Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Index 
 Full text 
Procedure : 2016/0184(NLE)
Document stages in plenary
Document selected : A8-0280/2016

Texts tabled :

A8-0280/2016

Debates :

Votes :

PV 04/10/2016 - 7.1
CRE 04/10/2016 - 7.1

Texts adopted :

P8_TA(2016)0363

Debates
Tuesday, 4 October 2016 - Strasbourg Revised edition

7.1. Conclusion on behalf of the EU of the Paris Agreement adopted under the UN Framework Convention on Climate Change (A8-0280/2016 - Giovanni La Via) (vote)
PV
MPphoto
 

  Gianni Pittella, a nome del gruppo S&D . – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Ministro Royal, illustre Ban Ki-moon, grazie per il suo impegno decennale e per l'invito che ci ha rivolto e che noi raccogliamo. L'Europa di oggi è finalmente l'Europa che vogliamo: non l'Europa chiusa in se stessa, ma l'Europa mondo che è fedele alla sua prima missione, che è quella di prendersi cura delle persone e della Terra. L'Europa deve essere un progetto al servizio di una vita migliore e non un insieme di arguzie giuridiche.

Oggi abbiamo una responsabilità storica e la onoreremo. Ma dobbiamo fare di più. Dobbiamo anche darci altri impegni, tradurre le cose scritte, decise e convenute e darci impegni ancora più ambiziosi. Il nostro pianeta, la Terra, è sorto miliardi di anni prima che si manifestasse la vita delle persone. La Terra non ci appartiene. Siamo noi che le apparteniamo e abbiamo il dovere di preservarla e di trasmetterla ai nostri figli.

 
Last updated: 25 May 2018Legal notice