un’area particolarmente sensibile dei Balcani.

 
  
MPphoto
 
 

  Daciana Octavia Sârbu (S&D), per iscritto. – (EN) Lo scorso anno, la Commissione e le altre istituzioni europee hanno riflettuto sul fatto che non abbiamo conseguito i nostri obiettivi in materia di biodiversità. Tale situazione profondamente deplorevole deve cambiare presto in maniera efficace per proteggere la biodiversità e gli inestimabili servizi ecosistemici che ci assicura. La cooperazione con i paesi terzi va incoraggiata il più possibile perché si tratta di un problema globale, per cui l’accordo non può non essere accolto con estremo favore.

 
  
  

Raccomandazione Estévez (A7-0142/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto. – (PT) Voto a favore della raccomandazione dell’onorevole Fraga Estévez che accoglie con favore l’impegno profuso dalla Commissione europea per l’approvazione delle risoluzioni basate sull’accordo concernente le misure di competenza dello Stato di approdo da parte delle organizzazioni regionali di gestione della pesca (ORGP). Durante la plenaria della Commissione per il tonno dell’Oceano indiano (IOTC) nel marzo 2010 a Busan, in Corea del sud, è stata adottata una risoluzione concernente misure di competenza dello Stato di porto presentata dall’Unione (risoluzione 2010/11). Proposte analoghe sono state anche presentate dall’Unione ad altre organizzazioni regionali di gestione della pesca al fine di rafforzare le misure di competenza dello Stato di porto già in vigore e allinearle ai requisiti dell’accordo. Purtroppo, in molti casi non è stato possibile adottarle per l’opposizione di una serie di paesi, come alcuni paesi latinoamericani e alcune piccole isole del Pacifico.

Come la relatrice, anch’io esorto la Commissione europea a continuare a esercitare pressioni per l’approvazione di tali proposte perché le misure previste dall’accordo diventeranno efficaci nella lotta alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata soltanto se saranno applicate in maniera totale, uniforme e trasparente per evitare escamotage che potrebbero essere facilmente sfruttati da chi pratica tale tipo di pesca.

 
  
MPphoto
 
 

  Antonello Antinoro (PPE), per iscritto. − Ho appoggiato la relazione poiché l’Unione europea deve dare un segnale forte contro la pesca illegale, non regolamentata e non dichiarata. L’Unione europea è un importante attore internazionale per le questioni riguardanti la gestione della pesca e in quanto tale deve sostenere tutto ciò che riguarda il rispetto delle regole internazionali in materia di infrazione. La collega Fraga ha accolto favorevolmente gli sforzi della Commissione europea per l’adozione di risoluzioni sulla base delle raccomandazioni FAO sull’accordo delle misure statali di controllo dei porti. In commissione abbiamo fermamente appoggiato l’idea di continuare a spingere per queste proposte. La pesca illegale, infatti, è sia quella di un’imbarcazione dichiarata che pesca specie sottotaglia ma anche la pesca da parte di barche non autorizzate in zone protette o troppo vicine dalle coste.

Purtroppo rappresenta pure il 60% dei prodotti che arrivano sui nostri mercati e ciò comporta incertezze sulla qualità dei prodotti che arrivano sui nostri mercati con difficoltà sulla loro tracciabilità. Per questo crediamo che l’Europa debba essere un esempio per tutti gli altri paesi che operano in questo settore e che spesso, grazie al fatto che non debbano rispettare alcuni limiti imposti ai nostri pescatori, finiscono per avvantaggiarsi sui mercati internazionali.

 
  
MPphoto
 
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore della raccomandazioni dell’onorevole Fraga Estévez concernente il progetto di decisione del Consiglio sull’approvazione dell’accordo sulle misure di competenza dello Stato di porto intese a prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. Ho votato a favore perché il contenuto dell’iniziativa rappresenterà un contributo fondamentale alla lotta globale attualmente in atto contro la pesca illegale. Il suo contenuto sarà efficace se sarà applicato in maniera totale, uniforme e trasparente.

 
  
MPphoto
 
 

  Mara Bizzotto (EFD), per iscritto. − La carenza di risorse ittiche disponibili a livello globale, non solo quindi nei nostri mari, rappresenta un problema che via via si fa sempre più pressante. Dalla fauna marina sappiamo che dipende non soltanto buona parte dell’alimentazione umana, ma anche la salute dell’ecosistema intero; è quindi importante che tutti i livelli di governo, dalle regioni ai governi centrali, fino appunto all’Unione europea, si adoperino con ogni mezzo di loro competenza per promuovere misure normative e strumenti legislativi che vadano nella direzione della tutela del patrimonio ittico, unica garanzia per la sostenibilità a lungo termine dell’attività della pesca.

Ho espresso voto favorevole a questa raccomandazione del Parlamento al Consiglio, affinché quest’ultimo approvi a nome dell’Unione europea l’accordo sulle misure di competenza nazionale per la prevenzione e l’eliminazione della pesca illegale. Questo accordo internazionale, se correttamente implementato dai soggetti nazionali, sarà uno strumento importante per la tutela a lungo periodo della fauna marina e lo sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche.

 
  
MPphoto
 
 

  Vilija Blinkevičiūtė (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore della relazione perché con essa il Parlamento europeo ha acconsentito all’approvazione dell’accordo dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite che promuoverebbe lo sfruttamento responsabile delle risorse ittiche e degli ecosistemi marini. Tale accordo prevede strumenti specifici per combattere più efficacemente la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata nelle acque territoriali comunitarie, strumenti che impongono standard minimi a sostegno dell’adozione di misure da parte degli Stati per monitorare, controllare e ispezionare le navi battenti bandiera straniera che intendono avvalersi dei loro porti. Gli strumenti contenuti nell’accordo potrebbero essere applicati non soltanto ai pescherecci, ma anche alle navi utilizzate per attività correlate alla pesca come le navi utilizzate per il trasporto dei prodotti ittici. La lotta contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata è una componente essenziale della politica comune della pesca e l’Unione dovrebbe essere in grado di promuovere la cooperazione internazionale in materia partecipando in modo attivo e costruttivo all’adozione di uno strumento internazionale sulle misure di competenza dello Stato di approdo.

