Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Debates
Tuesday, 19 January 2016 - Strasbourg Revised edition

6.6. Stocktaking and challenges of the EU Financial Services Regulation (A8-0360/2015 - Burkhard Balz)
Video of the speeches
MPphoto
 
 

  Salvatore Domenico Pogliese (PPE ), per iscritto. ‒ A seguito della crisi finanziaria e del debito, scoppiata tra il 2007 e il 2008, sono state lanciate numerose iniziative legislative nel campo dei servizi finanziari dell'UE, allo scopo di ripristinare la stabilità finanziaria, rafforzare la protezione dei consumatori e mettere in pratica gli insegnamenti tratti dalla crisi.

Molti di questi atti legislativi sono già stati attuati e applicati o lo saranno prossimamente. Ma le sfide future non mancano. Una valutazione d'impatto approfondita del quadro dei servizi finanziari, che andrebbe ripetuta a intervalli regolari, con alla base una regolamentazione efficiente potrà, senza dubbio, dare risultati migliori.

Inoltre, delle verifiche obbligatorie sulla coerenza e sulla proporzionalità dovrebbero garantire che l'applicazione della legislazione in materia di servizi finanziari sia meno complessa e che risulti comprensibile e meglio adeguata alle esigenze delle entità di piccole e medie dimensioni. Gli Stati Membri dovranno, dal canto loro, applicare in maniera rigorosa la legislazione attuale. Per tutto ciò ho votato a favore di questa relazione.

 
Last updated: 24 May 2018Legal notice