Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Debates
Tuesday, 19 January 2016 - Strasbourg Revised edition

6.7. External factors that represent hurdles to European female entrepreneurship (A8-0369/2015 - Barbara Matera)
Video of the speeches
MPphoto
 
 

  Salvatore Domenico Pogliese (PPE ), per iscritto. ‒ All'interno di un'Europa impegnata nella ricerca della crescita economica e della creazione di occupazione, l'imprenditorialità ha un ruolo fondamentale.

In questo contesto, però, l'imprenditorialità femminile risente ancora di differenze di opportunità rispetto a quella maschile. Le donne, spesso, scelgono imprese più piccole, ambiti legati più alla sanità e all'assistenza sociale e ricorrono in misura minore ai finanziamenti esterni, come i prestiti bancari e i crediti da parte dei fornitori. Questo dato è confermato dal fatto che le imprenditrici tendono a incontrare difficoltà nell'accedere ai finanziamenti sotto forma di partecipazione al capitale, hanno un atteggiamento più prudente per quanto riguarda l'assunzione di rischi economici e finanziari e una minore esperienza di gestione finanziaria rispetto ai loro omologhi di sesso maschile.

Sono favorevole a questa relazione di iniziativa e credo che una maggiore presenza di imprenditrici possa rappresentare un elemento propulsivo all'interno del mercato.

 
Last updated: 24 May 2018Legal notice