 
  
MPphoto
 
 

  Sebastian Valentin Bodu (PPE), per iscritto. – (RO) La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata è considerata una delle maggiori minacce alle risorse dei mercato ittico nel quale l’Unione europea occupa una posizione importante nel mondo. In questo caso, l’elaborazione di una politica comune per la pesca a livello di Unione volta a salvaguardare lo sfruttamento sostenibile delle risorse acquatiche viventi è una preoccupazione del tutto naturale. L’accordo proposto per adozione al Consiglio è stato formulato espressamente per rispondere a tali requisiti internazionali al fine di evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata tramite l’attuazione di misure efficaci da parte dello Stato in cui il porto è ubicato. Si tratta di misure che, una volta adottato l’accordo, dovrebbero trasformarsi da un modello volontario in un pacchetto di standard minimi obbligatori per gli Stati di approdo con lo scopo di monitorare, controllare e ispezionare i pescherecci battenti bandiera straniera che utilizzano i loro porti.

Il fatto che la serie di misure la cui attuazione è affidata agli Stati di approdo deriva comunque da uno strumento internazionale è un valore aggiunto. Una visione globale di tale pratica di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata può portare a un migliore monitoraggio delle attività di pesca nel loro complesso ed è più efficace in termini di costi a livello di organizzazione e attuazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Vito Bonsignore (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore del testo presentato dalla Collega Estévez, alla quale vanno i miei apprezzamenti per il lavoro svolto. Credo, infatti, che l’Unione europea debba dotarsi di tutti gli strumenti possibili al fine di prevenire e combattere il commercio illegale e al contempo preservare il mercato ittico, che da sempre costituisce un solido pilastro della Politica comune della pesca.

È perciò tempo che si adottino e soprattutto si rispettino regole severe, si vieti anche l’ingresso alle navi che non osservano le norme europee ed internazionali sulla pesca e si garantiscano maggiori informazioni su tutte le navi che chiedono di entrare nei porti. Non dimentichiamo che da anni l’Europa, che costituisce la terza potenza al mondo nel settore della pesca, si batte affinché gli Stati membri e i Paesi terzi rispettino le norme, al fine di garantire un mercato sostenibile della pesca e preservare l’ambiente ittico da possibili danni.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. – (PT) Concordo con il progetto di decisione del Consiglio in merito all’approvazione, da parte dell’Unione europea, dell’accordo sulle misure di competenza dello Stato di approdo intese a evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. Credo che l’efficacia di tali misure sia essenziale per garantire la conservazione e la sostenibilità degli ecosistemi marini e, dunque, per lo sfruttamento dei mari e le relative industrie. Per assicurarne l’efficacia, è necessario che tali misure siano applicate in maniera armoniosa dagli Stati membri controllando gli sbarchi dalle navi, i trasbordi e altre operazioni svolte nei rispettivi porti. Desidero pertanto sottolineare l’importanza del punto proposto in merito al meccanismo di condivisione delle informazioni che deve sostenere tale accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) La pesca illegale è un fenomeno che mette a repentaglio tutte le misure che la comunità internazionale e l’Unione europea in particolare hanno intrapreso per consentire un’attività di pesca dinamica e solida controbilanciata dal necessario ripopolamento degli stock ittici.

Nel 2007, il comitato per la pesca dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha convenuto di elaborare uno strumento internazionale giuridicamente vincolante sulle misure di competenza dello Stato di approdo per scoraggiare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. Successivamente, nel 2009, è stato adottato un accordo a Roma che ora si intende approvare a nome dell’Unione.

Vista l’importanza della questione, specialmente per una nazione marittima come il Portogallo, voto a favore dell’approvazione dell’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. – (PT) Nel 2001, l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha creato un piano di azione internazionale per evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (IPOA-IUU). Nel 2005, la FAO ha approvato una serie di misure che gli Stati di approdo per pescherecci o navi che trasportano pesce devono adottare per combattere la pesca illegale. La conservazione delle risorse naturali, soprattutto quelle marittime, è una preoccupazione costante dell’Unione europea che cerca di prevenire la pesca illegale con tutti i mezzi a sua disposizione. L’Unione ha dunque seguito con grande attenzione tutte le misure approvate dalla FAO svolgendo un ruolo attivo e costruttivo, non da ultimo elaborando l’accordo adottato in occasione della XXXVI sessione della conferenza della FAO tenutasi a Roma dal 18 al 23 novembre 2009. Concordo con la posizione adottata dalla relatrice in merito alla necessità di esortare la Commissione europea non soltanto a stipulare il presente accordo, ma anche a continuare a esercitare pressioni sulle agenzie internazionali, la FAO in particolare, in modo che le misure ipotizzate siano approvate.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) L’accordo è stato adottato in occasione della XXXVI sessione della conferenza dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) tenutasi a Roma nel novembre 2009 a conclusione del processo di dibattito preceduto da una serie di altri accordi e codici di condotta adottati negli ultimi vent’anni sotto l’egida della FAO.

La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata rappresenta una minaccia globale per lo sviluppo sostenibile delle risorse acquatiche viventi. Pertanto, la lotta contro la pesca illegale deve essere una preoccupazione centrale di qualunque politica in materia di pesca, come anche un elemento essenziale della gestione internazionale della pesca presso le sedi competenti.

