Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Debates
Tuesday, 19 January 2016 - Strasbourg Revised edition

6.4. Annual report on EU Competition Policy (A8-0368/2015 - Werner Langen)
Video of the speeches
MPphoto
 
 

  Salvatore Domenico Pogliese (PPE ), per iscritto. ‒ Il trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) stabilisce, agli articoli dal 101 al 109, le norme vincolanti sulla concorrenza nel mercato interno. L'obiettivo di fondo delle norme in materia di concorrenza è garantire l'assenza di distorsioni per la realizzazione di un mercato interno libero e dinamico. Fino ad oggi, il Parlamento europeo è stato coinvolto nella formulazione della legislazione sulla concorrenza esclusivamente tramite la procedura di consultazione. Pertanto, la sua influenza risulta, purtroppo, essere limitata rispetto a quella esercitata dalla Commissione e del Consiglio. Ho votato a favore di questa relazione e ritengo che, in futuro, maggiore attenzione dovrà essere accordata agli aiuti di stato illegali e alla concorrenza fiscale sleale tra gli Stati membri, pratiche che provocano distorsioni considerevoli del mercato interno dell'Unione. In particolare, vorrei sottolineare che all’interno del testo vi è scritto che le ammende di diversi miliardi di euro, comminate per accordi illeciti sui prezzi, dovranno essere efficacemente integrate da sanzioni nei confronti dei dirigenti e dei manager aziendali responsabili, allo scopo di prevenire in modo più incisivo questo comportamento.

 
Last updated: 24 May 2018Legal notice