Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : O-000039/2017

Testi presentati :

O-000039/2017 (B8-0219/2017)

Discussioni :

PV 16/05/2017 - 13
CRE 16/05/2017 - 13

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Martedì 16 maggio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

13. Applicazione degli orientamenti del Consiglio per le persone LGBTI, in particolare in relazione alla persecuzione di (presunti) omosessuali di sesso maschile in Cecenia, Russia (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D ). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, le notizie che arrivano dalla Cecenia e dalla Russia sono gravissime. Si parla di torture e violenze sistematiche, detenzione illegale di centinaia di uomini gay o presunti tali, si parla di vere e proprie esecuzioni, di campi per la rieducazione. Tutto questo è medievale, ci riporta alle fasi più buie della storia dell'umanità e, da ultimo, l'arresto di diversi attivisti a Mosca, tra cui Yuri Guaiana.

Le istituzioni europee e gli Stati membri intervengano a tutela della comunità LGBTI con tutti gli strumenti a disposizione, i visti e anche quelli di inchiesta, le pressioni sulle autorità russe affinché questo orrore si fermi. Domani è la Giornata internazionale contro l'omotransfobia, cose come questa dimostrano quanto ce ne sia bisogno. Abbiamo saputo che anche in Italia qualcuno, in occasione del pride di Reggio Emilia, organizzerà una processione "di riparazione". È a questo odio che bisogna riparare, non certo all'amore libero ed eguale.

Onorevoli colleghi, Commissario, questa è una battaglia di tutti perché riguarda i diritti fondamentali delle persone che abbiamo messo alla base della nostra Unione.

 
Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2017Avviso legale