L’obiettivo dell’accordo è evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata attraverso l’uso di misure efficaci di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini. L’esperienza dimostra il buon rapporto tra costi ed efficacia e il ruolo fondamentale svolto dalle misure di competenza dello Stato di approdo, unitamente ad altri strumenti, nella lotta alla pesca illegale. Tale accordo propone inoltre una definizione allargata di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata che include un’ampia gamma di attività di pesca non regolamentate.

Abbiamo dunque votato a favore della relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) L’accordo è stato adottato in occasione della XXXVI sessione della conferenza dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) tenutasi a Roma nel novembre 2009 a conclusione del processo di dibattito preceduto da una serie di altri accordi e codici di condotta adottati negli ultimi vent’anni sotto l’egida della FAO.

La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata rappresenta una minaccia globale per lo sviluppo sostenibile delle risorse acquatiche viventi. Pertanto, la lotta contro la pesca illegale deve essere una preoccupazione centrale di qualunque politica in materia di pesca, come anche un elemento essenziale della gestione internazionale della pesca presso le sedi competenti.

L’obiettivo dell’accordo è evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata attraverso l’uso di misure efficaci di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini.

L’esperienza dimostra il buon rapporto tra costi ed efficacia e il ruolo fondamentale svolto dalle misure di competenza dello Stato di approdo, unitamente ad altri strumenti, nella lotta alla pesca illegale.

Abbiamo dunque votato a favore della relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Monika Flašíková Beňová (S&D), per iscritto. – (EN) Nel novembre 2009 la conferenza della FAO ha approvato l’accordo sulle misure di competenza dello Stato di approdo intese a evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata che può contribuire a ridurre al minimo questo tipo di pesca e garantire la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e anche degli ecosistemi marini. Poiché l’Unione europea è tra i principali rappresentanti della pesca internazionale e costituisce uno dei mercati globali più importanti per i prodotti ittici, è opportuno e appropriato promuovere l’adozione di tali proposte anche da parte delle istituzioni europee.

 
  
MPphoto
 
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE), per iscritto. – (GA) Lo scopo della conferenza della FAO alla quale tale decisione è riconducibile consiste nell’evitare, nello scoraggiare e nell’eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata tramite misure efficaci di competenza dello Stato di approdo. Fondamentalmente per “misure di competenza dello Stato di approdo” si intendono misure che gli Stati costieri possono applicare alle navi che non hanno il diritto di battere la loro bandiera in porto o chiedono l’autorizzazione per entrare in un porto.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore del documento perché l’obiettivo dell’accordo consiste nell’evitare, nello scoraggiare e nell’eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata tramite l’attuazione di misure efficaci di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini.

L’accordo sarà applicato dalle parti nella loro veste di Stati di approdo alle navi che non hanno il diritto di battere la loro bandiera quando chiedono il permesso di accedere a un porto o vi sono ormeggiate. L’accordo copre non soltanto i pescherecci, bensì anche le navi utilizzate per attività correlate alla pesca, come le navi impiegate per il trasporto di prodotti ittici e propone una definizione allargata di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata intesa a includere un’ampia gamma di attività di pesca non regolamentate. Gli allegati, parte integrante dell’accordo, specificano le informazioni che le navi sono tenute a fornire preliminarmente quando chiedono di entrare nei porti delle parti, nonché indicazioni per le procedure di ispezione, la gestione dei risultati delle ispezioni, i sistemi di informazione e i requisiti di formazione. Le parti dovrebbero collaborare per istituire un meccanismo di condivisione delle informazioni, preferibilmente coordinato dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), unitamente ad altre iniziative intergovernative e multilaterali pertinenti, nonché agevolare lo scambio di informazioni con i database esistenti rilevanti ai fini dell’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Jarosław Kalinowski (PPE), per iscritto. – (PL) Secondo le previsioni scientifiche, entro metà del XXI secolo, sarà normale che gli oceani e i mari della Terra siano completamente depauperati a causa della nostra gestione sconsiderata delle risorse naturali, e mi riferisco nella fattispecie a pesci e molluschi. Nonostante le limitazioni e i divieti introdotti, gran parte delle attività di pesca illegale prosegue, una pesca che potrebbe essere definita addirittura un saccheggio. È dunque necessario intensificare il monitoraggio per evitare la distruzione degli ecosistemi acquatici e un conseguente disastro ecologico. Una politica della pesca razionale è particolarmente importante vista la crisi alimentare, minaccia con la quale ci stiamo confrontando in un momento in cui la popolazione mondiale sta aumentando. L’Unione europea, in quanto mercato più grande per tali prodotti, dovrebbe dunque sostenere le misure intese ad evitare violazioni delle normative vigenti in materia di pesca.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. – (EN) Accolgo con favore questo accordo il cui obiettivo è evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata attraverso l’attuazione di misure efficaci di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini.

 
  
MPphoto
 
 

  Willy Meyer (GUE/NGL), per iscritto. – (ES) Ho votato a favore della relazione concernente l’accordo sulle misure di competenza dello Stato di approdo intese a evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata perché credo che questo tipo di pesca comporti una grave minaccia globale per le risorse acquatiche viventi. Il mercato è insaziabile e depaupera le risorse naturali. Dobbiamo arginare le tecniche di pesca industriali, che non fanno altro che saccheggiare. Il depauperamento delle risorse ittiche è un problema ambientale, ma anche un problema sociale. Accolgo dunque con favore questa relazione positiva sull’accordo adottato dalla XXXVI sessione della conferenza dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) che pone fine a un lungo periodo di dibattito che aveva già portato all’adozione di una serie di codici di condotta. Penso che combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata debba costituire un elemento fondamentale di qualunque politica in materia di pesca che sia degna di questo nome. Voto dunque a favore della relazione su un accordo i cui obiettivi consolidati sono evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale applicando misure efficaci nello Stato di approdo per consentire in tal modo la conservazione a lungo termine e lo sfruttamento razionale e sostenibile degli ecosistemi marini.

