Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Procedure : 2015/3031(RSP)
Document stages in plenary
Select a document: :

Texts tabled :

B8-0461/2016

Debates :

Votes :

PV 13/04/2016 - 11.13
CRE 13/04/2016 - 11.13

Texts adopted :

P8_TA(2016)0123

Debates
Wednesday, 13 April 2016 - Strasbourg Revised edition

11.13. Situation in Poland (B8-0461/2016 , B8-0463/2016 , B8-0464/2016 , B8-0465/2016 ) (vote)
PV
MPphoto
 

  Gianni Pittella (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei umilmente ricordare a tutta quest'Aula che un paese è libero di aderire all'Unione europea, nessuno lo può forzare, lo scelgono i propri cittadini, ma nel momento in cui aderisce all'Unione europea è tenuto a rispettare le regole e le decisioni dell'Unione europea.

Quindi, nessuna ingerenza, ma un legittimo e doveroso interesse da parte di una istituzione europea a ciò che accade dentro la propria famiglia, perché la Polonia è parte dalla nostra famiglia e noi siamo interessati alla sorte dei cittadini polacchi. Questa risoluzione non è altro che il seguito del risultato della convenzione di Venezia, che ha parlato chiaro e noi chiediamo che venga rispettata dalle autorità polacche.

 
Last updated: 18 May 2018Legal notice