 
  
MPphoto
 
 

  Alexander Mirsky (S&D), per iscritto. – (EN) So che l’obiettivo dell’accordo è evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata attraverso l’attuazione di misure efficaci di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini. Il 31 gennaio 2011 i 23 membri della FAO hanno sottoscritto l’accordo e sono stati depositati due strumenti di adesione. Poiché l’Unione europea è un attore importante nella pesca internazionale e uno dei principali mercati mondiali per i prodotti della pesca, nella relazione si propone che il Parlamento dia il suo consenso alla stipula dell’accordo appoggiando fermamente la Commissione europea e incoraggiandola a continuare a esercitare pressioni per l’adozione di tali proposte. Ho votato a favore.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. – (PT) L’obiettivo dell’accordo in questione è evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata tramite l’uso di misure effettive di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini, misure che riguarderebbero non solo i pescherecci, ma anche le navi che possono essere utilizzate per il trasporto dei prodotti ittici. L’accordo propone inoltre una definizione allargata di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata che include un’ampia gamma di attività di pesca non regolamentate.

L’accordo rientra nel piano di azione internazionale per evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (IPOA-IUU) elaborato dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) nell’ambito del codice di condotta dell’ONU sulla pesca responsabile.

Poiché la pesca illegale è uno dei principali flagelli dell’attuale settore della pesca, tale accordo è particolarmente importante, soprattutto in un momento in cui l’Unione è in procinto di elaborare la nuova politica comune della pesca (PCP).

Ho pertanto votato a favore della relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Phil Prendergast (S&D), per iscritto. – (EN) L’approvazione dell’accordo sulle misure di competenza dello Stato di approdo intese a evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata va accolta con favore. L’accordo è uno strumento fondamentale per garantire che l’Unione sia ben attrezzata per combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata nelle nostre acque. L’Irlanda, e in particolare l’Irlanda del sud, ha un’industria della pesca fiorente e tale accordo contribuirà a combattere la pesca illegale, una delle minacce globale più gravi allo sfruttamento sostenibile delle risorse acquatiche viventi. È incredibilmente importante che l’Unione abbia partecipato a questo processo sin dall’inizio e abbia svolto un ruolo attivo e costruttivo nell’elaborazione dell’accordo perché la lotta alla pesca illegale costituisce una componente essenziale della politica comune della pesca.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. – (PT) La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata rappresenta un grave ostacolo allo sviluppo sostenibile perché può incidere sulle “risorse acquatiche viventi”. L’accordo sulle misure di competenza dello Stato di approdo intese a evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata è stato stipulato sotto l’egida dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) e richiede l’approvazione del Parlamento europeo per diventare definitivamente vincolante per l’Unione, per cui ho votato a favore della stipula dell’accordo in quanto è un elemento chiave della politica comune della pesca.

 
  
MPphoto
 
 

  Frédérique Ries (ALDE), per iscritto. – (FR) Adottando la relazione della collega Fraga Estévez oggi all’ora di pranzo, il Parlamento ha dato il suo consenso affinché l’Unione europea stipuli un accordo internazionale vincolante per combattere la pesca illegale, dimostrando in tal modo anche il suo impegno nei confronti di una pesca responsabile. Vale la pena di ricordare che la pesca illegale è ancora una delle minacce più gravi allo sfruttamento sostenibile delle risorse biologiche marine, una minaccia grave quanto la pesca intensiva. Combattere questo tipo di pesca, che depaupera le risorse biologiche marine e gli ecosistemi, è un obiettivo fondamentale per l’Unione europea. Il recente annuncio da parte della signora Commissario Damanaki relativo a un nuovo sistema di controllo della pesca, grazie al quale il pesce sarà rintracciabile dal luogo di cattura alla tavola, è incoraggiante. L’introduzione il 1° gennaio 2012 di un nuovo sistema a punti (che si sommano fino alla sospensione della licenza) è particolarmente importante. Tale sistema è volto a garantire che le violazioni gravi siano trattate nello stesso modo con multe deterrenti a partire da un minimo del quintuplo del valore di mercato del pesce catturato illegalmente. Questo sistema di rintracciabilità, abbinato a poteri di controllo e sanzionamento per gli ispettori dispiegati in tutto il territorio europeo, è uno strumento essenziale per arginare la pesca illegale.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. – (EN) La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata resta una delle minacce globali più gravi per lo sviluppo sostenibile delle risorse acquatiche viventi. La lotta contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata è una componente essenziale della politica comune della pesca e l’Unione dovrebbe essere in grado di promuovere la cooperazione internazionale al riguardo partecipando in maniera attiva e costruttiva all’adozione di uno strumento internazionale sulle misure di competenza dello Stato di approdo.

L’Unione europea è membro dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite e delle tre organizzazioni regionali di gestione della pesca (ORGP). I meccanismi dello Stato di approdo adottati nell’ambito di dette organizzazioni sono stati recepiti nel diritto comunitario che prevede anche norme complete sull’accesso ai servizi portuali, gli sbarchi e i trasbordi di prodotti ittici da parte di navi di paesi terzi nei porti europei, nonché meccanismi di cooperazione e assistenza tra Unione e paesi terzi.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − La pesca illegale rappresenta una delle minacce più gravi a livello mondiale per lo sfruttamento sostenibile delle risorse acquatiche viventi. La lotta a questa forma di sfruttamento costituisce una componente essenziale della politica comune della pesca; l’UE deve essere in grado di promuovere la cooperazione internazionale in questo settore, partecipando in modo attivo e costruttivo all’adozione di uno strumento internazionale relativo alle misure dello Stato di approdo.

Nel 2001 la FAO ha elaborato un piano d’azione internazionale volto a prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. Tale piano d’azione, seguendo un approccio olistico, prevede una serie di azioni da intraprendere da parte degli Stati di bandiera, costieri e di approdo. Il documento adottato oggi mira a prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale mediante l’applicazione di efficaci misure di competenza dello Stato di approdo, assicurando così la conservazione a lungo termine e lo sfruttamento sostenibile delle risorse biologiche marine e degli ecosistemi marini.

 
  
MPphoto
 
 

  Daciana Octavia Sârbu (S&D), per iscritto. – (EN) Le misure di competenza dello Stato di approdo sono uno strumento importante nella lotta alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. La pesca illegale è un’attività criminale internazionale che sta danneggiando i nostri ecosistemi marini, minacciando la nostra sicurezza alimentare e distruggendo i mezzi di sussistenza di chi pratica la pesca legalmente. Tuttavia, la nostra azione contro la pesca illegale non deve comportare soltanto le misure di competenza dello Stato di approdo; dobbiamo anche condurre campagne per porre fine all’uso delle “bandiere di comodo”, che spesso permettono alle navi di operare illegalmente nell’impunità. Un registro globale dei pescherecci potrebbe rappresentare anch’esso un passo importante, al pari della rintracciabilità dei prodotti della pesca.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Teixeira (PPE), per iscritto. – (PT) Evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata rappresenta una priorità fondamentale per il successo della politica comune della pesca (PCP). L’obiettivo dell’accordo è evitare, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata attraverso l’uso di misure efficaci di competenza dello Stato di approdo, garantendo in tal modo la conservazione a lungo termine e l’uso sostenibile delle risorse acquatiche viventi e degli ecosistemi marini. La pesca illegale continua a essere una delle minacce globali più gravi allo sfruttamento delle risorse acquatiche viventi e l’Unione ha svolto un ruolo attivo e costruttivo nella preparazione di tale progetto di accordo.

Attraverso il dispositivo previsto dallo strumento internazionale per le misure di competenza dello Stato di approdo, le parti negheranno l’ingresso nei propri porti in presenza di prove sufficienti del fatto che la nave che intende entrarvi è stata implicata in attività di pesca illegale o attività correlate. Alla luce di tali considerazioni, reputo l’accordo in oggetto un contributo importante all’attuale lotta internazionale contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata e voto a favore della sua approvazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Viktor Uspaskich (ALDE), per iscritto. – (LT) Sebbene la Lituania sia piccola, il settore della pesca svolge un ruolo economico e sociale importante per le piccole comunità del mio paese. La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata costituisce una minaccia grave alla sostenibilità della pesca in Lituania. Gli stock ittici sono depauperati, l’ambiente marino è distrutto e i pescatori onesti si trovano in una posizione scomoda. Nel solo Baltico 3 800 posti di lavoro sono a rischio a causa della pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. Secondo il Pew Environment Group, la pesca non dichiarata costa ai pescatori lituani più di 1,1 milioni di euro all’anno, una somma molto cospicua viste le dimensioni del paese e il fatto che questi problemi possono essere evitati. La pesca non regolamentata è particolarmente distruttiva per la pesca del merluzzo nel Baltico, già in condizioni mediocri. Il merluzzo è il pesce più prezioso nel Baltico e la maggior parte dei pescatori lituani dipende da tali stock. I nostri pescatori di merluzzo, però, devono confrontarsi con catture illegali, non dichiarate e non regolamentate superiori del 40 per cento agli sbarchi ufficiali. Se la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata cessasse, la pesca del merluzzo nel Baltico potrebbe riprendersi. Nondimeno, affinché ciò accada, dobbiamo colmare le lacune che permettono agli operatori illegali di trarre profitto dalle loro attività. Dobbiamo imporre sanzioni più dure ai trasgressori.

 
  
  

Relazione McCarthy (A7-0147/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto. – (PT) Milioni di europei si avvalgono del diritto di commerciare nel mercato interno dell’Unione, nonché vivere, lavorare e viaggiare nell’Unione. La Comunità ha normative in materia di contenziosi transfrontalieri ed è previsto il reciproco riconoscimento dei provvedimenti dei giudici nazionali. Tuttavia, giungere a un provvedimento è solo una parte del processo: cittadini e imprese devono avere il diritto di ottenerne l’effettiva esecuzione. Una componente essenziale di un’esecuzione effettiva è costituita dalla possibilità che i giudici, come provvedimento transitorio, agiscano celermente per il congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali del debitore. In assenza di siffatte misure, commercianti senza scrupoli e altri debitori possono sottrarsi alle proprie responsabilità semplicemente trasferendo i loro beni in un’altra giurisdizione, privando in tal modo il creditore dell’effettiva esecuzione della sentenza all’interno del mercato unico. Il cittadino o l’impresa avrà speso denaro e tempo per ottenere un provvedimento giudiziario soltanto per dover ricorrere ai giudici di un altro Stato senza alcuna garanzia di successo o giustizia. La relazione sottolinea dunque la necessità di un regime efficace in materia di trasparenza e congelamento degli attivi patrimoniali del debitore, ragion per cui voto a favore.

 
  
MPphoto
 
 

  Alfredo Antoniozzi (PPE), per iscritto. − Signor Presidente, il mercato interno è senza dubbio lo strumento più importante a disposizione dell’Unione europea per promuovere la crescita all’indomani della recente crisi finanziaria. I milioni di cittadini e di imprese che usufruiscono dei vantaggi del mercato interno devono essere in grado di esercitare i loro diritti e poter liberamente viaggiare, lavorare e vivere in tutta l’Europa. Per questo motivo essi devono anche disporre di mezzi di ricorso efficaci qualora intendano agire nei confronti di un altro cittadino o impresa che metta in pericolo questi diritti.

Ad oggi esistono alcuni strumenti all’interno dell’Unione europea che consentono il recupero dei crediti transfrontalieri e il mutuo riconoscimento delle sentenze dei tribunali nazionali; tuttavia manca ancora un effettivo diritto all’esecuzione delle sentenze. L’istituzione di un regime efficace per il congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali del debitore, insieme ad una intensificazione della cooperazione tra le autorità esecutive dei diversi Stati membri, costituiscono gli strumenti adatti per riuscire a colmare queste lacune. Per questo motivo ho dato il mio voto favorevole alla relazione della collega McCarthy.

 
  
MPphoto
 
 

  Raffaele Baldassarre (PPE), per iscritto. − Una componente imprescindibile per l’effettiva esecuzione delle sentenze è la possibilità per i giudici, come provvedimento transitorio, di agire celermente per il congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali dei debitori. In assenza di siffatte misure, commercianti senza scrupoli e altri debitori possono sottrarsi alle proprie responsabilità semplicemente trasferendo i loro beni in un’altra giurisdizione, privando in tal modo il creditore dell’effettiva esecuzione della sentenza all’interno del mercato unico.

Per questo motivo è necessaria la creazione di un vero e proprio 28° regime, ossia di un mezzo di tutela europeo autonomo aggiuntivo rispetto a quelli disponibili presso i tribunali nazionali. Questa misura preventiva costituirà, inoltre, un ulteriore deterrente nei ritardi di pagamento e avrà l’effetto di rendere trasparenti gli attivi patrimoniali nei contenziosi transfrontalieri.

 
  
MPphoto
 
 

  Sebastian Valentin Bodu (PPE), per iscritto. – (RO) La presente relazione è importante in termini di ampliamento del mercato unico al settore del prefinanziamento transfrontaliero. Al momento tale attività è parzialmente bloccata dalla riluttanza dei creditori in uno Stato membro a concedere prestiti a debitori che vivono in un altro Stato membro. Un esempio specifico è rappresentato dalla situazione in cui un residente in uno Stato membro vuole accendere un mutuo ipotecario presso una banca ubicata in un altro Stato membro. Attualmente una siffatta operazione non è possibile, il che significa che i consumatori non hanno di fatto il diritto di acquistare prodotti (nella fattispecie bancari) in qualunque Stato membro dell’Unione. Il motivo per il quale una banca si rifiuta di concedere mutui ipotecari a persone che non siano residenti nello stesso Stato membro (anche quando la banca corrispondente è una multinazionale ed è rappresentata in diversi Stati membri da filiali o succursali) è che, in caso di insolvenza rispetto al mutuo, la banca è obbligata a procedere con un’esecuzione coatta secondo la lex rei sitae (il diritto dello Stato in cui è ubicato l’immobile per il quale il mutuo è stato acceso dalla banca mutuante) e non secondo il diritto dello Stato in cui il creditore ha la sede legale. Se dovesse essere istituito un 28° regime come suggerito dalla relazione, ciò agevolerebbe le operazioni transfrontaliere basate sul credito.

 
  
MPphoto
 
 

  Philippe Boulland (PPE), per iscritto. – (FR) La percentuale di successo nel recupero dei debiti in sofferenza è notevolmente bassa. Il trasferimento degli attivi patrimoniali del debitore in un altro paese è diventato un problema importante per molti creditori.

Un regolamento che preveda misure correttive che permetterebbero di ottenere provvedimenti transitori prima, durante e dopo il procedimento principale rappresenterà un progresso significativo per i cittadini europei nella lotta contro tali debitori disonesti.

I cittadini europei sono per la maggior parte dipendenti e in questo momento di crisi economica troppo spesso cadono vittime di procedimenti per insolvenza perché le aziende per cui lavorano falliscono.

Come relatore ombra per il progetto di parere dell’onorevole Girling sui procedimenti per insolvenza, ho ritenuto che fosse necessario assicurare ai dipendenti una tutela giuridica maggiore e armonizzata, maggiore sicurezza giuridica e, soprattutto, misure correttive efficaci.

Propongo che quando viene intentato un procedimento per insolvenza contro un datore di lavoro debitore, il curatore abbia la possibilità entro sei mesi di ordinare con effetto retroattivo la conservazione del patrimonio nel caso in cui l’azienda abbia proceduto al trasferimento dei capitali.

 
  
MPphoto
 
 

  Jan Březina (PPE), per iscritto. – (CS) Concordo con l’idea che l’ordine europeo di conservazione del patrimonio (OECP) e l’ordine europeo di divulgazione del patrimonio (OEDP) debbano essere misure correttive indipendenti a integrazione delle misure previste dal diritto nazionale e debbano essere applicati soltanto in casi transfrontalieri. L’emissione di un ordine europeo di conservazione del patrimonio dovrebbe essere interamente a discrezione del giudice nazionale. Inoltre, l’onere della prova dovrebbe essere a carico dell’istante, il quale dovrebbe fornire idonea dimostrazione della plausibilità giuridica (fumus boni juris) e dell’urgenza (periculum in mora) di un caso. Tali criteri dovrebbero essere valutati dai giudici nazionali sulla base della giurisprudenza consolidata della Corte di giustizia europea. L’effetto di un ordine europeo di conservazione del patrimonio dovrà comportare unicamente il congelamento dei conti bancari e il temporaneo congelamento dei depositi bancari, senza concedere ai creditori alcun tipo di diritto di proprietà sul patrimonio del debitore. Occorrerebbe inoltre approfondire l’applicabilità dell’ordine ad altri tipi di beni, come immobili o futuri attivi (crediti a breve termine o eredità).

 
  
MPphoto
 
 

  Cristian Silviu Buşoi (ALDE), per iscritto. – (RO) Un numero elevatissimo di imprese nell’Unione svolge la propria attività commerciale all’interno del mercato unico, mentre i cittadini dell’Unione hanno il diritto di stabilirsi, lavorare o viaggiare liberamente nella Comunità. Come abbiamo sottolineato quando abbiamo discusso la legge sul mercato unico volta ad approfondire il mercato interno e promuovere le operazioni transfrontaliere, e-commerce compreso, abbiamo bisogno di garanzie per poter recuperare debiti transfrontalieri. Sono pienamente a favore dell’idea contenuta nella relazione di chiedere alla Commissione di proporre strumenti più efficaci per attuare le normative in maniera da integrare quelle già esistenti per gestire i contenziosi transfrontalieri, come il regolamento Bruxelles I o il procedimento per la composizione di controversie di modesta entità. I giudici dovrebbero disporre degli strumenti necessari per agire celermente e congelare gli attivi patrimoniali del debitore o presunto tale, anche se non in tutte le circostanze. Dobbiamo trovare un equilibrio tra la tutela dei creditori e la tutela dei diritti dei debitori per evitare situazioni arbitrarie.

La possibilità di ottenere un ordine europeo di conservazione del patrimonio senza notifica e senza aver udito l’altra parte è una violazione dei diritti del debitore ed è contraria all’attuale giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea. La relazione non assicura dunque il giusto equilibrio in quanto occorre una migliore salvaguardia dei diritti dei debitori.

 
  
MPphoto
 
 

  Alain Cadec (PPE), per iscritto. – (FR) Ho votato a favore della relazione dell’onorevole McCarthy che chiede alla Commissione di proporre un ordine europeo di conservazione del patrimonio e un ordine europeo di divulgazione del patrimonio. Ambedue gli strumenti dovrebbero essere misure correttive indipendenti e integrative di quelle previste dal diritto nazionale.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. – (PT) È indispensabile un sistema efficace per prevenire e penalizzare le situazioni di mancato pagamento quando si verificano tra soggetti i cui beni sono ubicati in diversi paesi perché altrimenti la libera circolazione di persone, prodotti, servizi e capitali nell’Unione comprometterebbe la certezza giuridica del pubblico europeo. Pertanto, apprezzo e concordo con le raccomandazioni formulate alla Commissione in merito alle misure proposte in materia di congelamento e trasparenza degli attivi patrimoniali dei debitori nei casi transfrontalieri.

 
  
MPphoto
 
 

  Marielle De Sarnez (ALDE), per iscritto. – (FR) I ritardati e mancati pagamenti danneggiano sia le aziende sia i consumatori. Anche quando un giudice ha pronunciato un provvedimento, nella pratica è spesso difficile per i creditori recuperare i propri crediti se non sono disponibili informazioni sull’ubicazione del debitore e del suo patrimonio. È persino più difficile quando il debitore è domiciliato in un altro Stato membro. Al momento la percentuale di crediti transfrontalieri recuperati con successo è particolarmente bassa e il costo della procedura di recupero di un credito transfrontaliero può essere proibitiva, dissuadendo dunque le parti dall’intraprendere un procedimento legale. È giunto il momento di semplificare e accelerare la procedura di recupero. Per migliorare il recupero dei crediti nell’Unione europea e, in tal modo, tutelare più efficacemente i consumatori e incoraggiare gli scambi tra Stati membri, la Commissione deve proporre nuove normative sul congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali dei debitori.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. – (PT) Ho votato a favore della relazione perché illustra una serie di misure che contribuiranno a evitare che commercianti senza scrupoli e altri debitori possano sottrarsi alle proprie responsabilità semplicemente trasferendo i loro beni in un’altra giurisdizione, privando in tal modo il creditore dell’effettiva esecuzione della sentenza all’interno del mercato unico.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. – (PT) All’epoca dell’adozione del programma di Stoccolma alla Commissione era stato chiesto di presentare proposte specifiche volte a instaurare un sistema europeo semplice e autonomo per il sequestro dei conti bancari e il congelamento temporaneo dei depositi bancari. Le attuali normative europee prevedono i contenziosi transfrontalieri e il reciproco riconoscimento dei provvedimenti dei giudici nazionali, ma ancora non garantiscono che i provvedimenti giudiziari corrispondenti siano effettivamente eseguiti.

In tali circostanze e a seguito dell’adozione da parte del Parlamento di varie risoluzioni che rafforzano tale idea, nell’odierna relazione di iniziativa, la relatrice chiede alla Commissione di introdurre due strumenti, un ordine europeo di conservazione del patrimonio (OECP) e un ordine europeo di divulgazione del patrimonio (OEDP), da recepire nel diritto nazionale e riguardanti unicamente casi transfrontalieri. Gli strumenti in questione sono volti a garantire la celere esecuzione dei provvedimenti dei giudici, consentendo il congelamento degli attivi patrimoniali dei debitori e impedendo il trasferimento o la delocalizzazione di tali attivi.

Mi complimento pertanto con la relatrice e penso che si tratti di misure necessarie in grado di assicurare una maggiore certezza e sicurezza giuridica, difendendo anche un migliore funzionamento del mercato interno.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. – (PT) L’opportunismo e l’avidità di alcuni individui e imprenditori li stanno inducendo a sfruttare la libera circolazione di persone e prodotti nell’Unione europea a danno di terzi. Nonostante i regolamenti in vigore, come il regolamento Bruxelles I, l’ordine di esecuzione europeo, la procedura europea per la composizione delle controversie di modesta entità e l’ingiunzione di pagamento europea, non è sempre possibile, e sicuramente non celere, ottenere l’esecuzione effettiva di un provvedimento giudiziario nel mercato unico. L’odierna relazione, che contiene una serie di raccomandazioni rivolte alla Commissione europea in riferimento alle proposte formulate sul congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali dei debitori nei casi transfrontalieri, gode del mio pieno appoggio e spero che in giugno disporremo di una proposta specifica con le misure da adottare al riguardo.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Riconosciamo la necessità di difendere i diritti dei consumatori nel mercato interno dell’Unione, specialmente quelli dei più vulnerabili. L’Unione attualmente già dispone di normative che prevedono i contenziosi transfrontalieri e il reciproco riconoscimento dei provvedimenti dei giudizi nazionali, tra cui il regolamento Bruxelles I, l’ordine di esecuzione europeo, la procedura europea per la composizione delle controversie di modesta entità e l’ingiunzione di pagamento europea. Tuttavia, ottenere un provvedimento giudiziario è solo una parte del processo. Lo scopo della relazione è concedere ai singoli cittadini e alle imprese il diritto di ottenere l’effettiva esecuzione di tali provvedimenti.

Una componente essenziale di un’esecuzione effettiva è costituita dalla possibilità che i tribunali, come misura provvisoria, agiscano rapidamente per ordinare l’individuazione e il congelamento dei beni del debitore. Una siffatta misura è necessaria per garantire i diritti dei singoli cittadini e delle piccole e medie imprese (PMI). Naturalmente, però, ciò non modifica la nostra opposizione e le nostre riserve in merito agli aspetti fondamentali del mercato unico, alla sua natura, ai suoi obiettivi e al suo impatto.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. – (PT) Nel mercato interno creato dall’Unione europea sta diventando sempre più necessario difendere i diritti dei consumatori, soprattutto quelli a cui mancano risorse adeguate.

L’Unione già dispone di normative che prevedono i contenziosi transfrontalieri e il reciproco riconoscimento dei provvedimenti dei giudizi nazionali, tra cui il regolamento Bruxelles I, l’ordine di esecuzione europeo, la procedura europea per la composizione delle controversie di modesta entità e l’ingiunzione di pagamento europea. Tuttavia, ottenere un provvedimento è solo una parte del processo.

Lo scopo della relatrice con il suo documento è concedere ai singoli cittadini e alle imprese il diritto di ottenere l’effettiva esecuzione di tali provvedimenti. Una componente essenziale di un’esecuzione effettiva è costituita dalla possibilità che i giudici, come provvedimento transitorio, agiscano celermente per il congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali del debitore.

In assenza di siffatte misure, commercianti senza scrupoli e altri debitori possono sottrarsi alle proprie responsabilità semplicemente trasferendo i loro beni in un’altra giurisdizione, privando in tal modo il creditore dell’effettiva esecuzione della sentenza all’interno del mercato unico.

Il cittadino o l’impresa avrà speso denaro e tempo per ottenere un provvedimento giudiziario soltanto per dover ricorrere ai tribunali di un altro Stato senza alcuna garanzia di successo o giustizia.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore del documento perché l’Unione europea già dispone di normative che prevedono i contenziosi transfrontalieri e il reciproco riconoscimento dei provvedimenti dei giudizi nazionali, tra cui il regolamento Bruxelles I, l’ordine di esecuzione europeo, la procedura europea per la composizione delle controversie di modesta entità e l’ingiunzione di pagamento europea. Tuttavia, ottenere un provvedimento è soltanto una parte del processo; cittadini e imprese devono avere il diritto di ottenerne l’effettiva esecuzione. Una componente essenziale di un’esecuzione effettiva è costituita dalla possibilità che i giudici, come provvedimento transitorio, agiscano celermente per il congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali del debitore. In assenza di siffatte misure, commercianti senza scrupoli e altri debitori possono sottrarsi alle proprie responsabilità semplicemente trasferendo i loro beni in un’altra giurisdizione, privando in tal modo il creditore dell’effettiva esecuzione della sentenza all’interno del mercato unico. Le istituzioni europee hanno richiamato l’attenzione sul bisogno di un regime efficace per il congelamento e la trasparenza degli attivi patrimoniali dei debitori.

 
  
MPphoto
 
 

  Edvard Kožušník (ECR), per iscritto. – (CS) Sono personalmente a favore dell’idea che l’ordine europeo di conservazione del patrimonio e l’ordine europeo di divulgazione del patrimonio diventino parte del diritto comunitario, tanto più alla luce degli sviluppi legislativi degli ultimi anni, durante i quali misure come l’ordine di esecuzione europeo, la procedura per la composizione delle controversie di modesta entità e l’ingiunzione di pagamento europea sono state incorporate nel diritto dell’Unione, perché tali misure non possono essere pienamente attuate senza l’introduzione dell’ordine europeo di conservazione del patrimonio e dell’ordine europeo di divulgazione del patrimonio.

Sebbene appoggi l’esortazione affinché la Commissione presenti una proposta di modifiche legislative su ambedue le misure, ciò non significa che automaticamente sosterrò la proposta della Commissione. Nel valutare la proposta porrò l’accento soprattutto sulla sua forma specifica, che dovrà sottolinearne l’uso esclusivo nei casi transfrontalieri, la giurisdizione per l’esercizio di tali misure e anche la limitazione al loro esercizio soltanto ai casi in cui è strettamente necessario.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D) , per iscritto. – (EN) Accolgo con favore l’odierna relazione che, nel caso in cui la Commissione dovesse darvi seguito, dovrebbe aiutare le vittime di frodi. L’attuale assetto giuridico protegge i frodatori lasciando la vittima dibattersi nelle lungaggini burocratiche di un procedimento legale innegabilmente costoso. Tali proposte ribalterebbero una situazione attualmente iniqua concedendo alle vittime maggiori opportunità di rientrare in possesso del proprio denaro.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto. – (FR) La presente relazione solleva il problema delle garanzie di r